Memo. La vice ministra degli esteri israeliano, Tzipi Hotovely, si è incontraao con rappresentanti di Youtube e Google per discutere delle modalità di cooperazione nella “lotta contro l’incitamento alla violenza e al terrorismo”.

Il giornale israeliano Maariv ha comunicato, martedì, che Hotovely ha accettato di lavorare con Google e Youtube al fine di stabilire un meccanismo di lavoro congiunto e di impedire la pubblicazione di “materiale infiammante” proveniente dai territori palestinesi.

Dall’inizio dell’ultimo aumento di violenza tra palestinesi e servizi di sicurezza israeliani, che sono scoppiati all’inizio di ottobre, molte persone hanno condiviso video mostrando le aggressioni israeliane contro i palestinesi per evidenziare la prospettiva palestinese del conflitto.

Il giornale al-Araby al-Jadeed, con sede a Londra, ha espresso preoccupazione che gli incontri possano suggerire delle mosse dirette alla censura di materiale palestinese da parte dello Stato israeliano.

Traduzione di F.H.L. 

Palestinian Grassroots Anti-apartheid Wall Campaign hadidiya solar panels Thursday, at 7:30 in the morning Israeli military entered the Jordan Valley community al Hadidiya for yet another wave of demolitions. The punitive operation targeted the family of the head of the community, Abu Saqer, and was a clear retaliation for the fact that the people of al Hadidiya had started to prepare the dirt road that links the village to the world for the rainy winter months placing gravel onto it. Abu Saqer’s pregnant daughter has been attacked by the soldiers and is currently in hospital risking to loose her baby.

Two army bulldozers accompanied by six military jeeps invaded al Hadidiya and destroyed ten structures owned by Abu Saqer and the 40 members of his extended family. This included the barracks where his family lives, the shelters for the animals, the oven where the family backs its bread and the shelter where he stores the fodder for his livestock. Additionally, the army destroyed as well two shelters belonging to Abu Saqer’s son, Gazi, leaving as well him, his wife and two children without a place to live. The army demolished as well two shelters and a tent belonging to Mohamed Mahmoud Bisharat, one of the elders of the community.

During the wave of destruction, the military brutally attacked Abu Saqer’s daughter, pregnant in her third month, who had to be brought to the hospital bleeding.

Only the solar cells that give the community some access to electricity have been spared in what seems an effort to avoid reaction by the donor community against the destruction of their projects. The images of the intact solar panels amidst the wanton destruction of everything else beg the question about the rationale behind a focus by international NGOs on Israel’s destruction of aid projects within the framework of ‘aid efficiency’ when really what is at stake are the lives and survival of entire communities in front of Israel’s policies of forced population transfer and ethnic cleansing.

This invasion and destruction comes after yesterday the military destroyed the efforts made to prepare the access road to the village. A month ago, the community started to put gravel on the dirt road to ensure it would keep accessible as well during the upcoming raining season. This would allow the children to keep attending school and guarantee access to services and other villages and cities for the community. People had been working with their shovels and with a tractor owned by the community on this project. Abu Saqer was responsible for liaising with the international organizations that supported the project.

While the military was destroying the road, the threatened Abu Saqer with further demolitions. He insisted that the appeal against the demolitions is still pending in the Israeli courts and no decision has been made to allow for further demolitions. A fact the lawyers confirmed.

As times before, the Israeli military turned up today, without demolition orders and destroyed a good part of the community as a collective punishment for the effort to improve the conditions of a dirt road with gravel.

The military returned another time in the afternoon to threaten the community members that had started to rebuild the structures and shelters. They singled out Rashid al Kadiriy, the owner of the only truck in the community and told him that his truck and Abu Saqer’s tractor would be confiscated if they continued to rebuild the structures and would not within an hour demolish again what they had already built. The military further informed them, that their structures and existence is ‘illegal’ and that they had to move elsewhere.

History of displacement

Al Hadidiya was a thriving farming community before the occupation of 1967, with around 160 families living in traditional stone-built houses.  In 1997 they were driven from the land that they owned and had no choice but to settle several kilometres away – moving into makeshift tents. They have been forced to live like this for the last 18 years, with the occupation authorities systematically denying them the right to build any permanent structures, or to have running water, electricity, schools, health care or roads.  

In 2000, over 15 families left due to measures imposed by the Israeli army that limited the community’s access to water. Tractors and water tankers were confiscated on the grounds that they were located in a ‘forbidden zone.’ One water tanker was confiscated for eight months and only released when residents paid a NIS 12,000 fine.

In 2002 and 2003, some eight families left the community after the Israeli army dug a trench to the west of Al Hadidiya, impeding residents’ access to food, water and basic services. A few of the families sold their sheep and moved to Tamun, which is located in Area A. These families now survive as paid laborers or rely on their children, who are herders. Others went to the Khirbet Atuf area and continued herding.

Between 2003 and 2008, approximately eight families left for different reasons, including additional demolitions by the Israeli authorities, which occurred between 2005 and 2007, and the installation of a road gate to the west of the community, affecting the community’s access to water.  In 2008, four additional families left the community following demolitions.

In June 2011, the Israeli military carried out two sets of demolitions in Al Hadidiya, demolishing 33 structures, leaving 37 residents without homes and undermining the livelihood of a further 15. Most of these, 29, were demolished on 21 June 2011. Since that time, a court case against further demolitions is pending in Israeli courts and theoretically frezes all demolition orders. Yet, the remaining twelve families that stand firm and refuse to leave the area have already seen several demolitions occurring without legal orders or prior notification.

To further push the community out of their lands, military exercises using heavy tanks and live ammunition are regularly held within a few hundred metres of people’s homes.

  Al Hadidiya and Israel’s illegal settlements

The illegal Israeli colonies of of  Ro’i and Beqa’ot have appropriated already 3000 dunums of agricultural land from al Hadidiya.

Since 1977, the Israeli settlement Ro’i has been expanding on Al Hadidiye’s land in the area. The efforts to expel the community are aimed at granting free access for the settlement to 20,000 dunums of the Palestinian Bedouins’ fertile lands in the northern Jordan Valley for colonization.

Despite its proximity to a pump of Mekorot – the Israeli national water company – the village is not hooked up to the water network. As a result, Al Hadidiya residents depend on expensive water tankers, ending up paying 30 NIS for a cubic meter, about six times as much as they would be paying if they were connected to the network. This explains why the average water consumption in Al Hadidiya (20 litres per person per day) is far lower than the absolute minimum of 100 litres recommended by the World Health Organization.

On the contrary, the two nearby settlements of Ro’i and Beqa’ot are served by Mekorot, and their average water consumption for household use alone – that is without considering water used for agriculture – is at least 23 times that of Al Hadidiya: 460 litres per person per day.

Giovedì sera, un ragazzo palestinese di 19 anni, Khalid Mahmoud al-Jawabra, è stato ucciso nel campo profughi di al-Arrub, nel nord di Hebron.

Si tratta del terzo palestinese ucciso nella giornata.

La Mezzaluna Rossa ha dichiarato che il giovane è stato colpito due volte allo stomaco dai proiettili sparati dai soldati israeliani, durante scontri, ed è deceduto per le ferite mentre si trovava all’ospedale al-Ahli di Hebron.

L’ambulanza che ha tentato di avvicinarsi a al-Jawabreh è stata costretta dalle forze israeliane a prendere una strada molto più lunga.

Il campo profughi di al-Arrub è situato lungo la Route 60 usata regolarmente dai coloni israeliani per raggiungere gli insediamenti illegali a Hebron, e il campo è luogo di frequenti scontri con i soldati.

(Fonte: Quds Press e Ma’an)

Hebron Le forze d’occupazione hanno ucciso un giovane palestinese del campo profughi di al-‘Arub, a nord di Hebron, durante gli scontri scoppiati all’ingresso del campo.

Fonti locali hanno reso noto che il diciannovenne Khaled Mahmud Jawabra è deceduto dopo essere stato colpito al petto da proiettili partiti da una torretta militare all’ingresso del campo, e dichiarato che il giovane è stato trasportato all’ospedale nel tentativo di salvargli la vita, ma è morto a causa delle ferite riportate.

Con la morte di Khaled, il numero dei martiri sale oggi a tre: il giovane Yahya Taha, originario di Qatna, a nord ovest di Gerusalemme, ed il cinquantenne Samer Sarisi, di Jenin. Dall’inizio di novembre, il numero dei martiri dell’intifada sale a 102, di cui 22 bambini e quattro donne.

Traduzione di Michele Di Carlo

Operazione Colomba. Video  25 novembre, At-Tuwani – Dopo che l’esercito israeliano ha chiuso l’accesso alla città di Yatta, isolando di fatto l’area della Massafer-Yatta, le donne palestinesi chiedono la partecipazione ad azioni condivise di solidarietà e supporto con lo scopo di riaprire la strada.
Link al video:

Imemc. Mercoledì dei coloni paramilitari israeliani hanno invaso i cortili della moschea di al-Aqsa di Gerusalemme, come atto provocatorio contro i musulmani, che lo considerano il terzo luogo più sacro dell’Islam.

Una simile invasione armata è considerata una grave violazione della sua santità e ha provocato tensioni con i fedeli palestinesi, che hanno iniziato a cantare slogan religiosi sfidando l’invasione.

Nel frattempo, la polizia israeliana continua a imporre limitazioni all’entrata palestinese nel sito, specialmente alle donne e ai giovani, trattenendo le loro carte d’identità prima di ammetterli.

Questo luogo sacro ha testimoniato continue invasioni da parte dei militari israeliani e dei coloni paramilitari armati. Tali invasioni sono aumentate in modo significativo da agosto, quando i soldati hanno lanciato gas lacrimogeni sui fedeli nella moschea.

Gli estremisti ebrei che spesso invadono la moschea hanno dichiarato pubblicamente che essa dovrebbe essere distrutta e rimpiazzata con un tempio ebraico, in quanto lì vicino c’è un luogo in cui, secondo alcuni ebrei, nell’antichità furono distrutti i due tempi ebraici.

Molti musulmani palestinesi si preoccupano che, se si permettesse ai visitatori ebrei di pregare nella moschea, ciò porterebbe a un cambio permanente e Israele finirebbe per bandire le preghiere musulmane.

Centinaia di estremisti ebraici tentano regolarmente di legalizzare le preghiere nell’area, una mossa che la stessa polizia israeliana vede come una provocazione contro i fedeli musulmani.


Betlemme – Ma’an. Mercoledì notte le forze militari israeliane hanno arrestato perlomeno 20 palestinesi durante una serie di raid nella Cisgiordania occupata.

Nel campo profughi di al-Arrub sono stati arrestati tre palestinesi, identificati come: Luay Saleem Rushdi, di 17 anni, Mahmoud Nidal abu Ghazi, di 19, e Haitham Zeyad al-Rajabi, di 22.

Le truppe israeliane hanno invaso il campo con il pretesto di ordigno esplosivo lanciato contro un checkpoint nelle vicinanze.

I soldati hanno anche fatto un’incursione nella casa di Ahmad Baqueen al-Jaabri, che a ottobre era stato accusato di aver attaccato le forze israeliane con la propria auto allo svincolo di Beit Einun. I militari hanno quindi preso le misure della casa e hanno detto alla famiglia che sarebbero tornati per demolirla.

Un portavoce dell’esercito israeliano ha riferito che i tre arrestati nel campo di al-Arrub sono accusati di terrorismo, mentre altri quattro palestinesi, fra cui due operativi di Hamas, sono stati arrestati a Hebron. Ha aggiunto che in totale sono stati arrestati 20 palestinesi in Cisgiordania.


Nablus. Giovedì, un Palestinese di 51 anni, Samer Hasan Seriesi, è stato colpito a morte dai soldati israeliani al check-point di Za’tara, nel sud di  Nablus.

Il bilancio dei morti, tra i Palestinesi, dal 1° ottobre, è salito a 101. I feriti sono oltre 12.000.

Il ministero della Sanità palestinese ha dichiarato che Seriesi è stato lasciato morire dissanguato: i medici israeliani sono arrivati sul posto ma sono rimasti fermi, senza prestare soccorso.

L’esercito ha affermato che l’uomo ha tentato di accoltellare un soldato, ma che è stato colpito e ferito, e che sono sulle tracce di un taxista palestinese che lo ha portato al check-point.

Il quotidiano israeliano Haaretz, citando fonti militari, ha affermato che l’uomo è corso verso i soldati impugnando un coltello, tuttavia, testimoni oculari hanno smentito le dichiarazioni israeliane dicendo che sarebbe stato fisicamente impossibile per l’uomo correre con un coltello in mano.

(Fonti: Quds Press, Ma’an e Imemc)


ImemcAlcune organizzazioni palestinesi per la difesa dei diritti umani hanno consegnato un documento alla Corte Penale Internazionale contenente presunti crimini di guerra e contro l’umanità commessi da Israele durante l’offensiva di Gaza nel 2014.


Lunedì 23 novembre, momento storico per la Palestina nel tentativo di ottenere visibilità, quattro organizzazioni per la difesa dei diritti umani hanno consegnato un documento riservato al Pubblico Ministero della Corte Penale Internazionale, Bensouda, a nome delle organizzazioni stesse e delle vittime palestinesi della “Operazione Margine di Protezione” portata avanti da Israele. Il documento, consegnato da Al-Haq, Al-Mezan Center for Human Rights, Aldameer e dal Palestinian Centre For Human Rights, ai sensi dell’Articolo 15 dello Statuto di Roma, contiene informazioni sui crimini documentati durante l’offensiva sulla Striscia di Gaza da parte di Israele avvenuta nel 2014.

“Ormai ci siamo abituati alle uccisioni e alle ingiustizie commesse da Israele ai danni dei palestinesi nella striscia di Gaza. L’offensiva del 2014 è la terza guerra ai danni del nostro popolo in sei anni. Ma niente rende pronti ad affrontare la morte dei propri figli e nipoti in un attacco contro la propria casa”, ha detto Bouthaineh Al Louh, 57 anni, mamma palestinese che piange la morte della sua famiglia. “Il 20 agosto 2014, alle 04.45, Israele ha attaccato la nostra casa a Deir al Balah mentre dormivamo. Mio figlio e i miei due figli adottivi sono morti, così come mia nuora, incinta di 9 mesi, e i suoi 3 figli. La nostra famiglia non sarà mai più completa, e la nostra casa è distrutta. Spero che la CPI possa prendere in considerazione i crimini che abbiamo subito e punire coloro che ci hanno privato dei nostri cari”.

Dall’Aia, Shawan Jabarin (direttore di Al-Haq) ha dichiarato che “Abbiamo fornito abbastanza informazioni all’ufficio del Procuratore per determinare che ci siano basi solide per poter affermare che cittadini e ufficiali militari israeliani hanno commesso crimini durante l’offensiva ai danni di Gaza. Crediamo che le informazioni a disposizione dell’Ufficio del Procuratore siano abbastanza per aprire un fascicolo e spingere a prendere provvedimenti e iniziare un’indagine formale”.

Spinte dal mandato emesso dalla Corte per fermare i crimini di guerra e contro l’umanità, le organizzazioni firmatarie del documento hanno illustrato dettagliatamente omicidi, persecuzioni, torture e altri atti inumani, così come attacchi deliberati ai danni dei civili e delle loro proprietà, avvenuti senza alcuna giustificazione. Complessivamente, le forze armate israeliane hanno ucciso più di 1540 civili palestinesi in 51 giorni, allontanandone centinaia di migliaia. L’alto numero di vittime e gli allontanamenti di massa sono il risultato degli attacchi indiscriminati di Israele ai danni dei cittadini palestinesi e dei loro beni. Il documento parla di attacchi mirati alle case, agli ospedali, alle scuole e altri edifici di alto profilo.

“Data la nostra lunga esperienza nel parlare a nome delle vittime palestinesi davanti a meccanismi israeliani, tra cui l’Alta Corte di Giustizia, è chiaro che la complementarietà non impedisce al Pubblico Ministero di chiedere l’autorizzazione a procedere con le indagini. Israele non vuole e la Palestina non può punire i crimini internazionali commessi dagli israeliani”, ha detto Raji Sourani (Direttore del PCHR). “E’ compito della CPI mettere fine a questa barbarie”.

Le organizzazioni hanno dichiarato che i crimini sono stati commessi nel corso di un attacco esteso o sistematico, in conformità con una politica messa in atto dalle più alte cariche civili e militari israeliane, tra cui membri dell’ufficio sicurezza israeliano, e che tali crimini rientrano nella categoria dei crimini di guerra e contro l’umanità.

Dalla striscia di Gaza, Issam Younis (Direttore di Al Mezan) ha dichiarato che “L’occupazione di Israele, così come la soffocante chiusura della striscia di Gaza, sono andate avanti per troppo tempo, e non crediamo che nessuno, specialmente le vittime palestinesi, debba essere costretto a scegliere tra pace e giustizia. La CPI ha l’opportunità di indagare in modo obiettivo, di perseguire e di punire i responsabili di questi orrendi crimini condannati dalla comunità internazionale. La CPI può anche evitare che questi siano commessi nuovamente in futuro. Per questo, il Pubblico Ministero deve chiedere l’autorizzazione ad aprire le indagini”.

Consegnando queste informazioni, le organizzazioni hanno espresso la loro intenzione a continuare a collaborare con la Corte, per assicurarsi che le vittime ottengano giustizia e risarcimenti.

Traduzione di Giovanna Niro



Gerusalemme. Giovedì mattina, durante l’invasione della città di Qatanna, a nord-est di Gerusalemme, i soldati hanno sparato a un giovane, Yahya Yosri Taha, 21 anni, uccidendolo. Molti altri residenti sono stati rapiti.

Il ministero della Sanità palestinese ha dichiarato che Taha è stato colpito da munizioni letali alla testa, durante gli scontri scoppiati tra soldati e giovani locali. I medici sono accorsi sul posto ma i militari hanno lasciato Taha per terra per 90 minuti, impedendo i soccorsi.

Gli scontri sono scoppiati durante l’invasione della città da parte delle truppe di occupazione, che hanno assaltato le abitazioni e rapito decine di residenti.

I giovani hanno lanciato pietre e bottiglie vuote contro i soldati, che sparavano munizioni vere, proiettili di metallo rivestiti di gomma e gas lacrimogeni.

I militari hanno aggredito e bastonato diversi residenti, dopo averli costretti a uscire dalle case o a salire sui tetti, mentre loro mettevano a soqquadro gli interni.

Quattro Palestinesi di Qatanna sono stati uccisi dall’esercito israeliano negli ultimi due mesi e a decine sono stati feriti o rapiti.

(Fonti: Quds Press, Imemc, Ma’an)



David Cronin 26 November 2015

Claude Moniquet’s Israel links go unmentioned when he is asked to analyze the Paris attacks. 

Yahya Yusri Taha (21 anni) ha perso la vita nel corso degli scontri tra i palestinesi e i soldati israeliani divampati stamane all’alba nei pressi di Gerusalemme. La seconda vittima, invece, avrebbe provato ad accoltellare un gruppo di poliziotti israeliani nei pressi dello svincolo di Tapuah

Militari israeliani in azione a Qatanna stamattina. Foto: Ma’an


ore 10:25     Palestinese ucciso dopo un presunto attacco con coltello

Le forze di sicurezza israeliane hanno ucciso poco fa un palestinese che avrebbe provato ad accoltellare un gruppo di poliziotti nei pressi dello svincolo di Tapuah, in Cisgiordania. Secondo una prima ricostruzione dei fatti fornita da Tel Aviv, l’aggressore sarebbe uscito di scatto dalla macchina ad un posto di blocco della polizia israeliana e si sarebbe scagliato contro le forze dell’ordine impugnando un coltello. A quel punto i poliziotti lo avrebbero “eliminato”.

Nello stesso luogo, martedì, alcuni militari erano stati investiti da una macchina guidata da un palestinese. L’attacco aveva portato al ferimento leggero di tre soldati


della redazione

Roma, 26 novembre 2015, Nena News – Le forze armate israeliane hanno un ucciso stamane all’alba un palestinese di 21 anni durante un blitz nel villaggio di Qatanna, nord ovest di Gerusalemme. A dare la notizia è il ministero della salute palestinese.

Secondo la versione palestinese, centinaia di soldati israeliani sono entrati nel villaggio all’alba e hanno arrestato diversi residenti dopo aver compiuto ispezioni casa per casa. Il blitz israeliano ha scatenato la rabbia dei palestinesi che hanno iniziato a scontrarsi con i soldati. Tra i manifestanti vi era anche Yahya Yusri Taha il quale, raggiunto da un colpo d’arma da fuoco alla testa, è stato lasciato sanguinare sul terreno per più di mezz’ora senza che i militari permettessero l’ingresso di un’autoambulanza. Durante gli scontri i soldati hanno usato pallottole vere, proiettili d’acciaio ricoperti da gomma e gas lacrimogeno.

L’esercito israeliano non ha ancora commentato quanto è accaduto.

Dall’inizio di ottobre sono almeno 96 i palestinesi uccisi per mano israeliana. Molti sono stati raggiunti da colpi di arma da fuoco dopo aver provato (o dopo essere riusciti) ad accoltellare o investire coloni, militari e civili israeliani. Sono più di 30, invece, quelli che sono morti nel corso di scontri con i soldati in Cisgiordania. Nena News

Reportage dalla “capitale” siriana del Califfato di al-Baghdadi, assediata dai jihadisti e bombardata dagli occidentali

I miliziani dello Stato islamico sfilano a Raqqa (Archivio). Foto: Reuters

di Federica Iezzi

Raqqa (Siria), 26 novembre 2015, Nena News – Mentre rimangono accese le luci rosse di allarme in Europa, Francia e Russia continuano a bombardare l’area di Raqqa, la capitale siriana del Califfato nero. Colpiti i villaggi di al-Zibari, Mo Hasan, al-Bo Omar, al-Mrei’iyyah e al-Bokmal. Forze armate dello Stato Islamico circondano completamente il perimetro della città di Raqqa. I civili che vivono ai margini della città lo fanno in campi spontanei. Al freddo. Senza acqua potabile. Senza latrine. Non ci sono tende delle Nazioni Unite. Non c’è la Croce Rossa Internazionale. Ci sono bambini scalzi mentre fuori la temperatura scende a quattro gradi. Ci sono donne incinte malnutrite. Ci sono uomini con gli occhi incavati senza lavoro.

I militanti hanno il pieno controllo di tutte le strade di accesso ai quartieri. Limitati ingresso e uscita nelle aree assediate. Anche l’assistenza umanitaria risulta limitata o, peggio, del tutto bloccata. Fermato ogni veicolo che trasporta verdure, grano e forniture di cibo. Una sciarpa rossa incornicia il viso smagrito di Ghaith. “Spesso siamo costretti a mangiare le foglie degli alberi e le piante selvatiche” ci racconta.

Campi spontanei alla periferia di Raqqa. Foto: Federica Iezzi

Oltre all’accesso limitato, l’assedio è combinato a raid aerei e scontri a terra continui e violenti. I prezzi dei prodotti alimentari continuano a salire drammaticamente. Per un chilo di zucchero si paga quasi cinque euro. 51 euro per un chilo di tè. 380 euro per una bombola del gas. Il pane viene preparato in un solo panificio in città.

Abdel vive sotto un telone di plastica riparato da stracci e sopra un tappeto rosso e grigio, l’unico pezzo rimasto della sua vecchia casa nel quartiere di al-Shohadaa, a Raqqa. Ci dice: “non ci hanno permesso nemmeno di andare nelle zone controllate dal governo per ritirare i nostri stipendi. Le decine tra ministeri e governatorati, controllati da Daesh (noto anche come Is, Stato Islamico), non riconoscono il nostro lavoro”. Secondo una stima dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, almeno 640.000 siriani vivono in zone sotto assedio mentre infuria la guerra nel Paese.

Dallo scorso febbraio sono state riconosciute ufficialmente 11 aree assediate in Siria. Alle centinaia di migliaia di siriani che vivono in queste zone sono negate le necessità primarie: cibo, acqua e medicine. Centinaia sono le morti da cause prevenibili, come la fame, la disidratazione e la mancanza di cure mediche. Miran e Saben hanno un negozio di alimentari alla periferia di Raqqa. “Paghiamo un’imposta a Daesh di 44.000 libbre siriane al mese per il nostro negozio. A queste si sommano i costi dell’elettricità e dell’acqua. Ogni giorno per almeno 22 ore non c’è elettricità. E per queste due ore scarse paghiamo 3.000 libbre siriane al mese”. I guadagni sono nulli. I negozi restano chiusi durante il periodo di preghiera per cinque volte al giorno.

Distrutti dai raid aerei della Coalizione Internazionale e da bombe francesi e russe dirette sullo Stato Islamico, anche centrali elettriche e impianti di filtrazione per l’acqua. Adesso l’acqua viene estratta manualmente da falde acquifere contaminate da scarichi fognari e conservata malamente in contenitori di plastica. Non ci sono quasi più medici a Raqqa. Lo Stato Islamico ha perseguitato, torturato e ucciso chiunque curasse combattenti di altri gruppi ribelli. 670.000 bambini sono senza scuola o, peggio, solo con la scuola coranica. Niente più scienza, storia e arte, solo studi islamici distorti dal primitivo significato.

Pantaloni larghi che cadono sopra le caviglie senza lasciare nessun tratto di pelle scoperta. Burhan ci dice: “siamo costretti ad andare in moschea per la preghiera ‘in congregazione’. Sermoni con l’obiettivo del reclutamento. Non abbiamo neanche più la libertà di pregare da soli”. Nena News

La risoluzione 2249 non contiene autorizzazioni all’uso della forza in Iraq e in Siria ma invita gli Stati ad adottare ogni misura necessaria: un mezzo per conferire legittimità alle azioni militari sul territorio siriano intraprese da Stati che sono anche membri permanenti del Consiglio

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu

di Vito Todeschini*

Roma, 26 novembre 2015, Nena News – A distanza di una settimana dagli attentati di Parigi, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (Csnu) ha adottato la risoluzione 2249 (2015) sulla lotta all’Isis, noto anche come Stato Islamico o Daesh. L’obiettivo di tale risoluzione, che non prevede un’autorizzazione all’uso della forza, sembra essere quello di fornire legittimità politica alle operazioni militari che vari Stati stanno già conducendo in Siria.

“Una minaccia globale e senza precedenti”

In generale le risoluzioni del Csnu si suddividono in due parti. Il preambolo introduce il contesto politico e giuridico alla base della risoluzione; i paragrafi operativi, invece, stabiliscono le misure che il Csnu raccomanda o ordina agli Stati di adottare. Nella parte operativa sono inoltre incluse eventuali misure coercitive adottate dal Consiglio in base al sistema di sicurezza collettivo stabilito dal Capitolo VII della Carta Onu, come ad esempio embarghi, congelamenti di fondi, segnalazioni alla Corte Penale Internazionale, nonché autorizzazioni all’uso della forza contro Stati o gruppi armati.

Nel preambolo della risoluzione sull’Isis il Csnu afferma, come da prassi consolidata, che “il terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni costituisce una delle minacce più gravi alla pace e alla sicurezza internazionali” (1). Il Consiglio afferma inoltre che l’Isis costituisce “una minaccia globale e senza precedenti alla pace e alla sicurezza internazionali”, confermando la propria determinazione a combattere tale organizzazione “con ogni mezzo”. Normalmente queste formule fungono da premessa all’adozione di misure coercitive implicanti o meno l’uso della forza. L’esistenza di una “minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali” è infatti la condizione necessaria ai sensi dell’articolo 39 della Carta Onu perché il Csnu possa adottare tali misure.

Nella risoluzione 2249 sulla lotta all’Isis, tuttavia, ciò non avviene. Nella sezione operativa il Csnu si limita a condannare vari attentati terroristici avvenuti nell’arco del 2015 ‒ a Sousse, ad Ankara, nel Sinai, a Beirut e a Parigi ‒ e ad esprimere il proprio supporto agli Stati in cui gli attacchi hanno avuto luogo, ai cittadini di questi ultimi nonché alle vittime. Il Consiglio condanna inoltre le violazioni sistematiche e diffuse dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario commesse dall’Isis contro civili, minoranze e siti di valore culturale, richiedendo che gli autori di questi crimini vengano perseguiti e puniti. Il Csnu infine sollecita gli Stati a rafforzare l’azione di prevenzione e repressone dell’afflusso dei cosiddetti combattenti terroristi stranieri verso la Siria e l’Iraq e del finanziamento del terrorismo.

L’uso della forza contro l’Isis

Come già accennato la risoluzione sulla lotta all’Isis non contiene autorizzazioni all’uso della forza in Iraq e in Siria. Tuttavia nel paragrafo operativo numero 5 il Consiglio invita gli Stati che ne abbiano la capacità ad adottare ogni misura necessaria, nel rispetto del diritto internazionale, finalizzata a prevenire e sopprimere gli atti terroristici commessi dall’Isis e da ogni altra organizzazione terroristica, inclusi al-Nusra e i vari gruppi affiliati ad al-Qaida, e ad eliminarne le roccaforti in Iraq e Siria.

La formula “ogni misura necessaria” è normalmente utilizzata dal Csnu per autorizzare l’uso della forza contro Stati o gruppi armati; tuttavia la risoluzione non fornisce una tale autorizzazione. Secondo alcuni studiosi di diritto internazionale tale paragrafo non è che un mezzo per conferire legittimità alle azioni militari sul territorio siriano intraprese da vari Stati contro l’Isis. Tra questi vi sono Russia, Usa, Regno Unito e Francia, ossia quattro dei cinque membri permanenti del Csnu (il quinto è la Cina). Il Consiglio evita quindi di fornire un’autorizzazione formale all’uso della forza sul territorio siriano, e lascia che ogni Stato agisca in base alle giustificazioni dell’uso della forza avanzate sinora. Ma quali sono tali giustificazioni?

La Russia agisce su invito del governo siriano, il cui consenso vale come base giuridica per i bombardamenti sia contro l’Isis che contro i ribelli che combattono Assad, i quali secondo varie fonti costituiscono il vero bersaglio dell’azione militare russa. La coalizione di Stati occidentali e arabi guidata dagli Usa agisce in supporto del governo iracheno, il quale già nel settembre 2014 ha invocato il diritto di legittima difesa collettiva riconosciuto dall’Articolo 51 della Carta Onu.

L’estensione delle operazioni militari in territorio siriano viene giustificata in base all’incapacità o reticenza del governo siriano di prevenire gli attacchi condotti dall’Isis, una teoria giuridica ancora non del tutto consolidata in diritto internazionale ma che non sembra essere apertamente condannata come illegale dalla maggioranza degli Stati.

Va infine aggiunto che gli attentati contro l’aereo russo nel Sinai e a Parigi permettono ora alla Russia e alla Francia di invocare a propria volta la legittima difesa contro l’Isis. Il fatto che il Csnu abbia definito tali attentati come “minacce alla pace e alla sicurezza internazionali” conferma che possono considerarsi “attacchi armati” ai sensi dell’Articolo 51 della Carta Onu. L’esistenza di un attacco armato costituisce infatti la condizione necessaria affinché uno Stato possa utilizzare la forza in legittima difesa contro un altro Stato o un gruppo armato.


La risoluzione del Csnu sulla lotta all’Isis sembra avere un peso e un significato di carattere principalmente politico. Da un punto di vista istituzionale si tratta di una dichiarazione di condanna di vari attentati attribuiti all’Isis, sebbene al contempo possa notarsi come tale condanna sia giunta solamente dopo che gli attacchi hanno colpito il cuore dell’Europa.

La risoluzione sembra inoltre fornire un sigillo di legittimità politica alle azioni militari contro l’Isis condotte da vari Stati in territorio siriano. In essa tuttavia non è presente alcuna autorizzazione all’uso della forza, con la conseguenza che ai sensi del diritto internazionale ogni azione militare in Siria contro l’Isis continuerà ad essere intrapresa sulla base di una varietà di giustificazioni, dal consenso del governo siriano alla legittima difesa individuale e collettiva, a seconda dello Stato coinvolto.

In tutto ciò, il perno principale di questa crisi internazionale ‒ il conflitto armato in Siria e le sue conseguenze negli Stati adiacenti ‒ trova spazio in un solo paragrafo del preambolo, in cui il Csnu esprime il proprio supporto alle varie tappe dei negoziati avviati nel 2012. Se quattro dei cinque membri permanenti del Consiglio non fossero militarmente impegnati nel conflitto siriano, ci si potrebbe domandare quanto ancora il principale organo dell’Onu deputato al mantenimento della pace e della sicurezza internazionali intenda aspettare prima di trovare una soluzione politica al conflitto siriano che vada al di là dell’autorizzazione o della legittimazione ad usare la forza armata. Nena News

*Vito Todeschini è dottorando in diritto internazionale presso l’Università di Aarhus (Danimarca) e membro della redazione di Rights!, blog sui diritti umani. Nelle sue ricerche si occupa di diritto dei conflitti armati, diritti umani, diritto internazionale penale e uso della forza internazionale. Può essere contattato all’indirizzo:

(1) Tutte le traduzioni sono dell’autore.

Security Council Resolution 2249 (2015);
D. Akande, M. Milanovic, ‘The Constructive Ambiguity of the Security Council’s ISIS Resolution’;
N. Ronzitti, ‘Il diritto internazionale e l’intervento contro l’Isis’.

La società israeliana loda Pollard e si accanisce in una vendetta perenne contro Vanunu. Tipico, scrive Akiva Eldar, della mancanza di simmetria tra l’atteggiamento di Israele verso coloro che fanno del male alla propria sicurezza e l’atteggiamento che esige dagli ebrei che danneggiano la sicurezza della loro patria

di Akiva Eldar – al-Monitor

Roma, 26 novembre 2015, Nena News - Il rilascio di Jonathan Pollard da una prigione degli Stati Uniti lo scorso 20 novembre non ha sollevato l’opinione pubblica israeliana dalla vicenda che lo ha ossessionato negli ultimi tre decenni. Il presidente della Commissione per la Casa alla Knesset David Bitan (Likud) è stato veloce nel preparare una legislazione che concede a Pollard uno stipendio statale mensile per il resto della sua vita con affitto agevolato e assistenza sanitaria. In una lettera di congratulazioni all’ex galeotto, il membro del Campo Sionista Nachman Shai, capo del comitato elettorale di sostegno per Pollard alla Knesset, ha scritto che la “lobby non si darà pace e non cesserà di agire”. In realtà, egli ha stabilito una nuova sfida per il comitato: revocare le restrizioni alla spia ebrea che “violano i [suoi] diritti civili”. Shai ha promesso che il comitato non fermerà la sua difesa fino a quando a Pollard non sarà permesso di lasciare gli Stati Uniti per una destinazione di sua scelta, “in primo luogo Israele”.

Nel mese di luglio, lo stesso Shai ha dato agli ascoltatori della radio Kol Barama un’idea degli atti commessi dall’uomo per il quale è stato istituito uno speciale comitato alla Knesset. “E ‘difficile per noi comprendere la nozione di persona che tradisce la sua patria”, ha detto Shai. “C’è stato il denaro, è stato pagato per le sua attività, forse non ha ottenuto tutto, ma ha ricevuto il pagamento [$ 30.000 all’anno]. E ‘anche una sorta di spionaggio … Ha cercato di vendere i documenti ad altri paesi, non solo a Israele”. Ciononostante, Shai ha aggiunto che dopo che Israele si è assunto la responsabilità per le azioni di Pollard e gli ha concesso la cittadinanza israeliana, era suo compito andare fino in fondo in sua difesa.

Non solo Shai ha definito Pollard un traditore della patria e una spia pagata, ma lo ha anche confrontato con Mordechai Vanunu, la “spia nucleare” di Israele. Nel 1988, Vanunu era stato condannato per tradimento e spionaggio aggravato per la vendita di documenti classificati sul funzionamento interno dell’impianto nucleare di Dimona al quotidiano britannico Sunday Times. Un tribunale lo ha condannato a 18 anni di carcere. Per i primi 11 anni della sua condanna, è stato tenuto in completo isolamento.

In realtà, le due vicende hanno molte somiglianze. Vanunu, come Pollard, ha lavorato per un’agenzia della Difesa, ha abusato della fiducia del suo datore di lavoro e ha inflitto gravi danni agli interessi nazionali del suo paese. Entrambi avevano motivazioni ideologiche, anche se avvolte nei contanti. Vanunu ha cercato di rompere la congiura del silenzio che circondava le capacità nucleari di Israele e la riluttanza del pubblico di sapere cosa succedeva a Dimona. Avner Cohen, autore di “Israele e la Bomba” e docente di studi nucleari presso l’Istituto per gli Studi Internazionali Middlebury a Monterey, in California, sostiene che Vanunu non era una spia a tutti gli effetti. Piuttosto, egli lo considera “l’originale Edward Snowden”.

Come Pollard, anche dopo che Vanunu ha scontato tutta la sua pena, è stato considerato una bomba a orologeria di segreti. Anche a lui sono stati vietati i contatti con i media e il permesso di lasciare il paese. Anche se è passato più di un decennio dal suo rilascio, e quasi 30 anni da quando è stato imprigionato, Vanunu non è ancora un uomo libero. Qui è dove la somiglianza tra i due criminali condannati finisce.

Pollard ha ottenuto il suo comitato alla Knesset, un edificio (illegalmente costruito) a Gerusalemme est che porta il suo nome (“Jonathan House”), l’assistenza per il suo risanamento finanziario e gli sforzi organizzati per abbellire le sue motivazioni e le sue azioni. Vanunu, invece, porta ancora il marchio di Caino, di traditore e di spia. Non un solo membro della Knesset ha mosso un dito per rimuovere le restrizioni di viaggio su di lui e le altre limitazioni imposte dalla sicurezza dello Stato. Nessun mezzo principale di informazione ha denunciato l’atteggiamento di “vendetta” dei servizi di sicurezza contro Vanunu. I giornalisti sono troppo occupati con il circo del rilascio di Pollard. I commentatori sono scioccati dalle restrizioni imposte a Pollard dal governo statunitense.

Non è insolito che gli israeliani abbiano atteggiamenti diversi nei confronti delle due spie. E’ tipico della mancanza di simmetria tra l’atteggiamento di Israele verso coloro che fanno del male alla propria sicurezza e l’atteggiamento che esige dagli ebrei che danneggiano la sicurezza della loro patria. Si può supporre che se Pollard fosse stato un ebreo americano unitosi al Mossad e se avesse venduto un milione di documenti classificati all’intelligence degli Stati Uniti per avidità – dopo aver offerto i suoi servizi, come è stato riferito, in Sud Africa, Argentina, Taiwan, Pakistan, Iran e Australia – il pubblico israeliano e dei suoi funzionari eletti avrebbero condannato qualsiasi tentativo da parte di un presidente americano di intervenire in suo favore. Che cosa avrebbero detto i membri della Knesset che fanno lobbying per Pollard  di un comitato del Congresso Usa che facesse pressione per il rilascio di un Pollard israeliano? In che modo i media si riferirebbero a un disegno di legge proposto al Congresso che gli fornisse sostegno finanziario a vita e sussidi per l’affitto e per le spese mediche?

La prima lezione della vicenda Pollard è che la capacità di compassione non ha religione, e la capacità di perdono non ha nazionalità. Il tuo eroe è spesso il nemico dell’altra parte e viceversa. La seconda lezione è che i “bisogni di sicurezza” non sono disinfettanti morali o smacchiatori. Chi decide di perseguire una spia nel territorio di un importante alleato deve tenere a mente che c’è un limite a quello che gli amici intimi sono disposti a sopportare. La terza lezione è che ci sono momenti in cui il vero protagonista è il politico che frena il suo desiderio di pubblicità. I politicanti rumorosi non hanno ridotto la condanna di Pollard di un solo giorno e forse hanno avuto l’effetto opposto. La fortuna che i media stanno cavalcando dal suo rilascio non taglierà le restrizioni di parola d’onore che gli sono stati imposti. Forse, farà solo peggio. Nena News

(Traduzione a cura della redazione)


Maureen Clare Murphy 26 November 2015

Videos and eyewitness testimony reveal use of deadly force when children could easily be apprehended.

Di Younes Arar. Questa foto è stata scattata il 25 novembre nella città occupata di Hebron.

Chi potrebbe crescere normalmente in tale ambiente?
Questo è ciò che vedono i bambini palestinesi da quanto nascono: fucili, un sacco di fucili, puntati contro di loro, che li prendono di mira, che prendono di mira il loro presente e il loro futuro, la loro esistenza, la loro innocenza, che prendono di mira ogni loro sentimento umano.


Una ricercatrice palestinese risponde all’Ambasciata di Israele

5 novembre 2015

Samar Batrawi è ricercatrice presso l’Università King’s College di Londra. Di recente, ha scritto degli articoli che trattavano, in particolare, i movimenti e gruppi violenti che operano, in Siria e in Irak.
Interessata alle sue ricerche sullo Stato Islamico, l’Ambasciata di Israele, a Londra, l’ha invitata, questa settimana, per una “discussione”. Ecco la sua risposta.

– foto allegata –

“Desidero dire, senza equivoci e nel modo più chiaro, che io rifiuto ogni associazione o collaborazione con l’Ambasciata di Israele, a Londra, per due distinte ragioni.

Innanzitutto, io sono la nipote di Mahmoud e Fatima Batrawi, due Palestinesi di Isdrud, che sono stati deportati, forzatamente, quando lo Stato che voi rappresentate è stato creato. Entrambi sono sepolti, in un cimitero della Cisgiordania, sormontato dalla colonia illegale di Psagot, legittimata dal governo dello Stato che voi rappresentate. La mia famiglia è una delle molte famiglie palestinesi che sonos opravvissute e cresciute contro ogni previsione, contribuendo alle società in cui vivono. Sono medici, insegnanti, avvocati, giornalisti, scrittori e accademici. E’ sulle spalle di questi eccezionali esseri umani che io, Palestinese che ha vissuto sotto la brutale rioccupazione di parti della Cisgiordania, durante la Seconda Intifada, sto. Voi siete, come ha detto, chiaramente, uno dei vostri cittadini più coscienziosi, “i loro occupanti, i loro torturatori, i loro carcerieri, i ladri della loro terra e della loro acqua, quelli che li esiliano, i demolitori delle loro case, quelli che bloccano i loro orizzonti.”.E’ sotto l’occupazione dello Stato di Israele che mio padre deve vivere, ogni giorno; è il suo assedio di Gaza che la mia famiglia ha sopportato, troppo a lungo; è il suo Governo criminale che ha diviso la mia famiglia in due, per più di dieci anni. E’ il “diritto all’autodifesa di Israele” che disturba il mio sonno, ogni notte, quando mi chiedo se mi sveglierò con la notizia che un dei miei cari è stato ucciso come “danno collaterale”, in una delle vostre operazioni, astutamente orchestrate. E’ l’odore del gas lacrimogeno, sparato dalle “forze di difesa” che sento, nei miei incubi, un ricordo infantile condiviso da molte generazioni di Palestinesi.

In secondo luogo, l’articolo che ho scritto sull’apparente appropriazione della questione palestinese da parte dello Stato Islamico non implicava un interesse condiviso tra Israeliani e Palestinesi, come tutti quelli che lo hanno letto, in modo critico, avranno capito. Voi rappresentate l’occupante e io rappresento l’occupato. Non è una posizione politica ma, piuttosto, la realtà della mia vita, quella che lo Stato di Israele mi ha imposta. Nessun supposto interesse comune può prevalere su questo fatto fondamentale. I soli temi da discutere sono i Diritti Umani di base dei Palestinesi che vivono sotto occupazione e in esilio. E lo Stato che voi rappresentate ha ben chiarito di essere disinteressato a questa questione.

Due brevi commenti finali.

Che cosa rappresenta per voi il 3 novembre? In questo giorno di 59 anni fa, le forze israeliane hanno massacrato centinaia di Palestinesi, a Khan Younis. Mia nonna era una giovane mamma, all’epoca, mio padre aveva pochi mesi. Lei lo teneva in grembo, nascosto sotto il vestito, con la paura che le forze israeliane lo potessero trovare e portarglielo via. Sono morte tra le 275 e 415 persone, quel giorno, ma la mia famiglia è sopravvissuta per raccontare la storia. Questo rappresenta per me il 3 novembre.

Infine, come cittadina palestinese, titolare di una carta di identità della Cisgiordania, non posso mettere piede, in Israele, a meno che non ottenga un permesso. Per questo, non posso essere utile ma trovo divertente il fatto che l’Ambasciata di Israele vorrebbe organizzare un incontro con me perché, anche se accettassi questa offerta, avrei paura di essere picchiata e imprigionata dalle vostre guardie per infiltrazione.
Trovo vergognoso che vi rivolgiate a me, in queste circostanze. E’ probabile che io debba osservare gli ordini del vostro Stato, ancora per molti anni, ma questa è una di quelle rare, bellissime occasioni, in cui posso dire al mio occupante, al mio torturatore, al mio carceriere, al ladro della mia terra, a quello che mi esilia, al demolitore della mia casa, a quello che blocca il mio orizzonte.


Samar Batrawi
PhD Candidate and GraduateTeaching Assistant
Department of War Studies
King’s College London

(Traduzionedi Marisa Conte)
Link originali…/batrawi-letter1.……/palestiniennerepondisrael/

Mercoledì pomeriggio, Muhammad Ismail Shubaki, un ragazzo palestinese di 19 anni, è deceduto per le ferite riportate ore prime, quando è stato raggiunto dai colpi sparati dall’esercito israeliano, dopo aver pugnalato un israeliano.

Il ragazzo era uno studente del Liceo tecnologico vicino al campo profughi di al-Arrub.

Secondo testimoni, è stato lasciato lasciato per terra, ferito, senza soccorsi.















































Ali Abunimah 25 November 2015

Activists say Connecticut AFL-CIO deserves support for calling for divestment from Israeli occupation.


Subscribe to Palestina Rossa aggregatore - Palestina

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente