Antisionismo

UN SILENZIO CHE FA RUMORE

Siamo tra gli organizzatori del presidio che ogni 25 Aprile contesta la presenza delle bandiere israeliane nel corteo che commemora la Liberazione dal nazi-fascismo ed abbiamo scritto per il lungo e per il largo che non intendiamo contestare la Brigata Ebraica in se, ma le bandiere sioniste presenti. Come si può leggere nei nostri documenti facciamo anche una precisa critica alla Brigata Ebraica proprio per il suo ruolo, che non è quello di aver contribuito a “salvare l’Italia”, quanto quello di aver partecipato alla Nakba, ovvero alla cacciata dei palestinesi dalla loro terra con massacri inenarrabili, stupri di donne, omicidi di minori.

In questi anni sono stati molti gli onesti intellettuali che hanno scritto la verità sulla Brigata Ebraica, così come altri disonesti che han voluto distorcere volutamente la verità, oppure semplicemente han fatto finta di non saperla, purtroppo anche all’interno dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.

Rimodellamento delle coscienze – Walid Daqqa

RIMODELLAMENTO DELLE COSCIENZE
OPPURE
LA RIDEFINIZIONE DELLA TORTURA
Di Walid Daqqa*

INTRODUZIONE

Il prigioniero Palestinese nelle carceri dell’occupazione israeliana sta sperimentando uno stato di impotenza che è il risultato delle sue difficoltà nel descrivere la sua condizione di oppressione che  vive dall’inizio della seconda Intifada. Concetti quali oppressione e tortura sono diventati di difficile definizione seguendo il pensiero corrente e moderno relativo ai diritti umani. Questo significa che le organizzazioni per i diritti umani devono fare degli sforzi eccezionali per documentare le specifiche violazioni; violazioni che i media e il sistema giuridico israeliano, che si autodefinisce rispettoso dei diritti umani e dei progionieri, considerano solo eccezioni alle regole. E quindi, contrariamente ad una presunta trasparenza, in raeltà queste modalità nascondono fatti e oscurano la verità.

Un 25 Aprile che oltre a 'commemorare' Vive la memoria partigiana!

«Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità»
(J. Goebbels, gerarca nazista)

Come farà la Palestina a liberasi dai regimi dei paesi arabi che la circondano?

Il ruolo dei paesi arabi nel 48 e ora. Due momenti storici descritti di seguito. Non cambia molto. Non è su di loro che può contare la Palestina. Diversi sono i popoli dai regimi che li governano. Perché i popoli arabi possano solidarizzare con il popolo palestinese dovranno prima liberarsi dei loro regimi. Come noi d'altra parte per solidarizzare con i palestinesi avremo bisogno di liberarci dei Salvini, fraterni amici dei Netanyahu.

Pagine

Subscribe to RSS - Antisionismo

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente