Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Come gli Stati Uniti uccidono la resistenza popolare in Palestina

In qualità di maggior donatore di fondi per lo sviluppo economico bilaterale dei palestinesi, l'Agenzia statunitense per lo Sviluppo Internazionale (USAID) utilizza lo sviluppo sociale come efficace strumento per smantellare i movimenti di resistenza palestinesi della Cisgiordania e di Gaza. I programmi dell'USAID sono tutti basati sul collegamento tra aiuto allo sviluppo e ripudiando le idee di resistenza e resa all’occupante.

Ramallah - Dal 1994, poco dopo la firma degli Accordi di Oslo l'Autorità nazionale palestinese (Anp), ha ricevuto 3 miliardi di dollari sotto forma di aiuti allo sviluppo nei settori dell’acqua, dei servizi igienico-sanitari, delle infrastrutture, dell'istruzione, della sanità, dello sviluppo economico e della democratizzazione. Questo tipo di sostegno era parte della lotta contro la "ribellione", strettamente legato piano PNA del Primo Ministro Salam Fayyad annunciato nel mese di agosto 2009 per realizzare le istituzioni dello Stato palestinese entro i confini del 1967 e promuovere la soluzione dei due Stati.

La lotta contro la "ribellione" aveva due scopi, in sostanza. Il primo era quella di controllare la popolazione e eliminare la resistenza palestinese. Il secondo era un sistema, alternativo rispetto ai metodi tradizionali di repressione del la resistenza e dei rivoluzionari movimenti. Questa ideologia si fonda sui concetto colonialista in tempi di guerra, quando l'azione militare falliva. Per cui diventava necessario per gli eserciti di utilizzare sistemi più soft per vincere le battaglie.
 

L’USAID e la costruzione dello Stato

La strategia per la costruzione di uno Stato palestinese è sostenuta da programmi economici e sociali per "conquistare i cuori e le menti" della popolazione sotto occupazione mediante programmi di sviluppo.

Il Piano di Fayyad per realizzare le istituzioni statali palestinesi sembra aver coinciso con il piano di sicurezza sviluppato in Cisgiordania allo scopo di combattere lo stato di illegalità nei territori. L'obiettivo dichiarato era quello di sradicare la droga e rivenditori di auto rubate - accuse che erano state rivolte ai membri dell'ala militare di Fatah, le Brigate dei Martiri di al-Aqsa.

Inoltre il piano di costruzione dello Stato Palestinese, non collega organicamente il diritto al ritorno con gli obiettivi nazionali. Sebbene nel piano si menzioni la fine dell'occupazione, il diritto all'autodeterminazione, e la creazione dello Stato, nulla si dice circa il diritto al ritorno. La maggior parte del piano riguarda solo la costruzione dello Stato e lascia poco spazio per la lotta nazionale, tranne in due frasi che parlano di pacifica resistenza popolare.

Nell'introduzione, il piano parla della determinazione e del supporto da parte dei paesi arabi e internazionali, come prerequisito necessario all’indipendenza. E 'qui che intervengono i programmi dell'USAID, per cercare di consolidare questa posizione attraverso programmi di prestito e di assistenza tecnica e progetti di ripristino dei valichi di frontiera.

Il progetto mira a facilitare la circolazione delle merci palestinesi attraverso i posti di frontiera. Esso comporta una migliore tecnologia per la scansione di merci e per accrescere la capacità delle aziende di ridurre i tempi di attraversamento dei confini palestinesi. Tuttavia, essi ignorano il fatto che la priorità è quella di rimuovere i passaggi e i posti di blocco militari, piuttosto che renderli più funzionali.
 

La Resistenza è il terrorismo che mina lo Stato

Attraverso una partnership diretta e indiretta con l'ANP, l'USAID ha fornito una definizione di terrorismo in Palestina, limitandola ai movimenti di resistenza. Uno dei suoi obiettivi è quello di combattere contro le condizioni e le circostanze che alimentano il terrorismo (inteso come resistenza) e la comunità che lo praticano, il tutto con l'obiettivo di creare solide basi per la costruzione del futuro Stato palestinese.

L’USAID ha trasformato la questione della lotta al terrorismo nella pratica di chiedere ai beneficiari dei fondi, di firmare una dichiarazione di rinuncia al terrorismo obbligatoria per poter ricevere le borse di studio. Altri organismi internazionali, anche quelli europei, non hanno questa condizione.

La definizione di terrorismo, secondo USAID, esige che nessuno dei beneficiari del progetto siano membri di Hamas o di altre fazioni della resistenza: come il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina. Richiede anche una chiara dichiarazione che attesti che la resistenza dei palestinesi rientra tra gli atti di terrorismo e una adesione ai valori e ai principi americani.

Ad esempio, la definizione di terrorismo secondo l’USAID comporta che, si verifica se un incidente d'auto al di fuori di un progetto sanitario sostenuto da USAID, le vittime non possono essere curate se risulta che siano membri di una fazione della resistenza. Significa anche che una città in Cisgiordania non potrebbe ricevere una sovvenzione per la riparazione di una strada se nel suo consiglio comunale sono presenti membri di Hamas. Questo è stato il caso di Betlemme nel 2007, quando i finanziamenti al comune e per la ricostruzione delle strade sono strati revocati in quanto nel Consiglio erano presenti membri di Hamas.

Tuttavia, le condizioni per la concessione delle sovvenzioni non si limitano alla richiesta della dichiarazione di rinuncia al terrorismo all’atto della firma. Esse richiedono anche un controllo completo di sicurezza per i membri del consiglio di amministrazione dell'istituto e del personale impiegato nel progetto effettuato dalla Vetting System Partner (PVS). I nomi sono controllati dalle unità di informazione di occupazione e dalle forze di sicurezza dell'Anp, a Ramallah. Se accade che uno dei nomi sia legato ad eventi di lotta o di orientamento politico verso una fazione resistenza, il progetto verrà negato.
 

Programmi per prosciugare le risorse della Resistenza

Un semplice e rapido esame dei programmi che riguardano la democrazia, la governance locale, i media, il ruolo delle leggi e la gestione dei conflitti mostrerà il livello di interesse che l'agenzia statunitense ha verso la costruzione di una società palestinese che cerca la pace con il nemico israeliano sulla base della soluzione dei due stati.

Sulla questione della governance locale, il sito web dell'agenzia sostiene che la Cisgiordania e la Striscia di Gaza hanno bisogno della partecipazione popolare come condizione necessaria alla creazione di uno stato democratico con un buon sistema di buon governo. Gli sforzi mirano ad espandere ed il sostegno al la soluzione dei due Stati e alla costruzione dello slancio verso la pace.

Ciò è in accordo con il piano di costruzione dello Stato di Fayyad, che parla della soluzione a due stati, della fine dell'occupazione, della libertà e del diritto all'autodeterminazione, senza menzionare il diritto al ritorno.

Quello che prevede il piano dell’USAID per i media, considerati i principali strumento di sostegno alla resistenza e per instillare il concetto di liberazione, si basa sull'idea che il settore dei media palestinesi debba affrontare molti ostacoli, come gli effetti indesiderati del clima politico instabile. Questo è un chiaro riferimento al conflitto tra Fatah e Hamas e ai conseguenti impatti, posizioni, e sfide.

Tuttavia, nonostante tali sfide, secondo USAID, i media palestinesi sono stati in grado di dimostrare le loro capacità e adattarsi per creare un terreno fertile per i media indipendenti e pluralistici, che non vedono Israele come un nemico, ma come un partner su cui puntare per realizzare la pace.

La terza pietra angolare per eliminare le fonti di resistenza è attraverso la riconciliazione ei progetti di gestione dei conflitti in Cisgiordania e Gaza, che mirano a riunire tutti i gruppi che rappresentano le comunità locali intorno a un tavolo per affrontare le cause nascoste dietro il conflitto la israelo-palestinese.

I programmi dell'USAID in materia di gestione dei conflitti e mediazione comprendono la formazione di avvocati, esperti in psicologia, urbanisti, istruzione in generale, il dialogo, la rete, creazione di opportunità tra israeliani e palestinesi, programmi ambientali congiunti israelo-palestinesi, e creazione di serie televisive israelo-palestinese.
 

La Cisgiordania come Green Zone

Secondo l'ex direttore della CIA, David Petraeus, la Green Zone è la zona non può produrre o contenere movimenti di resistenza. Essa gode di pace e sicurezza e può esportarlo presso i suoi vicini.

Nel caso palestinese, il programma di costruzione dello stato di Fayyad e i programmi dell’USAID , hanno operato senza sosta per promuovere l'idea di "società civile", che superi i confini sotto il nome di "società civile globale". Questo è uno degli strumenti più scellerati per reperire finanziamenti esteri allo scopo di smantellare la società civile che è il principale incubatore dei movimenti di resistenza.

Questi gruppi cercano di plasmare le menti dei giovani attraverso la promozione della democrazia e della società civile, come il modo migliore per sviluppare la comunità politica palestinese. Tuttavia, essi ignorano il fatto che la Palestina è sotto occupazione, e vi è la necessità di progettare la sua liberazione prima di pensare a governo e lo sviluppo della comunità politica.

Secondo l’opinione corrente, le ONG si basano su un sentimento di comune identità, che sorpassa i sentimenti nazionali, legando le persone attraverso reti globali. Quanto più una ONG si impegna nella solidarietà transnazionale, il che significa che supera i confini nazionali, tanto più facile diventa l'accesso ai finanziamento.

Chiaramente, ciò che si intende qui non è l'internazionalismo a dispetto dell'imperialismo e del sionismo, per esempio. Tale solidarietà non può realizzarsi negando l'indipendenza e l'unità nazionale, ma piuttosto con rinforzando questo obiettivo. Questo significa che quello della "società civile globale" è uno schema per eliminare definitivamente l’identità nazionale.
 

Fonte: Al-Akhbar
Traduzione a cura di PalestinaRossa

 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente