Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

L’UE deve porre fine al "sostegno materiale" ai crimini di Israele, affermano i più grandi sindacati

Più di 300 partiti politici, sindacati e gruppi di attivisti hanno chiesto la sospensione di un accordo fondamentale tra Israele e l'Unione Europea. L'appello invita l'UE a bloccare l’"accordo di associazione" con Israele. Tale accordo, entrato in vigore nel 2000, agevola il commercio in gran parte senza restrizioni tra l'UE e Israele e permette ad Israele di partecipare a una vasta gamma di programmi dell'Unione.

L'appello, consegnato al nuovo capo della politica estera dell'UE Federica Mogherini, è una delle affermazioni di più vasto appoggio da parte delle organizzazioni europee alla Palestina fino ad oggi. I firmatari della dichiarazione provengono da diciannove diversi paesi europei. Essi comprendono Podemos, il partito di sinistra attualmente in testa ai sondaggi in Spagna, il Congresso irlandese dei sindacati e altri importanti organismi sindacali di Spagna, Danimarca, Francia e Belgio.

I principali gruppi anti-povertà, tra cui la coalizione CNCD / 11.11.11. e il Broederlijk Delen in Belgio, Trócaire in Irlanda e War on Want nel Regno Unito, hanno approvato la dichiarazione.

Altri firmatari includono il Parti de Gauche e il Parti Communiste della Francia, Attac (un gruppo che critica l'economia capitalista) in Francia e in Germania e l'organizzazione pacifista Pax Christi Germania.

Un semplice sito web è stato istituito presso freepalestine.eu, attraverso cui le persone possono contattare i membri del Parlamento Europeo (MEP), esortandoli a leggere la dichiarazione e sostenere le sue richieste.

"Attraverso l'esistenza dell'accordo di associazione UE-Israele e il rafforzamento delle relazioni bilaterali, l'Unione Europea e i suoi stati membri stanno mandando ad Israele il messaggio che non ha bisogno di rispettare il diritto internazionale," spiega la dichiarazione.

Condannando la deliberata presa di mira dei civili da parte di Israele durante il suo recente attacco a Gaza, la dichiarazione afferma che l’incapacità dell’UE di ritenere Israele responsabile per i suoi recenti crimini di guerra "contribuisce al clima di impunità e di mancanza di responsabilità" e invia a Israele "il messaggio che non ha bisogno di rispettare il diritto internazionale."

La dichiarazione condanna anche il "sostegno materiale" che l'UE offre ai crimini di Israele.

L'Unione Europea è stata più volte criticata per la mancata adozione di misure più severe contro i legami economici con gli insediamenti israeliani nella Cisgiordania occupata e per aver permesso ad aziende militari israeliane di ricevere finanziamenti di ricerca dall’UE.
 

Frustrazione crescente

In un comunicato stampa, Aneta Jerska del Coordinamento Europeo dei Comitati e delle Associazioni per la Palestina (ECCP) sostiene che l'ampiezza del sostegno all’appello ha dimostrato che lo stato d'animo in Europa stava cambiando.

"L'enorme numero di organizzazioni tradizionali che chiedono la sospensione dell'accordo di associazione UE-Israele riflette la frustrazione crescente in tutta Europa per l’incapacità dei governi europei di rispondere ai ripetuti massacri e violazioni del diritto internazionale da parte di Israele."

"L'UE ha a lungo sostenuto che le sue strette relazioni con Israele la pongono in posizione di forza per impegnarsi in un dialogo con Israele per quanto riguarda l’oppressione dei Palestinesi, ma il brutale massacro israeliano di Gaza dimostra che questo dialogo è fallito. E’ tempo che l’UE prenda iniziative per fare pressione su Israele affinché rispetti il diritto internazionale", aggiunge.
 

Doppio metro di misura

Oltre a lanciare una piattaforma elettronica per contattare i deputati europei, l’ECCP ha anche pubblicato una scheda che illustra come l' accordo di associazione UE-Israele facilita i crimini di Israele.

La scheda è in contrasto con la pronta azione dell'UE contro la Russia e altri paesi che ritiene abbiano agito illegalmente nei confronti del suo attivo sostegno ad Israele:

L'articolo 2 dell'accordo di associazione stabilisce che: "I rapporti tra le parti ... saranno basati sul rispetto dei diritti umani e dei principi democratici, cui si ispira la loro politica interna e internazionale e che costituisce un elemento essenziale del presente accordo."

La persistente applicazione dell'accordo di associazione UE-Israele, nonostante la chiara violazione di Israele della clausola dell'articolo 2, manda un messaggio a Israele che i suoi massacri di Palestinesi saranno tollerati e non avranno alcun impatto significativo sui suoi stretti rapporti con l'UE . Questo crea un clima di impunità.

L'UE ha sospeso il suo accordo di associazione con lo Sri Lanka nel 2010 e ha applicato misure restrittive nei confronti della Russia a proposito della sua annessione di territorio ucraino e nei confronti di una miriade di altri stati ritenuti responsabili di aver violato i diritti umani e il diritto internazionale negli ultimi anni.

La mancata applicazione di misure analoghe a Israele costituisce un doppio metro di misura che equivale a un sostegno delle continue violazioni israeliane del diritto internazionale.

Organizzazioni della società civile palestinese hanno recentemente scritto al Servizio per l'Azione Esterna dell'UE per spiegare che questo doppio metro di misura "manda un chiaro messaggio a Israele che i suoi massacri di Palestinesi saranno tollerati e non avranno alcun impatto significativo sui suoi stretti rapporti con l'UE."

La scheda descrive inoltre come la politica dell’UE sostiene la continua espansione degli insediamenti illegali Israeliani e aiuta le aziende militari israeliane a sviluppare ulteriormente la tecnologia dei droni per l’uso contro i civili palestinesi.
 

Tempo di agire 

Tuttavia i governi e le istituzioni europee hanno espresso alcune delle loro più aspre critiche nei confronti di Israele sulla scia del recente massacro di Gaza, e molto è stato fatto in merito a dichiarazioni di sostegno per uno stato palestinese da parte del governo svedese e del parlamento del Regno Unito.

Il parlamento francese voterà una risoluzione su uno stato palestinese a fine mese.

Eppure, nonostante tutto il loro baccano, l'UE ei suoi governi non riescono a sostenere la responsabilità di Israele, e nemmeno a porre fine al loro appoggio attivo alle violazioni israeliane del diritto internazionale.  Organizzazioni della società civile palestinese hanno recentemente scritto al Servizio per l'Azione Esterna dell'UE - praticamente il ministero degli esteri dell'Unione - per chiedere la sospensione dell'accordo di associazione UE-Israele, sostenendo che "i crimini di guerra di Israele e il suo sabotaggio di ogni sforzo per raggiungere una pace giusta sulla base delle risoluzioni dell’ONU devono portare a conseguenze efficaci e sostanziali, non solo di facciata."

Un gesto coraggioso da parte dei deputati europei a sostegno della richiesta di sospendere l'accordo di associazione sarebbe un inizio utile.

Michael Deas
 

Fonte: Electronic Intifada
Traduzione di Vincenzo Pezzino

 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente