Nena news

Condividi contenuti
Agenzia Stampa Vicino Oriente
Aggiornato: 2 ore 22 min fa

More than just a checkpoint: The politics of the Egypt-Gaza border crossing

Gio, 27/03/2014 - 12:26

The Palestinians are unwelcome in Egypt. Their living conditions have further deteriorated following accusations by the new Egyptian regime that Gaza residents, mainly affiliated with Hamas, are launching “terrorist attacks” inside the country. This situation is reflected by the humiliating treatment Palestinians are being subjected to on both sides of the Rafah crossing

 

Rafah crossing

by Hani Ibrahim -Al Bawaba

The Palestinians are unwelcome in Egypt. Their living conditions have further deteriorated following accusations by the new Egyptian regime that Gaza residents, mainly affiliated with Hamas, are launching “terrorist attacks” inside the country. This situation is reflected by the humiliating treatment Palestinians are being subjected to on both sides of the Rafah crossing.

Standing at the junction between the world’s two largest continents Asia and Africa, many Palestinians were denied access at an Egyptian army checkpoint. Soon after, Egyptian intelligence services closed the Rafah crossing, blocking them from returning to besieged Gaza.

Sixty-four Palestinians, who had decided to leave Gaza for various reasons such as receiving healthcare, studying, or renewing a residence permit abroad, were informed by the coordinator of the state of Palestine in Egypt, who spoke to them on board of a “deportation bus,” that they would not be returning to Gaza.

Palestinians stranded on the Rafah crossing, and who belong to neither the coordination committees nor the returned groups, are left with two choices: they are either given a permit to enter Egypt for residency or transit within 72 hours, or they’ll have to wait for eight hours for their turn to be deported to Cairo airport. Yet again Palestinians are left stranded. The story begins in February when the Egyptian government announced that it would open the crossing for three days, giving a small window of reprieve for Palestinians living in Gaza.

Five thousand Palestinians rushed to register, knowing that only 800 of them would be given access. Those who register first would be able to exit Gaza while others will have to undergo return procedures.

A return procedures gives its recipient priority status when the crossing opens again, which would be in about two weeks. Meanwhile, other Palestinians may have a higher chance to leave Gaza if they join “coordination campaigns” that pay large amounts of money to Egyptian intelligence officers as a bribe. The officers would send the registered names to the Palestinian side, represented by Hamas, and would insist that those individuals cross before or at the same time as passengers buses as a precondition to allow other buses to pass. Otherwise, the crossing would be closed down. Sometimes, people affiliated with the committee groups cross in private cars.

A person would have to pay approximately US$ 1500 to the coordination officers to travel. Before the ousting of Mohammed Mursi, it was US$ 500. Hence, on a single day, coordination officers would make at least US$ 70 thousand.

Palestinians stranded on the Rafah crossing, and who belong to neither the coordination committees nor the returned groups, are left with two choices: they are either given a permit to enter Egypt for residency or transit within 72 hours, or they’ll have to wait for eight hours for their turn to be deported to Cairo airport.

These two choices, entrance or deportation, are reached following the refusal of a travel permit for security reasons or to avoid imprisoning a person because it is too hard to transport him inside Egypt. This tragedy is in fact the outcome of the new Egyptian policy toward Palestinians, designating them as “unwelcomed guests due to their involvement in terrorist attacks, alongside the banned Muslim Brotherhood.”

Palestinians are now paying the price for a policy chosen by the Islamist rulers in Gaza who consider themselves part of the extension of the Muslim Brotherhood in the region. Unfortunately, this same movement helped create media platforms that enjoy demonizing others.

Even on the Palestinian side, travelers often face difficulties, such as being stopped for about half an hour to recount your life story if you’re heading to Beirut. The Lebanese capital is still part of the ‘difficult axis:’ Tehran – Damascus – Beirut, and Hamas wouldn’t be very pleased if a Palestinian visits Beirut for anything other than tourism, or getting an education.

After a person is cleared on the Palestinian side, they must test their running capabilities. For instance, the bus carrying their belongings might be departing, so they have to run a mile a minute to reach the first Egyptian gate. Here, time does not matter, because for Egyptians, Palestinian time and dignity is worthless, regardless of their humanitarian conditions.

As an Egyptian officer yells “remove your belt quickly, put your money and cell phone on the table and pass through the scanner,” you cannot help but remember a similar situation you must have had gone through on an Israeli checkpoint. Of course, when you packed your suitcases, you made sure not to forget anything, but maybe you didn’t know back then that you would need a pen at the Egyptian border, because officers here still adopt a manual registration system. Anyway, maybe the manual system is better than computers that might break down for no reason, meaning that many travelers would be rejected.

In any case, you better train your feet to stand for long hours, not due to the lack of chairs but because the places where travelers’ names are called are too far apart: the first one is at the intelligence room and the other is at the departure window. Of course, microphones are a waste of time, because what’s better than an officer’s loud voice to show you that he means business?

As you go between the two locations, make sure to keep an eye on your baggage because theft is an issue here. Meanwhile, listen carefully to the officers until you hear your name, but pay attention, Egyptians tend to call out names in their own accent.

Usually, people waiting at the checkpoint hesitate to confirm their ticket reservations or to buy Egyptian SIM cards because they don’t know their destination yet. Will they be deported? Returned home? Given access? Many travelers hugged their families and said their goodbyes at the crossing, but were later rejected by the intelligence services, a fear everyone shares.

As if that’s not enough, the Egyptian government blocks the Palestinian cell phone network coverage inside the hall, making people even more anxious. And as you nervously listen to names being called, you lose track of time since there are no clocks on the wall.

It is been seven long hours, hearts are beating fast, people are worried. They are waiting for the final verdict if they can cross. Finally some news comes in: only six buses were allowed to enter then the crossing will close.

You hear some travelers mentioning Palestinian officers belonging to Hamas working at the Egyptian side, so you try to observe well. You see an elegant man in civilian clothes talking with a Gazan accent, yes, that’s him, that’s the officer.

“Are you Abu Hassan? Abu Ibrahim ? Abu Oussama? Are you a Palestinian?” “Yes” he answers in a soft tone. The officer is then asked about passports and following some negotiations with Egyptian officers, he comes back to assure travelers that their names are on the deportation list.

As Palestinians patiently share their stories and get to know each other, they discuss the reasons pushing them to travel or to immigrate, and of course they pray for the situation to get better soon.

It’s now the turn of the deportees, “You, why are you going to Beirut? To study? Are there any universities there? Ah yes, go sit down.” You stand a little, waiting for him to ask you “why don’t you sit down?” “Thank you,” you answer. He remains silent. Maybe it’s confusing for an officer so used to being mean to Palestinians to hear the word “thank you.”

Palestinians are now paying the price for a policy chosen by the Islamist rulers in Gaza who consider themselves part of the extension of the Muslim Brotherhood in the region. A bus provided by the Palestinian embassy, and paid for by its citizens, is now ready to depart with the cheering passengers on board. However, it is stopped by an Egyptian army checkpoint. After 30 minutes of negotiations, the officer insists on not allowing the bus to pass by due to a curfew in Sinai, while the Palestinian side stresses on proceeding and to take full responsibility of its own welfare. Then, gunfire erupts and the bus is compelled to return carrying its passengers and their disappointment. However, the gate doesn’t open because the crossing authorities already stamped the passports so there is no way to return except after receiving permission from the intelligence services.

“They held me at the border,” said a young man on a bus carrying terrified women and children. Fortunately, it seems that the gun battle accelerated the coordination process by allowing the bus to return. Now, people on board have to spend a terrifying, cold night at the waiting hall with no water or food available, in a place that lacks cell phone coverage, sleeping quarters and even restrooms.

The next morning seemed so far away, but all of a sudden, the officers’ table was transformed into a canteen, selling water and food at five times the market price. Indeed, these officers know quite well how to play this game, acting serious in the morning and in the evening they get ready to make a living. They hold the upper hand because they hold the passports and the “return” stamps.

Soon after, they bring in some heaters and then they start asking travelers questions like what they think about General Al Sisi, about Hamas, about Egyptians before opening the officers’ restroom to allow stranded Palestinians to use it, in exchange for money of course.

The rising sun ends a long and cold sleepless night. Travelers arrive to the airport in the afternoon, and are held in deportation rooms until it’s time for their flights. And in case you need to leave quickly, don’t forget to tip the officer.

It is nice to get your passport back after it’s been with an Egyptian officer for two whole days. When you receive the exit stamp, you board the plane and the mission of the Egyptian officer and the Palestinian coordinator are over. Neither of them are now interested in delaying you any longer, actually they cannot wait to get rid of you.

Arriving to Beirut airport, you notice employees slightly smiling despite the gloomy situation in Lebanon. Their smiles remind you that you, too, were once a traveler who flew coach for an hour.

The post More than just a checkpoint: The politics of the Egypt-Gaza border crossing appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

L’Egitto si prepara a eleggere un nuovo faraone

Gio, 27/03/2014 - 10:29

Con la vittoria in tasca, il generale al Sisi annuncia in Tv di puntare alla guida del Paese. Promette sicurezza e lotta al terrorismo. Intanto, si aprono altri due maxi processi: alla sbarra 919 sostenitori di Morsi. Un morto negli scontri all’università del Cairo

Abdel Fattah al Sisi

di Sonia Grieco

Roma, 27 marzo 2014, Nena News – Ciò che era già stato dato per scontato adesso è ufficiale: Abdel Fattah al Sisi, 59 anni, capo dell’esercito egiziano e ministro della Difesa, si candida alle presidenziali che si terranno entro il 17 luglio. Lo ha annunciato ieri con un messaggio televisivo -la sua “ultima apparizione in uniforme”-  in cui ha spiegato di essersi congedato dalle Forze armate e ha anche dato qualche spunto di riflessione su quella che potrebbe essere la sua linea di governo.

“Non potrò fare miracoli”, ha detto, esortando gli egiziani a lavorare duro per il proprio Paese, e ha parlato della minaccia terroristica, impegnandosi a rendere l’Egitto “libero dalla paura”. Intanto, però, il Paese pare si stia liberando dei Fratelli Musulmani che fino al golpe del 3 luglio scorso erano al potere e adesso sono diventati fuorilegge, inseriti nella lista nera delle organizzazioni terroristiche, e in centinaia sono finiti in carcere. Dopo la sconcertante condanna alla pena capitale di 529 esponenti della Fratellanza la scorsa settimana, ieri è arrivata la notizia dell’apertura di due maxi processi che vedranno alla sbarra 919 “islamisti”, altri militanti e sostenitori del movimento islamico arrestati durante le manifestazioni seguite al golpe, che furono represse nel sangue (almeno mille i morti) e a cui sono seguiti attentati alle forze di sicurezza e ai palazzi del potere, soprattutto nell’instabile penisola del Sinai. Azioni terroristiche rivendicate da gruppi di stampo jihadista, spesso attribuite alla Fratellanza. Ieri all’università del Cairo un ragazzo è stato ucciso dalla polizia durante una manifestazione dei sostenitori di Morsi contro le condanne a morte comminate la scorsa settimana.

In questo clima di tensione, violenza e paura, continuano senza sosta gli arresti. Negli ultimi mesi, nelle prigioni egiziane sono finite circa 16.000 persone sospettate di appartenere ai Fratelli Musulmani e soltanto per 2.147 di loro sono formulati capi d’imputazione. Dietro le sbarre c’è anche l’ex presidente egiziano Mohammed Morsi, leader della Fratellanza, il primo capo di Stato eletto dopo la fine del trentennale regno di Hosni Mubarak nel 2011.

È stato proprio al-Sisi a deporre Morsi e sarà lui a guidare il Paese in questa turbolenta fase di transizione che segue la Primavera egiziana. Più che di elezioni presidenziali, infatti, si tratterà di un plebiscito per il generale che aspetta soltanto il sigillo del popolo. Uno a uno i suoi rivali si sono chiamati fuori dalla corsa elettorale; l’unico ancora in gara è Hamdeen Sabahi, uomo di sinistra arrivato terzo alle consultazioni del 2012, ma senza speranze di competere con l’uomo forte che ha dichiarato guerra alla Fratellanza. Secondo un sondaggio del Centro egiziano per l’Opinione Pubblica Baseera, Sabahi piace all’1 per cento degli egiziani che, invece, nel 51 per cento dei casi hanno dichiarato che avrebbero votato al-Sisi ancora prima che ufficializzasse la sua candidatura. Dati che mettono in luce la delusione da parte dei giovani egiziani per la piega che ha preso la rivolta iniziata proprio da loro: la percentuale degli under 30 che ha dichiarato di non voler andare a votare è doppia rispetto a quella degli intervistati over 30.La loro rivoluzione è stata tradita. Nena News

The post L’Egitto si prepara a eleggere un nuovo faraone appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

SAPORI E IDENTITA’: Fagioli bianchi con salsa di pomodoro

Gio, 27/03/2014 - 08:28
Oggi la nostra Fida ci propone un piatto sostanzioso e saporito, a base di legumi, ortaggi e spezie, ottimo per un gustoso saluto alla stagione invernale. di Fidaa Abu Hamdiyyeh Nablus, 27 marzo 2014, Nena News – Oggi vi propongo un piatto tradizionale molto buono, che ho preparato proprio ieri a casa e che piace molto a mio compagno.  Anche se è una pietanza un po’ invernale, mi piace gustarla in tutte le stagioni.

 

INGREDIENTI

300 gr di fagioli bianchi

Carne a piacere

Passata di pomodoro a piacere

1 cipolla

Chicchi di cardamomo

2 foglie di alloro

2-3 gambi di prezzemolo

1/2 limone spremuto

Sale, pepe

 

PROCEDIMENTO

Mettete I fagioli a bagno per circa 24 ore cambiando l’acqua 2 o 3 volte.

Fate cuocere la carne con la cipolla, i gambi di prezzemolo, le spezie, i fagioli e il pomodoro.  Fate cuocere il tutto per 30 minuti in una pentola a pressione, ma se nonne avete una, dovrete soltanto avere pazienza e aspettare che ci metta un po’ di più a cuocere.

Servite con del riso giallo con la curcuma.

Buon appetito!

Fidaa

The post SAPORI E IDENTITA’: Fagioli bianchi con salsa di pomodoro appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

SIRIA, a Kasab il nuovo fronte di guerra

Gio, 27/03/2014 - 07:56



Normal
0




false
false
false

EN-US
X-NONE
X-NONE













MicrosoftInternetExplorer4














DefSemiHidden="true" DefQFormat="false" DefPriority="99"
LatentStyleCount="267">
UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Normal"/>
UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="heading 1"/>


















UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Title"/>

UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Subtitle"/>
UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Strong"/>
UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Emphasis"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Table Grid"/>

UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="No Spacing"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Shading"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light List"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Grid"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Dark List"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Shading"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful List"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Grid"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Shading Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light List Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Grid Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 1 Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 2 Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 1 Accent 1"/>

UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="List Paragraph"/>
UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Quote"/>
UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Intense Quote"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 2 Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 1 Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 2 Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 3 Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Dark List Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Shading Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful List Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Grid Accent 1"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Shading Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light List Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Grid Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 1 Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 2 Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 1 Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 2 Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 1 Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 2 Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 3 Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Dark List Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Shading Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful List Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Grid Accent 2"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Shading Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light List Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Grid Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 1 Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 2 Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 1 Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 2 Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 1 Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 2 Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 3 Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Dark List Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Shading Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful List Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Grid Accent 3"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Shading Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light List Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Grid Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 1 Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 2 Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 1 Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 2 Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 1 Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 2 Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 3 Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Dark List Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Shading Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful List Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Grid Accent 4"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Shading Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light List Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Grid Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 1 Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 2 Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 1 Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 2 Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 1 Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 2 Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 3 Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Dark List Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Shading Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful List Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Grid Accent 5"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Shading Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light List Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Light Grid Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 1 Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 2 Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 1 Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 2 Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 1 Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 2 Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 3 Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Dark List Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Shading Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful List Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" Name="Colorful Grid Accent 6"/>
UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Subtle Emphasis"/>
UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Intense Emphasis"/>
UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Subtle Reference"/>
UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Intense Reference"/>
UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Book Title"/>



/* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Table Normal"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0in 5.4pt 0in 5.4pt; mso-para-margin-top:0in; mso-para-margin-right:0in; mso-para-margin-bottom:10.0pt; mso-para-margin-left:0in; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri","sans-serif"; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"Times New Roman"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Dopo aver perso il controllo della frontiera con il Libano – da dove arrivavano integralisti sunniti e armi -, l’opposizione ha lanciato venerdì scorso un’offensiva a Kasab, sulla frontiera tra Siria e Libano, cogliendo di sorpresa l’Esercito siriano nella provincia di Latakiya

di Michele Giorgio

Roma, 27 marzo 2014, Nena News – La Lega araba ha concluso il suo vertice in Kuwait dedicato in buona parte alla guerra civile siriana, appellandosi da un lato all’intervento del Consiglio di Sicurezza per fermare il conflitto e dall’altro invocando, per bocca del principe ereditario saudita Salman, l’invio di rifornimenti di armi alle milizie – siriane e jihadiste straniere -, «per alterare la situazione sul campo» che nell’ultimo anno ha visto le forze governative recuperare il controllo di una parte del terreno perduto tra il 2011 e il 2012. Dopo aver subito sconfitte devastanti a Qusair, nel 2013, e a Yabroud, pochi giorni fa, e la perdita del controllo della frontiera con il Libano – da dove arrivavano integralisti sunniti e armi -, l’opposizione ha lanciato venerdì scorso un’offensiva a Kasab, un valico sulla frontiera tra Siria e Libano, che ha colto di sorpresa l’Esercito siriano nella provincia di Latakiya. L’attacco ha un forte significato simbolico perchè avviene nella roccaforte degli alawiti e della famiglia Assad.

E’ in corso una battaglia feroce, che ha già fatto centinaia di morti, di eccezionale importanza per le milizie del Fronte al Nusra (ala siriana di al Qaeda) e dell’Esercito libero siriano (il braccio armato della Coalizione Nazionale dell’opposizione). Tra i caduti ci sono anche tre parenti del presidente Bashar Assad, tra cui il cugino, Hilal al Assad, capo della Difesa Civile, la forza paramilitare che si è rivelata fondamentale nell’ultimo anno per mantenere il controllo di territori strappati dall’Esercito e Hezbollah alle milizie ribelli. Obiettivo dell’offensiva, pianificata da lungo tempo, è quello di creare una testa di ponte in una zona strategica, in grado di fornire all’opposizione un passaggio stabile per i rifornimenti di armi ed equipaggiamenti e di compensare la perdita del controllo della frontiera tra Libano e Siria. Essenziale è il sostegno di Ankara, che ha fatto capire le sue intenzioni qualche giorno fa abbattendo un Mig siriano sul confine. Il premier turco Erdogan, anche per ragioni elettorali, ha deciso di intervenire direttamente nel conflitto, per ora con un forte appoggio dalle retrovie, dopo aver capito che Assad non è così debole e isolato come credeva sino ad un anno fa. Lo ha fatto rompendo l’accordo non dichiarato di non trasformare la Turchia in una base di lancio base per l’opposizione armata. Assad ha avuto il torto di sottovalutare le mosse di uno dei suoi più accaniti nemici.

Al Nusra e l’Esl stanno facendo progressi, anche se limitati, e hanno costretto l’Esercito governativo ad inviare a Kasab truppe fresche e ben addestrate per respingere l’assalto. E’ questo il secondo obiettivo dell’offensiva: obbligare Damasco a concentrare parte delle sue forze nella provincia di Latakiya. Così l’Esercito governativo avrà meno uomini da impiegare nel sud del Paese dove al Nusra, l’Esl e una cinquantina di gruppi islamisti si sono uniti in una nuova alleanza militare e, grazie alle armi e munizioni (pagate dai sauditi) che entrano dalla Giordania, stanno per lanciare un attacco massiccio verso Damasco, che dista poche decine di chilometri. Hanno già preso il controllo di Quneitra e di altre località a ridosso delle alture del Golan occupate da Israele. Non è noto se alla battaglia di Kasab stiano partecipando, dalla parte di Damasco, anche combattenti sciiti di Hezbollah e dalla brigata Abbas, che hanno giocato un ruolo fondamentale nelle battaglie di Quseir e Yabroud e per il controllo del monte Qalamoun. E’ prevedibile che saranno impiegati solo se le cose volgeranno al peggio perchè ora servono sul fronte meridionale e lungo la frontiera con il Libano.

L’opposizione e suoi numerosi sponsor regionali e occidentali punta a sfiancare l’Esercito governativo che ha retto all’urto delle forze ribelli ma ha perduto sino ad oggi 30 mila soldati (altre migliaia sono rimasti feriti gravemente) . Perdite che l’Esercito pensa di colmare con la leva di 20mila giovani (ora ancora nelle scuole) nei prossimi tre anni. Un costo sociale elevato per una popolazione sfinita da tre anni di combattimenti, attentati jihadisti, stragi a sfondo religioso, bombardamenti. Un bagno di sangue che ha fatto oltre 140mila morti e costretto milioni di siriani ad abbandonare le loro case. Senza dimenticare l’economia ferma e l’inflazione alle stelle. Su questa fragilità giocano gli Stati Uniti e l’Arabia saudita – a fine settimana è previsto un summit tra Barack Obama e re Abdallah  – per far crollare Bashar Assad destinato ad essere sempre più dipendente dall’aiuto economico e militare dell’Iran e della Russia. Nena News

 

The post SIRIA, a Kasab il nuovo fronte di guerra appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

GAZA. Marina israeliana apre il fuoco contro due navi palestinesi

Mer, 26/03/2014 - 12:58

Secondo Tel Aviv stavano contrabbandando armi dall’Egitto. “Si trattava di pescatori”, replicano dalla Striscia. Quattro i feriti, incendiate le imbarcazioni.

 

Le navi palestinesi distrutte dalla Marina israeliana oggi nel mare di Gaza (Foto: Said Khatib/AFP)

 

dalla redazione

Gerusalemme, 26 marzo 2014, Nena News – La Marina militare israeliana ha aperto il fuoco questa mattina contro due navi palestinesi lungo la costa di Gaza, nei pressi della città di Rafah. Secondo l’esercito israeliano, le due barche avevano a bordo armi di contrabbando provenienti dall’Egitto e stavano tentando di raggiungere la Striscia. Diversa l’opinione palestinese: si sarebbe trattato di due pescherecci gazawi che stavano lavorando in mare.

Secondo testimonianze dei medici dell’ospedale di Kamal Udwan, quattro pescatori sono rimasti feriti dal fuoco israeliano che ha provocato un incendio a bordo delle due imbarcazioni. Altri testimoni hanno raccontato all’agenzia stampa Ma’an News che la Marina israeliana ha sparato anche contro navi gazawi ancorate lungo il porto, anche in questo caso provocando un incendio spento dai vigili del fuoco.

La portavoce dell’esercito israeliano ha invece affermato che durante la notte “la Marina ha identificato delle imbarcazioni palestinesi che arrivavano dalle acque territoriali egiziane in un sospetto tentativo di contrabbando”. Una volta giunte entro le acque di Gaza, ha continuato la portavoce, la Marina ha chiesto loro di fermarsi e, per non aver ricevuto risposta, ha aperto il fuoco, provocando un’esplosione a bordo, la prova – secondo Tel Aviv – che le navi trasportavano armi.

Sul mare di Gaza, come via terra, le autorità israeliane hanno imposto un blocco che dura dal 2007. Seppure gli Accordi di Oslo prevedano la possibilità per i pescatori gazawi di raggiungere una distanza di 20 miglia nautiche dalla costa, Israele impone unilateralmente da anni una distanza molto minore, tra le 3 e le 6 miglia. Ciò impedisce ai pescatori gazawi di guadagnarsi da vivere e ha nel tempo provocato un crollo nel numero di palestinesi impiegati nel settore della pesca.

Il porto di Gaza City, chiuso dal 1967 e trasformato da uno dei principali scali del Mediterraneo a mero approdo per le piccole imbarcazioni dei pescatori gazawi, sta lentamente morendo: dal 2000 ad oggi la produzione è calata di oltre il 40% e il numero di pescatori è crollato. Oggi vivono delle scarse entrate derivanti da una lunga giornata in mare solo tremila persone, il 42% in meno del 2000, secondo l’agenzia Onu OCHA.  Nena News

The post GAZA. Marina israeliana apre il fuoco contro due navi palestinesi appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

LEGA ARABA. Silenzio e ipocrisia sulle condanne a morte «egiziane»

Mer, 26/03/2014 - 11:28

Nessun commento sulla sentenza di morte che un tribunale del Cairo ha inflitto a 529 Fratelli Musulmani. Riyadh insiste sul sostegno alle opposizioni anti-Assad.

 

 

di Michele Giorgio – Il Manifesto

Gerusalemme, 26 marzo 2014, Nena News – L’ipocrisia, è noto, regna sovrana nei summit arabi. Tuttavia il 35esimo vertice della Lega araba che si chiude oggi in Kuwait supera ogni limite. Non solo i partecipanti hanno deciso di nascondere la crisi, senza precedenti, nei rapporti tra i petromonarchi del Golfo – Arabia saudita, Emirati e Bahrain hanno ritirato gli ambasciatori da Doha in segno di protesta per l’appoggio, politico e finanziario, che il Qatar fornisce al movimento della Fratellanza Islamica – ma hanno anche taciuto sulla pena di morte di massa inflitta contro 529 (presunti) Fratelli colpevoli dell’uccisione di un poliziotto durante le proteste dopo il colpo di stato militare dello scorso 3 luglio.

Sentenza che il 28 aprile avrà una replica persino più ampia. Quel giorno la corte emetterà una seconda sentenza contro altri 683 Fratelli, veri e presunti, tra i quali la guida spirituale Mohamed Badie. 1200 condanne a morte sulle quali presidenti, primi ministri, re e principi arabi tacciono. Muto è anche il Qatar che più di tutti aveva appoggiato Mohammed Morsi, per non aggravare i contrasti con la rivale Riyadh.

Così il summit si chiuderà con la prevista risoluzione incentrata sulla guerra civile siriana. L’Arabia saudita ha accusato la comunità internazionale di aver «tradito» i ribelli, rifiutando loro le armi necessarie per resistere alla superiorità delle forze armate governative. Il rappresentante saudita, il principe ereditario Salman bin Abdulaziz al Saud, ha detto che occorre «cambiare l’equilibrio delle forze sul terreno », ossia rovesciare con la forza il presidente siriano Bashar Assad.

Il principe ereditario inoltre ha chiesto che alla Coalizione delle opposizioni siriane sia offerto, in seno alla Lega Araba, il seggio di Damasco. La rappresentanza siriana è stata sospesa nel novembre 2011 ma il seggio non è stato ancora affidato all’opposizione a causa dell’opposizione di Iraq, Libano e Algeria. Il presidente della Coalizione delle opposizioni, Ahmad Jarba, un uomo di Riyadh, ha potuto parlare in apertura del vertice, di fatto a nome della Siria, malgrado la progressiva perdita di credibilità dello stesso Jarba. Un sito siriano vicino all’opposizione, Zaman al Wasl, riferiva che tanti attivisti anti-Assad chiedono a Jarba di farsi da parte subito e lo accusano di aver approfittato della sua posizione per arricchirsi.

Forse si tratta di accuse infondate ma non è insignificante che un dissidente storico come Michel Kilo, leader del Blocco Democratico della Coalizione, abbia confermato allo stesso sito che Jarba non riuscirà ad allungare di un anno il suo mandato.

Proclamata prima del vertice «questione di primo piano» poi relegata in fondo all’agenda, l’occupazione israeliana dei Territori palestinesi è affrontata dai leader arabi nella solita maniera: promesse vaghe di soluzioni politiche e annunci di nuovi aiuti economici. Secondo le indiscrezioni, la risoluzione finale del vertice in Kuwait includerà ancora una volta l’offerta a Israele del Piano arabo del 2002 – ritiro alle linee del 4 giugno 1967 in cambio della pace con tutti i Paesi arabi – al quale Tel Aviv sino ad oggi non ha mai risposto.

Altre voci riferiscono che al presidente palestinese Abu Mazen saranno promessi 100 milioni di dollari al mese per puntellare i bilanci in rosso dell’ANP.

The post LEGA ARABA. Silenzio e ipocrisia sulle condanne a morte «egiziane» appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

LIBIA. Ex premier Zeidan: “Diventeremo una base di Al Qaeda”

Mer, 26/03/2014 - 11:15

Dall’Europa l’ex primo ministro lancia l’allarme e promette il suo ritorno. Il Paese sull’orlo della guerra civile si prepara alle elezioni di luglio.

 

La sede del Ministero degli Esteri a Bengasi colpita da un’esplosione (Foto: Abdullah Doma/AFP/GETTY IMAGES)

 

di Chiara Cruciati

Roma, 26 marzo 2014, Nena News – La Libia diventerà un feudo qaedista. Questa la cupa profezia lanciata oggi dall’ex premier libico Ali Zeidan, fuggito in Europa dopo la sfiducia del proprio parlamento all’inizio di marzo. E annuncia il suo ritorno, “molto presto”, nel Paese al fine di fronteggiare le minacce estremiste dei gruppi islamisti.

“La Libia potrebbe diventare una base per le operazioni di Al Qaeda in Italia, in Gran Bretagna, in Francia, in Spagna e in Marocco, ovunque – ha detto Zeidan in un’intervista al quotidiano inglese The TimesLe armi sono dappertutto, le munizioni sono dappertutto. Il mio piano è combattere per riformare lo Stato e stabilizzare la situazione. Queste persone [gruppi legati ad Al Qaeda e alla Fratellanza Musulmana, ndr] vogliono che la Libia non sia un Paese civile, uno Stato di legge, ma vogliono che diventi come l’Afghanistan”.

La mozione di sfiducia contro Zeidan era stata votata in massa da due partiti considerati nemici: il movimento radicale Wafa e il partito Costruzione e Giustizia, braccio politico dei Fratelli Musulmani in Libia. E oggi l’ex premier punta il dito contro il loro presunto ruolo destabilizzatore.

A quasi tre anni dalla deposizione e l’uccisione del colonnello Gheddafi, dittatore dal pugno di ferro ma capace per decenni di tenere insieme le diverse anime del Paese, dalle tribù beduine ai movimenti separatisti della Cirenaica, il Paese figlio dei bombardamenti della NATO della primavera del 2011 non riesce a trovare alcun tipo di stabilità, né politica né economica.

A monte gli interessi di non pochi attori internazionali che vedono nella Libia la preda perfetta per forme di “neocolonialismo energetico”. Tanto fondamentale è la questione greggio da essere utilizzata dalle stesse opposizioni al regime di Tripoli: nella ribelle Cirenaica, le milizie armate – che sostennero la caduta di Gheddafi e che ora puntano alla loro parte del bottino – agiscono indisturbate, occupando porti e tentando di vendere all’estero il prezioso petrolio libico, liberi dal controllo del potere centrale.

Se il colpo della Morning Glory, nave battente bandiera nordcoreana e carica di greggio libico, fosse andato a buon fine (si calcola che portasse con sé petrolio per un valore di 35 milioni di dollari), il governo ombra di Bengasi, autonominatosi lo scorso anno e guidato da Ibrahim Jadhran, avrebbe oggi in mano risorse tali da permettersi un conflitto interno con Tripoli. Un conflitto che avrebbe potuto tradursi in una guerra civile aperta.

La Libia è nel caos, incapace di ricostruirsi e di porre fine alle dispute politiche, economiche e tribali. Le elezioni previste per il prossimo luglio si svolgeranno in un clima di settarismi e violenze, prodotto della tradizionale spaccatura interna libica. Gli attentati firmati da gruppi vicini ad Al Qaeda stanno aumentando di numero, mentre le milizie armate non intendono abbandonare le armi. La Cirenaica, da sempre difficilmente allineata alla Tripolitania. Da due anni il braccio di ferro continua, tra occupazioni di porti e tentativi di vendere all’estero il petrolio libico senza passare per la capitale, provocando un crollo delle esportazioni di greggio (da 1.4 milioni di barili al giorno dello scorso luglio fino i 375mila di oggi).

Per ora la conseguenza più eclatante è la caduta di un governo messo in piedi dopo i bombardamenti della NATO e da subito incapace di tenere insieme le diverse anime politiche e tribali della Libia e troppo debole per controllare (e ritirare) le armi rimaste in mano alle milizie dopo la caduta di Gheddafi. Nena News

The post LIBIA. Ex premier Zeidan: “Diventeremo una base di Al Qaeda” appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

TURCHIA. Siria, corruzione e Twitter nella corsa elettorale

Mer, 26/03/2014 - 09:55

Ad una settimana dalle elezioni amministrative, il premier Erdogan tenta di sviare l’attenzione dagli scandali soffiando sul fuoco del conflitto con la Siria.

 

 

di Serena Tarabini

Istanbul, 26 marzo 2014, Nena News – In Turchia è iniziato il conto alla rovescia verso le elezioni amministrative. Portando al voto tutte le città e le province del Paese, questo appuntamento elettorale  rappresenta un banco di prova importante per le forze politiche in gioco; ma in particolare dopo l’ondata di proteste sollevata dalla vicenda Gezi Park, il frantumarsi delle alleanze nel fronte dell’islam politico moderato e l’emergere di una serie di scandali di corruzione che hanno coinvolto il Partito della giustizia e dello sviluppo  e travolto il governo, fanno si che questo voto sia diventato decisivo per il futuro politico del premier Recep Tayp Erdogan.

Di conseguenza in questi giorni si assiste a un surplus di escalation di tensione che investe più fronti, dal locale al globale, dal politico allo scandalistico. E in questo senso tutti si stanno dando da fare senza esclusione di colpi. Il primo ministro al solito ostenta sicurezza, adoperando con spavalderia e arroganza anche le misure più impopolari e per alcuni versi controproducenti, come la messa al bando di Twitter.

Mossa che oltre alle dure  critiche della  comunità internazionale, è stata boicottata dallo stesso presidente della Repubblica Turca Abdullah, che ha aggirato il blocco, come abbastanza agevolmente stanno facendo tutti gli utenti, per dissentire pubblicamente  da quella che è stata una decisione unilaterale del governo  e la cui origine giudiziaria è stata smentita dal tribunale stesso. Un tentativo di censura  risolto in un flop quindi, ma che va comunque nella pericolosa direzione di  dissuadere  i media nella diffusione di notizie invise al governo. Anche il canale YouTube è sotto il mirino, per la pubblicazione di video inerenti la presunta corruzione dell’esecutivo.

E il fronte social media non cessa di surriscaldarsi: da giorni si parla di nuove “verità” devastanti, di presunti video hard con protagonisti uomini del potere islamico che verranno diffusi sulla rete. Per non parlare  della  voce sulla presunta relazione del premier Erdogan con l’ex-Miss Turchia Defne Samyeli. Finora nessuna prova.

Nel frattempo, quasi non ci si  accorge della rimozione di 271 magistrati, che si aggiungono agli altri 200 giudici e agli 8mila funzionari di polizia che in seguito allo scoppio dello scandalo corruzione sono stati  sollevati dall’incarico o trasferiti, mentre rimbalza  sui media internazionali la notizia dell’abbattimento di un aereo siriano avvenuto al confine fra i due Paesi, per aver violato lo spazio aereo di  Ankara. Secondo fonti militari di Damasco stava colpendo postazioni di terroristi in territorio siriano.

Reciproche accuse di interventi da parte di entrambi i Paesi come già avvenuto in occasione di altri incidenti negli ultimi due anni, da quando la Turchia è apertamente schierata contro il regime di Bashar al Assad. Un innalzamento della tensione orchestrato ad hoc secondo il principale partito di opposizione, il cui leader Kemal Kilicdaroglu già tre giorni prima aveva denunciato il rischio che Erdogan, invischiato negli scandali di corruzione, si lanciasse in una “avventura” militare in Siria tutta pre elettorale. E che potrebbe avere anche come scopo la sospensione delle elezioni amministrative.

Considerazioni a cui il ministro degli Esteri Davutoglu ha replicato dicendo che al momento  le elezioni sono al sicuro e  accusando l’opposizione di antipatriottismo. Di fatto, a 5 giorni dal voto la Turchia punta i fucili sulla Siria, che entra in primo piano nella campagna elettorale:  non a caso l’annuncio dell’abbattimento del jet è stato fatto dal premier stesso durante un comizio elettorale. Quel che si suol dire difendersi attaccando. Nena News

 

The post TURCHIA. Siria, corruzione e Twitter nella corsa elettorale appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

Dio, non militarismo: gli ebrei ultraortodossi dicono no a armi e munizioni

Mer, 26/03/2014 - 09:15

La recente legge che impone il servizio militare agli studenti delle scuole religiose mostra il fallimento di Israele nel definirsi uno “Stato ebraico”. E tra gli ultraortodossi si parla di boicottaggio.

 

Poster contro la leva obbligatoria
(Foto: http://www.kooker.co.il)

 

di Joshua Tartakovsky, Ronnie Barkan – AlterNet 

Gerusalemme, 26 marzo 2014, Nena News – Il primo ministro britannico David Cameron ha avuto più di quello che si aspettava nella Knesset israeliana quando ha visitato il Paese, ricevendo una certa freddezza dai parlamentari ultraortodossi e palestinesi che condividono alcuni interessi, in quanto comunità più oppresse dallo Stato. La visita di Cameron alla Knesset si è svolta lo stesso giorno in cui due controverse legge, la Legge di Coscrizione e la Legge di Governabilità, sono state approvate dopo una lunga battaglia legislativa. Mentre il premier Netanyahu accoglieva l’ospite d’onore, i parlamentari ultraortodossi lasciavano la sessione plenaria in protesta con i colleghi e i membri palestinesi della Knesset rifiutavano di partecipare all’evento. È stato il punto culminante di diversi mesi di dure proteste contro la Legge di Coscrizione che porta in superficie le contraddizioni tra sionismo e giudaismo.

Centinaia di migliaia di ultraortodossi (Haredim) sono scesi nelle strade di Gerusalemme per opporsi alla bozza di legge molto prima che questa passasse. Durante una preghiera di massa, i manifestanti-fedeli hanno dichiarato la loro lealtà allo studio della Torah piuttosto che all’esercito. Uniti sotto un striscione che diceva “Lo Stato di Israele combatte contro il Regno del Cielo”, hanno mostrato cartelli in cui definivano il servizio militare un suicidio spirituale. L’evento non è stato una mera dimostrazione dell’opposizione alla legge, ma piuttosto un grido di battaglia contro la legittimità di uno Stato che viola la loro autonomia spirituale e mette in pericolo la libertà religiosa.

Dietro lo slogan “Uguaglianza nei doveri”, sia il sionista religioso Naftali Bennet che il sionista laico Yair Lapid sono stati eletti e sono diventati i più forti partner di coalizione del governo senza gli Haredim. La campagna chiamava alla coscrizione forzata degli ultraortodossi e ha ottenuto un ampio sostegno dall’opinione pubblica israeliana. A differenza del gruppo purista Edah HaHaredit che proibisce ai suoi membri di partecipare alle elezioni e di ricevere finanziamenti dallo Stato sionista, i consigli dei rabbini Haredi che hanno chiamato alla protesta di massa hanno i loro rappresentanti eletti alla Knesset. Sono usciti dalla sessione plenaria definendo Netanyahu un nemico della religione, anche se questo non ha impedito al premier di accogliere Cameron con un discorso di benvenuto che iniziava con “David, benvenuto nella Città di Davide e nella Knesset ebraica”.

La legge prevede l’aumento costante anno per anno del numero di studenti ultraortodossi che dovranno servire nell’esercito, fino a giungere a 5.200 nel 2017. Le scuole religiose che invieranno i loro studenti nell’esercito riceveranno incentivi finanziari ma, nel caso l’obiettivo non sia raggiunto, l’arruolamento sarà imposto a tutti gli ultraortodossi e saranno previste sanzioni economiche. Gli ultraortodossi ritengono che sanzionare e criminalizzare gli studenti della Torah è la prova che lo Stato di Israele non può più definirsi uno Stato ebraico. Lapid e Bennett, i promotori della legge insieme al premier Netanyahu, sono stati rappresentanti in un film animato mentre abusavano di un ebreo Haredi e lo chiudevano dietro le sbarre.

 

Il popolo del libro, non il popolo del fucile

La coscrizione forzata degli ultraortodossi in un esercito che è estraneo alla loro cultura è vista dagli Haredim come il tentativo sionista di distruggere la loro millenaria tradizione di studio dell’ebraismo. La proposta di legge è anche riuscita nella rara impresa di unire tutte le correnti religiose non sioniste dei sefarditi, gli ashkenazi, chassidi e lituani che oggi lavorano insieme in un comitato d’emergenza. Un’immensa protesta di oltre 150mila persone si è svolta negli Stati Uniti la scorsa settimana, unendo tutte le principali denominazione ebree ultraortodosse. Ma la legge ha ottenuto molto di più della semplice unità dei gruppi Haredim. Ha anche permesso alle voci più radicali, come quella del rabbino Mahara Satmar, di riguadagnare attenzione. Mentre la protesta iniziale faceva riferimento alla parola “Israele, il rabbino Satmar l’ha fatta omettere convincendo tutti gli altri rabbini a firmare di nuovo la dichiarazione comune emendata, dove non si dà un briciolo di legittimità allo Stato sionista.

Se i sionisti religiosi vedono il servizio militare come un obbligo sacro, gli ultraortodossi credono che studiare la Torah sia l’obiettivo finale della vita di un ebreo. Gli ultimi giorni hanno mostrato una chiara divisione tra questi ultimi e i religiosi sionisti con il giornale Haredi “Hamodia” che si riferiva ai secondi in termini nuovi, definendoli come “collaboratori di Satana”, “profondamente messianici” e “fedeli dello Stato”.

 

Nazionalismo religioso, contraddizione in termini

Sconvolto dalla dichiarazione del venerato consiglio dei rabbini Haredim, che definiva lo Stato di Israele un nemico della religione di Israele, il rabbino Haim Duckman, leader spirituale del partito nazionalista Casa Ebraica di Bennet, ha ordinato ai suoi studenti di non partecipare alle manifestazioni di massa. Per gli ultraortodossi, un rabbino contrario a incontrarsi per pregare è la dimostrazione della falla del sionismo religioso per il quale, per dirla brutalmente, lo Stato va onorato più dell’Onnipotente.

In risposta, un editoriale nel quotidiano Haredi “Yated Ne’eman” ha compiuto un azione dura e inusuale, ovvero pubblicare il nome di Druckman senza l’appellativo di rabbino. Il parlamentare ultraortodosso Aryeh Deri si è rivolto al membro di Casa Ebraica, Ayelet Shaked, presidentessa del comitato per la proposta di legge, definendola “traditrice del giudaismo” e affermando che “Casa Ebraica e Ayelet Shakejd non solo hanno tradito gli Haredim, ma hanno tradito la Torah”.

Tale pagana unione tra sionismo e religione è quella che la società israeliana percepisce come identità ebraica. Al contrario, la prospettiva ultraortodossa vede il sionismo come un’aberrazione del giudaismo, insistendo che il sionismo va contro il giudaismo seppur affermi il contrario. Il professor Leibowitz, studioso ortodosso, filosofo e teorico della separazione tra Stato e religione, spiegava: “Il nazionalismo religioso sta alla religione come il nazionalsocialismo sta al socialismo. Il nazionalsocialismo non è socialismo, ma è l’opposto, e allo stesso modo il nazionalismo religioso non è religione, ma il contrario”.

 

Boicottare lo Stato, salvare il giudaismo

L’opposizione al sionismo non è un elemento nuovo per gli ultraortodossi. Fin dall’inizio, il movimento sionista fu duramente condannato da quasi tutti i rabbini in Palestina e nel mondo, che proibirono ad ogni ebreo di abbracciare tale ideologia. Come risultato, l’ideologia sionista ha preso piede quasi esclusivamente tra gli ebrei laici, quelli ebrei per etnia piuttosto che per religione.

Mentre gli israeliani laici detestano gli Haredim, rari episodi di solidarietà sono recentemente apparsi tra la minoranza degli israeliani progressisti. Il gruppo “Democrazia o Ribellione” afferma che uno Stato che nega uguaglianza civile e diritti delle minoranze non è democratico. Con le sue attività ha anche raggiunto la comunità ultraortodossa, ha pubblicato messaggi di solidarietà nei muri di Me’ah She’harim a Gerusalemme e ha partecipato alle proteste a Tel Aviv.

Un nuovo discorso sta emergendo ora nella comunità Haredi. Alcuni chiamano al riallineamento politico con i partiti progressisti e anche con elementi della sinistra radicali. Altri chiamano al boicottaggio delle colonie e dei loro prodotti, mentre un numero sempre crescente di rabbini si appella agli ebrei all’estero perché boicottino e non investano in Israele. Un gruppo chassida è arrivato a fare piani per un’emigrazione di massa negli Stati Uniti, per chiedere asilo politico con l’assistenza di senatori americani.

 

Né ebreo né democratico

Durante la visita di Cameron alla Knesset, nel suo discorso il premier Netanyahu si è focalizzato su tre elementi: il boicottaggio è razzista, gli ebrei hanno diritti nazionali religiosi sulla terra, e i palestinesi indigeni difficilmente esistevano prima della colonizzazione sionista. A parte il fatto che tali dichiarazione sono palesemente false, un approccio più razionale e umano dovrebbe sarebbe quello di proporre la fine delle politiche criminali contro il boicottaggio, insistendo sull’uguaglianza tra ebrei e non ebrei e riconoscendo diritti al popolo indigeno.

Il cosiddetto Stato “ebraico e democratico” non né ebraico né democratico. Religiosamente parlando, il sionismo è un movimento laico che è giunto a disumanizzare e a deridere gli ebrei religiosi europei. La maggioranza in Israele è laica e non religiosa ed è difficile affermare che le politiche oppressive dello Stato sono vicine ai valori ebraici. Se una religione viene “nazionalizzata”, si presentano difficoltà anche per quegli ebrei praticanti che scelgono un percorso diverso dalla forma di giudaismo di Stato.

A livello etnico, la maggioranza degli ebrei nel mondo preferisce vivere all’estero piuttosto che in Israele, allo stesso tempo, le statistiche israeliane mostrano che gli ebrei per etnia non sono più la maggioranza nella terra dal mare al fiume, senza contare i palestinesi che vivono in esilio.

Fondamentale per il progetto sionista in Palestina è dichiarare che la terra è esclusivamente ebraica e che tutti gli altri, anche gli indigeni, sono estranei e indesiderati. Non è una coincidenza che Israele rifiuti di avere una costituzione o di riconoscere la nazionalità israeliana perché questo significherebbe, almeno sulla carta, che i suoi cittadini non sono trattati allo stesso modo. Invece, il gruppo privilegiato è quello con nazionalità “ebraica” mentre gli altri sono “arabi”, “druzi” o “circassi”, nessuna delle quali è una nazionalità. Su queste basi, la discriminazione viene codificata in legge.

Il regime israeliano può essere così categorizzato come un’etnocrazia che pratica il crimine dell’Apartheid, così com’è definita dal diritto internazionale. Israele è solo “ebraico” nel senso di supremazia etnica, nello stesso modo in cui il Sud Africa era bianco. Di conseguenza, la richiesta di riconoscere il suo carattere ebraico è discutibile come legittimare la supremazia bianca in Sud Africa.

Dopo molti decenni, si stanno forgiando vincoli nuovi tra anti-sionisti – ultraortodossi, palestinesi e progressisti. Mentre si smantella il mito del sionismo, un nuovo sentiero viene pavimentato nella Terra Santa. Prendiamolo.

 

Joshua Tartakovsky proviene da una famiglia ultraortodossa di Gerusalemme, si è arruolato in un’unitò militare sionista-haredi e è laureato alla Brown University e alla LSE. È un ricercatore e un regista indipendente. 

Ronnie Barkan è un attivista israeliano per I diritti umani, obiettore di coscienza e co-fondatore di “Boycott from Within”, gruppi di cittadini e residenti israeliani che sostengono la chiamata palestinese al Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS). Seguilo su twitter: @ronnie_barkan

Traduzione a cura della redazione di Nena News.

La versione in Inglese

 

The post Dio, non militarismo: gli ebrei ultraortodossi dicono no a armi e munizioni appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

God, Not Militarism: Ultra Orthodox Jews Say No to Guns and Ammo

Mer, 26/03/2014 - 09:05

A recent law pushing military service on religious Yeshiva students reveals the flaw in Israel’s claim to be a “Jewish state.”

 

Poster of the Haredim demonstration in Manhattan (Photo: http://www.kikarhashabat.co.il)

 

By Joshua Tartakovsky, Ronnie Barkan – AlterNet

British Prime Minister David Cameron got more than he expected at the Israeli Knesset when he visited the country, receiving a cold shoulder from ultra-Orthodox and Palestinian legislators who share common interests, being the state’s most oppressed communities. Cameron’s visit to the Knesset took place on the same day that two controversial laws, the Conscription Law and the Governability Law, were finally approved following a prolonged legislative battle. As Prime Minister Netanyahu welcomed the guest of honour, the ultra-Orthodox parliamentarians  left the plenary session in protest while their colleagues, Palestinian Members of the Knesset, refused to attend the event altogether. This was the culmination point of several months of heated protest over the Conscription Law which brought to the surface contradictions between Zionism and Judaism.

Hundreds of thousands of ultra-Orthodox Jews (Haredim) of all denominations  took to the streets of Jerusalem to oppose the draft law several days before it passed. In a mass prayer, the worshippers-protesters declared their faithfulness to Torah study rather than to the military. United  under a banner declaring that “the State of Israel is fighting against the Kingdom of Heaven,” they held signs stating that military draft is spiritual suicide. The event was not merely showcasing opposition to the law, but nothing short of a battle cry against the very legitimacy of a state that encroaches upon their spiritual autonomy and poses a danger to their religious liberty.

Under the slogan “Equality in the Burden,” both religious-Zionist Naftali Bennett and secular-Zionist Yair Lapid were elected and became the two largest coalition partners of a Haredi-free government. The campaign called for the forced conscription of the ultra-Orthodox and garnered wide support from the Israeli public. Unlike the purist Edah HaHaredit group which prohibits its members from partaking in, voting and receiving funds from the Zionist state, the Haredi rabbinical councils which called for the mass protest have their elected representatives at the Knesset. They all walked out of the plenum stating that Netanyahu is an enemy to their religion, yet this did not stop the Prime Minister from addressing Cameron in his welcoming speech by saying “David, welcome to the City of David and to the Jewish Knesset”.

The law enforces an incrementally growing  annual quota of ultra-Orthodox students to be drafted, reaching 5,200 by 2017. Religious schools that would send their students to the military will receive financial incentives but in case the goal is not met, a draft for all the ultra-Orthodox would be imposed and financial sanctions implemented. The ultra-Orthodox argue that sanctioning and criminalizing students of the Torah proves that the State of Israel cannot possibly be regarded as being Jewish. The law’s initiators, Lapid and Bennett, along with Prime Minister Netanyahu, were subsequently  depicted in an animated film as they physically abuse a Haredi Jew and place him behind bars.

 

People of the book, not people of the rifle

The forced conscription of the ultra-Orthodox into an army that is foreign to their culture is deemed by the Haredim as a Zionist attempt to destroy their millennia-old tradition of Jewish learning. The draft law has therefore achieved the rare feat of uniting all non-Zionist religious streams of the Sephardic, Ashkenazi, Hassidic and Lithuanian communities who are currently working together in an emergency action committee. An immense protest of over 150,000 people took place in the United States last week, uniting all major ultra-Orthodox Jewish denominations. But the law achieved more than simply uniting the Haredi groups. It has also allowed for more radical voices, like the Mahara Satmar Rabbi, to gain dominance. While the initial call for protest referenced the word “Israel,” the Satmar Rabbi  conditioned his support on omitting it and managed to convince all other Rabbis to re-sign an amended declaration that will not give an ounce of legitimacy to the Zionist state.

While the religious Zionists see Israeli military service as a holy obligation, the ultra-Orthodox believe that studying the Torah is the ultimate goal of Jewish life. Recent days have displayed a clear divide between the latter and the religious Zionists as the Haredi paper Hamodia referred to religious Zionists in terms unused before, such as “collaborators with Satan,” “deeply messianic” and “worshippers of the state.”

 

Religious nationalism, a contradiction in terms

Appalled by the statement of the revered Haredi rabbinical councils, which claimed that the State of Israel is an enemy to the religion of Israel, Rabbi Haim Druckman, spiritual leader of Bennett’s nationalist Jewish Home party,  instructed his students not to attend the massive gathering. For the ultra-Orthodox, such a rabbi objecting to a gathering for prayer exposes the inherent flaw in religious Zionism whereby, to put it bluntly, the state is worshipped rather than the Almighty.

In response, an op-ed in the Haredi newspaper Yated Ne’eman took the harsh and unusual step of publishing Rabbi Druckman’s name while omitting the title “Rabbi”. Ultra-Orthodox Knesset member Aryeh Deri  referred to Jewish Home member Ayelet Shaked, chairwoman of the draft law committee, as a “traitor of Judaism,” saying “the Jewish Home and Ayelet Shaked did not [only] betray the Haredim, they have betrayed the Torah.”

This unholy union of Zionism and religion is what mainstream Israeli society perceives as Jewish identity. Yet, the ultra-Orthodox perspective is that Zionism is nothing short of an aberration of Judaism, insisting that Zionism goes against Judaism while claiming to speak on its behalf. The late Prof. Leibowitz, an Orthodox scholar, philosopher and a proponent of separation between state and religion,  explained that: “Religious nationalism is to religion what National Socialism is to socialism. National Socialism is not socialism but its opposite and likewise religious nationalism is not religion but its opposite.”

 

Boycotting the state, saving Judaism

Opposition to Zionism is not new to the ultra-Orthodox. From its very first days, the Zionist movement was strongly condemned by almost all traditional Rabbis in Palestine and throughout the world, who prohibited any Jew from embracing Zionism. As a result, Zionist ideology took hold almost exclusively among secular Jews, i.e. those of a Jewish ethnicity rather than religion.

While most secular Israelis detest the Haredim, rare stems of solidarity have recently appeared from the almost negligible number of progressive Israelis. The group Democracy or Rebellion claims that a state that denies civil equality and minority rights has no democratic virtue. In its activities it also reaches out to the ultra-Orthodox community and had posted its  message of solidarity on the walls of Me’ah She’arim in Jerusalem as well as  demonstrating their support in Tel-Aviv.

A whole new discourse is now emerging within the Haredi community. Some call for a  political re-alignment with progressive parties and even with elements on the radical left. Others call to  boycott the settlements and their produce, while a growing number of rabbis calling on Jews abroad to  boycott and divest from Israel at large. One Hassidic group went as far as making plans to  migrate en masse to the US, seeking political refuge there with the assistance of American senators.

 

Neither Jewish nor democratic

During Cameron’s visit at the Knesset, Prime Minister Netanyahu focused on three claims during his speech: that the boycott is racist, that Jews have religious nationalist rights to the land and that indigenous Palestinians hardly existed before the Zionist colonization of the land. Aside from the fact that these claims are patently false, a more rational and humane approach would be to propose an end to the criminal policies leading to boycotts, insisting on equality between Jews and non-Jews and acknowledging the rights of the indigenous people.

The so-called “Jewish and democratic” state is neither Jewish nor democratic. Religiously speaking, Zionism is a secular movement that went as far as dehumanizing and mocking the religious Jews of Europe. Israel’s majority is secular rather than religious, while it can hardly be argued that the state’s oppressive policies are in agreement with Jewish values. As religion has been “nationalized”, hardships also exist for those practicing Jews who choose a different path from the state sanctioned form of Judaism.

Ethnically, the majority of world Jewry prefers to live abroad rather than in Israel. At the same time,  Israeli figures show that ethnic Jews are no longer a majority between the river and the sea, while not even counting the many Palestinians living in exile.

Paramount to the Zionist project in Palestine is the claim that the land is exclusively Jewish and that all others, even its indigenous people, are alien and unwanted. It is therefore no coincidence that Israel refuses to have a constitution or to acknowledge an  Israeli nationality since this would mean, at least on paper, that its citizens are to be treated as equals. Instead, the privileged group is defined as having a “Jewish” nationality while the others may be “Arab,” “Druze” or “Circassian,” none of which are nationalities. On this basis, discrimination has been  codified into law.

The Israeli regime can therefore best be characterized as an ethnocracy which practices the Crime of Apartheid as defined by international law. Israel is only “Jewish” in the ethnic-supremacist sense, in the same way that South Africa was white. Consequently, the demand to recognize its Jewish character is just as questionable as legitimizing white supremacy in South Africa at the time.

After many decades, new bonds between anti-Zionists – ultra-Orthodox, Palestinians, and progressives – are now being forged. While dispelling the myth of Zionism, a new path is being paved in the Holy Land.

Let us walk that path.

 

Joshua Tartakovsky comes from an ultra-Orthodox family in Jerusalem, went to a Zionist-Haredi army unit and is a graduate of BrownUniversity and the LSE. He is an independent researcher and filmmaker. 

Ronnie Barkan is an Israeli human rights activist, conscientious objector and co-founder of Boycott from Within, a group of Israeli citizens and residents that supports the Palestinian call for Boycott, Divestment and Sanctions (BDS). Follow him on Twitter: @ronnie_barkan

 

The Italian Version 

The post God, Not Militarism: Ultra Orthodox Jews Say No to Guns and Ammo appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

I ripensamenti di Ramallah e i “trasferimenti legali” di Tel Aviv

Mar, 25/03/2014 - 16:41

Per mesi Ramallah ha sostenuto di non voler prolungare le trattative di pace con Tel Aviv. Ma ieri il Presidente Abbas ha dichiarato che l’estensione è possibile sotto “determinate circostanze”. Intanto un “parere legale” di un consigliere del Ministro degli Esteri Lieberman sostiene che “lo scambio di popolazione” è consentito dal diritto internazionale.

di Roberto Prinzi

Roma, 25 marzo 2014, Nena News – Una cosa ci hanno insegnato 20 anni post Oslo: mai credere completamente alle parole dell’Autorità Palestinese. Dopo mesi in cui i principali esponenti di Fatah avevano dimostrato un profondo senso di frustrazione per l’atteggiamento di Israele “poco propositivo alla pace”, avevano denunciato la costruzione di nuove unità abitative coloniali in Cisgiordania e dopo che, con grande orgoglio, il Presidente Abbas aveva ribadito la sua volontà di non riconoscere l’“ebraicità” di Israele, tutto sembrava far credere che i negoziati di pace, qualora fossero mai veramente iniziati, fossero arrivati ad un punto morto. Il capo negoziatore palestinese Erakat aveva ribadito con tono sprezzante in più di un’occasione che non si sarebbe mai andati oltre la data di fine aprile per raggiungere l’ “accordo quadro” così voluto da Washington.

E invece ieri il colpo di scena (scontato): Abbas concorda ad estendere i colloqui di pace sotto “determinate circostanze”. A rivelarlo all’agenzia di stampa palestinese Maan è stato un ufficiale palestinese che ha preferito restare anonimo. L’ufficiale ha raccontato che, durante un incontro con il Presidente Usa Barack Obama, Abbas (Abu Mazen) ha concordato a prolungare i negoziati di pace a patto che Israele si impegni a congelare la costruzione degli insediamenti e a rilasciare più prigionieri.

Al momento – come condizione prevista per iniziare i negoziati – ne sono stati liberati in tre fasi 78. Mancano all’appello gli ultimi 26 che dovrebbero essere rilasciati il 29 marzo. Il condizionale è quanto mai d’obbligo. Qualche giorno fa, alcuni ministri israeliani hanno dichiarato che se i palestinesi non continueranno gli “incontri di pace” oltre il tempo-limite del 29 aprile, Tel Aviv si riserverà il diritto di interrompere la liberazione dell’ultima tranche di prigionieri. Una dichirazione shock per gli statunitensi che, consci dell’ostinazione israeliana, hanno provato a rianimare il moribondo processo di pace con una controfferta clamorosa: Jonathan Pollar libero [all'ergastolo negli USA dal 1985 per spionaggio a favore di Israele, ndr], in cambio degli ultimi detenuti palestinesi.

Uno scambio nettamente favorevole per Israele che non solo avrebbe un suo “figlio di nuovo a casa”, ma potrebbe continuare a infrangere senza problemi le leggi internazionali. Tel Aviv, in fondo, ha ragione: negoziati di pace o meno, in questi otto mesi ha continuato a costruire migliaia di unità abitative nella Cisgiordania palestinese e ha ucciso 60 palestinesi tra Gaza e Cisgiordania. Niente male se si considera che in questa fase stia trattando la “pace”.

Che l’Autorità Palestinese sia abilissima a mantenere in vita il processo di pace che è – dati alla mano – solo causa di ulteriore furto di terra araba è difficile da negare. Ma bisogna sottolineare come questa sua abilità derivi principalmente dalla scaltrezza con cui sventola – a suo piacimento – il tema dei prigionieri, sentitissimo da ciascun palestinese. Poco importa a Ramallah che, durante questo periodo di “trattative”, il numero dei nuovi detenuti palestinesi sia altissimo. Poco importa che propria questo clima ovattato (perché si “lavora per la pace”) ha permesso a Tel Aviv di continuare le sue attività quotidiane suscitando debolissime proteste. Se già normalmente la risposta delle “democrazie” occidentali è flebile in tempo di guerra figurarsi quando finalmente a dominare gli incontri sono sorrisetti e flash.

Ma sul tema prigionieri Ramallah sa che tocca tra la sua gente un tema sentitissimo. Un sondaggio pubblicato ieri ha dimostrato che la maggioranza dei palestinesi sostiene l’estensione dei colloqui di pace oltre la data di fine aprile a patto che vengano rilasciati altri prigionieri. I dati del “Center for Policy and Survey research” non lasciano spazio a dubbi: il 65% dei 1.200 intervistati sostiene il prolungamento delle trattative se la liberazione ha luogo.

Ma se i palestinesi sostengono il rilascio dei loro “eroi”, in Israele si fa di tutto per ostacolare la libertà dei “terroristi”. Ieri tre partiti di “centro” HaTnu’a, il Labour e Yesh ‘Atid hanno protestato contro l’eventuale rilascio di ulteriori “criminali”. Secondo le forze “moderate” israeliane bisogna prolungare le trattative di pace ma fermando la costruzione delle colonie non liberando gli “assassini”. Come biasimarli se si considera che, secondo un sondaggio del Canale 7 israeliano, il 70% degli israeliani ritiene che Abbas (persino lui!) non sia un potenziale partner per la pace.

Se i “moderati” parlano in questo modo, gli “estremisti” sostengono il trasferimento di persone. Secondo un articolo pubblicato oggi dal quotidiano HaAretz, il Ministro degli Esteri israeliano, Avigdor Lieberman, ha ricevuto alcune settimane fa un “parere legale” che permette lo scambio di popolazione secondo la legge internazionale. Trasferire la popolazione è, infatti, legale secondo il diritto internazionale a patto che i palestinesi siano favorevoli, se nessun cittadino rimane privo di cittadinanza e se viene offerta una compensazione simile a quella ricevuta dai coloni evacuati dalla Striscia di Gaza da Sharon nel 2005.

In un incontro con i rappresentanti dei Ministri degli Esteri a gennaio Lieberman, secondo quanto riportato da HaAretz, avrebbe detto che “un accordo totale con i palestinesi dovrebbe includere un accordo con gli arabi-israeliani”. Avrebbe poi aggiunto che il suo piano di scambio di terra e popolazione non è un “trasferimento” ma mira solo a spostare la linea di confine per includere le zone di Israele dove è maggiore la presenza palestinese. In pratica dare al futuro Stato di Palestina l’area del “Triangolo” e di Wadi Ara nel nord d’Israele in cambio di un accordo di pace duraturo.

Il consigliere legale del Ministro, Ehud Keinan, ha affermato che “trasferire aree popolate da uno stato sovrano ad un altro come soluzione per un accordo perfino senza il consenso esplicito della popolazione o tramite referendum è valido per la legge internazionale finché offre a chi è stato trasferito una cittadinanza certa”.

Il precedente legale sarebbe la decisione della Corte Internazionale dell’Aia sul confine tra Honduras e San Salvador nel 1992. Allora la legge internazionale permise il trasferimento di popolazione da un paese all’altro ma sottolineò la necessità di applicare il trasferimento “in un modo umano e ordinato” e invitò tutte le parti a trovare soluzioni appropriate per le persone. HaAretz ha anche aggiunto che Lieberman ha posto la questione dello scambio di terra e persone in ogni incontro che ha avuto negli ultimi due mesi con gli Ministri degli Esteri. Ecco dunque a cosa servirà l’estensione delle negoziazioni: oltre ad espandere le colonie in Cisgiordania, il prolungamento permetterà un “trasferimento” dei palestinesi ben pianificato, “umano e ordinato” per carità, così da rafforzare l’ebraicità di Israele a cui Ramallah dice ancora di opporsi. Nena News

The post I ripensamenti di Ramallah e i “trasferimenti legali” di Tel Aviv appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

LIBANO, tra corsa presidenziale e ripercussioni siriane

Mar, 25/03/2014 - 13:49

Mentre a Tripoli la situazione resta tesa e le conseguenze del conflitto siriano destano costante apprensione in tutto il Paese, inizia oggi il termine costituzionale che consente al Parlamento di eleggere il nuovo Presidente della Repubblica.

Nabih Berri

dalla redazione

Roma, 25 marzo 2014, Nena News – Secondo una fonte di sicurezza libanese citata dall’AFP ventisei persone, la maggior parte delle quali civili, sarebbero state uccise in 12 giorni di scontri tra combattenti pro e anti regime siriano a Tripoli, la seconda città libanese.

Un bilancio che potrebbe salire considerando che i cecchini di entrambi gli schieramenti sono ancora in azione in città. Scuole e negozi sono ancora chiusi nelle aree più “calde” di Tripoli ma, approfittando della relativa calma di ieri, hanno riaperto nel resto della città per la prima volta dopo alcuni giorni. Tuttavia il gran numero dei rifugiati siriani, le minacce di gruppi qaedisti, i razzi che dalla Siria cadono in territorio libanesi non lasciano molto spazio ad illusioni.

Lo sa bene il Ministro degli Esteri libanese, Jibran Bassil, che ieri ha chiesto ai suoi omologhi arabi di aiutare il suo Paese affinché non venga lacerato dalle conseguenze della guerra civile siriana. Quasi un milione sono i siriani che si sono rifugiati in Libano. Una cifra ancora più enorme se si considera che la popolazione libanese conta poco meno di 5 milioni di persone. Una numero che sta mettendo a dura prova le infrastrutture del Paese e potrebbe sconvolgere gli equilibri tra le varie comunità.

Bassil ha parlato di rischio mondiale qualora lo stato libanese dovesse crollare. Infatti “si creerebbe un pericolo per l’intera umanità perché se il modello libanese scompare, bisognerà attendersi una grande scontro tra culture, religioni e tra tutte le differenze presenti al mondo”.

Paure forse esagerate ma il pericolo di un inasprimento del settarismo è condiviso da molti. Il potere, infatti, in Libano è diviso tra sciiti, sunniti e cristiani. Secondo molti libanesi il massiccio numero di rifugiati siriani sunniti presenti ora nel Paese potrebbe rompere il fragile equilibrio demografico che vige tra le varie comunità. Anticipando le discussioni del vertice della Lega araba in corso in Kuwait, Bassil ha aggiunto: “Speriamo che queste decisioni si traducano con un aiuto concreto e diretto, con un sostegno all’esercito libanese, perché l’esercito sta combattendo il terrorismo per tutti gli arabi e per il mondo”.

Intanto il quotidiano libanese The Daily Star rivela che il Presidente del Parlamento, Nabih Berri, ha formato una Commissione che dovrà raccogliere i nomi dei candidati alla Presidenza della Repubblica proposti dai vari partiti politici. Entro 10 giorni la Commissione dovrebbe presentare i suoi risultati a Berri il quale, consultandosi con i leader dei differenti schieramenti politici, dovrà scegliere una data per eleggere il nuovo Presidente.

Oggi, infatti, in Libano ha inizio il termine costituzionale di due mesi che consente al Parlamento di eleggere un nuovo Presidente. Secondo la Costituzione, Berri deve convocare il Parlamento due mesi prima che finisca il mandato dell’attuale Presidente Michel Suleiman (che scade il 25 maggio).

Berri, inoltre, dovrebbe incontrare anche il Patriarca Beshara Rai a capo della Chiesa maronita la quale riveste molta importanza nella scelta del Presidente.

Molti analisti escludono la possibilità che il nuovo Presidente possa essere eletto ad aprile o inizio maggio a causa delle divergenze tra l’Alleanza dell’8 Marzo e quella del 14 Marzo, acerrimi avversari anche se alleati nel governo di “interesse nazionale”. I commentatori politici ritengono probabile che l’elezione del Presidente possa avvenire nell’ultima settimana di maggio poco prima che il mandato di Sleiman termini.

Sull’importanza del rispetto dei tempi per la scelta del prossimo Presidente è stato molto chiaro il neo Premier Salam. “Noi abbiamo una semplice missione da compiere ed è l’elezione presidenziale. Se raggiungiamo questo obiettivo entro due mesi, abbiamo ottenuto un risultato estremamente importante per il Paese: affermare che il nostro sistema è democratico”.

Il nuovo esecutivo, guidato da Tammam Salam è nato la scorsa settimana con il voto favorevole di 96 parlamentari su 101 dopo un difficile compromesso su una dichiarazione relativa al ruolo della “Resistenza” contro Israele. L’esecutivo avrà però vita breve. La legge libanese prevede infatti l’elezione di un nuovo governo dopo che è terminato il mandato di sei anni del Presidente della Repubblica. Nena News  

The post LIBANO, tra corsa presidenziale e ripercussioni siriane appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

SIRIA. Brahimi getta la spugna: “Non ci sarà un’altra Ginevra”

Mar, 25/03/2014 - 11:52

L’inviato speciale di Onu e Lega Araba crede improbabile una ripresa del dialogo tra regime e opposizioni in questo momento. Sul campo, l’esercito di Assad guadagna terreno.

 

(Foto: Reuters)

 

dalla redazione

Roma, 25 marzo 2014, Nena News – Mentre il regime di Damasco avanza sul terreno, la diplomazia internazionale si impantana nel fango delle divisioni e dello stallo politico. Oggi le forze armate governative hanno compiuto una serie di operazioni nell’area di Hama e Daraa contro gruppi di miliziani, uccidendone decine, tra cui il leader del gruppo Sukour al-Badia. Secondo fonti militari, l’esercito avrebbe anche confiscato un convoglio di armi e munizioni diretto alle opposizioni.

Sostenuti dai miliziani libanesi di Hezbollah, i soldati siriani stanno registrando una serie di vittorie strategiche in diverse province, da Qunaitra a Daraa, da Hama a Aleppo fino alla provincia di Latakia.

A tre anni dallo scoppio della guerra civile siriana, non si vede luce in fondo al tunnel. Da parte sua il regime di Damasco, dato per spacciato fin dagli albori del conflitto, continua ad avanzare nonostante il supporto militare e finanziario di cui godono gran parte dei gruppi di opposizione. La diplomazia internazionale, al contrario, resta ferma. La tanto acclamata conferenza di Ginevra, sponsorizzata in pompa magna da Mosca e Washington, non ha portato ad alcun tipo di risultato sia a causa della divisione interna alle opposizioni siriane, sia a causa delle precondizioni poste dalla Coalizione Nazionale che non intende prendere parte ad una transizione politica che veda coinvolto il presidente Assad.

Ieri è stato l’inviato delle Nazioni Unite e della Lega Araba per la Siria, Lakhdar Brahimi, a scrivere il punto e a capo per Ginevra 2: impossibile riaprire il dialogo tra governo e opposizioni in questo momento. Da Kuwait City, dove si trova per il summit annuale della Lega Araba, Brahimi è stato chiaro: “È improbabile in questo momento che i negoziati riprendano tra regime siriano e opposizioni a Ginevra”. Secondo l’inviato speciale, le prossime elezioni vedranno probabilmente la vittoria di Assad, un fattore che spingerà le opposizioni sempre più lontane dal tavolo del negoziato.

Da parte loro gli Stati Uniti proseguono lungo un percorso differente, rafforzando il sostegno alle opposizioni: domenica l’inviato speciale statunitense per la Siria, Daniel Rubestein, ha incontrato in Turchia il premier del governo ombra delle opposizioni, Ahmad Tohme. Tohme ha presentato il piano per “la creazione di istituzioni amministrative nelle aree liberate”. Washington però resta titubante e non avrebbe ancora deciso se inviare altri armi alle opposizioni.

Più intervista la posizione delle petromonarchie del Golfo: dal meeting della Lega Araba, aperto oggi in Kuwait e più focalizzato sulla questione Qatar e Fratellanza Musulmana, l’Arabia Saudita ha fatto appello ad un “cambiamento degli equilibri sul terreno”, nell’obiettivo di far cadere definitivamente il nemico Assad, e ha accusato la comunità internazionale di “aver tradito i ribelli” con i continui ritardi nella deposizione forzata del regime. E se la sedia del rappresentante siriano del regime di Damasco è rimasta vuota, a parlare sarà Ahmed al-Jarba, leader della Coalizione Nazionale, che da tempo spinge per ottenere un seggio dentro la Lega Araba. Nena News

The post SIRIA. Brahimi getta la spugna: “Non ci sarà un’altra Ginevra” appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

Iran resumes monetary aid to Hamas

Mar, 25/03/2014 - 10:47

Dramatic regional events have sparked a warming of Hamas-Iran ties, but Hamas’ relations with Hezbollah remain cool.

A money changer holds Iranian rial banknotes in Tehran’s business district, Jan. 7, 2012. (photo by REUTERS/Raheb Homavandi)

Adnan Abu Amer – al Monitor

Roma, 25 marzo 2014, Nena News -Al-Monitor has learned from Gaza sources that Iranian financial support has resumed to Hamas, but at a level lower than that which preceded the rupture between the two at the end of 2012.

Gaza political circles have been wondering whether Hamas would return to the Iran axis after a break that lasted more than two years. On March 10, leading Hamas figure Mahmoud al-Zahar, the last link between Hamas and Iran, announced steps to restore the bilateral relationship.

Al-Monitor has learned from a source close to Hamas’ political leadership that Iran is also planning to receive Hamas leader Khaled Meshaal soon, after a long tug of war marked by undisclosed shuttle discussions. The source said that Qatar was mediating with Iran to restore ties with Hamas. In late February, Qatari Foreign Minister Khalid al-Attiyah visited Tehran for that purpose.

The source added that last week, Iran gave the green light for Meshaal’s visit after contacts between Zahar and Marwan Issa, a senior leader in the Izz ad-Din al-Qassam Brigades, Hamas’ armed wing. This long overdue visit will culminate in Meshaal meeting with Iran’s Supreme Leader Ayatollah Ali-Khamenei.

In his meeting with Meshaal and in his recent and first visit to Qatar, Islamic Jihad Secretary-General Ramadan Shalah discussed the details of the upcoming visit to Tehran.

Regional developments

The resumption of relations between the two sides was announced March 10 by head of the Iranian Shura Council Ali Larijani, who said, “Iran is supporting Hamas on the grounds that it is a resistance movement. … Our relationship with [Hamas] is good and has returned to what it was. We have no problems with [Hamas].”

Al-Monitor surveyed a number of Hamas leaders of first and second rank at home and abroad about how they feel about a renewed relationship with Iran. In a meeting at his Gaza office, one Hamas leader told Al-Monitor, “The movement is not jumping from one lap to another, from Iran, then Egypt, then Qatar and finally back to Iran. [Hamas] has not necessarily erred. Rather, [Hamas] is in harmony with itself and with its Islamic and national liberation line. [Hamas] has sided with the will of the people, their right to freedom and [their right] to form their political system.”

The source conceded that the turn in regional events following former President Mohammed Morsi’s ouster in Egypt has hastened the progress of Iran-Hamas ties. Improvement in ties between Qatar, which is home to Meshaal, and Iran is also a key factor in Hamas’ own warming of ties with Tehran.

“Of course, the developments in the region have accelerated the return of relations between Hamas and Iran,” the source added. ”Perhaps the most important [of those developments] is Hamas’ harsh break with Egypt after the coup and the tension between Qatar and Saudi Arabia. The [tension] has helped warm the relationship between Doha and Tehran, and that has cast a shadow over Hamas in a positive way.”

Youssef Rizqa, the former information minister in the Hamas government, described the relationship with Iran as stable and said that the two sides agree on many issues, most notably the conflict with Israel.

Hamas was pleased with the resumption of financial support, as it signaled that there is no veto on the movement by decision-making circles in Tehran. Furthermore, Hamas is optimistic that Meshaal’s visit will result in increasing Iran’s financial support.

The latter was confirmed by Ahmed Youssef, a former political adviser to Palestinian leader Ismail Haniyeh, who said that Hamas is keen to develop its relationship with Iran because the two are strategic partners and have agreed to show understanding for their respective positions on contentious issues, especially the situation in Syria.

However, the return of Hamas-Iran relations will not necessarily be lauded all of Tehran’s allies, notably Syria and Hezbollah, who do not agree about accepting Hamas back into their axis.

Reconciling with Hezbollah

A senior Palestinian figure in Lebanon sought to mediate reconciliation between Hamas and Hezbollah in conjunction with that between Hamas and Iran. In a telephone interview with Al-Monitor, he confirmed that Hezbollah claims that Hamas elements are turning a blind eye to the smuggling of weapons to Syria through Lebanon and that some Hamas elements have been discovered fighting in Syria. He also noted that some Palestinians have been involved in the bombings in the southern suburbs of Beirut, although this is denied by Hamas.

“The closed-door mediation efforts between Hamas and Hezbollah in Beirut has culminated in them ‘agreeing to disagree’ regarding Syria and in continuing the ‘strategic partnership,’” he noted.

This same idea was expressed by Hamas figure Salah Bardawil, who said that Hamas’ relationship with Hezbollah is good despite the differences over Syria. He also noted that efforts are being made to restore relations as beneficial to both parties.

Hamas is not limiting itself to talk of improving its relationship with Hezbollah, but has begun to send delegations to Lebanese parties to absolve Hamas of accusations that it is the main incubator of jihadist and Salafist groups in Palestinian refugee camps in Lebanon; this has prompted Hamas representatives to act to prove their innocence to Hezbollah. The links between the two sides are still there and neither side is thinking of cutting them, despite the complexities and differences, especially since their common ground is substantial.

Jihad Taha, a Hamas figure in Lebanon, said in a March 16 interview with Sadaaden.com that his movement is considering launching an initiative to strengthen Lebanese-Palestinian relations and prevent sectarian strife, indicating that Hamas wishes to improve its relationship with Hezbollah through a series of intensive meetings and visits with Lebanese security authorities to ensure its success.

A source close to Hamas told Al-Monitor that the return of Hamas’ relations with Tehran can be seen as part of the “card reshuffling” in the region in the last few months as a result of the changes in Egypt and Syria.

“The return of the relationship between them is now at hand, because the decision-makers in Shiite Tehran, in light of the sectarian and political polarization dominating the region, want to restore the relationship with Sunni Hamas and strengthen ties with it. Hamas, in turn, needs such a relationship at this critical stage and hopes that Meshaal’s visit will accomplish that. This will pump new support in Hamas’ arteries and help it withstand the siege, which is worsening in an unprecedented way.” Nena News

The post Iran resumes monetary aid to Hamas appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

YEMEN, tra al-Qa’eda e ribelli huthi

Mar, 25/03/2014 - 10:24

Continuano le violenze nel Paese. Venti soldati uccisi da uomini armati forse qa’edisti. Ma a destare preoccupazione a Sana’a sono anche gli huthi da anni marginalizzati e repressi dal governo centrale.

dalla redazione

Roma, 25 marzo 2014, Nena News – Lontano dai riflettori della stampa internazionale continuano le violenze in Yemen. Ieri uomini armati hanno ucciso 20 soldati yemeniti ad un checkpoint nella provincia dell’Hadramawt. A riferirlo è l’agenzia di stampa yemenita Saba.

Secondo un ufficiale intervistato dalla Reuters, la maggior parte dei soldati dormiva quando l’attacco ha avuto luogo. Sebbene una fonte militare yemenita ritenga al-Qa’eda responsabile per la sparatoria di ieri, nessun gruppo al momento si è attribuito la responsabilità dell’attacco.

Non è il primo attacco operato recentemente nel Paese dall’organizzazione fondamentalista islamica. Lo scorso febbraio al-Qa’eda nella Penisola Araba (AQAP) colpì la prigione centrale della capitale Sanaa. Le vittime furono 11, tra cui sette guardie di sicurezza.

Gli attacchi del AQAP alle forze dell’ordine sono frequenti. Al-Qa’eda è molto attivo nel sud ed est del Paese nonostante le diverse campagne militari lanciate dal governo centrale contro di essa.

La scorsa settimana un’autobomba guidata da un presunto militante di al-Qa’eda è esplosa nei pressi del quartiere generale dell’Intelligence militare. Nell’esplosione una persona è morta e i feriti sono stati 13.

Tre presunti militanti del network terrorista sono morti tre giorni fa nella provincia meridionale di Shabwa quando l’autobomba che stavano preparando è esplosa per errore.

Ma a destare preoccupazione a Sana’a non è solo la branca di al-Qa’eda in Yemen. Da anni va avanti un conflitto serrato tra governo centrale e i ribelli Huthi nel nord del Paese.

Sabato scorso 12 persone sono state uccise negli scontri tra le forze yemenite e i ribelli Huthi alla periferia di Amran, nel nord del Paese.

I ribelli, conosciuti come Huthi o Ansaar Allah, erano giunti nella città per prendere parte ad una manifestazione di protesta. Ma la situazione è presto degenerata quando hanno insistito ad attraversare armati un checkpoint all’entrata settentrionale della città.

La scorsa settimana, huthi armati con fucili di assalto erano sfilati ad Amran chiedendo le dimissioni del “governo corrotto”. Da diversi anni gli huthi combattono il governo centrale perché si sentono marginalizzati da Sana’a. La rimozione nel 2012 dell’ex Presidente Saleh, in seguito alle proteste popolari della “Primavera araba”, non ha migliorato la situazione.

Lo scorso mese, il Presidente Abd Rabbo Mansur Hadi e i leader di partito hanno concordato a trasformare lo Yemen in una federazione a sei regioni. I ribelli però, temendo che l’intenzione del governo sia quella di dividere il Paese in regioni povere e ricche, cercano di allargare la loro zona di influenza spingendosi nelle aree più vicine alla capitale. Negli scontri con le tribù locali lo scorso febbraio sono morte più di 150 persone. Dal canto suo Sana’a crede che l’obiettivo dei ribelli sia quello di prendere possesso di Amran per poi assediare la capitale.

Dopo dieci mesi di Conferenza Nazionale del Dialogo, conclusasi lo scorso dicembre e il rinnovo di un anno del mandato ad interim del Presidente Hadi, sarebbe dovuta iniziare una nuova fase che avrebbe dovuto trasformare il Paese in un sistema federale multi regionale ponendo così fine alle violenze. In realtà, però, la possibilità di una partizione federalista del Paese ha ingolosito i vari gruppi che cercano di ampliare la loro influenza garantendosi l’accesso alle materie prime e una maggiore vicinanza alla capitale. Negli scontri tra le varie etnie, soprattutto al Nord, l’esercito ha scelto di delegare a milizie lealiste la difesa dei luoghi sensibili.

Ma a condizionare l’operato del governo Hadi vi sono le pressioni esterne di Usa e Arabia Saudita. Al Presidente è richiesta la pacificazione del Paese cosicché possa essere arginato il fenomeno al-Qa’eda e possa essere garantita la continuità dei flussi commerciali verso l’estero. Nena News

The post YEMEN, tra al-Qa’eda e ribelli huthi appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

LEGA ARABA. Qatar e Coalizione siriana nell’agenda di domani

Lun, 24/03/2014 - 16:12

Al via domani il summit dei ministri degli esteri della Lega Araba. Il Qatar, isolato per il suo sostegno ai Fratelli Musulmani, potrebbe venir messo all’angolo. E l’opposizione siriana potrebbe continuare la scalata verso il seggio riservato a Damasco

dalla redazione

Roma, 24 marzo 2014, Nena News – La “Guerra fredda araba” è solo rinviata di qualche giorno. Al summit di ieri a Kuwait City tra i ministri degli Esteri degli stati che aderiscono alla Lega Araba il tema dell’isolamento del Qatar, colpevole di dare asilo ad alcuni esponenti dei Fratelli Musulmani ormai banditi nella maggioranza dei paesi arabi, è rimasto tabù. Eppure domani avrà inizio una due giorni di summit in cui verranno discusse alcune questioni spinose, come l’adozione di una nuova legge anti-terrorismo comune a tutti i membri della Lega Araba. Il Qatar, già messo all’angolo per non aver ratificato il mese scorso una legge simile in una riunione del Consiglio di Cooperazione del Golfo, dovrà prendere una decisione: abbandonare il sostegno ai Fratelli Musulmani e restare, o rischiare di essere sospeso o peggio espulso.

Nella sessione di ieri il clima è stato, a detta del ministro degli esteri iracheno Hoshyar Zebari, “molto positivo”. Glissando sulla domanda dell’AFP sugli sforzi fatti per appianare gli attriti esistenti da qualche tempo all’interno del Golfo, con Arabia Saudita, Bahrein ed Emirati che hanno ritirato i propri ambasciatori dal Qatar, Zebari ha semplicemente comunicato che “la questione degli ambasciatori non è stata menzionata neanche una volta”. Il tema potrebbe non essere discusso in una seduta plenaria perché, come ha spiegato il ministro degli esteri algerino Ramtane Lamamra, “alcune questioni sono dibattute dietro le quinte”. Una voce in parte confermata da Fadhel Jawal, assistente del segretario generale per gli affari politici, secondo il quale “i leader arabi terranno una sessione speciale all’interno del summit per tentare di appianare le loro divergenze”.

Tra gli argomenti affrontati nel meeting di ieri, la lotta al terrorismo internazionale e i modi per limitare il suo impatto sui paesi arabi, oltre a una risoluzione approvata all’unanimità per spingere il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ad addossarsi la responsabilità del fallimento della conferenza di Ginevra sulla Siria.

Sempre a proposito di Siria, il leader della Coalizione nazionale di opposizione siriana Ahmed Jarba è stato invitato al summit della Lega Araba. La sua delegazione, però, non potrà prendere posto al seggio riservato alla Siria fino a quando non “regolarizzerà alcune procedure legali”, dal momento che Assad è ancora formalmente a capo della Siria, nonostante la sua sospensione dalla Lega Araba nel 2011. Bin Helli, numero due della Coalizione, ha comunque spiegato che Jarba parlerà con il segretario generale della Lega Araba Nabil al-Arabi al termine del summit sull’eventualità che la coalizione rimpiazzi ufficialmente il seggio riservato al governo siriano nei prossimi meeting della Lega. Nonostante le perplessità di Iraq, Libano e Algeria, durante il summit dello scorso anno a Doha i ministri degli Esteri della Lega Araba si erano impegnati ad accettare l’adesione dell’opposizione siriana come rappresentante di Damasco se questa si fosse dotata di una struttura formale. Nena News.

 

The post LEGA ARABA. Qatar e Coalizione siriana nell’agenda di domani appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

EGITTO. Condannati a morte 529 Fratelli Musulmani

Lun, 24/03/2014 - 15:23

Sentenza-shock del tribunale di Minya, in alto Egitto. E mentre ci si prepara alle elezioni presidenziali, il Paese si trova invischiato in quella che molti definiscono una contro-rivoluzione

Manifestazioni pro-Morsi, agosto 2013 (immagine SkyNews)

di Chiara Cruciati

Roma, 24 marzo 2014, Nena News – Il maxi processo ai Fratelli Musulmani partorisce le prime sentenze-shock: 529 sostenitori del movimento islamista sono stati condannati a morte oggi con l’accusa di omicidio e aggressione contro la polizia egiziana, contro cose e persone.

Il gruppo di condannati è parte di un processo molto più ampio che vede alla sbarra oltre 1.200 membri o sostenitori del deposto presidente Morsi. La repressione non è più solo politica: dopo aver dichiarato la Fratellanza organizzazione terroristica, averne chiuso le sedi e aver confiscato tutti i beni mobili ed immobili, le autorità egiziane figlie del golpe militare del 3 luglio 2013 ora procedono con il cappio. A imporre la sentenza è stata oggi la corte di Minya, a Sud del Cairo, e fa riferimento alle violenze esplose ad agosto dopo che due campi di protesta della Fratellanza erano stati attaccati dalle forze militari egiziane. Ne erano seguiti durissimi scontri che avevano portato alla morte di decine di persone e all’arresto di migliaia di sostenitori islamisti.

“Il tribunale ha deciso di condannare a morte 529 imputati – ha detto uno degli avvocati, Ahmed Al-Sharif – Sedici sono stati invece assolti”.

E mentre l’Egitto si prepara alle elezioni presidenziali e alla probabile vittoria del fautore del rovesciamento di governo, il generale Al-Sisi, il Paese si trova invischiato in quella che molti definiscono una contro-rivoluzione. Seppure sia ancora presto per valutare gli effetti di una rivoluzione ancora in corso, i numeri parlano chiaro: sono 16mila i dissidenti politici e gli oppositori chiusi dietro le sbarre di una prigione egiziana, per lo più i giovani attivisti – come il noto Alaa Abdel Fattah, rilasciato ieri dietro il pagamento di una cauzione di mille dollari – che guidarono la primavera egiziana.

Detenzioni arbitrarie, torture, censura dei media, brutalità della polizia sono lo specchio – secondo gli stessi attivisti – di una mossa di gattopardiana memoria: tutto cambia perché nulla cambi. Non c’è molto di nuovo sotto il sole egiziano, rispetto all’era Mubarak. E la prospettiva di Al-Sisi presidente sarebbe la ciliegina su una torta che gli egiziani non vogliono addentare: una nuova ondata di repressione politica, contornata dalla quasi totale assenza di alternative moderate e lontane dai vecchi equilibri di potere gestiti dall’esercito.

E se non sono pochi gli egiziani che hanno perso fiducia nel processo democratico dopo aver assistito alla deposizione violenta del primo presidente democraticamente eletto, i problemi di tre anni fa non appaiono certo risolti: i motivi che spinsero il 25 gennaio 2011 il popolo egiziano in Piazza Tahrir sono ancora presenti. Disoccupazione, miseria, mancanza di opportunità di lavoro e di condizioni di lavoro dignitose, scioperi dei lavoratori: nelle ultime settimane hanno incrociato le braccia dottori, farmacisti, operai del tessile, dipendenti pubblici.

Anche qui i dati parlano chiaro: nonostante i tentativi di riforme del precedente governo Beblawi, il PIL è cresciuto di un misero 1,8% nell’anno 2013, il deficit ha raggiunto il 14% del prodotto interno lordo, il tasso di disoccupazione è giunto al 13,4% (sono giovani il 70% dei senza lavoro), mentre il 25% degli egiziani vive sotto la soglia di povertà. Nena News.

The post EGITTO. Condannati a morte 529 Fratelli Musulmani appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

Turkey shoots down Syrian plane as elections heat up

Lun, 24/03/2014 - 13:35

As Turkey was shuddering from scandals involving corruption, wiretaps and the closing down of Twitter as it neared the March 30 local elections, the Syria crisis came as a lifesaver to Prime Minister Recep Tayyip Erdogan

Manifestazione a favore del partito di Erdogan AKP a Istanbul il 23 marzo (Foto: Murad Sezer/ Reuters)

by Fehim Tastekin – al-Monitor

Roma, 24 marzo 2014, Nena News – As Turkey was shuddering from scandals involving corruption, wiretaps and the closing down of Twitter as it neared the March 30 local elections, the Syria crisis came as a lifesaver to Prime Minister Recep Tayyip Erdogan. As the threat that al-Qaeda was going to attack the sovereign Turkish enclave of the Tomb of Suleiman Shah inside Syria turned out to be a non-event albeit one that kept Turkey’s agenda busy for a few days, the real bomb came with the shooting down of a Syrian warplane that was attacking opposition fighters trying to capture the Syrian town of Kassab on the Turkish border. With the shooting down of the plane, the election rallies of the governing party immediately assumed the atmosphere of “our victorious prime minister.

Turkey — by shooting down the Syrian plane in Turkish air space over the town of Yayladagi in Hatay province — has now inflicted a second revenge against the shooting down of a Turkish RF-4E Phantom with its two pilots over the Mediterranean near the Syrian border in 2012. On Sept. 16, 2013, Turkey had shot down a Syrian M-17 helicopter over Yayladagi with F-16 fire.

One plane left the scene but the other resisted

According to a statement by Turkey’s Chief of General Staff, two Syrian MiG-23 planes were detected at 1:01 p.m. local time by the Diyarbakir Air Control Center when they were 80 nautical miles away. The planes were warned four times when they were within 10 miles of Turkish airspace. After the warnings, one of the planes disengaged and left the area without entering Turkish airspace but the other, around 1:13 p.m., violated the Turkish air space for about one kilometer (six-tenths of a mile) in the area of the Camli Tepe Border Post. The plane then turned west and flew about 1.5 kilometers (nearly a mile) in Turkish airspace. At 1:14 p.m., a Turkish F-16 that was on patrol in the region hit the Syrian plane with a missile as per rules of engagement. The plane that was hit crashed in Syrian territory about 1,200 meters (nearly 4,000 feet) from the border in the region of Kassab.

According to official Syrian news agency SANA, “The pilot of the plane that was shot down while chasing terrorists safely ejected by parachute.”

Damascus: Erdogan mired in corruption

The Syrian Foreign Ministry accused the Turkish government of “an unprecedented hostile attack without any valid reason against Syrian sovereignty and territory.” It also accused Turkey of opening artillery and tank fire against Syrian territory to facilitate the crossing of armed terror gangs from Turkey to Syria. The statement said, “This is nothing but a declaration of failure and bankruptcy by Erdogan, who is mired in corruption and is not wanted by his people. The Syrian government calls on [the] Erdogan government to put an end to its aggressions and abide by international law.”

The shooting down of the plane came hours after the al-Qaeda-linked Jabhat al-Nusra and the Islamic Front jointly captured Kassab, where Alevis and Armenians live. Many fighters wounded in three days of clashes were evacuated to Turkey.

As the clashes continued, Syria’s permanent representative to the UN, Bashar Jaafari, sent a complaint to the Security Council that said, “Some regional states and other foreign powers are insisting on supporting terrorism. On Friday, fire was directed at the Kassab area from the border of Turkey when the militants who crossed the border were repulsed by units of the Syrian Arab Army. The Turkish army gave logistical and military support to the attacking groups.”

On the morning of March 23, the militants who captured the Kassab Border Crossing post jubilantly celebrated their victory. Turkey’s defense minister, Ismet Yilmaz, said people were evacuated from some Turkish villages along the border.

“A thief cannot be a hero”

Prime Minister Erdogan, who was accused by nationalist quarters for not doing enough after the shooting down of the Turkish plane in 2012, on March 23 displayed pride in having taken revenge this time. In several election rallies, Erdogan loudly boasted of the shoot down and served notice to Syria. In his Kocaeli rally he showed his intent to use the shooting down of the plane as campaign material when he said, “Another assassin [the Syrian plane] violated our airspace. Our F-16s took off and hit it. Why? If you continue to violate our airspace, our slap will be harder next time. Led by our chief of the General Staff, I congratulate our honorable pilots and air force. This is all there is to it.”

Kemal Kilicdaroglu, chairman of the main opposition Republican People’s Party [CHP], said the matter is being exploited in election rallies, adding, “We will never criticize the action taken when the rules of engagement are violated, but we also don’t want the boast of ‘I am a hero.’ A thief cannot be a hero.”

Clashes in the Kassab area were observed with concern from Hatay. The Alevi massacre by armed groups in August 2012 at Latakia deeply shook the Alevis of Hatay.

Although the shooting of the plane may appeal to nationalist sentiments, with the deep rifts in Turkish society caused by the Syrian crisis, Erdogan may not have the power he may want.

Moreover, even Erdogan’s own constituency widely shares the anxiety that military reprisals may well drag Turkey into the swamp. Nena News.

The post Turkey shoots down Syrian plane as elections heat up appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

PALESTINA. Washington: “Spia israeliana in cambio dei prigionieri palestinesi”

Lun, 24/03/2014 - 12:32

 

Jonathan Pollard, all’ergastolo per aver passato documenti segreti americani sui paesi arabi a Tel Aviv, potrebbe diventare moneta di scambio per far ripartire i negoziati. Ed evitare a Washington un pesante fallimento sul piano internazionale 

Un manifesto per la liberazione di Pollard a Gerusalemme (Foto: Sebastian Scheiner/ AP)

 

dalla redazione

Roma, 24 marzo 2014, Nena News – A un mese dalla scadenza dell’ultimo round di negoziati israelo-palestinesi, Washington non riesce ad accettare il fallimento dei colloqui e gioca una carta azzardata: la liberazione di Jonathan Pollard, all’ergastolo dal 1985 per spionaggio a favore di Israele, contro il rilascio dell’ultima tranche di detenuti politici palestinesi che Tel Aviv minaccia di bloccare se Ramallah non accettasse di prolungare i colloqui.

La notizia è stata diffusa ieri dalla Radio dell’esercito israeliano, citando fonti diplomatiche occidentali secondo le quali alcuni responsabili dell’amministrazione Obama non escluderebbero il rilascio di Pollard in cambio del via libera da parte del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu alla liberazione di 26 prigionieri politici palestinesi, ultima tranche di quei 104  palestinesi incarcerati da Israele (molti dei quali sono in prigione da 20 anni) da liberare secondo gli accordi siglati da Ramallah e Tel Aviv come base d’avvio per i negoziati lo scorso luglio.

Il team negoziatore palestinese aveva chiesto che fra loro ci fossero anche palestinesi cittadini di Israele e residenti a Gerusalemme est (annessa unilateralmente da Israele) in possesso di carte di identità israeliane, cosa che il governo Netanyahu rifiuta categoricamente. Inoltre, alcuni giorni fa, alcuni ministri israeliani avevano pubblicamente dichiarato che se i palestinesi non avessero continuato a negoziare oltre il tempo-limite del 29 aprile, Tel Aviv si sarebbe riservata il diritto di interrompere la liberazione.

E così Washington, con le elezioni del mid-term sempre più vicine e l’ombra di un ennesimo fallimento nella risoluzione del conflitto israelo-palestinese che indebolirebbe ulteriormente la sua posizione in Medio Oriente, ora gioca al “Rischiatutto”: la liberazione di Pollard, un ex analista della marina militare statunitense condannato all’ergastolo per aver passato migliaia di documenti segreti a Tel Aviv sullo spionaggio americano nel mondo arabo. Arrestato nel 1985, ha ottenuto la nazionalità israeliana dieci anni dopo. E forse ora si prepara a tornare “a casa” da eroe. Nena News.

The post PALESTINA. Washington: “Spia israeliana in cambio dei prigionieri palestinesi” appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

Libro. I “Palestinesi” di Genet

Lun, 24/03/2014 - 09:23
In queste pagine si delinea la somiglianza tra i palestinesi, popolo martoriato, e l’uomo Genet, uno scrittore senza volto che si è sporcato l’animo. Anche lui, come i palestinesi, appartiene da sempre alla “famille du Diable” di Cristina Micalusi Roma, 24 marzo 2014, Nena News - Questo libro è un libro documento, un documento storico che si rivolge a una terra che vede, sotto lo sguardo dello scrittore, risorgere o sgretolarsi sotto i suoi piedi:  la PALESTINA.”Cacciati dai loro focolari e dai loro giardini” i palestinesi accolgono Genet come un fratello in esilio, anche lui.
Lo scrittore ci racconta la fuga, l’esodo di questo popolo che ha capovolto il loro mondo, sconvolto drasticamente le vecchie gerarchie. I palestinesi sono ormai senza patria, tutti, borghesi e straccioni.

Ma al silenzio hanno scelto di ribellarsi nei gesti semplici di una insurrezione quotidiana.
Così espulsi e abbandonati al loro destino di rabbia e miseria essi “hanno dichiarato guerra al mondo intero”.
Hanno cambiato l’abito, lingua, si sono coperti il volto e si son dati  “il bel nome di rivoluzionari”.
 
E’ nel loro animo che hanno trovato la forza e la rabbia per reagire alla volontà maggioritaria di cancellarli, di far perdere la loro Storia.
Così, per Genet, bisogna recuperare i morti e darli alla vita; perché questi morti “devono stare coi vivi, in mezzo a loro, con la loro urgenza dell’atto vitale della rivoluzione”.
I cadeveri di Sabra e Shatila devono risorgere e gridare al mondo la loro esistenza.

Per Jean Genet, che ha vissuto a contatto con i palestinesi in tutti i luoghi della loro diaspora, ordinare storicamente il passato non significa riconoscerlo come è stato veramente, ma significa afferrare il ricordo così come è in un momento di pericolo.

I testi di questo libro sono il risultato di esperienze umane e considerazioni politiche che Genet ha maturato e raccolto dopo aver stabilito un contatto diretto con la Palestina e il Medio Oriente.
Questi scritti raccolgono la testimonianza diretta e indiretta della  permanenza dello scrittore nei campi di addestramento e nelle basi dei “fedayin”, nei sobborghi di Damasco, di Amman e di Beirut.

C’è in tutti i racconti la somiglianza tra questo popolo martoriato e l’uomo Genet, uno scrittore senza volto che si è sporcato l’animo. Anche lui, come i palestinesi, appartiene da sempre alla “famille du Diable”.
Ha speso tutta la sua vita a gridare No al potere e a tutti i suoi servi, attraverso una scrittura che non fa sconti e non ammette compromessi.

Jean Genet ( Parigi, 19 dicembre 1910  -Parigi, 15 aprile 1986) è stato uno scrittore, drammaturgo e poeta francese tra i più discussi del Novecento. Nena News.

Titolo:  Palestinesi Autore: Jean Genet Edizioni:  Stampa Alternativa Anno:  2002

The post Libro. I “Palestinesi” di Genet appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina