Antisionismo

I tentacoli sionisti nelle "stanze dei bottoni" italiane

La “Casa della Memoria” di Roma ha deciso di bloccare la presentazione della mostra “Notte molto nera – Sabra e Chatila, una memoria scomoda” (mai titolo fu più indovinato), sul massacro voluto dai sionisti nei campi profughi del Libano di Sabra e Chatila.

Da questa decisione emergono due elementi: in primis la subalternità del Comune di Roma e di chi gestisce la “Casa della Memoria”, che forse sarebbe bene rinominare “dell’oblio”, unita al potere della lobby sionista romana e della sua ambasciata e all'elevato numero di persone che ingiustificatamente si schiera a favore dello stato occupante anche quando questi commette crimini contro l’umanità, perpetuati da prima del 1948 fino ad arrivare ad alcuni dei più gravi delitti contro la dignità umana, come il massacro di Sabra e Chatila e l'aggressione al popolo palestinese di Gaza a cavallo tra il 2009 e il 2010 (testimoniata con grande coraggio dal quotidiano “Il Manifesto” attraverso gli occhi e le parole di Vittorio Arrigoni).

Se lo squadrismo sionista usa penna e manganello, occorre riscoprire l’attualità e l’universalità dell’antifascismo contro le ideologie razziste

Un nostro compagno ci ha girato un articolo apparso sul sito della Comunità Ebraica con l’eloquente titolo "Processo a Israele in Municipio" a firma di Fabio Perugia. L’articolista apre il suo pezzo con la domanda: Mentre Israele celebra la sua fondazione, i palestinesi ricordano la ‘Nakba’, la cacciata. Ma perché ospitare un processo politico contro lo Stato ebraico in un Municipio di Roma?

La risposta viene spontanea: perché, caro Perugia, siamo in Italia, a Cinecittà, e non in Israele dove purtroppo ricordare la Nakba è reato. Qui in Italia se ne può parlare liberamente  anche in un Municipio. E nonostante una legge liberticida, molti palestinesi ed israeliani democratici quest’anno hanno ricordato in Palestina la tragedia della nakba, in alcuni casi in manifestazioni comuni.

Israele: chiamiamolo fascismo

I nostri nonni dicevano che se qualcosa sembra un’anatra, starnazza come un’anatra e cammina come un’anatra, allora è un’anatra. Allo stesso modo, possiamo dire che se uno Stato agisce come un regime fascista, promuove leggi fasciste, utilizza termini fascisti e la sua popolazione reagisce in modo fascista, allora quello Stato è fascista.


Miri Regev, ex portavoce dell’esercito israeliano e attuale parlamentare,
ha definito i richiedenti asilo africani in Israele “un cancro”
(Foto: Moshe Milner, Ufficio Stampa del governo israeliano)

Per molti anni, ho avvertito del pericolo di utilizzare la parola “fascismo” per definire lo Stato di Israele. Il regime israeliano è prima di tutto un regime coloniale, mosso da considerazioni coloniali volte all’esclusione della popolazione indigena e alla confisca della sua nazione e delle sue terre. L’uso del termine “fascismo” serviva ad ammorbidire il carattere coloniale del progetto sionista e dello Stato di Israele.

Criticare o no la leadership palestinese?

In che modo si tradisce* la Causa Palestinese

Quasi sei anni fa la popolazione palestinese ha espresso il proprio voto - benché, non va scordato, si sia trattato di elezioni avvenute sotto occupazione - mostrando con decisione la voglia e la necessità di dare legittimità ad una forza all'epoca presentatasi come rivoluzionaria, Hamas, perché satura di anni di promesse e di finti accordi di pace. In ogni caso, in quelle elezioni il messaggio di rottura contro ogni forma di dialogo con l'occupante è stato chiaro, nonostante il dott. Salman sostenga che il voto pro-Hamas sia stato un modo per "punire" Fatah.

A seguito di questa scelta, opinabile per chi vuole, ma che resta pur sempre una scelta da accettare, la volontà dei palestinesi non è stata rispettata, perché né i governi né l'ONU hanno riconosciuto la legittimità della decisione popolare, né i sostenitori internazionali hanno fatto abbastanza per sostenere la volontà palestinese, forse a causa della persistente illusione di possibili accordi con lo stato sionista, che sempre più spesso hanno fatto capolino nella politica palestinese.

Pagine

Subscribe to RSS - Antisionismo

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente