Betlemme-Ma’an.Quattordici Palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane e circa 1.000 feriti, con proiettili veri e ricoperti di gomma in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza a partire dal 1° di ottobre, ha dichiarato venerdì il ministero della Sanità palestinese.

Nella sola giornata di venerdì, sette Palestinesi sono stati uccisi e circa 200 feriti con proiettili veri e ricoperti di gomma, mentre altri sette sono rimasti contusi dopo essere stati aggrediti fisicamente dalle forze israeliane durante gli scontri in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.

Secondo il ministero, queste cifre comprendono quelli che sono stati ricoverati negli ospedali, mentre centinaia di altri sono stati curati sul posto.

Nella Striscia di Gaza alla fine della giornata sei Palestinesi sono stati uccisi e 145 feriti, quando le forze israeliane hanno aperto il fuoco durante una manifestazione lungo il confine a est della città di Gaza e vicino a Khan Younis, ha riferito il ministero.

A Hebron, Mohammad Al-Jabari, 19 anni, è stato ucciso dopo il presunto accoltellamento di un poliziotto di frontiera e 11 sono stati feriti, tre ai piedi con proiettili veri, i restanti con pallottole ricoperte di gomma. Tra questi ultimi, uno è stato colpito alla testa e portato all’ospedale di Yatta.

Durante gli scontri vicino alla colonia di Beit El, nel distretto di Ramallah, otto persone sono rimaste ferite con proiettili veri e 22 con proiettili ricoperti di gomma, secondo il ministero. Quattro di questi feriti sono attualmente in gravi condizioni.

Mentre proseguivano gli scontri a Betlemme, cinque sono stati feriti con proiettili ricoperti di gomma e uno al piede con proiettile vero, ha riportato il ministero.

Tre Palestinesi sono stati colpiti allo stomaco e ai piedi con proiettili veri a Kafr Qaddum, vicino a Qalqiliya, ed altri sei sono stati picchiati dalle forze israeliane e dai coloni a Beit Faruk, Nablus; uno di loro ha subito fratture al capo.

A Jenin, nove sono stati feriti ai piedi con proiettili veri e due con proiettili di acciaio ricoperti di gomma, compreso un Palestinese che è stato colpito al collo.

Un altro Palestinese ha subito varie contusioni e fratture dopo essere stato picchiato dalle forze israeliane a Gerico, ha aggiunto il ministero.

Secondo i resoconti di Ma’an, otto di coloro che sono stati uccisi dall’inizio del mese sono stati colpiti dalle forze israeliane durante le manifestazioni e gli scontri, compreso un tredicenne. La maggior parte degli altri è stata uccisa durante presunti attacchi con coltelli ed erano tutti sotto i vent’anni di età.

Quattro israeliani sono stati uccisi nello stesso periodo, due dei quali erano coloni.

L’alto numero di morti e feriti dall’inizio del mese sono avvenuti dopo che il primo ministro Benjamin Netanyahu aveva promesso di agire contro “provocatori” e “aggressori” sulla scia di una serie di accoltellamenti contro gli israeliani.

Gruppi per i diritti umani hanno sostenuto che le forze israeliane utilizzano metodi di “controllo di massa” inutili e letali contro i Palestinesi, soprattutto dopo la recente approvazione dell’utilizzo di pallottole calibro 0.22 a Gerusalemme Est occupata.

Sostenendo che la nuova legge amplia la possibilità per le forze israeliane di colpire i Palestinesi, il segretario generale dell’OLP, Saeb Erekat, ha dichiarato: “Il governo israeliano persiste ad incitare contro la vita dei Palestinesi, con una cultura di odio che disumanizza una intera nazione”.

Le tensioni sono salite alle stelle in Israele e nei territori palestinesi occupati nelle recenti settimane a seguito di una serie di accoltellamenti effettuati sia da israeliani che da palestinesi, e di aggressioni violente di coloni israeliani contro i Palestinesi.

(Soldati palestinesi vegliano il corpo del tredicenne Abed al-Rahman Obeidallah, uno dei tanti uccisi nell’ultima tornata di violenze. AFP/Musa Al-Shaer, File).

Traduzione di Aisha Tiziana Bravi

Whether the current phase of Israel’s intensified repression and Palestinian popular resistance will evolve into a full-fledged intifada or not, one thing is already evident—a new generation of Palestinians is marching on the footsteps of previous generations, rising up en masse against Israel’s brutal, decades-old regime of occupation, settler colonialism and apartheid.

World governments, especially in the west, are calling this a “cycle of violence” where both sides are to blame, ignoring the root cause of the colonial conflict and their own complicity in enabling Israel to maintain it and to violate international law with impunity. Almost all Palestinians today are calling for a full boycott of Israel and for isolating it internationally, in all fields, just as apartheid South African once was.

In this latest round, Israel has fanned the flames of Palestinian grassroots resistance by stepping up its attacks against al-Aqsa mosque compound, the Noble Sanctuary, located in the heart of the Israeli occupied Old City of Jerusalem. Fanatic, government-backed Jewish fundamentalist settler groups have persistently desecrated the compound, often verbally insulting worshippers with vile racism and openly calling for the destruction of the mosque. This has triggered widespread anger and protests in Jerusalem and among Palestinians everywhere in historic Palestine.

Typically, the Israeli army’s response was to protect the criminal settlers and punish the Palestinian victims, ultimately denying almost all Palestinians access to their holy site.

These threats are taken seriously by Palestinians who suffer daily the consequences of Israel’s official policy of “Judaization” of the city, a policy of gradually colonizing the land and replacing its indigenous Christian and Muslim Palestinian population with illegal Jewish settlers. This policy, which amounts to ethnic cleansing and a war crime under international law, is implemented through incessant land confiscations, expansion of the colonial wall, house demolitions, settler take-overs of Palestinian homes, extrajudicial killings, arrests and expulsions, all supported by Israel’s “justice” system, a constantly reliable, rubber-stamp partner in crime.

The latest Israeli attack against the al-Aqsa mosque in occupied East Jerusalem, moreover, is not an isolated incident. Hundreds of historic churches and mosques have been destroyed by Zionist militias and later the Israeli state since 1948. Last summer, during the massacre in Gaza, Israel bombed to the ground 73 mosques. Many Palestinian churches and mosques have been defaced or otherwise desecrated this year alone by Jewish extremists in so-called “price tag attacks,” including the Church of Loaves and Fishes (Multiplication), overlooking Lake Tiberias, which was set on fire last June.

These racist and criminal attacks against Palestinians and their freedom of religion come as an extension of a massive shift in Israel to the extreme right and the unprecedented prevalence in Israeli society of overt, deeply-seated colonial racism and racial hatred against the indigenous Palestinian people.

Virtually all Palestinians from the West Bank and Gaza are denied access to Jerusalem, which is besieged by walls, watch towers and barbed wire, and are subject to daily assault and humiliation.

In a typical so-called “period of calm”, Israel enforces its medieval siege of Gaza, conducts incursions into Palestinians cities, confiscates Palestinian land, including in the Naqab (Negev), destroys Palestinian property, and builds illegal Jewish-only settlements. In its ongoing attempts to entrench its system of apartheid and colonial rule, Israel denies Palestinians their full spectrum of rights in the most banal of ways, from a child’s right to education to a mother’s access to health care, to a farmer’s ability to reach his/her land and to the right of a family to even live together in one home. And all this is done with the blessing of the courts.

In light of the apathy or direct complicity of world governments and the UN, and as a result of Israel’s impunity in perpetuating this system of injustice against Palestinians, in historic Palestine as well as in exile, the Boycott Divestment and Sanctions (BDS) movement has made great strides in redefining Israel’s positioning in the world stage as a pariah state.

Through boycotts of institutions that are complicit in Israeli violations of international law, through divestment from corporations supporting Israeli oppression and through a principled call for sanctions against Israel, the BDS movement has increased the isolation of Israel and started to impose costs on its regime of settler-colonialism, apartheid and occupation.

The World Bank has revealed that Palestinian imports from Israel are falling significantly. Israeli businessmen are reporting that European investors are no longer willing to invest in Israel, while a UN study confirms that foreign direct investment in Israel dropped by 46% in 2014, as compared to 2013. A Rand study predicts that BDS may cost Israel between 1% and 2% of its GDP each year over the next ten years, and, most recently, credit rating agency Moody’s has reported that BDS is a potential threat to the Israeli economy.

More needs to be done, however, to hold Israel to account and shatter its still strong impunity. Complicit governments must be exposed. Corporations that are enabling and profiting from Israel’s human rights violations must pay a price in their reputation and revenues. Israel’s military machine, including its research arm, must face a comprehensive international military embargo, and all Israeli leaders, officers and soldiers who are involved in the commission of the current and past crimes must be prosecuted at the International Criminal Court as well as national courts that respect international jurisdiction.

Israel is not just oppressing Palestinians; it is exporting its ruthless model of securitization and repression to the world. Israel is deeply involved in training and arming death squads in Latin America, often as a US proxy, selling weapons and military expertise to dictatorships in Asia and Africa, often to both sides of a civil war, and militarizing police forces in Ferguson, Los Angeles, London and cities around the world. Israel today is a key player in domestic repression against racial, social, economic and environmental justice movements around the world.

The Palestinian BDS National Committee (BNC), the Palestinian leadership of the global BDS movement, calls on people of conscience around the world to support Palestinians in their quest for freedom at this crucial moment by stepping up BDS activities against Israel’s regime of oppression. In particular, and related to the current mass revolt on the streets of Palestine, we call on supporters of the Palestinian struggle to:

  • Build awareness about Palestinian rights under international law and support for BDS through media outreach, including social media;
  • Campaign against Israeli military companies such as Elbit Systems;
  • Support boycott and divestment campaigns against complicit companies, such as G4S and HP, that are most blatantly complicit in Israel’s infrastructure of oppression;
  • Pass effective and strategic, not just symbolic, BDS resolutions in unions, academic associations, student governments and social movements that can lead to concrete measures, and enhance the cultural boycott of Israel;
  • Consider legal action against Israeli criminals (soldiers, settlers, officers and decision-makers) and against executives of corporations that are implicated in Israel’s crimes and violations of international law.

Like their parents’ generation, the thousands of Palestinian youth in Jerusalem, Gaza, Ramallah, Hebron, Bethlehem, Jaffa, Nazareth and elsewhere who have taken to the streets in large protests against Israel’s occupation and apartheid are first and foremost shaking off despair and liberating their minds of the myth of oppression as fate. They are also nourishing the entire Palestinian people’s aspiration to self-determination and living in freedom, dignity and a just peace.

It is high time to isolate Israel’s regime of militarization, securitization and racism as a danger not just to Palestinians and the Arab region, but to humanity at large.


Gerusalemme-Quds Press, PIC e Ma’an. Sabato, un adolescente palestinese, Ishaq Badran, di 16 anni, di Kafr Aqab, è stato colpito a morte dalla polizia israeliana vicino alla Porta di Damasco, nella Città Vecchia di Gerusalemme, in un presunto tentativo di uccidere un colono.

E’ il 10° Palestinese ad essere ucciso nelle ultime 24 ore.

La polizia israeliana ha riferito che uno o due uomini sono stati pugnalati prima che le forze di sicurezza arrivassero sul posto, sparando e uccidendo l’attentatore.

Il sito di notizie israeliano Walla ha riferito che un giornalista israeliano di 35 anni è stato colpito dai proiettili sparati dalle forze israeliane durante la repressione di una protesta palestinese.

L’omicidio dell’adolescente porta a 17 il numero di Palestinesi uccisi dal 1° ottobre. Quattro israeliani, compresi due coloni, sono stati uccisi nello stesso arco di tempo.

Da venerdì mattina, sette Palestinesi sono stati uccisi durante proteste a Gaza; Muhammad al-Jaabari, 19 anni, è stato ucciso dopo aver presumibilmente accoltellato un poliziotto israeliano in un insediamento a Hebron; Ahmad Salah, 24 anni, è stato ucciso durante scontri a Shufat.

Venerdì, Amnesty International ha accusato Israele di usare gli omicidi extragiudiziari contro i Palestinesi e forza eccessiva su scala di massa, compreso l’esteso uso di proiettili letali contro persone che non pongono una reale minaccia alla sicurezza.

Video mostrano come in diversi casi di omicidio extragiudiziario di Palestinesi, in questi giorni, la persona non costituisse alcun pericolo o minaccia per gli israeliani.


Gaza-Quds Press e PIC. Sabato mattina, un Palestinese, Jehaz Abid, 21 anni, è morto per le ferite riportate venerdì, quando le forze di occupazione israeliane hanno aperto il fuoco contro proteste al confine con la città di Gaza e a Khan Younis, nel sud della Striscia.

Il giovane era stato ferito nei pressi della barriera a est di Khan Younis ed era stato ricoverato in gravi condizioni, ma sabato mattina è deceduto.

La morte di Abid porta a 7 il bilancio delle vittime della repressione di venerdì. Altre 145 gazawi sono rimasti feriti.

Gerusalemme-PIC e Quds Press. Sabato all’alba, un giovane palestinese è stato ucciso e diversi altri feriti quando le forze israeliane hanno attaccato una manifestazione di protesta nel campo profughi di Shuafat, nel nord di Gerusalemme occupata.

Fonti locali palestinesi hanno riferito che Ahmed Jamal è stato colpito a morte da soldati israeliani durante scontri con le truppe di occupazione all’entrata del campo.

Testimoni hanno detto che un vasto spiegamento di soldati ha assaltato il campo, sparando con intensità e aprendo il fuoco contro le abitazioni.

L’Intifada di Gerusalemme raggiunge la Striscia: un massacro. Hamas scende in campo e lancia appelli alla sollevazione contro Israele, l’Anp non sa che fare.

Un ferito ieri durante le manifestazioni al confine tra Gaza e Israele (foto: Reuters)

di Michele Giorgio – Il Manifesto

Gerusalemme, 10 ottobre 2015, Nena News – L’incubo delle stragi dell’estate 2014, figlie dei bom­bar­da­menti aerei e dei tiri di arti­glie­ria, si è ripre­sen­tato ieri con tutto il suo orrore quando, al ter­mine delle pre­ghiere isla­mi­che, cen­ti­naia di gio­vani di Gaza si sono lan­ciati verso vari punti delle recin­zioni che divi­dono la Stri­scia da Israele. Urla­vano slo­gan a difesa della Moschea di al Aqsa di Geru­sa­lemme. Non ave­vano armi per minac­ciare da vicino i sol­dati israe­liani pro­tetti nelle alte torri di cemento armato che pre­si­diano diversi punti del “con­fine”.

Hanno avuto la “colpa” di entrare nella “no-go zone” impo­sta da Israele all’interno del ter­ri­to­rio di Gaza. La cono­scono bene i con­ta­dini che da anni rischiano la vita per andare nei loro campi rac­chiusi in quella fascia di ter­ri­to­rio pale­sti­nese inter­detta. I comandi israe­liani hanno rife­rito di aver ordi­nato di spa­rare con­tro gli «isti­ga­tori delle mani­fe­sta­zioni vio­lente» che lan­cia­vano sassi e davano fuoco a coper­toni. I sol­dati hanno ese­guito l’ordine rice­vuto con par­ti­co­lare zelo. Sette pale­sti­nesi sono stati uccisi e altri 60 feriti sulle recin­zioni a est di Gaza City, più o meno all’altezza del cen­tro abi­tato israe­liano di Nahal Oz dall’altra parte del con­fine, e a est Khan Younis.

Come un anno fa decine di ambu­lanze a sirene spie­gate hanno fatto la spola verso gli ospe­dali, tra scene di dispe­ra­zione e dolore di ragazzi che tra­sci­na­vano via altri ragazzi morenti, insa­gui­nati, forse com­pa­gni di scuola, amici o parenti, sotto il fuoco dei sol­dati impe­gnati a pren­dere di mira gli «isti­ga­tori delle mani­fe­sta­zioni vio­lente». Per sei gio­vani è stata inu­tile la corsa a tutta velo­cità dei mezzi di soc­corso verso la spe­ranza di sal­vezza. Shadi Dawla, 20 anni, Ahmad Her­bawi, 20, e Abed Wahidi, 20, sono stati uccisi nella zona più orien­tale del quar­tiere di Sha­jayea, che resta un cumulo di mace­rie dopo i bom­bar­da­menti israe­liani dello scorso anno. Muham­mad Raqeb, 15 anni, e Ziad Sha­raf, 20, sono stati uccisi a est di Khan You­nis. In quella stessa zona poco dopo è stato col­pito alla testa e ucciso Adnan Elayyan, 22 anni. «Abbiamo anche 60 feriti, 10 dei quali in gravi con­di­zioni. I medici stanno facendo di tutto per sal­varli», ha rife­rito il por­ta­voce del mini­stero della salute Ash­raf al-Qidra.

In un solo colpo Gaza si è ritro­vata nel pieno della “Inti­fada di Geru­sa­lemme”, così come i pale­sti­nesi chia­mano la loro rivolta in rife­ri­mento alla difesa della Spia­nata delle Moschee, e che ora dopo ora si allarga a mac­chia d’olio nei Ter­ri­tori occu­pati. Per gli israe­liani invece è «l’Intifada dei col­telli» per gli accol­tel­la­menti che nell’ultima set­ti­mana hanno ucciso due ebrei nella città vec­chia di Geru­sa­lemme e ferito diversi altri (alcuni in modo grave).

Il nome di ciò che accade in que­sti giorni non ha molta impor­tanza. Forse non è nem­meno una Inti­fada o almeno non lo è nei modi in cui lo sono state le rivolte con­tro l’occupazione del 1987–93 e del 2000–5. L’unica cosa certa è che mette fine a anni ugual­mente dram­ma­tici, di san­gue, di diritti negati, di abusi, di vio­la­zioni, di cui quasi nes­suno lon­tano da que­sta terra è sem­brato accor­gersi. E senza dub­bio avrà riflessi poli­tici di grande rilievo anche in casa palestinese.

«Hamas ieri è sceso uffi­cial­mente in campo», ci spiega Saud Abu Rama­dan, uno dei gior­na­li­sti di Gaza più esperti, «Oggi (ieri) è stato stato il numero 2 dell’ufficio poli­tico (ed ex pre­mier) Ismail Haniyeh ad assi­cu­rare che i pale­sti­nesi di Gaza non faranno man­care il loro appog­gio ai fra­telli della Cisgior­da­nia. Il movi­mento isla­mico vuole par­te­ci­pare con un ruolo da pro­ta­go­ni­sta, sapendo di godere di soste­gni popo­lari anche in Cisgior­da­nia». E’ una sfida all’autorità del pre­si­dente dell’Anp Abu Mazen? «Senza alcun dub­bio» pro­se­gue Abu Rama­dan «Hamas sente che la posi­zione di Abu Mazen è deli­cata e intende incal­zarlo. Può con­qui­stare nuovi con­sensi pro­prio sulla debo­lezza del pre­si­dente dell’Anp che non rinun­cia alla coo­pe­ra­zione di sicu­rezza con Israele, uno dei capi­toli più con­te­stati (dai pale­sti­nesi) degli accordi di Oslo (del 1993)». Allo stesso tempo, aggiunge da parte sua Aziz Kahlout, ana­li­sta di Gaza, «Hamas non intende andare allo scon­tro aperto con Israele che fini­rebbe per inne­scare un nuovo con­flitto che Gaza non può per­met­tersi visto che lotta ancora per emer­gere dalle mace­rie della guerra di un anno fa».

Abu Mazen passa ore ed ore nel suo uffi­cio a Ramal­lah. Non sa quale strada pren­dere. Israele, come Usa ed Europa, gli chie­dono di agire, anche con le sue forze di sicu­rezza, per impe­dire che la ten­sione sfoci nella nuova Inti­fada. Fuori da quella stanza c’è la popo­la­zione pale­sti­nese che reclama fer­mezza nei con­fronti delle poli­ti­che di Israele. L’immobilismo com­plica anche la posi­zione del suo movi­mento, Fatah.

Il pre­si­dente dell’Anp sem­bra tenere a freno, per il momento, gli uomini della sicu­rezza fatti schie­rare a distanza dalle zone di scon­tro tra dimo­stranti e sol­dati israe­liani. E rila­scia dichia­ra­zioni di con­danna delle poli­ti­che di Israele sulla Spia­nata delle Moschee. Allo stesso tempo non ha il corag­gio o la forza di stac­care la spina alla coo­pe­ra­zione di sicu­rezza con Israele e di lasciare campo libero all’Intifada che, ne è certo, lo inde­bo­lirà e favo­rirà i piani di Hamas. Insi­ste per­ciò nel chie­dere ai pale­sti­nesi pro­te­ste senza alcun tipo di vio­lenza ma non tiene conto dell’impatto che la repres­sione messa in atto da Israele e stragi come quella di ieri a Gaza, ali­men­tano la rab­bia della sua gente. Per pla­care la nuova Inti­fada spera anche nella dipen­denza dall’Anp di oltre 120mila pale­sti­nesi impie­gati nei mini­steri e nelle varie agen­zie di sicurezza.

Tut­ta­via, scri­veva un paio di giorni fa sul gior­nale al Ayyam di Ramal­lah il noto opi­nio­ni­sta Hani al Masri, «il con­fronto (con Israele) non è la nostra scelta ma ci è impo­sto… In realtà, il con­fronto è neces­sa­rio, se i pale­sti­nesi cer­cano la libe­ra­zione, il diritto al ritorno, l’indipendenza, la scon­fitta e lo sman­tel­la­mento del pro­getto colo­niale israe­liano». Un punto di vista lar­ga­mente con­di­viso tra i pale­sti­nesi e nella stessa base di Fatah.


Ancora poco chiare le cause, colpito un incrocio davanti la stazione dei treni dove stava per iniziare una manifestazione per la pace

Attacco in Turchia (Foto: Twitter)

della redazione

Roma, 10 ottobre 2015, Nena News – Due forti esplosioni hanno colpito pochi minuti fa la capitale turca, Ankara, in un incrocio stradale a poca distanza dalla stazione centrale dei treni. Le cause non sono ancora chiare, sebbene alcuni testimoni parlino di attentato suicida. Sarebbero almeno 10 i morti. Numerose le ambulanze nell’area.

Oggi si sarebbe dovuto tenere nella zona una manifestazione per la pace, organizzata dai sindacati e diverse Ong, sotto lo slogan di “Lavoro, pace, democrazia” in risposta al conflitto riaperto dal governo turco contro il movimento kurdo del Pkk. Nena News

Dopo il massacro di ieri a Gaza, stamattina due palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane: Ahmad Salah a Shuafat, Jihad Salim al-Ubeid nella Striscia. Adolescente accoltella due israeliani a Gerusalemme, ucciso dalla polizia

Il funerale di Ahmad Salah, stamattina a Shuafat (Fonte: Ma’an News)



Stamattina un giovane palestinese di 16 anni ha accoltellato due israeliani di 65 e 62 anni  vicino alla Porta di Damasco, nella Città Vecchia di Gerusalemme. La polizia ha aperto il fuoco e lo ha ucciso. I due israeliani sono stati medicati dai paramedici per ferite lievi. Subito sono comnciati gli scontri tra manifestanti palestinesi e poliziotti che hanno cercato di disperdere la folla con gas lacrimogeni. Sale a 17 il numero totale di palestinesi uccisi dal primo ottobre


della redazione

Gerusalemme, 10 ottobre 2015, Nena News – L’ennesima notte di violenza in quella che è stata ribattezzata “l’Intifada di Gerusalemme”. Dopo la strage di ieri a Gaza, con sei palestinesi uccisi dalle forze militari israeliane posizionate al di là del confine est, oggi la Palestina conta altri due morti. Anche loro giovanissimi.

Nel campo profughi di Shuafat, a Gerusalemme Est, il 24enne Ahmad Salah è stato ucciso la notte scorsa durante scontri esplosi al checkpoint di ingresso nel campo. Secondo Thaer al-Fasfous, portavoce di Fatah a Shuafat, “gli scontri sono ricominciati nella notte e le forze di occupazione israeliane hanno sparato proiettili veri da distanza ravvicinata contro i giovani”. Numerosi i feriti, di cui due in serie condizioni, mentre scontri scoppiavano in tutti i quartieri di Gerusalemme Est: a Wadi al-Joz, a Issawiya (dove una donna è stata arrestata e un giovane è stato colpito alla testa e versa in gravi condizioni), a Al-Tur, a Jabal al-Mukkaber.

Secondo alcuni testimoni, la polizia israeliana avrebbe impedito all’ambulanza di raggiungere e soccorrere Ahmad Salah, “lasciato a terra sanguinante”. È morto poco dopo. Le autorità israeliane hanno consegnato il corpo alla famiglia questa mattina e subito si sono tenuti i funerali, a cui hanno partecipato migliaia di persone.

Nelle stesse ore a Gaza perdeva la vita il 22enne Jihad Salim al-Ubeid, morto a causa delle ferite riportate ieri durante le manifestazioni al confine. Residente a Deir al-Balah, era stato colpito dal fuoco israeliano mentre insieme ad altre centinaia di palestinesi protestava a 100 metri di distanza dalla rete di separazione con Israele.

Sale così a 16 il bilancio delle vittime palestinesi dallo scorso giovedì 1 ottobre, quattro le vittime israeliane. L’associazione per i diritti umani Amnesty International ha lanciato un appello alle autorità israeliane perché interrompano “l’uso di eccessiva forza e di omicidi ingiustificati di palestinesi, la demolizione di case e altre misure di punizione collettiva”. Nena News

Nena News intervista il giornalista israeliano David Sheen: “Politici, accademici, rabbini istigano la popolazione all’odio verso il palestinese. Il legame tra governo e gruppi estremisti è strettissimo”.

Il giornalista israeliano David Sheen (Fonte: Flickr)

di Sonia Grieco e Giorgia Grifoni

Roma, 10 ottobre 2015, Nena News - “Morte agli arabi” è uno slogan che ricorre sempre di più nelle strade di Israele. Scritto sui muri, gridato alle manifestazioni degli estremisti ebraici, messo in pratica da gruppi di “teppisti” contro palestinesi a caso. Le cronache degli ultimi giorni, ma non solo, parlano di un’esplosione di violenza in Israele e nei Territori occupati originata da un atto palestinese al quale risponde la rabbia israeliana: l’accoltellamento dei coniugi Henkin a Gerusalemme per mano di un ragazzo palestinese, il rapimento e l’uccisione dei tre giovani coloni lo scorso anno in Cisgiordania.

Ma quasi nessuno fa notare che, accanto a un conflitto ormai normalizzato, il razzismo nei confronti dei palestinesi ha assunto una dimensione ed una traiettoria allarmanti, tanto da trasformarsi in vera e propria “arabofobia” che lo stato sembra non voler arginare. Lo spiega David Sheen, giornalista e documentarista israeliano di origini canadesi, ospite della fondazione Lelio Basso a Roma per una conferenza, promossa da AssopacePalestina, dal titolo “Israele oggi, tra violenza e razzismo”.

Atti vandalici ai danni di strutture palestinesi, come chiese, moschee e abitazioni e aggressioni fisiche a persone vanno di pari passo con attacchi a coppie miste scanditi da termini come “genocidio” e “olocausto” e intimidazioni a quegli ebrei israeliani che affittano appartamenti ai palestinesi. Manifestazioni di gruppi di “estremisti della supremazia ebraica” che non vengono vietate dalle autorità, una giustizia che troppo spesso dimentica di fare il proprio lavoro quando gli autori dei crimini sono ebrei israeliani. E tutt’intorno i discorsi dei rabbini che invitano a “non fare il lavoro di Hitler” mischiandosi con non ebrei, dei politici che invocano la “vendetta” sui palestinesi e accademici che danno la loro benedizione alla “guerra totale” contro Gaza.

Il quadro tracciato da Sheen è quello di una società che, a detta dei sondaggi, “è sempre meno disposta a condividere il proprio spazio con i non-ebrei”, impregnata di un odio verso il palestinese che vede il suo apice negli ultimi cinque anni con la rielezione di Benjamin Netanyahu. Proprio lui, spiega il giornalista, è colpevole di aver alimentato la violenza con i suoi discorsi e di non aver arginato i gruppi di “estremisti della supremazia ebraica”. Gruppi di cui il governo, conclude Sheen, si servirebbe per attuare le sue politiche nei Territori palestinesi occupati. Nena News



Dopo ripetute chiusure, il Pentagono annuncia l’avvio di un dialogo con Mosca. Una scelta obbligata dai nuovi equilibri militari e politici sul terreno.

Un jet russo SU-25

di Chiara Cruciati

Roma, 10 ottobre 2015, Nena News – Le due super potenze hanno rispettato il copione previsto: Russia e Stati Uniti riavvieranno il dialogo sulla questione siriana. Lo ha fatto sapere il Pentagono, dopo le chiusure dei giorni scorsi. Mosca aveva chiesto alla Casa Bianca di coordinare le attività militari anti-Isis “altrimenti il problema non si risolverà”.

Il Pentagono ha fatto sapere che l’incontro tra russi e statunitensi potrebbe tenersi addirittura questo fine settimana, dopo l’ok da parte del Cremlino alla proposta mossa dagli Usa. Il vice ministro della Difesa ruso, Anatoly Antonov, ha detto che i punti previsti dagli Stati Uniti sono stati accettati in via di principio.

L’annuncio della ripresa del dialogo non è semplicemente legato al timore che aerei da guerra delle due parti possano scontrarsi o intralciarsi nei cieli siriani, visto anche che tendono ad operare in zone diverse. Dietro, stanno considerazioni di realpolitik: la Russia sta gestendo in solitaria la lotta al terrorismo, sta rafforzando il presidente Assad permettendogli di lanciare controffensive via terra e si sta allargando anche all’Iraq.

Da parte loro gli Stati Uniti sono costretti ad inseguire e a ripiegare sulla cancellazione del programma di addestramento da 500 milioni di dollari, destinato a formare 15mila miliziani anti-Assad ma che ne ha sfornati meno di un centinaio. Da qui la decisione, presa definitivamente nei giorni scorsi, di chiudere il fallimentare programma e avviarne uno nuovo di zecca: stavolta ad essere armati saranno 25mila combattenti già presenti sul campo di battaglia, di cui probabilmente 20mila kurdi siriani, tra i più efficienti nella reagire all’offensiva dello Stato Islamico.

Una possibilità che fa tremare la Turchia che del soffocamento del movimento per l’autodeterminazione del popolo kurdo ha fatto la sua bandiera: prima aiutando indirettamente gli islamisti che tentavano di prendere Kobane e la Rojava nel nord della Siria; poi lanciando una vera e propria operazione militare contro il Pkk in Iraq e nel sud della Turchia. Ankara ha perso la sua guerra: l’intervento russo distrugge il sogno di creare una zona cuscinetto al confine con la Siria, che Erdogan era riuscito a strappare agli Usa dopo due anni di pressioni, e gli Usa aprono ai nemici kurdi. La reazione è isterica: da giorni il president turco minaccia Mosca di interrompere l’acquisto di gas naturale (la Turchia ne compra il 60% del suo fabbisogno dalla Russia) e la costruzione del primo impianto nucleare del paese, affidato alla compagnia russia Rosatom.

Tant’è, le necessità delle due super potenze vengono molto prima di quelle degli alleati minori, spesso sfruttati a proprio piacere. Come ha fatto la Nato nei giorni scorsi, quando in risposta ai raid russi e all’ingresso di aerei di Mosca nello spazio aereo turco, minacciava Mosca di dispiegare le proprie truppe a sud, in Turchia. Ma la guerra, in questo momento, non serve a nessuno e gli Usa necessitano di rientrare in campo, vista anche l’ultima mossa di Baghdad: l’Iraq ha paventato la possibilità di chiedere alla Russia un intervento anti-Isis nel paese, che sostituisca quello poco efficace della coalizione guidata dagli statunitensi.

A tale situazione si aggiunge la presenza ancora radicata in Siria, nonostante i bombardamenti Usa e quelli russi, dello Stato Islamico che ieri – secondo l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, gruppo basato a Londra e legato alle opposizioni anti-Assad – avrebbe occupato alcuni villaggi nel nord di Aleppo, strappandoli ai rivali del Fronte al-Nusra e alle poche sacche ancora presenti di Esercito Libero Siriano. Nena News



Non ci sono più parole per descrivere certe scene. Sono degne dei film dell’assurdo. Una giovane donna, Esra’ Abed, disarmata, terrorizza con la sua presenza un gruppo di soldati psicopatici armati fino ai denti. Li spaventa per il solo fatto di esistere e di essere lì.

La donna, madre di famiglia, grida: “Non sparatemi!”, ma i terroristi israeliani la crivellano di colpi. Ora è tra la vita e la morte.

La scena horror si svolge alla stazione degli autobus di Afoula. Lei alza le mani per un momento, e loro gli sparano perché sospettava voglia accoltellare un soldato.

 Esra’ è di Nazareth e ha un bambino di 10 anni ed è incinta. Il video.

Vergogna Israele.


Palestinian Grassroots Anti-apartheid Wall Campaign Ramallah clashes The past few days in Palestine have evoked images of the First Intifada. Burning tyres in the streets, youth wrapped in Palestinian scarves throwing stones, and Israeli military confronting them with tear gas, sound grenades and live ammunition. Entire Palestinian villages are under siege. Clashes are spreading like wild fire across Jerusalem and Palestinian areas on both sides of the Green Line. The root causes for this rebellion are the same as ever: the Israeli regime of occupation, apartheid and colonialism makes Palestinians’ lives unbearable. However, there are fundamental differences between now and then, and the actions of Israel’s new settler militia will determine when, not if, a full scale Intifada will explode. 

The most visible difference between the reality on the ground in the first and second Intifadas is the prominent role of Israeli settlers in the attacks on Palestinians. The settler population has become a well-armed, well-organised and ideologically driven militia. They maraud in Palestinian villages and attack Palestinians in the streets and even in their homes. From last year’s horrific burning alive of young Muhammad Abu Khdeir in Jerusalem to the recent arson attack on the Dawabshah’s home in Dima, murdering the parents and a toddler, settlers have carried out a string of terror attacks on Palestinians. Israel maintains and supports this fanatic militia to carry out the dirtiest parts of Israeli aggression and repression in the West Bank.

Pushing Palestinians into Bantustans

Israeli Prime Minister Netanyahu’s initial rhetoric about an “all-out war” including the re-occupation of the major Palestinian residential areas in the West Bank, defined by the Oslo Agreement as Area A, pleased this settler militia and their parties in the government. However, as the Israeli military and intelligence agencies were quick to point out, massive military deployment into Area A is neither in the interest of the settlers nor the rest of Israel’s political establishment. They all have a common aim: expelling as many Palestinians as possible from Jerusalem and the rest of the West Bank to the walled-in Bantustans they have created. This is best served by concentrating pressure outside these Bantustans.

Of the additional four military brigades sent to the West Bank, none are in the major Palestinian cities. Contrary to the first Intifada, when the army used extreme violence and constantly patrolled Palestinian cities to maintain their control or the Israeli re-invasion of the West Bank during the second Intifada, which aimed at destroying Palestinian Authority infrastructure, this time Area A is not a target.

Following a similar logic to the massacres of the Palestinian people in Gaza, Israel attacks from the perimeters. The ghettos stay under Palestinian control while Israel makes life unbearable in the remaining 60 percent of the West Bank through the construction of the apartheid wall, home demolitions, immediate threat of destruction of 89 communities, denial of access to water, checkpoints, land confiscation and settler attacks.

Youth lose their fear

These policies impact Palestinian resistance. Palestinians under immediate threat of ethnic cleansing are at the forefront of the protests. Young Palestinians in Jerusalem continue their mission of “shaking off” the oppressive Israeli grip on their economy, schools and homes. Nothing intimidates them; not point-blank killings nor the new law punishing stone throwing with up to 20 years of imprisonment.

If anything, the ever-tightening repression is the reason why Palestinian youth from Jerusalem are most often the ones carrying out the current stabbing attacks. Since the burning of Mohammed Abu Khdeir, the Jerusalem Intifada has been ongoing. In the rest of the West Bank, periodic waves of protests have come and gone in an ever rising tide. In the last week, seven youth have been killed and almost 800 Palestinians have been injured. Palestinians inside the Green Line, who face virulent racism and institutional apartheid and ethnic cleansing policies, have organised protests in their cities and towns.

Palestinians residing in Area A in the West Bank, with the exception of the refugee camps, have largely kept away from the mobilisation so far. For many of them, the complete vacuum of political leadership still weighs too heavy to get involved. Neither the Palestinian National Authority (PNA) nor the Palestinian political parties are able to offer any strategic directions in the face of the Israeli rejection of a Palestinian state. They cannot deliver the demands for Palestinian self-determination including the right of return and an end of apartheid for the Palestinian citizens of Israel. They have failed to create structures to defend their people.

Revolt against Israel and PA

The current outbreak of protests is not solely directed at Israel. It is also a manifestation of the frustration of the people who face the brunt of Israeli aggression in the West Bank. Their protests express an overall desire to end ineffective and inept representation.

The PA is aware of this anger. Mahmoud Abbas’ recent speech at the United Nations cautioning that Israeli policies “threaten to undermine the structure of the Palestinian National Authority and even end its existence” was nothing more than a plea to Israel and its supporters to not completely erode the PA’s ability to exercise control in the Area A Bantustans. The current wave of protests may even serve to underline his point that the PNA is central for Israel’s plan of ethnic cleansing and the Bantustanisation of the West Bank in the short term.

Ultimately, the current power sharing between the Israeli occupation and the PA as guarantor of stability in Area A Bantustans will not last. In order for the PA to maintain a minimum of credibility in front of its people, it must mimic a national movement for liberation by ending security coordination with Israel, stopping economic agreements with Israel, calling for full boycott, divestment, and sanctions to isolate Israel’s colonial apartheid regime, and protect the people. If the PNA does so, Israel will crush it. If it fails to deliver this minimum programme, the Palestinian people will rise up.

The entire political, social and economic context is readying the Palestinian population for this uprising. Supporters of the two-state solution have lost hope in a Palestinian state. The economic situation continues to rapidly deteriorate, even in Area A. Unemployment rises as despair skyrockets. People seek dignity and a future for themselves, they seek freedom and independence for their nation, and they are willing to pay the price. Young people are the protagonists in this rebellion. With every wave of protests they are building new grassroots structures of resistance.

It is yet to be seen if Israel and the PA are able to control the current upsurge of rebellion. Two days ago, Israeli-Palestinian security agencies agreed to calm the situation, Netanyahu and Abbas made statements calling for an end to confrontations. Yet today, more protests than ever exploded all over the West Bank and inside the Green Line while the settlers are once again out in the streets attacking Palestinians.

The real question is not whether a third Intifada will come but rather when it will be strong enough to last. The deciding factor is Israel’s settler colonial project. Even in the absence of an effective Palestinian leadership, if the settlers and their state continue to attack the Palestinian people, we will see the emergence of a full Intifada built on grassroots organising sooner rather than later.


- Jamal Juma was born in Jerusalem and attended Birzeit University, where he became politically active. Since the first Intifada, he has focused on grassroots activism.  Since 2002 he is the coordinator of the Palestinian Grassroots Anti-Apartheid Wall Campaign and since 2012 the coordinator of the Land Defence Coalition, a network of Palestinian grassroots movements. He has been invited to address numerous civil society and UN conferences, where he has spoken on the issue of Palestine and the Apartheid Wall. His articles and interviews are widely disseminated and translated into several languages.

First published at:

Rania Khalek 9 October 2015

With complicity from US media outlets, Israeli leaders are lighting the match for the next lynching.

9 October 2015

A monthly roundup of photographs documenting Palestine, Palestinian life, politics and culture, and international solidarity with Palestine.

Nora Barrows-Friedman 9 October 2015

Across the occupied West Bank, Gaza and present-day Israel, seven Palestinians were killed and more than 100 injured on Friday alone.

Palestinian Grassroots Anti-apartheid Wall Campaign Stones 2015 Following the events of the previous days clashes continued to unfold, finding no rest. A spark has been lit and the present-day Palestinian uprising continues against the Israeli colonial regime and daily repression. Below is a summary of what happened Tuesday across the Occupied Territories of the West Bank.

The events of Tuesday 6th October 2015

1.  Israeli Occupation Forces (IOF) wounded and injured 129 Palestinians, 10 of which where injured with live ammunition, two of them are in serious conditions. Fifty Palestinians were injured in Ramallah, 11 in Bethlehem, 7 in Hebron, 45 in Nablus and 16 in Jenin. Some of these injuries were caused by snipers, once that the IOF spread them in the ongoing confrontations areas.

2.  Raids and mass arrests of Palestinian youth in various villages.

3.  Four new battalions have been sent to the West Bank by the Israeli military and over 4,000 Israeli occupation policemen and Special Forces have been sent to Jerusalem. They are all heavily deployed on the main roads throughout the Occupied West Bank and at checkpoints in different areas.

4.  Ongoing confrontations with the Israeli occupation forces started from noon and went on until midnight in more than 30 different sites in the occupied West Bank and Jerusalem.

5.  Clashes with settlers along the main roads at the entrances of the settlements located near Palestinian villages in the Occupied West Bank.

6.  Daily incursions at the Al-Aqsa Mosque compound and protests, consequence of the closing of the Old City of Jerusalem to Palestinians, where only those who reside there are allowed in.

7.  Palestinians have formed popular committees and commissions of guard in the villages adjacent to settlements and its neighborhoods.

8.  The IOF erupted in the house of the martyr Ghassan Abu Jamal Jaabis in Jerusalem.

9.  The IOF attacked an ambulance belonging to the Red Crescent.


The details

On Tuesday, since dawn until evening, 129 Palestinians citizens were injured by Israeli occupation forces throughout the occupied West Bank and Jerusalem. From those: 10 wounded with live ammunition - two of them in serious conditions - 30 wounded with rubber bullets, while the other Palestinians injured due to suffocation while inhaling tear gas and some others injured because of the brutal IOF physical violence.

In Bethlehem, the government hospital received 11 injured with rubber bullets and cases of tear gas suffocation. In Ramallah, the Palestine Medical Ramallah received 9 injured from rubber bullets - including a head injury -, and a serious injury of abdominal insert operations because of the deep penetration of a rubber bullet to the abdominal wall. The PMR also received about 41 injured civilians, including seven citizens from the neighborhood area near Beit El checkpoint and Qalandiya. Dozens of people were suffocated because of tear gas that was thrown towards the mountains. Fortunately, medical sources in Ramallah confirmed that most of the injuries were between medium and minor levels.

During the afternoon, the clashes in the occupied West Bank got more intense, when Palestinian youth started throwing molotov cocktails at the israeli military vehicles. One of the Israeli occupation soldiers was wounded during the confrontations on Qalandiya checkpoint, north of Jerusalem. Another IOF soldier was injured during clashes with Palestinians in the town of Tekoa. In Jenin, clashes occurred at the Jalama roadblock where two young men were injured.

The Israeli occupation forces also detained an ambulance belonging to the Red Crescent Society at the entrance to Anata. Some Palestinian youth were seriously injured in confrontations in the area near by the Shuafat camp. Because of so many injuries, the Palestine Medical Complex Hospital appealed to citizens to donate blood from type A negative and O negative.

The IOF snipers were set on the roofs of buildings in the Palestinian town of Silwan in occupied Jerusalem. At the same time, clashes between the occupation forces and Palestinians were taking place in a number of other areas, including the town of Nabi Saleh, west of Ramallah, where Israeli forces sealed off the town gate.

Violent clashes also continued in front of the Beit El settlement in Ramallah and in Qalandiya checkpoint, as well as in Bethlehem, Anata, occupied Jerusalem and in central Hebron. In Hebron, around the Tomb of the Patriarchs, the journalist Mohammed Abu was arrested while covering the settlers’ attacks on Palestinians. Clashes also continued in the vicinity of the Geshora factories, in the west of Tulkarem, and in front of the Jenin east crossing, Jalama, where the IOF arrested a business owner selling pottery near the Jalama crossing. They also hit a Palestinian woman from occupied 1948 Palestine while she was passing through Jalama crossing during the confrontations.

Earlier during the day, the IOF arrested Hussam Abu Laith, 10 years old, that, fortunately, was later on released. The occupation forces also arrested a Palestinian youth on Tuesday evening under the pretext of trying to stab a soldier at the Za'atara checkpoint, south of Nablus.

Dozens of settlers gathered at the entrances to a number of Palestinian towns, including Bani Fadel village, south of Nablus and Tulkarem. They also closed the entrance to a valley in Qana Salfit and broke down a number of cars passing through Sheikh Jarrah in Jerusalem.  Dozens of them were gathering in east Qalqilya, backed by a large number of Israeli occupation forces.

The IOF ordered the demolition of the houses of the familys of the martyrs Ghassan Abu and Mohammed Aldjaabis, the latter situated on Mount Scopus in occupied Jerusalem. They have also been patrolling  the neighborhood of the Hijazi.

Meanwhile, the Palestinian National Authority denied what some media said earlier this week, or rather  that they were attending meetings with senior officers from the occupation army in order to calm the situation in the occupied West Bank and Jerusalem. 

Charlotte Silver 9 October 2015

While supposedly Israel’s most liberal institution, the high court has championed Israel’s punitive demolition of the homes of the families of accused Palestinians.

Palestinian Grassroots Anti-apartheid Wall Campaign woman in Afula

While Jerusalem Post titles "Attempted attack by female terrorist", this video of the killing of the young Palestinian woman from Afula shows a woman standing still and surrounded by screaming and agitated Israeli police, which then point blank shoot her dead. Apart from the fact that resistance only exists as long as and in response to repression and injustice, who's perpetrating the crime in this case?    Watch the video here. 
Palestinian Grassroots Anti-apartheid Wall Campaign woman hands stones

See below a selection of photos from this uprising. 












Palestinian Grassroots Anti-apartheid Wall Campaign ramallah funeral

Today, in Ramallah tens of thousands filled the entire city centre to accompany the funeral of Muhannad Halabi, killed three days ago after an attack in the Old City of Jerusalem. The funeral started at 1pm when the masses gathered in front of the main mosque and marched from there to the city's cemetery in al Bireh. People shouted slogans that their uprising is a popular referendum for Palestinian policy. See the video of the protest here. Slogans condemned the Oslo process and welcomed a third Intifada.People cried out their readiness for the struggle and their readiness for sacrifice as they shouting slogans alerting Israel they would march in millions into Jerusalem, their capital. At the moment confrontations have started in Psagot settlement close to al Bireh and close to Beit El settlement, north of Ramallah.  


Subscribe to Palestina Rossa aggregatore - Palestina

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente