admin's blog

15
May 2015

Rinnovata la detenzione amministrativa al compagno Abu Aker

Le Autorità dell'occupazione sionista hanno esteso la detenzione amministrativa al compagno Nidal Naeem Abu Aker, 49 anni, leader del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina nel campo profughi Dheisheh di Betlemme, per un periodo di ulteriori quattro mesi e per la quarta volta consecutiva.

Il giudice del tribunale militare sionista di Ofer, sulla base di prove segrete, ha approvato la decisione emessa dalle autorità di sicurezza dell'occupazione; il rappresentante della procura militare ha affermato che Abu Aker rappresenta una minaccia per la sicurezza della regione in cui vive oltre ad essere uno dei leader del FPLP.

13
May 2015

Aggiornamento sull'udienza di Khalida Jarrar del 12 maggio 2015

Il giudice del tribunale militare di Ofer oggi ha comunicato di rendere pubblica la sua decisione, dopo aver esaminato le prove segrete e quelle pubbliche, il 18 maggio prossimo rispetto alle sorti del membro del consiglio legislativo palestinese, cioè se verrà trattenuta in carcere fino alla fine del provvedimento.

Secondo l'avvocato Mahmoud Hassan le prove d'accusa si riferiscono ad episodi passati, alcuni addirittura di quattro anni fa, e non provano che l'imputata sia coinvolta direttamente in alcun tipo di attività per la quale diventerebbe un rischio per la sicurezza.

29
Apr 2015

Con i compagni della “Base di solidarietà Popolare” e il Comitato Abitanti Giambellino-Lorenteggio

C’era da aspettarselo. Dopo la martellante e terroristica campagna mediatica dell’ultimo periodo evocante scenari apocalittici per il primo maggio, concomitante quest’anno con l’apertura di Expo, e le operazioni di Polizia a Torino e Cremona contro antifascisti e compagni attivi nelle lotte sociali, è arrivato il turno di Milano.

Ieri, 28 maggio, le forze del disordine hanno scelto di usare la mannaia repressiva contro la lotta per la casa sgomberando la “Base di solidarietà Popolare” e tre case occupate. Vogliono prendere due piccioni con una fava: alimentare la paura e la tensione in vista del corteo del primo maggio con fermi e arresti e distruggere l’esperienza di lotta per la casa a Giambellino. La risposta del quartiere è stata immediata, presidio tutto il giorno e, alla sera, un determinato corteo di centinaia di persone che ha rioccupato un nuovo posto per la “Base”.

23
Apr 2015

46 nuovi ordini di detenzione amministrativa per i prigionieri palestinesi

Le autorità militari israeliane di occupazione hanno emesso ordini di detenzione amministrativa contro 41 prigionieri palestinesi, tra cui 26 palestinesi del distretto di Hebron lo scorso martedì 21 aprile. Questi ordini sono giunti in seguito ad altri 5 ricevuti domenica 19 Aprile.

I detenuti sono stati condannati per un periodo compreso tra 2 e 6 mesi, 12 di loro hanno ricevuto l'ordine di detenzione senza né accusa né processo per la prima volta, mentre i rimanenti 29 si sono visti rinnovare e prolungare la loro pena di detenzione amministrativa per la seconda o terza volta. La detenzione amministrativa, ricordiamo, è l'imprigionamento dei palestinesi senza alcuna accusa e senza un regolare processo, si basa su prove segrete e si estende di volta in volta per un periodo massimo di sei mesi fino a tempo indeterminato, rinnovabili dai tribunali militari israeliani.