Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

ARTICOLI

Comunicato stampa: dagli Accordi di Oslo alla "liberazione" di Gerusalemme - ISM Italia

Canto l’arme pietose e ’l capitano
che ’l gran sepolcro liberò di Cristo.
Molto egli oprò co ’l senno e con la mano,
molto soffrí  nel glorioso acquisto;
e in van l’Inferno vi s’oppose, e in vano
s’armò d’Asia e di Libia il popol misto.
Il Ciel gli diè favore, e sotto a i santi
segni ridusse i suoi compagni erranti.

POEMA DEL SIGNOR TORQUATO TASSO
AL SERENISSIMO SIGNORE IL SIGNOR
DONNO ALFONSO II D’ESTE DUCA DI FERRARA

Gli Accordi di Oslo o della Versailles palestinese

Il fallimento degli accordi di Oslo è sotto gli occhi di tutti, anche se il cinismo e l’ipocrisia dilaganti continuano in azioni di distrazione di massa prive di ogni fondamento. Nel 2013 Avi Shlaim[1], docente di diritto internazionale a Oxford, ha scritto:

FPLP: La nostra lotta, non Trump, deciderà il destino di Gerusalemme

Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina qualifica la dichiarazione del presidente degli USA, Donald Trump, come una dichiarazione di guerra contro il popolo palestinese ed i suoi diritti, chiarendo la posizione ostile nei confronti dei palestinesi e dichiarandosi complice dello Stato sionista, dei sui crimini contro il popolo palestinese e la sua terra, e su questa base deve essere affrontata.

Inoltre il Fronte Popolare ritiene che con questa dichiarazione Trump abbia sparato un “proiettile di misericordia” sulla cosiddetta “soluzione dei due stati” e sul processo di pace. Ha invitato la leadership palestinese ad apprendere dall'esperienza devastante del ricorso ai negoziati sotto il dominio degli Stati Uniti, ad annunciare un ritiro immediato dall'accordo di Oslo e da tutti gli obblighi ad esso successivi.

PER AL QUDS, CAPITALE DELLA PALESTINA!

Nel centenario della dichiarazione di Balfour, la decisione degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme come capitale dello Stato sionista ed il conseguente trasferimento della propria ambasciata in quella città, segna un nuovo passo storico nel progetto coloniale in Palestina e ha l’indubbio merito di fare chiarezza sulla scena geopolitica mediorientale.

Sgombera il campo dalle ambiguità, taglia le gambe ai collaborazionisti ed agli ingenui. Indica l’unica via rimasta per ottenere Al Quds capitale della Palestina: la lotta “con tutti i mezzi necessari” contro il nemico sionista e imperialista. Staccando la spina ai moribondi Accordi di Oslo, che erano il contenitore della (non) soluzione del conflitto arabo-sionista, attraverso la formula dei “2 popoli 2 stati, svelando una bufala internazionale durata un quarto di secolo. Una vera e propria dichiarazione di guerra contro gli arabi, che rientra nel piano della fazione imperialista neocolonialista statunitense che, contestualmente all’occupazione di porzioni di Siria, Iraq, Libia e Yemen, vuole “chiudere” la ferita aperta della Palestina e della sua capitale storica: Al Quds.

Il Fronte Popolare dopo 50 anni: strategia per la liberazione della Palestina

Il Fronte Popolare per la liberazione della Palestina non ha potuto determinare fin da subito la sua visione politica, organizzativa, intellettuale e i suoi obiettivi strategici generali, dopo la sua fondazione ufficiale l'11 dicembre del 1967. Questo semplicemente perché il FPLP era formato da una coalizione composta da più di una fazione e da un gruppo rivoluzionario di guerriglia che aveva iniziato a emergere, non si considera ancora un partito politico unificato, governato da una visione centrale globale e da leggi e regolamenti interni.

La natura e le circostanze della nascita, le sue complessità e condizioni, sono rimaste un freno deciso e ostinato alla realizzazione delle condizioni necessarie per lanciare la visione intellettuale, politica e organizzativa del partito, una visione strategica che riflette l'essenza del suo progetto rivoluzionario e, soprattutto, giustifica la sua esistenza e necessità.

Si può dire che il primo tentativo serio e di successo a questo livello è stato raggiunto dopo la conferenza del febbraio 1969 e dopo la scissione nel Fronte Popolare. Questo periodo è stato accompagnato da uno stato di divisione, di confusione e da una tempesta intellettuale, politica e organizzativa, oltre a conflitti e le contraddizioni personali e interne che in alcuni casi hanno quasi sopraffatto questo nuovo partito rivoluzionario. Soprattutto nel periodo successivo alla sconfitta nell'aggressione sionista del 1967, quando quasi tutti i regimi arabi, sia "nazionalisti" che reazionari trovarono nel sostegno della destra palestinese una soluzione e un modo per affrontare la minaccia della sinistra rivoluzionaria araba espressa in questo nuovo partito. Pertanto la visione del percorso e della lotta del PFLP si sviluppò inizialmente in una nascita incerta, difficile e sanguinosa.

Pagine

Subscribe to RSS - ARTICOLI

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente