Campagna BDS
Linee guida per il PACBI ed il BDS
Appello PACBI
Appello BDS

Boicottaggio accademico e culturale

Torino e Napoli chiedono l’embargo militare verso Israele a sostegno dei diritti dei palestinesi

  • Si aggiungono a Bologna e Firenze nel chiedere azioni concrete per esercitare pressione su Israele
  • Il Senato irlandese ha votato per il divieto sulle importazioni di prodotti provenienti delle colonie israeliane
  • L’Internazionale Socialista, che comprende il Partito Socialista Italiano, condanna l’occupazione ed il regime di apartheid israeliani, e invita al BDS.

Cresce il numero dei consigli comunali italiani che chiedono l’embargo militare verso Israele come azione concreta per fare in modo che Israele risponda delle violazioni dei diritti del popolo palestinese, stabiliti dal diritto internazionale.

Eurovision Song Contest 2019 - Israele fa cadere la pre-condizione “Gerusalemme" Primo successo della campagna di boicottaggio

La mossa segna un netto fallimento degli sforzi israeliani di pubbliche relazioni per affermare la sua rivendicazione illegale su Gerusalemme di fronte alle crescenti richieste di boicottaggio.

Nel disperato tentativo di conservare la manifestazione dell’Eurovisione di fronte alle crescenti richieste di boicottaggio, il governo israeliano ha lasciato cadere la condizione che l'evento debba svolgersi a Gerusalemme.

La mozione sul boicottaggio delle istituzioni accademiche israeliane passa all'unanimità alla Conferenza annuale della Society for Socialist Studies

La società accademica canadese si impegna inoltre a sostenere i diritti protetti di studenti e studiosi di impegnarsi nella ricerca e di discutere in pubblico sulla Palestina, sullo Stato di Israele e a sostegno del movimento BDS.

La Society for Socialist Studies (Società per gli Studi Socialisti) (SSS) si è unita alla Campagna palestinese per il Boicottaggio Accademico e Culturale di Israele quando il 31 maggio, alla sua assemblea generale annuale, ha approvato una mozione per sostenere il boicottaggio delle istituzioni accademiche israeliane.

Accuse e minacce alle organizzazioni solidali con la Palestina: il boicottaggio non è terrorismo

Il 25 maggio 2018 il Ministero israeliano per gli Affari Strategici ha pubblicato un dossier dal titolo “The money trail: the millions given by EU institutions to NGOs with ties to terror and boycotts against Israel”.

Il documento, reso consultabile sulle pagine del sito di Europe Israel Public Affairs (EIPA), – gruppo di pressione sulle istituzioni europee che in passato si è reso protagonista di esternazioni xenofobe – vorrebbe essere di denuncia nei confronti dell’Unione Europea, accusata di elargire fondi a ONG che sostengono la campagna “Boycott, Divestment and Sanctions” (BDS) fino a mantenere relazioni con “organizzazioni terroristiche”: tra quelle citate c’è anche il Servizio Civile Internazionale.

Pagine

Subscribe to RSS - Boicottaggio accademico e culturale

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente