Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Per Gaza: intensifichiamo le campagne BDS affinché Israele risponda delle proprie responsabilità

Palestina occupata, 23 agosto 2020 - In risposta al bombardamento in corso della Striscia di Gaza occupata e assediata da parte dello stato israeliano dell'apartheid, il Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC) rilancia gli appelli della società civile palestinese per l’imposizione di sanzioni mirate e legali contro Israele, in particolare un embargo militare urgente e completo, e per l'intensificazione delle campagne di boicottaggio e disinvestimento con lo scopo di porre fine ai suoi crimini.

Per più di undici notti consecutive, le forze militari israeliane hanno bombardato Gaza, terrorizzando i due milioni di abitanti palestinesi, che vivono nella prigione a cielo aperto più grande del mondo a causa dell'assedio israeliano che dura da 13 anni. La scusa di Israele questa volta sono i palloni incendiari volati da Gaza, che hanno provocato incendi nei terreni agricoli delle colonie israeliane vicino alle recinzioni militari che circondano Gaza.

La maggioranza assoluta dei residenti di Gaza sono i discendenti degli oltre 750.000 rifugiati palestinesi vittime della pulizia etnica attuata dalle milizie sioniste e successivamente dall'esercito israeliano durante la Nakba del 1948.

Gli attacchi israeliani hanno danneggiato case e infrastrutture civili, tra cui una scuola elementare nel campo profughi di Shati gestita dalla United Nations Relief and Works Agency for Palestinian Refugees (UNRWA), bombardata all'alba del 13 agosto. L'UNRWA ha contestato l'affermazione di Israele secondo cui l'attacco è stato il risultato di un "incidente", dato che tutte le coordinate aggiornate delle strutture delle Nazioni Unite sono fornite alle autorità di occupazione israeliane.

La caduta del missile israeliano sulla scuola poche ore prima dell'apertura ha scongiurato un massacro dei bambini e dei loro insegnanti, fatto che ha causato panico e paura diffusi tra i bambini rifugiati. 

Questa nuova ondata di bombardamenti israeliani su Gaza coincide con il sesto anniversario del massacro israeliano del 2014 di oltre 2.250 palestinesi, inclusi 551 bambini, durante un attacco militare di lunga durata. Una dichiarazione firmata all'epoca da più di 140 studiosi di diritto internazionale e diritto penale, difensori dei diritti umani, esperti legali e altri esperti diceva: "La maggior parte dei recenti pesanti bombardamenti a Gaza manca di una giustificazione militare accettabile e, invece , sembrano essere progettati per terrorizzare la popolazione civile".

Un'indagine delle Nazioni Unite del 2019 sugli attacchi di Israele contro manifestanti palestinesi disarmati che partecipavano alla Grande Marcia del Ritorno, lanciata il 30 marzo 2018, ha affermato che c'erano "fondati motivi per credere che i cecchini israeliani abbiano sparato a giornalisti, operatori sanitari, bambini e persone con disabilità, sapendo che erano chiaramente riconoscibili come tali ". Il rapporto delle Nazioni Unite ha concluso che "queste gravi violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario possono costituire crimini di guerra o crimini contro l'umanità".

Questi ripetuti crimini israeliani contro una popolazione civile prigioniera che non ha dove scappare possono procedere impunemente solo a causa della complicità dei governi occidentali, in particolare degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell'UE, e della collusione di alcuni regimi arabi dispotici.

Qualsiasi tentativo di "normalizzare" le relazioni o di giustificare il "business as usual" con Israele rappresenta un sostegno materiale all’apartheid in corso e ai massacri contro il popolo palestinese.

Aziende militari israeliane, tra cui Elbit Systems e Israeli Aerospace Industries, testano sul campo le loro armi sui palestinesi per poi esibirle in tutto il mondo come testate in battaglia. I produttori internazionali di armi e hi-tech raccolgono i propri profitti fornendo a Israele armi e munizioni per i suoi attacchi al popolo palestinese. 

Lo stato israeliano dell'apartheid ha inasprito il suo soffocante blocco di 2 milioni di palestinesi nella Striscia di Gaza negli ultimi giorni, vietando completamente la pesca al largo delle sue coste e bloccando l'ingresso di merci e carburante dal 10 agosto, causando la fermata completa dell'unica centrale elettrica della Striscia sovraffollata. Ciò potrebbe portare a una vera catastrofe umanitaria, inclusa l'interruzione del sistema sanitario in un momento di pandemia globale, dei trasporti e di altri servizi vitali che hanno sofferto dal 2007 a causa di una soffocante crisi elettrica e di altre carenze di base a causa dell'assedio israeliano.

Le Nazioni Unite avevano precedentemente previsto che Gaza sarebbe stata "invivibile" entro il 2020. Tuttavia, Israele continua il suo brutale assedio e gli attacchi militari, la sua implacabile e graduale pulizia etnica nel Naqab (Negev) e nella Cisgiordania, specialmente dentro e intorno a Gerusalemme Est e nella Valle del Giordano, senza conseguenze. Le Nazioni Unite e i governi mondiali non sono riusciti a mettere di fronte alle proprie responsabilità il regime israeliano di occupazione, colonialismo di insediamento e apartheid, imponendogli sanzioni mirate.

Per fermare l'apartheid israeliana, i crimini di guerra e i crimini contro l'umanità in corso e per sostenere la lotta palestinese per la libertà, la giustizia e l'uguaglianza, chiediamo alle persone di coscienza di tutto il mondo di:

  1. Esercitare pressioni sui governi e sui parlamenti affinché adempiano ai loro obblighi legali internazionali imponendo un embargo militare globale a Israele, come richiesto dalla società civile palestinese e da Amnesty International.
  2. Intensificare il boicottaggio accademico e culturale di Israele e delle sue istituzioni complici, soprattutto alla luce dei suoi continui e devastanti attacchi contro le istituzioni educative e culturali palestinesi a Gaza, Gerusalemme e altrove.
  3. Aumentare l'impegno in campagne di boicottaggio e disinvestimento rivolte alle società che consentono i crimini israeliani contro i palestinesi, in particolare quelle nel database delle Nazioni Unite e le molte società complici che non vi sono state ancora aggiunte.
     

Fonte: BDS Italia
 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

User login