Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

I palestinesi parlano di tortura in una prigione della AP

Gerusalemme – Per il giornalista palestinese Sami al-Sai era stata ordinata la liberazione dalla custodia dei servizi di intelligence palestinesi a Tulkarem nel mese di febbraio, ma proprio mentre stava per essere liberato, è stato riarrestato e trasferito alla prigione di Jericho. Lì, ha subito 15 giorni di interrogatori e di torture, ha detto ad Al Jazeera.

“Mi hanno appeso al tetto della cella con una corda legata alle mie braccia, loro stavano dietro di me. C’era tanta sofferenza”, ha detto, sottolineando che è stato picchiato sui piedi con un tubo flessibile durante un’altra sessione di interrogatori. “Non avrei potuto credere al dolore … Dopo non potevo camminare in modo corretto, non potevo allungare le braccia”.

Sai è stato rilasciato dopo aver pagato una multa per sospendere una condanna a tre mesi per collegamenti con il movimento palestinese Hamas a Gaza .

La sua storia coincide con un modello di abuso che gli ex detenuti, le loro famiglie, gli avvocati e le organizzazioni per i diritti umani raccontano sempre più frequentemente nella Cisgiordania occupata , e in particolare a Jericho. La prigione, dicono, sta giocando un ruolo chiave in un apparato palestinese di sicurezza che ha messo a punto i suoi tentativi di soffocare il dissenso e imprigionare gli oppositori politici.

“Le persone affrontano le torture in molti luoghi quando sono nelle carceri dell’Autorità palestinese”, ha detto Anas Barghouti, un avvocato per i diritti umani a Ramallah. “Molte persone affrontano anche torture a Jericho, ma ciò che lo rende diverso è che è soprattutto un posto per i prigionieri politici”.

Barghouthi ha detto ad Al Jazeera che un nuovo “comitato per la sicurezza”, un corpo congiunto di agenzie di intelligence palestinesi istituito nel 2016 a Jericho, ha aumentato il potere dei servizi di sicurezza perché lavorano insieme e riferiscono direttamente al presidente. “È stato istituito per affrontare le persone accusate di sostenere [Mohammed] Dahlan”, ha detto, riferendosi ad un avversario  del presidente Mahmoud Abbas  esiliato, “ma è ora utilizzato come strumento per gli arresti politici di diversi tipi”.

Un portavoce per la procura militare della PA ha confermato ad Al Jazeera che il comitato era stato istituito nel 2016 e riferiva al presidente.

Un uomo di Hebron , che ha parlato con Al Jazeera in condizione di anonimato, ha detto che era stato tenuto nella prigione di Jericho sotto il comitato per la sicurezza per due mesi questa estate, accusato di avere collegamenti con Hamas e di possesso di armi – accuse che nega.

Ha detto che sembrava che il comitato per la sicurezza esercitasse un grande potere sui giudici nelle sue audizioni quindicinali di detenzione : “Le audizioni erano uno scherzo. Era tutto per niente, mi hanno solo di nuovo arrestato immediatamente”. Gli è stato negato l’accesso ad un avvocato ed è stato torturato messo in una posizione di stress per un massimo di cinque ore alla volta, ha aggiunto, notando che è stato rilasciato dopo aver pagato una cauzione di 10.000 sikli ($ 2.800).

I gruppi per i diritti umani hanno condannato il crescente numero di detenzioni arbitrarie condotte dalle forze di sicurezza palestinesi. Ashraf Abu Hayyeh, consulente legale per Al-Haq, ha detto ad Al Jazeera che la recente detenzione di Shadi al-Nammoura, membro di Hamas di Dura, era senza precedenti.

Shadi è detenuto nel carcere di Jericho nonostante un tribunale abbia ordinato la sua liberazione quattro volte. Inizialmente, i servizi di intelligence palestinesi avevano aggiunto nuove accuse dopo ogni ordine di rilascio, ma dal 3 agosto – a parte un breve periodo in cui è stato tenuto sotto l’ordine del governatore di Nablus – è stato detenuto senza aggiunta di nuove accuse.

“Forse in passato gli ordini per il rilascio sono stati ignorati per un giorno o tre. È illegale, ancora, ma questo è qualcosa di nuovo – qualcosa che non abbiamo mai visto prima”, ha detto Hayyeh ad Al Jazeera. Le lettere alle autorità riguardanti il ​​caso erano rimaste senza risposta, ha aggiunto.

Il padre di Shadi , Faiz, ha detto che suo figlio aveva scontato più di sette anni in una prigione israeliana prima di essere liberato lo scorso novembre. La PA quindi lo ha arrestato nel suo posto di lavoro nel villaggio il 25 maggio.

“Voglio vederlo di nuovo subito,” ha detto Faiz.

Nel frattempo, il salotto di Noha Halaweh nella vecchia città di Nablus è decorato da file di immagini del marito, Ahmed, che è stato picchiato a morte nella prigione di Jneid dalle forze di sicurezza palestinesi il 23 agosto dello scorso anno. Cinque dei suoi figli erano nella prigione di Jericho per accuse legate alla violenza a Nablus che ha portato all’uccisione di suo marito. Dice che sono innocenti e sono stati semplicemente detenuti a causa di chi era loro padre.

“È una punizione stare  da sola in casa”, ha detto Halaweh ad Al Jazeera, sottolineando che uno dei suoi figli è stato torturato a Jericho – appeso al soffitto della sua cella per le braccia. “Era come un fiore. Quando l’ho visitato, non l’ho riconosciuto”.

Adnan Damiri, portavoce delle forze di sicurezza palestinesi, ha negato che qualsiasi tortura si sia svolta a Jericho, dicendo ad Al Jazeera: “Non torturiamo le persone.” Il carcere di Jericho è conforme a tutte le specifiche legali ed è uno dei migliori al mondo a questo riguardo. Siamo aperti alle organizzazioni per i diritti umani che vogliono visitarlo”.

I palestinesi nella Cisgiordania occupata, invece, dicono che vivono in un periodo di repressione senza precedenti.

“Stiamo scivolando indietro nei diritti umani sotto la PA da anni”, ha detto Barghouti. “Le cose ora vanno male e potrebbero peggiorare. Le persone hanno paura del comitato per la sicurezza più di qualsiasi singolo servizio perché ora stanno tutti lavorando coordinati come se fossero uno solo”.

Jacob Burns

Fonte: Al Jazeera
Trad. Il popolo che non esiste

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente