Resistenza palestinese

Assadakah Sardegna: intervista esclusiva a comandante Hezbollah

In esclusiva per Assadakah l’intervista audio ad un comandante di Hezbollah presso la prigione di el-Khiam, nel sud del Libano.

A 12 anni dalla liberazione del Libano dall’occupazione israeliana, una testimonianza inedita sulle atrocità della guerra e sul ruolo delle milizie israeliane durante l’occupazione del Paese dei cedri.

Il punto di vista di un combattente della resistenza che ha difeso il proprio Paese rischiando la vita. Il punto di vista di chi viene tacciato di terrorismo ogni qualvolta tenta di difendere la propria terra dai soprusi e dagli abusi delle superpotenze.

 

Mahmoud Sarsak: liberate il protagonista del calcio palestinese!

Il 3 giugno, Mahmoud Sarsak, calciatore della nazionale palestinese di calcio è arrivato a 80 giorni di un estenuante sciopero della fame. E' riuscito a sostenere lo sciopero della fame nonostante circa duemila palestinesi detenuti abbiano sospeso lo sciopero della fame 28 giorni fa.

La storia dei prigionieri palestinesi detenuti in Israele parla di una realtà comune fatta di detenzioni illegali e maltrattamenti diffusi, ma il destino  di Sarsak può essere visto unico nel proprio contesto. Il calciatore, che una ha portato il nome e la bandiera della sua nazione alle arene internazionali, è stato arrestato dai soldati israeliani nel luglio 2009 mentre era con la squadra nazionale in Cisgiordania. Sarsak è stato etichettato come un 'combattente illegale' dal sistema giudiziario militare Israeliano, ed è stato imprigionato senza accuse o senza regolare processo. Sarsak non è solo e lo sciopero della fame continua. Akram al-Rekhawi, un prigioniero diabetico che ha bisogno di adeguate cure mediche ha rifiutato il cibo per oltre 50 giorni. Nel momento in cui stiamo scrivendo questo articolo, entrambi gli uomini sono in terribili condizioni di salute. Sarsak, una volta un possente atleta, ora è scheletrico e irriconoscibile. Il già malato al-Rekhawi sta morendo.

Lettera aperta al presidente nazionale dell'ANPI

Al presidente nazionale dell’ANPI, Carlo Smuraglia

Al Presidente dell'Anpi Comitato regionale Lombardia, Tullio Montagna

A tutte le sedi ANPI
disseminate sul territorio nazionale

Nel giorno di commemorazione della Nakba ci rivolgiamo a Voi,
Gentili Signori/e SOCI dell’ANPI

Voi che foste partigiani e testimoniaste direttamente la volontà di eleggere Libertà e Giustizia a reggere i rapporti tra le persone ed i popoli perché tutti possano vivere in Pace, contro la ferocia che il Nazifascismo aveva instaurato in Europa e nel mondo. Voi che avete ereditato i valori di libertà e giustizia che tale lotta seppe incarnare, voi che oggi desiderate prolungarne la storia ed il valore senza perderne la traccia significativa nella moralità che detta i vostri gesti.

APPELLO: Grave preoccupazione per la vita di Mahamoud Sarsak ed Akram Rikhawi da lungo tempo in sciopero della fame

APPELLO URGENTE:

Grave preoccupazione per la vita di Mahamoud Sarsak ed Akram Rikhawi
da lungo tempo in sciopero della fame

Jaffa-Rasmallah, 31 maggio 2012 - Le condizioni di salute di Mahamoud Sarkas, attualmente al suo 74° giorno di sciopero della fame ed Akram Rikhawi, attualmente al 50° giorno di sciopero della fame, stanno rapidamente deteriorandosi.

A dispetto dell'urgenza delle loro condizioni, il Servizio Israeliano della Prigione (IPS) sta ancora negando l'accesso a dottori indipendenti di Medici Israeliani per i Diritti Umani  (PHR-Israel) perché li visitino e rifiutando di trasferirli ad ospedali civili per trattamenti appropriati. Il giudice Abraham Talgave del Distretto della Corte Israeliana ha dato all'IPS un periodo di 12 giorni da ieri, 30 maggio, per permettere l'accesso di dottori indipendenti per entrambi i prigionieri. PHR-Israel, Addameer e Al-Haq sono state oltraggiate dal fatto che l'IPS abbia flagrante infranto flagrantemente il diritto alla salute e dalla noncuranza per l'immediato pericolo per le loro vite mostrata dalla Corte Distrettuale Israeliana.

Pagine

Subscribe to RSS - Resistenza palestinese

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente