Imperialismo

L’ANTISEMITISMO DEGLI ARIANI SIONISTI...

Le immagini e le cifre parlano da sole: in poche ore 60 morti e circa 3 mila feriti tra gli inermi manifestanti palestinesi. Trucidati a sangue freddo. Questo è il prezzo sanguirario imposto al popolo palestinese dagli Stati Uniti d’America, in ossequio alla colonizzazione sionista della Palestina.

Stridono le immagini dello star system diplomatico a stelle strisce, ariano come da photo oportunity, che si autocompiace della trasformazione del Consolato USA di Gerusalemme in “ambasciata”, in contrapposizione al fiume di sangue versato da chi vi si oppone nella carneficina presso il Muro di cinta del lager di Gaza. Una carneficina che, senza vittime tra i sionisti, ha ribadito che il solo ribellarsi, è punibile con una rappresaglia in stile nazista.

15 Maggio 1948, Palestina: Memoria di Classe

Esattamente 70 anni fa avvenne la fondazione unilaterale dello Stato d’Israele, ricorrenza che dalla popolazione palestinese viene ricordata come la Nakba (la catastrofe) e che ha determinato l’ufficializzazione del progetto sionista di colonizzazione della Palestina, un progetto che è stato appoggiato sin da subito dall’imperialismo inglese e, in seguito, dal blocco a guida Usa col fine di mettere le mani sul Medio Oriente.

A pagarne le spese, come sempre, sono i popoli e in particolare il popolo palestinese. La Palestina venne letteralmente cancellata: in tutto furono rasi al suolo 370 villaggi arabi, sulle cui rovine vennero costruiti gli insediamenti coloniali dello Stato d’Israele, furono uccisi 10000 palestinesi e 800000 furono costretti all’umiliazione dell’esilio e della vita da profugo.

A 70 anni dalla Nakba 1948/2018 sabato 12 maggio corteo a Milano

PER L'UNITA' DEL POPOLO E DELLA RESISTENZA PALESTINESE
Il CSA Vittoria partecipa e invita a partecipare al corteo in solidarietà al popolo palestinese
che si terrà SABATO 12 MAGGIO con concentramento ore 16,00 in porta venezia

Nel 1948, 70 anni fa, incominciava la Nakba , il disastro, la catastrofe per il popolo palestinese. Incomiciava la pulizia etnica, e il genocidio di una popolazione inerme per mano del terrorismo sionista.

Per sanare l'immane tragedia dell'olocausto le potenze occidentali aprivano una nuova ferita ancora aperta e sanguinante sulla pelle di un popolo che fino ad allora era vissuto pacificamente.

Il sionismo israeliano, la criminale volontà di espansione ai danni del popolo palestinese a cui sono stati rubati la libertà, la terra, l'acqua e il diritto stesso ad esistere come popolo, diventa quindi una nuova forma di oppressione fascista e colonialista, di discriminazione su base etnica e religiosa, con l'assenso e la protezione delle grandi potenze imperialiste calpestando il popolo palestinese e il proprio diritto all'autodeterminazione.

L' eroica resistenza del popolo palestinese, 70 anni di sacrificio di migliaia di uomini,donne e bambini morti per mano sionista, devono essere ancora oggi un esempio e sollecitano un'assunzione di responsabilità collettiva.

Intervento del Fronte Palestina alla quarta conferenza della campagna internazionale per il "Diritto al Ritorno"

Riportiamo di seguito il nostro intervento al quarto forum internazionale di solidarietà con la Palestina organizzato a Beirut. In allegato le versioni tradotte in arabo ed inglese.

Pagine

Subscribe to RSS - Imperialismo

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente