Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Lettera aperta degli accademici dell’Università di Birzeit in Palestina

Noi, dell'università di Birzeit, chiediamo alla comunità universitaria di protestare contro le vessazioni che il governo israeliano opera nei confronti di studenti e colleghi internazionali che si recano in Palestina per studiare o lavorare in istituzioni universitarie palestinesi.

In questi ultimi anni numerosi sono stati gli studenti e docenti universitari internazionali arrestati, interrogati e/o espulsi dai servizi di sicurezza israeliani mentre cercavano di entrare in Palestina attraverso i punti d'ingresso controllati da Israele.

Tali misure eccessive violano la libertà accademica, il diritto all'istruzione e il libero scambio di studenti e accademici. Tali azioni sono spesso portate avanti senza alcun capo d'imputazione e comprendono tecniche di interrogatorio, tra le quali molte comprendono l’aggressione verbale. Questa è l'ennesima palese violazione dei diritti umani fondamentali ad opera dell'occupazione israeliana.

Lanciamo un appello alla comunità accademica internazionale - in particolare alle università - affinché manifesti solidarietà insieme ai propri studenti e colleghi, e con le istituzioni palestinesi, attraverso una comune condanna di tali violazioni e pratiche ingiuste. Vi invitiamo inoltre a intensificare i vostri sforzi per boicottare Israele e le sue istituzioni universitarie finché non cesseranno le violazioni dei diritti umani nei confronti dei palestinesi.

Il diritto d'accesso alle istituzioni universitarie palestinesi è negato con un abuso di potere sistematico il cui obiettivo è quello di scoraggiare eventuali membri della comunità accademica, accompagnato da un’implicita minaccia di rappresaglie nel caso i membri di tale comunità insistano nel far valere i propri diritti. Le convenzioni sui diritti umani stabiliscono che l'accesso all'istruzione deve essere permesso sulla sola base del merito e della competenza. Ma in questa situazione unica, Israele nega l'accesso all'università e punisce ingiustamente coloro i quali lo reclamano.

La decisione di alcune istituzioni internazionali di non consentire ai propri studenti di lavorare con i loro omologhi palestinesi sta dando un aiuto alle autorità israeliane nell'applicazione di tali violazioni. La condanna dovrebbe invece essere rivolta contro le vessazioni dell'autorità israeliana nei confronti di studenti e docenti di queste stesse istituzioni che si trovano in Palestina.

Una tale decisione rispecchia la triste realtà che punisce le vittime della discriminazione e della violazione dei diritti umani da parte di Israele, così come le istituzioni accademiche palestinesi. Gli studenti e i professori universitari che vivono sulla loro pelle la discriminazione, le molestie e il divieto d'accesso da parte delle autorità israeliane, dovrebbero ricevere il sostegno e la protezione da parte dei propri Stati e dalle proprie istituzioni accademiche.

Fonte: Birzeit University
Traduzione di BDS Italia

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente