Nena news

Condividi contenuti
Agenzia Stampa Vicino Oriente
Aggiornato: 14 ore 44 min fa

TURCHIA: due sfidanti per Erdogan

Mar, 01/07/2014 - 12:57

Alle presidenziali del 10 agosto sarà il poco conosciuto Ekmeleddin Ihsanoglu il principale avversario del Premier turco Erdogan. Il terzo candidato è Selahattin Dermitas copresidente del HDP, il principale partito curdo.

Ekmeleddin Ihsanoglu

della redazione 

Roma, 1 luglio 2014, Nena News - Domenica i due principali partiti laici turchi – il Partito del popolo repubblicano (CHP) e il Partito del movimento nazionalista (MHP) – hanno annunciato che sosterranno la candidatura dell’accademico e diplomatico Ekmeleddin Ihsanoglu alle elezioni presidenziali del 10 agostoLa scelta di Ihsanoglu desta sorpresa e preoccupazione nell’elettorato laico turco. Oltre ad essere poco conosciuto, l’accademico è visto da molti come un conservatore religioso.

Ma forse proprio per il suo essere un devoto musulmano, è sembrato ai vertici dell’opposizione turca il miglior candidato possibile per sfidare l’attuale Premier Erdogan (che dovrebbe oggi ufficializzare la sua candidatura). Il suo compito, infatti, è quello di provare a guadagnare consensi all’interno dell’ampio elettorato del Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP) guidato dal Primo Ministro.

Ihsanoglu ha però subito voluto sgombrare il campo da ogni equivoco sottolineando che terrà separate religione e politica. La scelta del suo nome non è stato condivisa da tutti. Ventuno parlamentari del CHP si sono rifiutati di appoggiare la sua candidatura. Situazione diversa nei ranghi dell’ultra nazionalista MHP che si è schierato compatto a favore del diplomatico.

Nato al Cairo da genitori turchi, il settantenne Ihsanoglu si è dimesso a dicembre dalla direzione della Organizzazione della Cooperazione islamica (OIC) ed è stato inviato in Bosnia e Gambia durante la sua lunga carriera diplomatica.

Le possibilità di vittoria di Ihsanoglu sembrano essere poche. Il Premier Erdogan resta il leader più popolare nel Paese e i sondaggi lo vedono vincente al primo turno. Secondo il sondaggista Genar, il Primo Ministro dovrebbe vincere con il 55,2% dei voti mentre il candidato congiunto del MHP e CHP si dovrebbe fermare al 35,8%.

L’attuale Capo di Stato, Abdullah Gul, ha confermato ieri che il suo mandato terminerà il 28 agosto e che non si candiderà alle elezioni. Decisione che, come ha ribadito ai cronisti, aveva già comunicato al Primo Ministro prima delle municipali dello scorso 30 marzo.

Chi invece sicuramente ci sarà è il quarantunenne avvocato Selahattin Demirtaş, il copresidente della principale compagine politica curda in Turchia, il Partito democratico del Popolo (HDP). Demirtaş non ha alcune chance di vittoria, ma la sua presenza potrebbe essere importante perché potrebbe portare i due principali candidati al ballottaggio. I curdi costituiscono il 20% della popolazione turca (sono all’incirca 15 milioni) e secondo gli analisti politici molti di loro dovrebbero votare per Erdogan.

La presenza di Demirtaş potrebbe rosicchiare voti al Primo Ministro a tutto vantaggio di Ihsanoglu senza però causare clamorose sorprese. Per ingraziarsi l’elettorato curdo, la scorsa settimana il partito della Giustizia e Sviluppo (AKP) di Erdogan ha presentato varie riforme in Parlamento che mirano a spingere in avanti il processo di pace tra i turchi e i ribelli curdi al momento arenatosi. L’attuale Premier è il primo leader turco ad essersi impegnato a dialogare con i ribelli turchi e a dare loro limitati diritti tra cui l’educazione della lingua curda nelle scuole private. Tuttavia, le aperture sono per lo più cosmetiche e non hanno mai garantito ai curdi alcun riconoscimento costituzionale.

La presenza di Dermitaş non dovrebbe comunque rappresentare un grosso problema per Erdogan. Gli analisti, infatti, credono che l’HDP sosterrà il Premier nel caso in cui si dovesse arrivare al ballottaggio del 24 agosto. Nena News

The post TURCHIA: due sfidanti per Erdogan appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

Hamas leaders in Gaza scramble to avoid Israeli attack

Mar, 01/07/2014 - 07:05

Hamas leaders are reaching out to regional allies to try restrain Israel from taking military action in response to the kidnappings.

Mourners surround the bodies of Palestinian members of Hamas’ armed wing during their funeral at a mosque in Gaza City June 21, 2014.  (Photo by REUTERS/Mohammed Salem. Source al-Monitor)

Adnan Abu Amer   al-Monitor

Roma, 1 luglio 2014, Nena NewsGoing into the third week since the disappearance of the three Israeli settlers from the West Bank, Hamas, which Israel accused of the kidnapping, feels that an attack against it in the Gaza Strip is imminent. The concern has become even more pressing with reports that three bodies were found near Hebron, the home city of the two Hamas-linked suspects identified by Israel last week as Marwan Qawasmeh and Amer Abu Aisha.

Al-Monitor has learned that Hamas leaders in Gaza have virtually disappeared from sight, with journalists facing great challenges in reaching them. Hamas has implemented strict security measures to thwart any Israeli attack against its leaders, who resurfaced only to attend the funeral of five Izz ad-Din al-Qassam Brigades militants who died on the evening of June 20, when a tunnel collapsed on them in eastern Gaza.

The funeral procession was led by Ismail Haniyeh, the deputy head of Hamas’ political bureau; Ahmad Bahr, the acting speaker of the Palestinian Legislative Council; and Mahmoud al-Zahar and Khalil al-Hayeh, two senior Hamas members.

The public daytime appearance of Hamas’ political leadership in this way caused concern for security officials in the Gaza Strip, who told Al-Monitor about their fear of Israel’s ability to track the leaders’ movements and possibly assassinate them.

In addition to preventive security measures, Hamas has raised the level of its threats against Israel should it attack Gaza. On June 24, Zahar said, “The Qassam Brigades have upgraded their rocket capabilities and are now able to target any Israeli city in any upcoming battle,” while warning against waging an attack on the Gaza Strip.

Hamas’ concern of an imminent Israeli attack was evidenced by the evacuation of its security headquarters, for fear that it might be targeted by the Israeli air force.

The security measures carried out by Hamas in Gaza were bolstered by diplomatic and political efforts on the part of the movement abroad, whereby intensive contacts were conducted with Arab and international capitals to restrain Israel from dealing a severe blow to Gaza.

In this regard, Izzat al-Rishq, a Hamas official, affirmed in a telephone interview with Al-Monitor that between June 21 and June 25. Hamas leader Khaled Meshaal contacted the chairman of the Arab Summit, Kuwait’s Emir Sheikh Sabah al-Ahmad, as well as the Yemeni and Sudanese presidents and Malaysian Prime Minister Najib Abdul Razak. According to Rishq, this was to “inform them of the latest Palestinian developments, and discuss with them the Israeli threats against the West Bank and Gaza, in addition to the responsibility borne by Arab countries to back the Palestinian people.”

Rishq, who lives in Qatar, said, “Meshaal conducted other telephone conversations with the Qatari and Omani foreign ministers, Khalid al-Attiyah and Youssef bin Alawi; and Secretary-General of the Arab League Nabil Elaraby to discuss the position vis-a-vis the Israeli threat against the Palestinian people. He invited them to act, on an Arab and international level, to pressure Israel into halting its military operations.”

“Meshaal also telephoned Qatari Emir Sheikh Tamim bin Hamad al-Thani on June 26 to brief him on the developments of the situation in the occupied territories. Meshaal also sent a letter on the morning of June 27 to Iranian President Hassan Rouhani, asking him to support the steadfastness and resistance of the Palestinian people in confronting Israel. Furthermore, he contacted Gulf Cooperation Council Secretary-General Abdul Latif al-Zayani and the secretary-general of the Organization of Islamic Cooperation, Iyad Madani,” Rishq said.

Meshaal has also held talks with the Russian president’s envoy to the Middle East and Deputy Foreign Minister Mikhail Bogdanov, which indicated Hamas’ desire to bolster its relations with Moscow.

Meshaal’s diplomatic outreach was accompanied by his Al Jazeera announcement on June 23 that he had “met with a number of foreign delegations from foreign countries, some of which classify Hamas as a terrorist organization, and which, behind closed doors, curse Israel and demand that it is internationally sanctioned for the violations it perpetrates against the Palestinian people.”

On the other hand, Osama Hamdan, the head of Hamas’ international relations department, said it was likely that “Hamas would conduct a series of visits to a number of Arab countries soon.” He also revealed that the “substance of Meshaal’s contacts with those countries’ leaders revolved around Israel’s escalating military operations against the West Bank and Gaza, as well as the need to intervene and put an end to them.”

Al-Monitor asked an official within Hamas’ foreign affairs department about the benefit of the diplomatic efforts that have been recently made by Meshaal, after Israel identified the two suspects. “Undoubtedly [these efforts will be beneficial], Israel wanted through this accusation to cut the way to any international and regional condemnation of its expected offensive on Gaza, and this is what Meshaal has sought to achieve through his current political contacts. … It is not unprompted, but rather it is intentional that the Israeli accusation of kidnapping the settlers coincides with the movements in terms of diplomatic efforts,” the official said.

Al-Monitor has learned from a Hamas official that the movement was in the process of “preparing a political memorandum addressed to influential capitals of the region and the world as well as a number of international organizations, warning against an Israeli operation in the Gaza Strip. In the memorandum, Hamas disputed justifying the attack by accusing it of kidnapping the settlers and explained how Gaza was suffering from difficult living and economic conditions, rendering it unable to endure a new war.”

The official said, “The movement is in a race against time to disseminate the memorandum before any Israeli attack on Gaza. Yet, despite the fact that such a memo cannot prevent an attack, the two previous wars of 2008 and 2012 have confirmed that Israel came out a loser in the international war for public opinion, which the Palestinians began to win. And this is what we continue to work toward.” Nena News

The post Hamas leaders in Gaza scramble to avoid Israeli attack appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

Ebola. Epidemia fuori controllo in Guinea, Sierra Leone e Liberia

Lun, 30/06/2014 - 16:48

 Oltre 600 le infezioni dal virus ebola confermate in laboratorio in Africa Occidentale. 390 i decessi, secondo gli ultimi aggiornamenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

 

di Federica Iezzi

Conakry (Repubblica di Guinea), 1 luglio 2014, Nena News – Il numero di probabili infezioni e il numero di quelle confermate cambia continuamente e rapidamente. Dallo scorso marzo più di 600 casi di ebola e oltre 390 morti sono stati documentati, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità tra Guinea, Liberia e Sierra Leone. Oggi i Paesi dell’Africa Occidentale maggiormente colpiti dal virus.

In Guinea riportati 396 casi di infezione convalidati in laboratorio, con 280 morti. Gli ultimi tre casi nei distretti meridionali di Gueckedou e Telimele.

In Liberia sono 63 i casi confermati e 41 i decessi. Solo nelle ultime settimane 10 nuovi casi e 8 decessi.

In Sierra Leone, il virus ebola con i suoi primi 16 casi è comparso per la prima volta lo scorso maggio. Oggi il numero di morti è arrivato a 46, tra i 176 casi confermati. Il maggior numero dei quali a Kailahun, nella zona est del Paese, al confine con la Liberia.

Il virus ha iniziato a diffondersi in Guinea Conakry all’inizio del 2014. Nei primi tre mesi dell’anno i casi confermati raggiunsero il numero di 112. 70 i morti. Sembrava che il numero di contagi fosse contenuto, invece il virus dalle zone rurali, ha lentamente fatto il suo ingresso nelle aree urbane. Alla fine dello scorso marzo, ebola ha attraversato i confini della Liberia, raggiungendo Monrovia. E la propagazione ha perso il controllo, per la difficoltà di tracciare i movimenti delle persone potenzialmente contagiate.

Pazienti infetti dal virus sono stati identificati in più di 60 località dei tre Paesi coinvolti e questo rende il lavoro di limitare l’epidemia estremamente dispendioso. A fronteggiare la seconda ondata di infezioni, il lavoro instancabile e continuo di Medici senza Frontiere, a supporto delle autorità sanitarie nei tre Paesi africani. MSF ha curato finora 470 pazienti, di cui 215 casi confermati.

La febbre emorragica è la più temibile conseguenza dell’infezione, che nel 90% dei casi è fatale. La diffusione poco localizzata del virus rende più complesse le operazioni di intervento, sia per trattare i pazienti, sia per limitare e circoscrivere l’epidemia.

Essenziali diventano educare il personale sanitario locale e informare la popolazione sui metodi per non diffondere la malattia. Necessario l’isolamento di persone infette. Secondo il parere degli infettivologi l’epidemia andrà ancora avanti per alcuni mesi.

Di questo tratterà l’incontro organizzato dall’OMS ad Accra in Ghana, nei prossimi 2-3 luglio, in cui parteciperanno i ministri della Sanità di undici Paesi africani e altri rappresentanti.

L’obiettivo della conferenza è lo sviluppo di un piano globale per fermare l’implacabile avanzata del virus. Nena News

The post Ebola. Epidemia fuori controllo in Guinea, Sierra Leone e Liberia appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

SPORT. Algeria, una partita per il riscatto

Lun, 30/06/2014 - 13:00

La formazione nordafricana, giunta inaspettatamente agli ottavi di finale, spera di battere i tedeschi e di cancellare così la “vergogna di Gijón”, che ne causò l’eliminazione dal mondiale del 1982

di Rosa Schiano

Roma, 30 giugno 2014, Nena News - Grande entusiasmo nel popolo algerino in vista della sfida Germania – Algeria per gli ottavi di finale dei campionati mondiali di calcio che si giocherà stasera alle 22.00 ore italiane presso lo Estádio Beira-Rio di Porto Alegre. La Germania è tra le formazioni più quotate alla vittoria finale ma i nordafricani sono una delle rivelazioni di questi mondiali. Non si tratta, per gli algerini, di una semplice partita di calcio, ma di un riscatto. Le due squadre tornano ad affrontarsi 32 anni dopo il Campionato del Mondo del 1982 quando, in una vittoria storica, l’Algeria prevalse sui tedeschi (all’epoca Germania Ovest) vincendo per 2-1, una partita indimenticabile, come riferisce il ct dell’Algeria.

Ma l’Algeria venne poi eliminata dal mondiale tramite un biscotto tra Germania Ovest e Austria, una sfida che venne ricordata come “la partita della vergogna”, passata anche alla storia come la “Vergogna di Gijón”,una  vera truffa organizzata ai danni dell’Algeria.  Il 25 giugno 1982, in caso di vittoria dei tedeschi sugli austriaci per 1-0, sarebbero infatti passate entrambe le squadre. Dopo che la Germania passò in vantaggio, non si giocò più, la partita fu praticamente inesistente e finì 1-0 davanti ai fischi e all’indignazione del pubblico. L’Algeria fu cosi eliminata dal mondiale.  Una “parodia messa in atto da Austria e Germania”, come denunciò il presidente della Federazione algerina, Sekkal, e “un attentato ai principi dello sport”. Ed allora la sfida di stasera porta con sé anche il ricordo di quel torto subito.

Il 26 giugno la qualificazione agli ottavi di finale grazie al pareggio per 1-1 con la Russia è stata accompagnata da grandi festeggiamenti in strada ad Algeri, tra clacson, bandiere bianco-verdi e fuochi d’artificio. Alcuni festeggiamenti purtroppo sono stati seguiti da scontri con la polizia ed arresti.  I festeggiamenti si sono tenuti anche a Marsiglia, dove vive una grande comunità algerina e dove molti edifici sono stati addobbati con le bandiere del paese. La partita è stata seguita nei bar del centro e su maxischermi, tifosi hanno poi festeggiato con canti, balli e fumogeni.

L’Algeria sembra quindi vivere una favola, ma nonostante l’entusiasmo gli atleti nordafricani rimangono concentrati, vivendo la preparazione al match con impegno e serietà affinché il sogno del popolo algerino continui. I calciatori della nazionale algerina sono anche stati esentati dal rispettare il digiuno del Ramadan, come ha stabilito una fatwa emessa dallo Sheykh Muhammad Sharif Qaher, esponente del Supremo consiglio islamico dell’Algeria, secondo cui gli atleti sono autorizzati a sospendere il digiuno perché sono in viaggio. La tradizione vuole che possono evitare il digiuno anche i minorenni, gli anziani, i malati, le donne in stato di gravidanza o che allattano, le persone anziane, e quelle per cui il digiuno possa costituire un rischio per la salute.

Un’intera nazione attende ora gioiosa la sfida di questa sera. Nena News

 

The post SPORT. Algeria, una partita per il riscatto appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

PALESTINA. Un nuovo muro all’orizzonte

Lun, 30/06/2014 - 11:33

Dovrebbe correre da Eilat al Golan il muro che il premier israeliano Netanyahu giura essere necessario per difendere Israele dall’avanzata islamista. La Valle del Giordano resterà nelle mani di Tel Aviv

della redazione

Roma, 30 giugno 2014, Nena News - Un altro muro, stavolta a est, da Eilat a Majdal Shams, per proteggere Israele dall’avanzata islamista dell’Isil. Di questo c’è bisogno, stando alle parole del premier israeliano Benjamin Netanyahu, che teme la marcia dell’emirato islamico anche nella confinante Giordania: da lì, il passo verso i Territori occupati è breve. Golan, Cisgiordania e Negev sono a rischio e, ovviamente, con lo spettro dell’infiltrazione qaedista Tel Aviv potrebbe riuscire ad annettere la tanto agognata Valle del Giordano, il “confine di sicurezza di Israele” a detta di Natanyahu.

A diffondere le parole del premier israeliano è stata l‘Ansa, seguita da Media Line. L’Associated Press, invece, non parla di muro ma di “presenza militare a lungo termine” in Cisgiordania e soprattutto nella Valle del Giordano, lasciando sottintendere che la monarchia hashemita di Amman potrebbe cadere sotto i colpi dell’Isil e che quindi ”dobbiamo essere in grado di fermare il terrorismo e il fondamentalismo che ci può raggiungere da est sulla linea Giordano, e non nei sobborghi di Tel Aviv”.

Non solo barriere, però, ma soprattutto cooperazione regionale: anche questa strategia, secondo Netanyahu, potrebbe aiutare a combattere l’avanzata qaedista. Dall’Egitto – con il quale Israele ha appena concluso un accordo per la fornitura di gas dal bacino del Leviathan – alla Giordania – “che deve essere appoggiata” – fino al “combattivo popolo curdo, che ha dato prova di moderazione politica e che ha diritto a un’indipendenza politica”.

Quanto ai palestinesi, che a quanto pare non meritano l’indipendenza come i curdi, Netanyahu ha un progetto anche per loro: una Palestina “smilitarizzata”, con una zona compresa fra il territorio israeliano e la valle del Giordano che dovrà restare ”per un lungo periodo sotto la supervisione militare diretta di Israele”. Un furto di terra e risorse che però Netanyahu ha nascosto dietro un paragone storico che risulta quantomeno inappropriato: l’occupazione di terre palestinesi, secondo il premier israeliano, non contrasterebbe infatti con il principio di sovranità nazionale “così come la sovranità della Germania non è stata menomata dalla presenza sul suo suolo di forze Usa”. Nena News

 

 

The post PALESTINA. Un nuovo muro all’orizzonte appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

Abu Mazen sotto tiro di israeliani e palestinesi

Lun, 30/06/2014 - 10:59

E’ il presidente dell’Anp ad uscire con le ossa rotte dalla vicenda dei tre israeliani scomparsi, probabilmente rapiti. Con le operazioni repressive dell’esercito israeliano in corso in Cisgiordania e il riacutizzarsi della tensione a Gaza, è in bilico anche il governo di unità nazionale Fatah-Hamas

Il premier Rami Hamdallah e il presidente Abu Mazen alla cerimonia della nascita del governo di unità nazionale

di Michele Giorgio 

Gerusalemme, 30 giugno 2014, Nena News  – Come e quando si concluderà la vicenda dei tre giovani israeliani scomparsi il 12 giugno in Cisgiordania nessuno lo sa. Le uniche certezze al momento sono la punizione collettiva che sta subendo larga parte della popolazione palestinese  e il crollo d’immagine dell’Autorità nazionale palestinese e del suo presidente Abu Mazen (a Mosca mercoledì da Putin). Perchè se è vero che le operazioni militari israeliane hanno anche lo scopo di colpire il movimento islamico Hamas (accusato da Israele del rapimento dei tre ragazzi), è ormai chiaro che da questa storia Abu Mazen esce con le ossa rotte, preso a pugni da israeliani e palestinesi. Le sue dichiarazioni a favore della cooperazione di sicurezza con l’intelligence israeliana, hanno riscosso l’approvazione delle capitali occidentali ma non hanno smussato l’aggressività dei dirigenti israeliani.

«Un mega terrorista»

Non solo, hanno provocato forte sdegno tra i palestinesi che da due settimane fanno i conti con i raid dei soldati in città, villaggi e campi profughi e sono costretti ad aggiornare l’elenco di morti e feriti. «Abu Mazen è un mega terrorista», ha proclamato ieri Naftali Bennett, ministro e leader del partito ultranazionalista israeliano Casa ebraica. Motivo? Il governo dell’Anp garantisce sussidi ai prigionieri politici e alle loro famiglie. Non sono più leggeri i commenti che, per motivi totalmente diversi, fanno tanti palestinesi. Tra questi non pochi portano i segni delle manganellate che la polizia agli ordini di Abu Mazen ha inferto a chi è sceso in strada per protestare contro le operazioni militari israeliane.

Appena tre settimane fa il presidente palestinese godeva di una popolarità mai registrata in questi ultimi anni. La sua decisione di andare alla riconciliazione con Hamas e la determinazione con la quale ha formato un governo di unità nazionale con il movimento islamico, avevano fatto salire le sue quotazioni tra i palestinesi. Interessanti sono stati poi i successi diplomatici ha conseguito in questi ultimi tempi, dal riconoscimento statunitense ed europeo dell’esecutivo Fatah-Hamas fino alla «preghiera per la pace» con il presidente uscente israeliano, Shimon Peres, tenuta a inizio giugno in Vaticano.

Uno status inedito che impensieriva non poco il premier israeliano Netanyahu costretto ad affrontare il periodo diplomaticamente più difficile del suo mandato, specie nei rapporti con gli alleati americani. Dal 12 giugno è cambiato tutto. Dopo la scomparsa dei tre giovani ebrei, Abu Mazen, sotto la pressione delle accuse israeliane, si è precipitato tranquillizzare i suoi sponsor occidentali lasciando però senza parole una larga porzione di palestinesi.

L’uniforme del cartoon

La sua credibilità è crollata. Sui social l’uomo della riconciliazione è diventato un «collaboratore» e un «traditore». Un cartoon che gira in rete lo mostra con l’uniforme dell’esercito israeliano. «È molto probabile che questa reazione popolare (contro Abu Mazen) continui ancora a lungo. E in tutta sincerità non escludo che Netanyahu abbia messo in azione il suo esercito allo scopo di delegittimare l’Anp e il suo presidente», spiega Samir Awad, docente di scienze politiche all’Università di Birzeit, in Cisgiordania.

Per il suo collega Naji Sharab, dell’università Al-Azhar di Gaza, «Si tratta di una operazione (israeliana) con due obiettivi: smantellare completamente l’infrastruttura di Hamas e mandare un messaggio forte all’Autorità palestinese, ossia che il suo ruolo è rivolto alla sicurezza di Israele e non quello di esercitare una sovranità».

Se sarà confermato il coinvolgimento del movimento islamico nel sequestro dei tre israeliani, per Abu Mazen il quadro si complicherà ulteriormente: sarà costretto, dalle pressioni israeliane e occidentali, a rigettare l’accordo di riconciliazione con Hamas perdendo la reputazione tra la sua gente senza per questo riottenere il pieno appoggio dei suoi sponsor internazionali. Ci guadagnerebbero solo gli islamisti e il premier israeliano Netanyahu. Nena News

The post Abu Mazen sotto tiro di israeliani e palestinesi appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

EGITTO. Il ritorno di censura e repressione

Lun, 30/06/2014 - 10:29

La sentenza emessa contro i giornalisti di Al-Jazeera rivela il contesto illiberale in cui il neo-eletto presidente egiziano al-Sisi sta ricostruendo il Paese, eredità di Nasser e Mubarak

 

di Azzurra Merignolo – Affari Internazionali

Il Cairo, 30 maggio 2014, Nena News - Sembra il finale di una commedia poliziesca, ma è tutto realtà. La “Cellula del Mariott” è stata condannata a 7 anni di carcere con l’accusa di aver fabbricato notizie false e tendenziose atte a sostenere la Fratellanza Musulmana, il movimento islamista nuovamente bandito dopo il ritorno dei militari al potere. Non facendosi abbagliare dalla narrativa dominante che da un anno etichetta indistintamente i sostenitori della Confraternita come terroristi, la sentenza contro i componenti della cellula – tre giornalisti di Al-Jazeera arrestati in un albergo de il Cairo da dove cercavano di contattare alcuni islamisti – appare il frutto di un processo fabbricato ad arte per punire l’emittente qatariota.

Per mostrare la sua magnanimità alla comunità internazionale, il nuovo presidente Abdel Fattah al-Sisi potrebbe graziare gli imputati, due dei quali hanno in tasca un passaporto straniero. Ciononostante, la recente condanna è la cartina tornasole dell’ultimo giro di vite repressivo impresso dal “nuovo” regime egiziano alle – poche – voci stonate.

CENSURA E REPRESSIONE. Conosciuta e invisa per l’indiscusso sostegno garantito alla Fratellanza anche quando questa ha mostrato il suo volto autoritario e violento, Al-Jazeera è stata la prima emittente oscurata dopo l’intervento militare dello scorso luglio. Anche se la comunità internazionale ha alzato la voce solo ora, la morsa sulla libertà di espressione e di informazione è stata infatti una costante della politica del “nuovo” regime. I media continuano ad agire in un contesto storicamente illiberale e, soprattutto negli ultimi due anni, estremamente polarizzato. Basta riguardare alcune trasmissioni degli anni ‘50 per capire che sin da allora esiste un filo rosso oltre il quale è pericoloso andare. All’epoca del presidente Gamal Abdel Nasser i media erano sotto il controllo dello stato, ma anche se nei tre decenni mubarakiani qualcosa si è smosso, le voci critiche del potere devono sempre combattere contro il Golia di turno.

Osservando la recente evoluzione del palinsesto televisivo egiziano si riconoscono i meccanismi utilizzati dal regime per tenere sotto controllo l’opinione pubblica. Da quando l’ex generale Al-Sisi è ufficialmente alla guida del paese, il celebre comico della rivoluzione Bassem Youssef è uscito di scena, denunciando le pressioni subite dall’emittente del suo show, una televisione saudita che deve fare i conti con la famiglia reale, generosa sostenitrice del ritorno al potere dei militari egiziani. In questi giorni, le autorità de il Cairo hanno anche impedito il debutto di una musalsal - soap opera seguitissime nel periodo di Ramadan alle porte – su un protagonista della rivoluzione del 2011. A scriverla, guarda caso, la penna di Belal Fadl, uno dei pochi intellettuali critici dei militari già censurato per aver punzecchiato Al-Sisi.

Liberà di espressione a parte, la sentenza sulla “Cellula del Mariott” è anche l’ultimo di una lunga lista di verdetti contro chi si oppone al ritorno dei militari. Dalle condanne a morte di massa contro membri e sostenitori della Fratellanza agli arresti di icone della rivoluzione del 2011 contrarie alla nuova legge sulle manifestazioni: l’apparato di sicurezza egiziano influenza l’attività di quella Magistratura che, almeno seguendo l’evoluzione costituzionale, sembrerebbe guadagnare sempre più autonomia dall’esecutivo.

COMUNITÀ INTERNAZIONALE E DIRITTI UMANI. Anche se la comunità internazionale è stata ufficialmente invitata – con tanto di comunicato inviato dalle sedi diplomatiche egiziane – a non interferire su questioni che non le competono, il dibattito che si è creato attorno al processo della “Cellula del Mariott” è diventato un’occasione per insistere sul rispetto dei diritti umani fondamentali.
In tale contesto si potrebbero richiedere il rilascio dei prigionieri politici e garanzie sullo stato delle carceri egiziane. Giornalisti e organizzazioni umanitarie hanno infatti recentemente denunciato il trattamento disumano subito dai carcerati, tornando a parlare di sevizie compiute in prigioni segrete.

La comunità internazionale non sembra però pronta ad andare oltre le frasi di rito, temendo forse di mettere in dubbio quel ritorno albusiness as usual che da mesi contraddistingue l’approccio verso l’Egitto. E il Cairo è il primo a notarlo, osservando per esempio la cordialità con la quale alla vigilia della sentenza, il segretario di stato Usa John Kerry è atterrato in Egitto per annunciare l’arrivo dei tanto attesi Apache che si sommeranno ai 572 milioni di dollari versati nelle casse – vuote – del prezioso alleato egiziano.

Limitandosi a generiche frasi di circostanza, la comunità internazionale non fa’ altro che avvallare il forzato ritorno a quella stabilità che nel passato recente ha presentato un costo salato in termini di diritti umani. Vi è inoltre il rischio che questa stabilità si mostri nuovamente insostenibile. Il consenso attorno al nuovo raìs è alle stelle, ma la Sisimania sembra una bolla e, in quanto tale, è destinata, prima o poi, a scoppiare. Nel medio-lungo periodo il fuoco sotto la cenere che la comunità internazionale sta ignorando potrebbe quindi tornare a infiammare il paese. Nena News

The post EGITTO. Il ritorno di censura e repressione appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

IRAQ/SIRIA. L’Isil: “Oggi nasce il califfato”

Lun, 30/06/2014 - 09:52

Al Baghdadi si autonomina califfo e va alla caccia di nuovi proseliti. Prosegue intanto la battaglia per il controllo di Tikrit. Arrivano i primi jet russi. L’Iran promette “le stesse misure prese in Siria”, l’Arabia Saudita sta alla finestra.

 

(Foto: Al Alam)

 

di Chiara Cruciati

Roma, 30 giugno 2014, Nena News – E califfato sia. Ieri, primo giorno di Ramadan, lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante ha compiuto il passo che mancava: il leader della milizia estremista sunnita, il temibile Abu Bakr al-Baghdadi, ha dichiarato la nascita del califfato da Aleppo a Diyala, dalla Siria all’Iraq. Cancellate le frontiere, nell’immaginario del gruppo, un unico Stato islamico fondato sulla Sha’ria sotto cui far cadere le province irachene e siriane in mano ai miliziani dell’Isil. Il messaggio, pubblicato su diversi forum islamisti in rete, è stato tradotto in numerose lingue e minaccia le comunità sciite mediorientali, considerate eretiche e complici dei poteri occidentali.

Un annuncio che va letto per quello che è: propaganda. Ma che invia un messaggio chiaro: l’Isil non intende retrocedere ed è alla caccia di nuovi membri e adepti da lanciare nel fronte aperto in Siria e Iraq. Cresce il peso della figura di al-Baghdadi, ex qaedista ribelle che ha lasciato la rete di Zawahiri per crearsi un gruppo tutto suo. Nel video, si fa chiamare Califfo Ibrahim, il leader a capo del nuovo califfato, una sorta di impero musulmano il cui ordinamento riprende quello dei governi ottomani in Turchia dal XV al XX secolo.  La vera preoccupazione è che tribù o comunità sunnite irachene e siriane possano decidere di allearsi con l’Isil ed entrare a far parte del “califfato”, nel tentativo di sganciarsi da regimi sciiti considerati discriminatori.

Nella capitale irachena la reazione alla dichiarazione di al-Baghdadi si traduceva nella spinta verso la formazione di un governo prima dell’incontro di domani del parlamento eletto ad aprile. I parlamentari, domani, saranno chiamati a eleggere il loro presidente a cui spetterà il compito di indicare il capo del governo. Le fazioni sciite, sunnite e curde si organizzano nel tentativo di individuare una possibile formazione governativa che eviti l’avanzata islamista e la spaccatura definitiva del paese. Di certo, non saranno ore facili per l’attuale premier, Nouri al-Maliki, da due settimane sulla graticola interna e internazionale per la testarda intenzione di non lasciare la poltrona occupata da otto anni.

Sul campo la battaglia prosegue violenta: terreno di scontro è ancora Tikrit, città natale di Saddam Hussein, vuoi per i simboli che rappresenta, vuoi per la presenza ancora radicata di milizie fedeli all’ex rais e per la sua posizione strategica. Nella provincia di Salah-a-Din, caduta nella prima settimana di offensiva nelle mani islamiste, Tikrit è metà strada tra Mosul e Baghdad, a pochi chilometri dalla raffineria di Baiji. Venerdì Baghdad ha avviato un’ampia operazione militare per riconquistare la città, con le truppe via terra e i bombardamenti dall’alto. Epicentro degli scontri resta l’università, che l’Isil intende trasformare nel suo quartier generale. Discordanti le versioni fornite: secondo i generali dell’esercito iracheno, Tikrit e la sua università sono sotto il controllo di Baghdad, ma le testimonianze che giungono dal posto parlano della presenza ancora forte dei miliziani islamisti e di bandiere nere che sventolano sui principali palazzi governativi.

E mentre nella roccaforte baathista si combattono i nuovi alleati dei sunniti iracheni e lo Stato, droni armati statunitensi sorvolano la capitale per proteggere i 300 consiglieri militari inviati a coordinare le operazioni anti-terrorismo. Per ora la Casa Bianca, però, non intende usare i droni per bombardare i jihadisti, decisione che a Baghdad non piace: da due settimane il premier Maliki chiede agli Stati uniti un’azione forte, ricevendo come risposta la carta diplomatica. E così Baghdad si guarda intorno: ha accolto con favore le bombe siriane contro le postazioni jihadiste nella provincia sunnita di Anbar, ha aperto le porte ai pasdaran e ai consiglieri militari iraniani e i cieli ai droni di Teheran, ha firmato un accordo per l’acquisto di jet russi e ora si rivolge al Palazzo di Vetro. Ieri sono arrivati in territorio iracheno i primi sette jet Sukhoi russi (ne seguiranno altri cinque) che, secondo la tv nazionale, saranno utilizzati nei prossimi giorni “per bombardare le postazioni dei terroristi”.

Ormai gli attori impegnati nel devastato palcoscenico iracheno sono tanti, e sono potenti. Oggi il vice capo dell’esercito iraniano, Massoud Jazayeri, ha fatto sapere che Teheran intende prendere tutte le misure necessarie a fermare l’avanzata jihadista, “le stesse utilizzate in Siria”. Ovvero, armi e consiglieri militari: un approccio già messo in pratica da giorni, con tonnellate di equipaggiamento militari arrivati a Baghdad e droni di ricognizione in volo sopra tutto il territorio.

Si muove anche Riyadh che ha promesso a Washington di impiegare la sua influenza sui leader sunniti iracheni perché partecipino alla formazione di un governo di unità nazionale. Un piccolo cambio di rotta dell’Arabia saudita che nei giorni scorsi aveva posto come condizione l’allontanamento di Maliki. Ma ora re Abdallah al-Saud sa di non poter rischiare: l’avanzata dell’Isil – finanziata, prima in Siria e poi in Iraq, proprio dai paesi del Golfo – può rappresentare un terremoto per gli equilibri di potere regionali, con l’asse sciita Siria-Iran-Hezbollah intenzionata ad approfittare della situazione per rafforzare i propri interessi strategici e con gli Usa che – per la prima volta dopo decenni – condividono con Teheran e Damasco la preoccupazione per l’avanzata dei radicali sunniti. Nena News

 

 

The post IRAQ/SIRIA. L’Isil: “Oggi nasce il califfato” appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

LIBIA. Solo il 18% ha votato per il nuovo parlamento

Sab, 28/06/2014 - 09:59

Fallimento della nuova tornata elettorale, mentre il Paese piangeva Salwa Bugaighis, una delle più note attiviste libiche, uccisa a colpi di pistola dopo il voto.

 

(Mahmud Turkia / AFP/ Getty Images)

 

dalla redazione

Roma, 28 giugno 2014, Nena News – Le previsioni della vigilia sono state rispettate: la percentuale di votanti alle elezioni per la nomina del nuovo parlamento libico è stata bassissima: ha votato solo il 47% dei libici che si sono registrati per questa tornata elettorale, 630mila persone su un milione e mezzo. Gli aventi diritto al voto sono però 3,5 milioni. Ovvero, a votare si sono recati solo il 18% dei libici. Quindici seggi nella regione meridionale di Kufra sono stati costretti a chiudere a causa di attacchi da parte di milizie armate. Non si è votato nemmeno nella città di Derna, a Est, roccaforte jihadista, per il timore di attacchi contro i seggi. Nonostante ciò, il premier ad interim al-Thani ha parlato di “procedure normali”.

E mentre la Commissione elettorale, ieri, annunciava i primi risultati – solo parziali – il Paese era costretto ad affrontare un’altra grave perdita. Una delle più note attiviste libiche è stata uccisa mercoledì da un colpo di pistola che l’ha centrata nella sua casa di Bengasi, mentre tornava dal seggio elettorale.

L’attivista Salwa Bugaighis

Così è morta Salwa Bugaighis, avvocato e attivista per i diritti umani, ex membro del Consiglio di Transizione Nazionale nel 2011 e vice presidente del comitato per il dialogo nazionale che fu creato subito dopo la caduta del colonnello Gheddafi. L’attivista era già nota durante il regime gheddafiano, quando rappresentò da avvocato le famiglie di circa 1.200 prigionieri politici islamisti incarcerati a Abu Selim. Salwa era da anni in prima linea per la difesa dei diritti delle donne e ha guidato campagne per introdurre le quote rosa nel parlamento libico e per cancellare l’obbligo di indossare il velo.

E con lei ha perso la vita la guardia che avrebbe dovuto proteggere la sua casa: l’uomo era stato colpito alla gamba da uomini armati che sono poi entrati in casa dove hanno trovato la donna. Prima l’hanno accoltellata e poi le hanno sparato. L’uomo è stato però trovato morto nella sua camera di ospedale, era l’unico testimone dell’attentato. Il marito, Essam al-Ghariani, a casa al momento dell’agguanto, è scomparso, probabilmente rapito dalla milizia.

Ieri a Bengasi si sono svolti i funerali di Salwa, mentre la Commissione confermava i nomi di alcuni dei candidati usciti vincitori dalle elezioni parlamentari. I candidati, circa 1.600, sono tutti indipendenti, non affiliati a partiti politici. Tra gli eletti Mustafa Abushagur, premier nel 2012: restò in carica pochissimo, perché subito sfiduciato dal parlamento che non aveva accolto le sue proposte di governo. Hanno passato il turno anche altri ex membri del parlamento uscente: l’islamista Abdel-Rahman al-Swehli, vicino ad alcune milizie armate; e Hamouda Sayala, uomo dell’ex premier Jibril. A dimostrazione che, indipendenti o meno, i nuovi parlamentari fanno parte delle stesse fazioni e delle stesse correnti che in questi tre anni hanno guidato la Libia nel caos.

L’analista politica Salem Soltan è diretto: “Nessuno dei candidati porta con sé un peso politico e sociale significativo. Il nuovo parlamento rischia di essere guidato da parlamentari ombra, esterni, che agiranno seguendo le istruzioni delle milizie e dei signori della guerra”. Nena News

The post LIBIA. Solo il 18% ha votato per il nuovo parlamento appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

IRAQ. Le atrocità dell’Isil e i droni Usa su Baghdad

Sab, 28/06/2014 - 08:53

La guerra si fa regionale: i jihadisti rivendicano l’attentato di Beirut e sfidano Hezbollah; l’Iran manda i pasdaran e Washington risponde con soldi alle opposizioni siriane e i primi droni armati sulla capitale.

 

L’immagine di un’esecuzione di massa postata dall’Isil su internet (AFP Photo / HO)

 

di Chiara Cruciati – Il Manifesto

Roma, 28 giugno 2014, Nena News – Ai media internazionali piacciono i numeri, i bilanci. Dietro quei numeri, si nascondono storie, persone, comunità costrette – dai bilanci – all’anonimato. I numeri che ieri venivano snocciolati dalla stampa per descrivere il caos iracheno erano, ancora una volta, drammatici: oltre 10mila nuovi profughi, in fuga dalla città cristiana irachena di Hamdaniya e dai colpi di mortaio che sono piovuti su strade e quartieri. Tutti a cercare rifugio in Kurdistan. Altri numeri, altro dramma: sono ormai oltre un milione e duecentomila i rifugiati iracheni in fuga dalle province di Anbar, Ninawa, Diyala, occupate dai miliziani islamisti dell’Isil.

Scappano perché temono le violenze, il bagaglio che il nome Isil si porta dietro. Massacri, esecuzioni sommarie, spari sulla folla in fuga. Secondo le Nazioni Unite, sarebbero 1.700 i soldati governativi giustiziati sul posto dai jihadisti. Ieri è arrivata la notizia da Tikrit: tra l’11 e il 14 giugno i miliziani dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante avrebbero ucciso tra i 160 e i 190 prigionieri. Gli stessi islamisti hanno rivendicato l’attentato di mercoledì contro il Duroy Hotel di Beirut, in un’area roccaforte di Hezbollah, sfida diretta al movimento sciita libanese.

E mentre la popolazione è sempre più divisa tra chi teme l’avanzata degli estremisti e chi spera che la distruzione dello Stato iracheno possa riaprire la strada alla comunità sunnita, marginalizzata dal governo di Maliki nel post-Saddam, i poteri regionali giocano la loro partita a scacchi, pronti a sfruttare il caos iracheno per salvaguardare i propri interessi strategici. L’Iran ha dichiarato ieri di aver inviato consiglieri militari in Iraq e, con loro, il generale Qassim Suleimani, capo delle milizie Quds, unità di élite delle Guardie Rivoluzionarie. La notizia giunge dopo le indiscrezioni rilasciate da alcuni funzionari dei servizi segreti Usa, secondo cui Teheran avrebbe fatto entrare in Iraq tonnellate di armi e droni di ricognizione.

Washington tenta di rispondere per le rime e arginare il protagonismo dell’asse sciita: ieri il presidente Obama ha annunciato di voler presentarsi al Congresso per chiedere il via libera all’invio di altri 500 milioni di dollari alle opposizioni moderate siriane, un finanziamento che sarà speso per l’addestramento e l’equipaggiamento dei gruppi anti-Assad. I 500 milioni saranno parte di un pacchetto da 1,5 miliardi di dollari, diretto ad azioni di stabilizzazione che coinvolgeranno Libano, Iraq, Turchia e Giordania. Ancora soldi, ancora armi. Realpolitik mediorientale: la Casa Bianca sa di non poter mettere in pericolo le alleanze con il Golfo, seppure gli interessi di oggi siano più vicini a Teheran e Damasco che a Riyadh e Doha. La soluzione è la solita: un finanziamento a pioggia che in questi tre anni ha moltiplicato i settarismi interni e fatto fiorire le opposizioni radicali, a scapito di quelle moderate. Non solo: un funzionario Usa ha detto alla CNN che droni armati statunitensi hanno cominciato a sorvolare Baghdad nelle ultime 24 ore.

E mentre gli Usa insistono nel sostegno alle opposizioni siriane, la Russia punta al supporto dell’asse sciita. Baghdad ieri ha annunciato la firma di un contratto con Mosca che fornirà jet militari all’esercito governativo. Gli aerei dovrebbero arrivare tra due giorni, nuova mossa di Putin per assicurarsi lo spazio di manovra necessario in Medio Oriente. Vicino al regime di Assad, rifornitore di armi al regime di Damasco e di tecnologie nucleari a Teheran, ora punta a Baghdad: da tempo Mosca è alla caccia di contratti per l’estrazione di greggio in Iraq e il caos di questo giugno potrebbero essere l’occasione ideale per infilare le mani nelle ricche risorse di cui dispone il paese.

Nell’occhio del ciclone resta il premier Maliki, che non intende mollare la presa nonostante le pressioni che giungono da fuori e da dentro. Dopo i palesi inviti occidentali ad abbandonare la poltrona di primo ministro a favore di un governo di unità nazionale, a premere dall’interno è la stessa comunità politica sciita. Il leader religioso Moqdata al-Sadr mostra i muscoli e da giorni – forte del sostegno di decine di migliaia di miliziani a lui fedeli – chiede a Maliki di lasciare. Ma oggi a preoccupare di più il premier sono le sollecitazioni provenienti dallo stesso alleato iraniano. Secondo fonti iraniane, il generale Suleimani si ripresenterà tra pochi giorni in patria, dopo una settimana di incontri con politici sciiti iracheni, con una lista di potenziali candidati a capo dell’esecutivo.

The post IRAQ. Le atrocità dell’Isil e i droni Usa su Baghdad appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

Terrorismo linguistico: qualcuno compri un dizionario ai politici israeliani

Sab, 28/06/2014 - 07:56

Un elenco dei sei diversi modi in cui i funzionari israeliani hanno reinventato definizioni – e tipi – di terrorismo

L’esecutivo israeliano con l’ex presidente Shimon Peres (al centro) – fonte Haaretz

di Michael Omer-Man – +972Mag

Roma, 28 giugno 2014, Nena News - La parlamentare del Likud Miri Regev ha avuto una carriera di discreto successo come paroliere quando era il portavoce dell’esercito israeliano (IDF) prima di diventare ancora più famosa per aver definito i richiedenti asilo politico africani : “Un cancro nel corpo di Israele”. Ha poi chiesto scusa alle vittime del cancro per l’analogia.

Mercoledì scorso, Regev ha fatto una nuova aggiunta alla lista degli usi israeliani folli del linguaggio – da sola e accompagnata da numerosi altri politici e funzionari – inventando nuovi tipi di terrorismo.

In parole povere, il terrorismo coinvolge esplosioni o spari. Ci sono eccezioni, naturalmente, ma in genere non includono almeno cinque dei sei seguenti tipi di terrorismo inventato dai funzionari israeliani negli ultimi anni.

6 - Terrorismo diplomatico. Quando il presidente dell’OLP Mahmoud Abbas è andato alle Nazioni Unite per cercare sovranità per i palestinesi nel 2012, il ministro degli Esteri di Israele era livido. Oltre a chiamare Abbas “un bugiardo, un vigliacco e un debole”, Liberman ha descritto la richiesta alle Nazioni Unite del presidente dell’Olp come “terrorismo diplomatico”. E’ stato strano. “Tra il terrore diplomatico e il terrore convenzionale”, ha detto Liberman all’intero corpo diplomatico israeliano, il “terrore diplomatico è più grave.”

5 – Terrorismo economico. Il movimento BDS sta guadagnando terreno negli ultimi anni. Così, quando l’Unione Europea ha annunciato nuove linee guida di regolamento per assicurare che il proprio denaro non finisca negli insediamenti, che considera illegali, Israele ha un po’ lavorato d’ingegno. Prima di diventare ministro dell’economia israeliana, Naftali Bennett ha servito in due delle unità di ricognizione e di contro-terrorismo più d’élite  di Israele, così si potrebbe essere tentati di dargli il beneficio del dubbio che lui sa che cosa è il terrorismo. Almeno fino a quando ha chiamato le linee guida EU sugli insediamenti “terrorismo economico”.

4 – Terrorismo legale. Israele è un paese piccolo e ci si può sentire soffocare dopo un po’, soprattutto in agosto. Quindi non c’è da sorprendersi che gli israeliani amino viaggiare. Minacciare la possibilità di non poter viaggiare alla cosa israeliana che più si avvicina alla regalità, i suoi generali, sarebbe effettivamente terrificante. Così, quando le accuse di crimini di guerra contro alti ufficiali militari tornavano in voga a seguito dell’incursione mortale della Mavi Marmara nel 2009, era naturale che l’IDF descrivesse gli sforzi per far rispettare il diritto internazionale come “terrorismo legale”.

3 – Terrorismo gastrointestinale. Israele arresta un sacco di palestinesi. Ammettiamolo, è tutta colpa di Israele che, al fine di mantenere un’occupazione militare non democratica su un popolo straniero per 47 anni, è stato costretto a mettere il 40 per cento della popolazione maschile palestinese in carcere? Quindi non c’è da meravigliarsi che Israele sia stato anche costretto ad affrontare uno sciopero della fame o due. Il parlamentare Miri Regev (Likud), durante la discussione sul modo migliore di nutrire a forza i prigionieri palestinesi, ha descritto gli scioperi della fame come “terrorismo in prigione”. Sì, tutto quello che devi fare per diventare un terrorista in questi giorni è quello di smettere di mangiare.

2 – Terrorismo autoinflitto. Lo Shin Bet pubblica una relazione annuale su “Dati e tendenze del terrorismo palestinese”. Nella sua relazione sul 2009, anno dell’Operazione Piombo Fuso, c’era una riga di dati molto confusi. Secondo lo Shin Bet, 15 persone sono morte in attentati terroristici nel 2009, nove di loro durante Piombo Fuso. Quali tipi di attacchi, vi chiederete? Secondo la pagina quattro della relazione Shin Bet: “Cinque civili e soldati sono stati uccisi da lanci di alta traiettoria e quattro soldati sono stati uccisi da fuoco amico”. Diamo loro il beneficio del dubbio. Almeno secondo la logica dei funzionari israeliani, i soldati sono stati uccisi nella lotta contro il terrorismo, e Israele ha sempre descritto gli attacchi contro i soldati come il terrorismo – una implicazione separata ma estremamente problematica in sé e per sé. Ma questo non spiega una classificazione ancora più strana che avvenne un anno dopo, quando il Ministero della Difesa aveva classificato come “vittima del terrore” un rabbino colono ebreo che era stato erroneamente colpito a morte da un soldato israeliano che pensava di sparare ai palestinesi.

1 – Terrorismo giornalistico. Quando il programma della CBS “60 Minutes” ha fatto un focus sulla situazione dei cristiani palestinesi in Terra Santa pochi anni fa, Israele si è imbarcato in un’offensiva (o difesa, suppongo) delle relazioni diplomatiche e pubbliche. Poi l’ambasciatore israeliano negli Stati Uniti Michael Oren ha condotto la difesa, cercando di dare la colpa dell’esodo dei cristiani dalla Terra Santa ai palestinesi invece che a Israele. La campagna è andato troppo lontano on-record. Ma è stato un commento off-record di un funzionario israeliano che prende la torta. Parlando a “The Forward”, il funzionario ha paragonato il documentario della CBS a “un attacco terroristico strategico.” Non sono abbastanza sicuro che cosa significhi, ma la sua assurdità si ha guadagnato il primo posto in questa lista.

Questi terroristi…che cosa escogiteranno ancora?! – Nena News

Traduzione a cura della redazione di Nena News

The post Terrorismo linguistico: qualcuno compri un dizionario ai politici israeliani appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

GAZA. Nuovi bombardamenti israeliani: un morto e tre feriti

Sab, 28/06/2014 - 07:55

Da giorni si ripetono i raid aerei e i lanci di razzi in una escalation di attacchi e rappresaglie senza sosta, parallela al pugno di ferro che Israele usa in Cisgiordania. Un morto e tre feriti tra i palestinesi in un raid israeliano a Gaza. Israele intensifica la guerra psicologica distribuendo ai bambini palestinesi lecca-lecca “anti-Hamas”

 

AGGIORNAMENTO 30 giugno - E’ di un morto e tre feriti il bilancio dell’ultimo raid dell’aviazione israeliana nella Striscia di Gaza domenica notte. Lo ha annunciato il portale palestinese Maan News, confermato dall’esercito israeliano. L’attacco è avvenuto ad al-Qarara, nel sud della Striscia dove, stando alle dichiarazioni dell’esercito israeliano “l’aviazione ha colpito dei terroristi che si preparavano a lanciare razzi verso le comunità del sud di Israele”.  Il quotidiano Haaretz riporta che, secondo delle informazioni riservate ricevute dalla Difesa, la vittima sarebbe un militante di Hamas e che il movimento islamico l’avrebbe riconosciuto come suo membro. Hamas, però, tace, mentre un ufficiale israeliano si affretta a dire che ”finora Hamas non e ‘stato responsabile per il lancio di razzi, ma si tratta di gruppi ribelli che sfidano le politiche di Hamas”.  Qualche ora prima  militanti – di Hamas o di gruppi ribelli? – avevano lanciato alcuni razzi verso dal nord della Striscia, due dei quali erano stati intercettati dal sistema di difesa aereo Iron Dome.

La risposta al raid israeliano è stata, questa mattina, il lancio di 15 razzi verso il Negev: il bilancio, secondo il quotidiano israeliano Haaretz, è stato di due case danneggiate dalle schegge e alcune persone in stato di shock.  ”La deterrenza - ha detto il capo del Consiglio regionale di Eshkol Haim Yalin - di cui abbiamo goduto dall’inizio dell’operazione “Pilastro di Difesa” sta svanendo. Il governo di Israele ha due ali – una politica e una militare – e deve utilizzarle entrambe saggiamente per ripristinare la calma nelle comunità vicine a Gaza.”

Intanto continuano le incursioni dell’esercito israeliano in Cisgiordania, che vanno ormai avanti dal 12 giugno, giorno della scomparsa dei tre giovani coloni israeliani da Gush Etzion. In occasione dell’inizio del Ramadan, l’esercito ha distribuito dei lecca-lecca “anti-Hamas” ai bambini palestinesi: “Un po’ di dolce per contrastare l’amaro effetto che ha Hamas in Cisgiordania”. Qualche giorno fa l’agenzia stampa Safa, affiliata ad Hamas, aveva diffuso la notizia di una serie di scatolette di fiammiferi diffuse nei Territori palestinesi che recavano in arabo la scritta: “Hamas incendia la Cisgiordania”. Questa è solo l’ultima di una serie di iniziative della guerra psicologica che Israele porta avanti contro Hamas, iniziative che, secondo Sameeh Hammoudah, professore di scienze politiche all’Università di Bir Zeit intervistato dal quotidiano The Times of Israel ” non porteranno alcun beneficio a Israele. Al contrario, causeranno una reazione di simpatia verso Hamas. I palestinesi sono arrabbiati per le politiche israeliane e staranno dalla parte di chi combatte Israele”.

della redazione

Gerusalemme, 28 giugno 2014, Nena News – La scorsa notte l’aviazione israeliana ha di nuovo colpito la Striscia di Gaza. Stando alle informazioni diffuse dalla difesa civile di Gaza gli attacchi non hanno causato feriti. Poco prima miliziani palestinesi avevano lanciato cinque razzi in direzione del territorio israeliano senza provocare danni o vittime. Un portavoce dell’esercito israeliano ha precisato che due razzi sono stati intercettati e distrutti in volo dal sistema di difesa antimissile “Iron Dome”.

Ieri due presunti militanti dei Comitati di Resistenza Popolare, Muhammad al-Fasih e Osama al-Hassumi, erano stati fatti a pezzi da un missile sganciato da un aereo israeliano contro l’automobile sulla quale viaggiavano. L’attacco è avvenuto nel campo profughi di Shate, alla periferia di Gaza city, a breve distanza dalla residenza dell’ex capo del governo di Hamas, Ismail Haniyeh. Le foto circolate ieri in rete mostravano i corpi smembrati dei due uccisi che, secondo il portavoce militare israeliano, avevano lanciato razzi qualche giorno fa in direzione di Ashqelon. I palestinesi non confermano. Qualche ora prima, lungo la linea di demarcazione fra Israele e Gaza, un ordigno era esploso al passaggio di una pattuglia israeliana senza causare danni ai soldati che hanno reagito sparando con i carri armati e ferendo cinque palestinesi, tra i quali un bambino di 11 anni.

In Cisgiordania continuano le operazioni militari scattate dopo la scomparsa il 12 giugno di tre ragazzi ebrei che, secondo il governo Netanyahu, sono stati rapiti da una cellula di Hamas. Una dozzina palestinesi sono stati arrestati nelle ultime 48 ore, portando il totale a oltre 500 (Israele parla di 500 arresti). Almeno cinque palestinesi sono stati uccisi nelle ultime due settimane durante incursioni israeliane in villaggi e camnpi profughi. Due anziani sono morti per infarto nel corso delle perquisizioni  notturne effettuate nelle loro abitazioni.

Giovedì sera i servizi segreti israeliani avevano reso noto i nomi di due membri del movimento islamico, Marwan Qawasma e Amr Abu Eisha, che ritengono coinvolti nel rapimento ed ora sono ricercati. Nena News

The post GAZA. Nuovi bombardamenti israeliani: un morto e tre feriti appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

Colonie: Omar Barghouti: “Importante il passo europeo ma è solo il primo”.

Sab, 28/06/2014 - 07:07

E’ il commento di uno dei leader della campagna internazionale di boicottaggio dell’occupazione israeliana, dopo la decisione di cinque Paesi dell’Ue di “avvertire” i propri cittadini a non impegnarsi in attività finanziarie o in investimenti negli insediamenti.

di Michele Giorgio – Il Manifesto

Gerusalemme, 28 giugno 2014, Nena News – «E’ un primo passo importante verso il rispetto da parte dell’Italia e di altri Paesi europei del diritto internazionale. Le colonie israeliane sono illegali e vanno boicottate. Se l’Unione europea intende tenere fede alle sue direttive, allora deve sospendere il trattato di adesione di Israele perchè è sistematicamente violato (da Tel Aviv)». Così Omar Barghouti, uno dei leader della campagna internazionale di boicottaggio dell’occupazione israeliana, ha detto ieri a il manifesto, commentando la mossa compiuta da cinque paesi europei – Germania, Gran Bretagna, Francia e, in secondo momento, anche da Spagna e Italia – decisi ad “avvertire” i propri cittadini a non impegnarsi in attività finanziarie o in investimenti nelle colonie a Gerusalemme Est, in Cisgiordania e nelle Alture del Golan annesse unilateralmente da Israele.

É un colpo alla politica del premier Netanyahu che sulla colonizzazione a tappe forzate dei Territori occupati ha, di fatto, impegnato una buona parte del programma del suo governo di destra. «Si potrebbero avere dispute sui terreni, l’acqua, le cave e le risorse naturali che sono state acquisite o in cui il denaro è stato investito», si avverte nel comunicato diffuso dal ministero degli esteri spagnolo. «Le aziende – prosegue il testo – devono tener conto del fatto che (l’attività finanziaria negli insediamenti) rischia di portare al loro coinvolgimento in violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani». Non si tratta dell’avvio di un regime di sanzioni contro Israele o del suo boicottaggio, ha poi precisato l’agenzia di stampa spagnola Efe, aggiungendo che la decisione presa rappresenta un adeguamento di Madrid alla linea decisa in sede europea. «Non abbiamo alcuna intenzione di nuocere al commercio o alla cooperazione con Israele all’interno dei suoi confini internazionalmente riconosciuti (le linee del 1967, ndr)», ha precisato il ministero degli esteri spagnolo. In ogni caso siamo di fronte a un’iniziativa che colpisce, come mai era accaduto negli ultimi anni, la colonizzazione.

Per la decisione presa dagli europei è stato fondamentale l’atteggiamento di Parigi che di recente aveva pubblicato sul sito del proprio ministero degli esteri un “avviso” con il quale si ricorda che le colonie israeliane sono illegali in base al diritto internazionale e che di conseguenza le attività economiche in queste realtà comportano rischi legali. Rischi che molte imprese, non solo europee, dimenticano troppo spesso di fronte alla prospettiva di buoni profitti. D’altronde il presidente Hollande era stato chiaro quando, durante la sua ultima visita in Israele, davanti alla Knesset aveva riaffermato l’amicizia stretta con Israele ma anche detto con forza che non è accettabile la colonizzazione dei territori palestinesi e siriani occupati da Israele nel 1967.  «Gli avvisi di lavoro non dovrebbero essere accolti come una sorpresa. Gli stati membri hanno perso la pazienza nel non essere interpellati. Se continuerà l’espansione delle colonie, altre nazioni Ue emetteranno simili avvisi», ha spiegato ieri il rappresentante dell’Ue in Israele Lars Faaborg-Andersen.

Sullo sfondo c’è anche il malcontento dei “cinque grandi “dell’Unione europea di fronte alla difficoltà di definire un’iniziativa unica, in sede di Commissione Ue, per le resistenze di alcuni paesi che fanno ostruzionismo contro posizioni “troppo ferme” verso le violazioni israeliane del diritto internazionale. Stando alle indiscrezioni che circolano, i diplomatici israeliani in Europa starebbero provando a bloccare o almeno ad attenuare la linea forte decisa da alcune capitali europee, facendo leva anche sulla recente scomparsa in Cisgiordania di tre studenti israeliani che il governo Netanyahu considera rapiti dal movimento islamico Hamas. Tuttavia, sempre secondo queste indiscrezioni, i diplomatici israeliani avrebbero riferito all’esecutivo la sensazione che non sarà facile fermare i Paesi europei e che perciò si prevede un’ondata’ di ”avvisi” contro la cooperazione con le colonie. Nena News

The post Colonie: Omar Barghouti: “Importante il passo europeo ma è solo il primo”. appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

Bombs away

Ven, 27/06/2014 - 12:26
Will terrorism in Lebanon bring in a new president?

 

by Michael Young - .NOW

Beirut – Perhaps it’s my natural skepticism, but there is something terribly fishy about the bomb explosions that have hit Lebanon in the past week.

Most noticeable in all three incidents is that they were somehow thwarted by one or the other of Lebanon’s security services. All took place after the offensive in Iraq by the Islamic State in Iraq and al-Sham (ISIS), which sent shockwaves throughout the Middle East. And all come at a sensitive time for Lebanon, which has been unable to elect a president to replace Michel Sleiman.

However, this is very little to go on. But it’s a fact that while the security services, bolstered by those of Hezbollah, were unable to prevent any of the bomb explosions that took place earlier this year in the southern suburbs, despite myriad checkpoints, in the space of a week they have repeatedly, if not interrupted attacks, forced alleged bombers to detonate their loads early.

It’s possible that the security services have gotten a hold of accurate intelligence information, but that doesn’t apply to the blast in Tayyouneh, which occurred after an alert officer from General Security became suspicious of a driver. As for the bomb in Dahr al-Baydar, the versions of the story told by General Security Director Abbas Ibrahim and the Internal Security Forces (IFS) did not match, and indeed tended to contradict one another.

During this period the intensity of the panic has been multiplied, propelled by reports of terrorism cells being uncovered in Tripoli, purported threats against Parliament Speaker Nabih Berri followed by his cancellation of an Amal conference last week, and statements, with little corroborative evidence, that we are witnessing a terrorism offensive by ISIS.

This sense of panic has been further intensified by arrests of foreigners in Beirut hotels and elsewhere. Last week two Tunisians were interviewed by Al-Jadeed after spending the morning detained by the ISF. They were among the more than 22 people brought in on the day of the Dahr al-Baydar explosion. Far from being hardened jihadists, the pair was in Beirut to attend an Arab nationalist conference.  Reports the next day indicated that several of those detained had been set free.

So where is all this leading? A great deal remains unclear or elicits skepticism: security services that behave like James Bond; official explanations that are immediately questionable; assassination lists that keep getting longer; and the near-automatic presumption that ISIS cells are involved.

That is not to say that ISIS is a victim or that there are no terrorist cells in Lebanon. Far from it. ISIS is a real threat to the region, and would readily use terrorist actions to build on its credibility. But until now the evidence in Lebanon seems to be limited. All we have are suspicions, warnings of plots, but nothing that definitely tells us what is true and what isn’t.

Maybe that’s why certain Lebanese politicians view the panic in Lebanon as a manufactured effort to affect the outcome of the presidential election. In this view, Hezbollah and its allies seek to bring in a candidate of their choice to the presidency, thereby using the two elections scheduled this year – the presidential and parliamentary elections – to reinforce their hold over the country. According to this narrative, the Party finally feels that Syrian President Bashar al-Assad is relatively secure in power, and would like to reflect that reality within Lebanon.

In this context, Hezbollah has an interest in taking advantage of the security situation, and even in heightening the fear level. The theory is that Hezbollah has two favorite candidates in its scabbard: the army commander, Jean Qahwaji, and Michel Aoun. To impose them on the political scene, the argument goes, their elevation must be justified by the unstable security situation, making the public more willing to embrace either man.

Neither Aoun nor Qahwaji has been accused in any way of involvement in this purported conspiracy. And given Interior Minister Nouhad Mashnouq’s allegiance to March 14, he is hardly someone likely to be complicit in such a scheme.

And yet one thing can be said if this theory is true: it is not Aoun who would benefit most from a public backlash against the climate of insecurity in the country, but rather Qahwaji, as army commander. Therefore, putting both men in the same basket may be misleading. Hezbollah may be keeping the prospect of an Aoun presidency alive both to neutralize the general, who avidly desires the post, and to absorb potential reactions against Qahwaji, who may remain the party’s first choice as president.

Indeed, Aounist suspicions of such a scenario were evident in an ambiguous piece penned by Jean Aziz last week in Al-Akhbar. Aziz, who is close to Aoun, looked back at how the Nahr al-Bared battle was used to bring Sleiman to power in 2008, blocking Aoun. His implication was that the latest violence may be used in the same way, though Aziz underlined that he was not accusing Jean Qahwaji of complicity in such a move.

Too many pieces of the puzzle are missing to decisively conclude what is going on. But there does seem to be a calculated intention to scare the Lebanese after months of relative calm. Maybe that’s a response to a real threat from terrorism, or maybe someone is simply letting things happen to exploit this politically. Whichever it is, there is more than meets the eye to this affair.

 

The post Bombs away appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

ISRAELE: Italia e Spagna avvertono: stop agli affari nelle colonie

Ven, 27/06/2014 - 10:53

Roma e Madrid rivolgono un “avvertimento formale” ai propri cittadini affinché non investano in attività impreditoriali negli insediamenti illegali. Ieri la Francia ha esortato i suoi imprenditori a fare lo stesso, ma non si tratta di boicottaggio, spiegano i tre Paesi

 

della redazione

Roma, 27 giugno 2014, Nena News – Italia e Spagna si sono unite al gruppo dei Paesi dell’Unione europea che hanno lanciato una sorta di boicottaggio nei confronti di Israele per la sua politica degli insediamenti. Una mossa attesa, ha commentato l’ambasciatore dell’Unione europea in Israele, Lars Faaborg-Andersen: “Gli Stati membri stanno perdendo la pazienza. Se continua l’espansione degli insediamenti, altri Paesi emaneranno simili avvertimenti”.

Quello formulato oggi da Roma e Madrid è un “avvertimento” formale agli imprenditori italiani e spagnoli che intendano fare affari nelle e con le colonie ebraiche dei Territori occupati, cioè in Cisgiordania, a Gerusalemme est e nelle Alture del Golan. Insediamenti illegali, secondo il diritto internazionale, su cui l’Ue non riconosce la sovranità israeliana. Chiunque faccia affari qui, dunque, si espone a rischi finanziari e legali, hanno detto i ministri degli Esteri italiano e spagnolo, unendosi al coro di altri Stati dell’Unione: Germania, Gran Bretagna e ieri pure la Francia.

Il ministro degli Esteri italiano, Federica Mogherini, che a metà luglio sarà in visita in Israele, ha parlato di “implementazione tecnica di una scelta politica precedente”, presa al Consiglio Europeo del dicembre 2012. Stessa linea della Spagna. Non si tratta di boicottaggio verso Tel Aviv, hanno precisato dal ministero degli Esteri spagnolo, ma di un allineamento a decisioni prese a livello europeo: “Non abbiamo intenzione di mettere a repentaglio la cooperazione economica con Israele all’interno delle frontiere riconosciute internazionalmente”, cioè quelle del 1967, si legge in una nota riportata dal quotidiano israeliano Haaretz. Tuttavia “la situazione attuale potrebbe portare a dispute per la terra, l’acqua e le altre risorse naturali in cui si potrebbe investire e la aziende devono prendere in considerazione che investimenti negli insediamenti potrebbero coinvolgerle in una violazione del diritto internazionale e dei diritti umani”.

Ieri sulla questione si era espressa Parigi, con un avvertimento simile ai suoi imprenditori, mentre Berlino e Londra l’avevano fatto già mesi fa. La Francia ha esortato i suoi cittadini a consultare un legale prima di fare affari con imprese che lavorano negli insediamenti. L’allineamento dei cinque Paesi europei ha sullo sfondo la discussione accesasi a Bruxelles nelle ultime settimane sull’opportunità che la Commissione europea emani un avvertimento per tutti gli imprenditori dell’Unione che siano impegnati, o intendano impegnarsi in attività economiche con aziende israeliane che operano negli insediamenti. Nena News

The post ISRAELE: Italia e Spagna avvertono: stop agli affari nelle colonie appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

IRAQ. Teheran sfida la Casa Bianca, i sauditi stanno alla finestra

Ven, 27/06/2014 - 10:10

La crisi irachena diviene terreno di confronto dei due schieramenti mediorientali. Obama promette altri soldi alle opposizioni siriane, l’Iran manda le Guardie Rivoluzionarie in Iraq.

 

L’unità di élite Quds delle Guardie Rivoluzionarie iraniane

 

di Chiara Cruciati

Roma, 27 giugno 2014, Nena News – Il Medio Oriente è in subbuglio, gli occhi puntati su Baghdad. Ognuno tenta di infilarci le mani per riportare a casa qualche punto a favore degli interessi interni e regionali. Oggi il segretario di Stato Usa Kerry visita Riyadh per “discutere delle modalità di intervento in Iraq” con il re Abdallah al-Saud, responsabile di aver infiammato la crisi siriana e ora quella irachena finanziando e armando gruppi radicali sunniti nell’area. L’Arabia Saudita ha detto ieri di voler prendere tutte le misure necessarie per proteggere i propri interessi nazionali. Tradotto, evitare di mettere in pericolo quelle reti di alleanza e di potere che gli garantiscono di muoversi liberamente nella regione.

Una dichiarazione a cui segue l’annuncio di oggi della Casa Bianca: Obama intende chiedere al Congresso il via libera per investire altri 500 milioni di dollari per l’addestramento e l’equipaggiamento delle opposizioni siriane al presidente Bashar al-Assad. Altri soldi, altre armi. Realpolitik: Washington – che oggi ha interessi regionali inaspettatamente più vicini a quelli di Teheran e Damasco – non può abbandonare gli alleati del Golfo e aprire la strada al rafforzamento del blocco sciita Iran-Siria-Hezbollah. Per cui prosegue con un sostegno finanziario e militare che ad oggi ha solo incrementato a dismisura i settarismi interni e ha fatto fiorire le opposizioni radicali, marginalizzando quelle moderate.

I 500 milioni saranno parte di un pacchetto più ampio, 1,5 miliardi destinati a iniziative di stabilizzazione regionale, che coinvolgeranno Giordania, Turchia, Libano e Iraq. Washington preferisce proseguire con la diplomazia e l’armamento di gruppi di miliziani, senza decidere ancora per l’utilizzo o meno dei droni chiesto da Baghdad. E così a muoversi sono Iran e Siria. Il presidente Assad ha già provveduto con una serie di bombardamenti contro la provincia sunnita irachena di Anbar, occupata dall’Isil e usata come punto di passaggio di armi e miliziani dall’Iraq alla Siria e viceversa. Iniziativa che il premier Maliki – ormai intenzionato a scaricare la Casa Bianca – ha salutato con piacere. Nelle stesse ore, era Teheran ad organizzarsi: da alcuni giorni la stampa Usa, citando fonti dell’intelligence, parla di droni iraniani in volo di ricognizione sopra il territorio iracheno e dell’arrivo di tonnellate di equipaggiamento militare a sostegno dell’esercito governativo. Oggi lo stesso regime di Teheran ha fatto sapere di aver inviato in Iraq consiglieri militari e il generale Qassim Suleimani, capo delle milizie Quds, unità di élite delle Guardie Rivoluzionarie.

L’attivismo in questione non piace affatto a Washington: «Abbiamo reso chiaro a tutti nella regione che non abbiamo bisogno di interventi che possano esacerbare le divisioni – ha detto ieri Kerry da Bruxelles – È importante che niente infiammi i settarismi». Un discorso chiaramente rivolto a Damasco e Teheran, già attivi: la Siria vuole impedire una crescita sproporzionata dei gruppi di opposizione al regime e l’Iran intende usare Baghdad come piede di porco per ribaltare definitivamente gli equilibri mediorientali, oggi favorevoli alle petromonarchie sunnite del Golfo.

In casa Iraq la battaglia prosegue, con l’esercito di Baghdad che resiste solo grazie al fondamentale apporto dei due milioni di volontari sciiti unitisi alle sue file. È comunque scarsa la presenza di truppe regolari nelle regioni settentrionali, quasi del tutto occupate dai jihadisti e in parte controllate dai peshmerga curdi. Proseguono intanto gli scontri intorno alla raffineria di Baiji, parzialmente in mano all’Isil, che ieri ha occupato altri pozzi di petrolio vicino Baghdad, a Mansouriyat al-Jabal. Battaglia in corso anche a Tikrit, città natale di Saddam Hussein, il cui fantasma aleggia sulla crisi. Non sono pochi quelli che oggi rimpiangono l’autoritarismo del rais, che seppe tenere insieme etnie e sette religiose.

L’offensiva dell’Isil è diventata un’occasione d’oro soprattutto per i fedelissimi del vecchio rais: sono subito ricomparse le milizie baathiste, a fianco degli islamisti per riprendersi il paese. Un’alleanza che serve soprattutto ai jihadisti: i generali dell’ex regime conoscono a menadito il territorio e godono di un’organizzazione militare di livello. La presa di Mosul, si dice, sarebbe stata possibile grazie al fondamentale intervento baathista, che scombina le carte del gioco delle alleanze regionali.

Il premier Maliki, insomma, ha poche ragioni per dormire sereno. Dopo aver rifiutato le richieste internazionali di dare vita ad un governo di unità nazionale, ora spera nella prima riunione del nuovo parlamento, il prossimo martedì, per riconquistare la poltrona di primo ministro. I pericoli non sembrano giungere, però, dalle piccole e litigiose fazioni sunnite, quanto da quelle sciite, molte delle quali intenzionate a non dare sostegno ad un nuovo esecutivo Maliki. In prima fila contro il premier è Moqdata al-Sadr, protagonista nei giorni scorsi di una prova di forza significativa: decine di migliaia di miliziani a lui fedeli e di sostenitori hanno sfilato per le strade di Sadr City, armati e in uniforme, a dimostrazione del potenziale militare di cui gode ancora il religioso. Nena News

The post IRAQ. Teheran sfida la Casa Bianca, i sauditi stanno alla finestra appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

LIBRI. Yalo, una vita di amore e violenza

Ven, 27/06/2014 - 09:30

Sangue e passione si intersecano nel racconto di Elias Khuri: storia di un ragazzo che non riesce a trovare la pace dopo la fine della guerra civile libanese, costretto sotto tortura a ripercorrere le difficili tappe della propria esistenza

 

di Cristina Micalusi

Roma, 27 giugno 2014, Nena News – Yalo è il simbolo di tante storie individuali che hanno la STORIA come sottofondo. Un libro intenso e poetico che ha per protagonista un ragazzo trentenne, libanese, di nome Yalo, in carcere, accusato di stupro dall’amata.

Tra ricordi e contraddizioni si fa strada la vera storia di Yalo e se ne aprono mille altre attorno a lui.  A cominciare dalla vita del nonno del protagonista, il “cohno” Efrem, che è scampato ad uno dei tanti genocidi non annoverati nei libri scolastici, quello degli assiro-siriaci, parallelo a quello degli armeni. E poi c’è la madre di Yalo, Gabi, musulmana ma che a causa della guerra civile, ha dovuto lasciare Beirut Ovest per rifugiarsi nella parte cristiana; perdendo non solo le cose materiali ma anche gli affetti di una vita.

Yalo è un criminale che ha vissuto una vita difficile, la guerra lo ha cambiato in peggio, come cambia qualsiasi altra persona.  Il bello di questo libro non è scoprire quali e quante siano le bugie che si nascondono dietro le parole di Yalo, come lui stesso afferma: “le parole non dicono le cose, ma le nascondono”. Oppure cercare di capire il suo rapporto d’amore malato con Chirine.

Il bello di questo racconto è ritrovare le strade libanesi di Beirut, le canzoni del Medio Oriente e il profumo delle spezie. Elias Khuri sa evocare atmosfere orientali, sottolinenando al tempo stesso la difficile identità libanese, impossibile da definire con le sue differenze etniche, religiose, storiche e culturali. Con la sua scrittura densa e cruda ci da un quadro molto complesso rispetto al concetto di nazione libanese.

Così ci troviamo in un Paese dove violenza e amore sono legati in modo imprescindibile, connessi anche al ricordo ossessivo della guerra e alla costante ricerca dell’oblio.

 

*Elias Khuri è nato a Beirut dove tuttora risiede, nel 1948. Autore di numerosi romanzi, pièce teatrali e volumi di saggi, nonché direttore del prestigioso inserto letterario del quotidiano di Beirut “al-Nahar”. Nel 2008 ha ricevuto il Sultan Oweiss Award per la narrativa e il Prix IMA pour le roman arabe.

 

Titolo:  Yalo

Autore:  Elias Khuri

Editore:  Einaudi

Anno:   2009

The post LIBRI. Yalo, una vita di amore e violenza appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

LIBANO. Attacco a Hezbollah per destabilizzare il Paese

Ven, 27/06/2014 - 08:56

La guerra in Iraq bussa alla porta del Paese dei cedri che rischia di diventare terreno di scontro tra jihadisti e Partito di Dio. Le due autobombe e il kamikaze hanno fatto due morti e una settantina di feriti e hanno interrotto tre mesi di relativa calma

 

della redazione

Roma, 27 giugno 2014, Nena News – Tre attentati in appena una settimana fanno tremare il Libano, dove si teme un contagio del conflitto a sfondo confessionale che sta scuotendo l’Iraq nelle ultime settimane. Il Paese dei cedri, già sotto la pressione del vicino conflitto siriano, sembra entrato nel mirino del gruppo sunnita Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) che guida l’offensiva contro il governo sciita di Baghdad e che ha mandato un messaggio al movimento sciita Hezbollah (Partito di Dio) che combatte in Siria al fianco delle truppe del presidente Bashar al Assad.

Il Libano rischia di diventare un altro campo di battaglia dello scontro regionale tra sunniti e sciiti, di trovarsi sotto un fuoco incrociato. Le due autobombe e il kamikaze hanno fatto due morti e una settantina di feriti e hanno interrotto tre mesi di relativa calma nel Paese. Si teme che a Beirut arrivino combattenti jihadisti pronti a colpire i feudi di Hezbollah, nella zona meridionale della città, o che le cellule dormienti agiscano per indebolire il Partito di Dio e, di conseguenza Assad che sta riguadagnando terreno in alcune parti della Siria e sta ricostituendo l’asse con Baghdad e Teheran contro le milizie sunnite che dilagano nel Paese. L’Isil vuole costituire un califfato che si estende dalla Siria all’Iraq, garantendosi una continuità territoriale tra i due Stati che rischia di sfaldarli e il Paese dei cedri si troverebbe “sotto il fuoco di due vulcani in eruzione”, ha osservato l’editorialista Ali Hamadeh sul quotidiano libanese An Nahar.

Ieri sono stati sgomberati diversi alberghi di Beirut, dopo che un cittadino saudita si è fatto esplodere in un hotel per sfuggire all’arresto, ferendo una decina di persone. Nella sua stanza è stato trovato materiale sufficiente a costruire una cintura esplosiva. Quest’ultimo attentato è stato rivendicato dal gruppo Sunniti liberi di Baalbek che hanno fatto riferimento allo Stato islamico e hanno promesso di continuare a colpire Hezbollah in un messaggio su Twitter. Venerdì scorso un poliziotto è stato ucciso da un’autobomba a un posto di blocco e lunedì un altro attentato suicida con una macchina ha ucciso un altro agente nei pressi di un quartiere sciita di Beirut.

Questi ultimi tre attentati non sono andati completamente a segno, avrebbero potuto fare strage tra i cittadini, ha fatto notare il ministro dell’Interno Nohad Mashnouq. Le due autobombe non sono riuscite a raggiungere gli obiettivi e gli attentatori si sono fatti saltare in aria ai posti di blocco, mentre il kamikaze saudita si è fatto esplodere per non farsi catturare dalle forze di sicurezza libanesi.

Tra novembre e marzo sono stati preparati undici attentati kamikaze nel Paese, sventati da massicce operazioni antiterrorismo. Un periodo di relativa calma è iniziato dopo che Hezbollah ha catturato le basi dei miliziani jihadisti in Siria, dove pare si preparassero gli attacchi in Libano, ma l’Isis ha ripreso vigore in Iraq e potrebbe riallacciare rapporti con al Qaeda, da cui è stato estromesso mesi fa, per avanzare in Siria.

Sheikh Sirajeddine Zuraiqat, portavoce delle Brigate Abdullah al-Azzam, legate ad al Qaeda, ha detto che il Partito di Dio “si è messo nei guai” con la sua “avventura in Siria”. “La vostra battaglia”, ha scritto su Twitter, “non è più soltanto con noi, ma con l’intera comunità sunnita in Siria e in Libano”. Nena News

The post LIBANO. Attacco a Hezbollah per destabilizzare il Paese appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

IRAQ. Maliki scarica Obama: “Non me ne vado”

Gio, 26/06/2014 - 09:37

Il premier rifiuta la proposta della Casa Bianca di un governo di unità nazionale. Tre guardie iraniane uccise al confine: Teheran avrebbe già inviato droni e equipaggiamento militare.

 

Il segretario di Stato Usa Kerry e il premier iracheno Maliki

 

di Chiara Cruciati – Il Manifesto

Roma, 26 giugno 2014, Nena News – Maliki dice no. Non intende farsi da parte né coinvolgere le diverse fazioni politiche, espressione delle differenti etnie e religioni irachene, in un nuovo governo nazionale. Sembra così affondare prima di prendere il largo la proposta statunitense, presentata ai leader iracheni sunniti, sciiti e curdi dal segretario di Stato, John Kerry, lunedì a Baghdad. Dopo l’affossamento dell’idea di un esecutivo di riconciliazione da parte del presidente della regione autonoma del Kurdistan Barzani – che alla richiesta di Washington aveva replicato minacciando un referendum per l’indipendenza curda – ora è il premier Maliki, figliocco della Casa Bianca, a issare altri ostacoli. Uno schiaffo in piena faccia per il presidente Obama: Kerry aveva annunciato due giorni fa la formazione di un nuovo governo entro la prossima settimana.

Le pressioni su Maliki perché lasciasse la poltrona di premier, appena riconquistata – per un soffio – alle elezioni di fine marzo – erano giunte da più parti, sia dalla comunità internazionale che dall’interno, in particolare dagli stessi leader sciiti. Maliki non ci sta e liquida la proposta come «un colpo di stato anti-costituzionale», accusando i leader sunniti di aver coordinato l’offensiva dall’Isil per riprendersi Baghdad. Parole dure che aumentano le difficoltà in cui sta annaspando l’amministrazione statunitense, da considerare una delle principali responsabili dell’attuale caos in cui versa il paese, ormai diviso in tre, tra zone ancora sotto il controllo di Baghdad (la capitale e il sud), aree sotto il controllo curdo (Kurdistan e Kirkuk) e intere province in mano ai miliziani islamisti dell’ISil (nord ovest e nord est).

«Abbiamo disperatamente bisogno di prendere una posizione nazionale per sconfiggere il terrorismo – ha detto ieri il premier – Il pericolo che sta affrontando l’Iraq richiede che tutti i gruppi politici si riconcilino sulle basi della democrazia costituzionale. Resteremo fedeli al volere e alle scelte degli iracheni». Vero è che Maliki la poltrona di premier non l’ha ancora ufficialmente riconquistata: a fine mese il parlamento appena rieletto dovrà incontrarsi per nominare un presidente che avrà 30 giorni di tempo per nominare il leader della coalizione di maggioranza chiamata a formare il governo. “Stato della Legge”, il partito di Maliki, ha ottenuto 92 seggi su 328 e sta cercando ancora fazioni che sostengano un suo eventuale esecutivo.

E mentre Washington freme e resta in attesa – rimandando ancora i bombardamenti con i droni chiesti da Baghdad – il conflitto che investe l’Iraq rischia di trasformarsi in una guerra regionale. Ieri tre guardie di frontiera iraniane hanno perso la vita, mentre pattugliavano il confine, in un attacco proveniente dal territorio iracheno. Fonti iraniane hanno parlato di un non meglio specificato «gruppo terrorista», senza fornire però altri dettagli. Che possa trattarsi della migliore delle giustificazioni per intervenire in Iraq? Il presidente iraniano Rowhani aveva da subito parlato di un possibile coinvolgimento di Teheran nella soluzione della crisi irachena e promesso un intervento se Baghdad lo avesse richiesto. E, spingendosi oltre ogni previsione, Rowhani si era detto pronto ad una collaborazione diretta con il nemico di sempre, gli Stati uniti. Una proposta a cui Washington non ha mai risposto chiaramente, nel chiaro timore di aprire la strada alla definitiva trasformazione dell’Iraq in uno Stato satellite iraniano. Secondo indiscrezioni rilasciate alla stampa da funzionari statunitensi, Teheran si starebbe già muovendo: droni iraniani volerebbero già sopra l’Iraq, mentre da terra sarebbero entrate nel paese tonnellate di equipaggiamento militare a sostegno del governo di Baghdad.

Due giorni fa era toccato a Damasco, che con l’Iraq condivide le conseguenze dirette dell’avanzata degli islamisti dell’Isil che controllano ampie zone nel territorio orientale siriano: una serie di bombardamenti dell’aviazione di Bashar al-Assad hanno centrato la provincia sunnita di Anbar e in particolare la comunità irachena al confine, Al Qaim, occupata sabato dai qaedisti, fondamentale punto di snodo e passaggio di armi e miliziani al di qua e al di là della frontiera. L’attacco avrebbe provocato 57 vittime tra i civili e oltre 120 feriti. Intanto, al confine con la Giordania si mobilitava l’esercito di Amman, schierato da re Abdallah dopo la presa del valico di frontiera di Turaibil.

E mentre i 300 consiglieri militari statunitensi arrivavano in Iraq e iniziavano il loro lavoro a fianco dell’esercito iracheno a nord, l’unico a segnare punti era ancora l’Isil: i jihadisti hanno attaccato ieri la più importante base militare irachena (ribattezzata “Camp Anaconda” durante l’occupazione Usa) e assunto il controllo di alcuni piccoli pozzi di petrolio a est di Tikrit. A nord, nella provincia di Ninawa, si sono invece registrate esplosioni in due luoghi di preghiera sciiti: nessun morto. L’Isil non intende fermarsi: in un’intervista alla BBC un miliziano sunnita ha minacciato la presa di Baghdad: «Arriveremo alla capitale in meno di un mese».

 

The post IRAQ. Maliki scarica Obama: “Non me ne vado” appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina

Ong italiane: “Silenzio assordante sulla Palestina”

Gio, 26/06/2014 - 09:28

Prosegue l’operazione israeliana “Brother’s keeper” in Cisgiordania, a due settimane dalla scomparsa di tre giovani israeliani nei pressi di Hebron. Dei tre, rapiti da Hamas secondo le autorità israeliane, non c’è traccia. Tel Aviv intanto prosegue la sua campagna militare che prende di mira l’intera popolazione palestinese. Nelle ultime ore i palestinesi denunciano la morte per infarto, durante un raid dei soldati nel campo profughi di Arroub, di una anziana, Fatima Rushdi. Negli scontri seguiti all’incursione, i militari hanno ferito almeno nove giovani dimostranti palestinesi. Nei giorni passati almeno sei palestinesi erano stati uccisi dai militari, l’ultimo, Mustafa Hosni Taher Aslan, 24 anni, è spirato in ospedale per le ferite ricevute durante scontri con i soldati a Kalandiya. La scorsa notte sono stati perquisiti 136 edifici, in maggioranza intorno a Hebron, e arrestati almeno 10 palestinesi.  Israele riferisce di circa 400 arresti dall’inizio di “Brother’s keeper” ma i palestinesi riportano un numero ben più alto, oltre 500. Sono allo studio nuove misure punitive nei confronti anche dell’Autorità nazionale palestinese. Potrebbero essere bloccati i trasferimenti dei sussidi ai prigionieri politici palestinesi e alle loro famiglie che il governo del premier Rami Hamdallah effettua mensilmente.

   Nena News pubblica il comunicato sulla situazione nei Territori occupati palestinesi  diffuso dalla Piattaforma delle Ong italiane che operano nel Mediterraneo e nel Medio Oriente.

 

COMUNICATO

Nel silenzio assordante di media, governi e istituzioni, la popolazione palestinese sta vivendo, di nuovo, un momento drammatico. Dopo la scomparsa avvenuta il 12 giugno scorso di tre coloni (Eyal Ifrach, Naftali Frenkel e Gilad Shaer), provenienti dal Blocco di colonie di Gush Etzion nell’area di Hebron (illegali secondo il diritto internazionale [1]), non si hanno ancora notizie certe sull’accaduto.

Israele ha immediatamente accusato Hamas e avviato una massiccia operazione militare denominata “Brother’s keeper” in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza. Sin dal primo giorno, l’esercito israeliano ha operato indiscriminatamente attraverso perquisizioni, irruzioni, devastazioni, arresti in tutta la Cisgiordania e bombardando la Striscia di Gaza la cui popolazione, a seguito della chiusura ai Palestinesi del valico di Erez, non ha alcuna possibilita’ di movimento fin dal 15 giugno.

Ad oggi, 5 Palestinesi [2] sono stati uccisi in Cisgiordania durante le incursioni, oltre 150 persone sono state ferite e 471 arrestate [3]. Nel corso dell’operazione militare, sono state perquisite e devastate oltre 2000 tra proprietà palestinesi (terreni, case, uffici) e istituzioni locali, tra cui le redazioni di alcuni organi di stampa.

I militari israeliani non si sono fermati nemmeno di fronte alle strutture sanitarie ed universitarie: tra gli altri, il Centro medico dell’Al-Sadaqa Medical Society di Betlemme, l’Università di Birzeit, l’Arab American University di Jenin, l’Al Quds University di Abu Dis ed il Centro Culturale di IBDAA del Campo profughi Dheisheh di Betlemme hanno subito confische di materiali ed ingenti danneggiamenti.

Nella Striscia di Gaza sono stati effettuati 35 attacchi aerei e lanciati 50 missili, che hanno provocato 28 feriti e 6 morti, danneggiando tra l’altro 5 scuole. Numerosi checkpoint temporanei sono (ri)apparsi in tutta la West Bank ed allo stesso tempo si è assistito ad una escalation della violenza da parte dei coloni all’indirizzo della popolazione civile palestinese (ultimo esempio gli spari dei coloni israeliani dell’insediamento di Psagot contro il corteo funebre per Muhammad Tarifi, uno dei palestinesi uccisi dai militari, nel sobborgo di Jabal al- Tawil, Ramallah, che hanno causato almeno un ferito). Forti restrizioni alla mobilità sono attualmente applicate alla popolazione maschile del Distretto di Hebron di età compresa tra i 20 ed i 50 anni. Degli oltre 471 arrestati di questi giorni, stando a quanto dichiarato dal quotidiano israeliano Hareetz, 1/4 è già in detenzione amministrativa (imprigionati a tempo indeterminato senza nemmeno conoscere il capo di accusa). Tali nuovi denetuti si andranno ad aggiungere agli oltre 200 prigionieri già in detenzione amministrativa. Il tribunale israeliano ha autorizzato lo Shin Bet, l’agenzia di intelligence per gli affari interni, ad utilizzare negli interrogatori dei palestinesi arrestati i metodi della “ticking bomb” cioè “misure straordinarie o di moderate pressioni fisiche”, pratica condannata dal PCATI (Comitato pubblico israeliano contro la tortura) e dalla Quarta Convenzione di Ginevra [4].

Come Piattaforma delle ONG Italiane in Mediterraneo e Medio Oriente, mentre ci auguriamo che la vicenda dei tre giovani scomparsi si risolva al più presto positivamente e condanniamo ogni atto di violenza. Condanniamo l’operazione militare israeliana in corso per l’uso eccessivo e sproporzionato di violenza nei confronti di tutta la popolazione civile palestinese. Facciamo appello alle Agenzie di stampa e ai Media Internazionali, affinchè si impegnino a fornire una informazione chiara, trasparente completa e e veritiera sui fatti e sulla situazione di illegalità nella quale agisce l’esercito israeliano all’interno dei territori palestinesi; [5]

Facciamo appello alle Istituzioni Politiche e Diplomatiche italiane, affinché si adoperino per garantire un giusto controllo, il monitoraggio degli eventi, per porre fine alla “Punizione Collettiva” verso la popolazione palestinese e affinchè condannino pubblicamente tutte le azioni intraprese in violazione del diritto internazionale.

Facciamo appello alla Società Civile affinché si mobiliti in solidarietà con la popolazione palestinese.

[1] art. 49.6 della Quarta Convenzione di Ginevra: «La potenza occupante non potrà mai procedere alla deportazione o al trasferimento di una parte della propria popolazione civile sul territorio da essa occupato».

[2] Ahmad Sabarin (20, campo profughi di Jalazone), Mohammed Dodeen  13, di Dura), Mustafa Aslan (22, campo profughi di Qalandiya), Mahmoud Atallah Tarifi (30, Ramallah), Ahmad Fahmawi (27, campo profughi di el Ein).

[3] Tra gi arrestati risultano 5 Ex ministri palestinesi, 10 Membri del Consiglio Legislativo Palestinese (MPLC), tra cui anche il Dr. Aziz Dweik, diversi Professori universitari e 5 giornalisti.

[4] La IV Convenzione di Ginevra art 33 proibisce la tortura.

[5] L. n. 69/1963 e Carta dei Doveri del giornalista; Il giornalista deve sempre verificare le informazioni ottenute dalle sue fonti, per accertarne l’attendibilità e per controllare l’origine di quanto viene diffuso all’opinione pubblica, salvaguardando sempre la verità sostanziale dei fatti.

The post Ong italiane: “Silenzio assordante sulla Palestina” appeared first on NenaNews.

Categorie: Palestina