Juliano Mer-Khamis

Onore ai partigiani iternazionalisti curdi, italiani, palestinesi!

L’assassinio del compagno anarchico Lorenzo Orsetti da parte dei tagliagole dell’Isis, fratelli e servi dei sionisti, ha messo in luce un aspetto davvero “curioso”.

A seguito della notizia della sua morte e testamento, pubblicata sui media il 19 marzo 2019, sono emersi in decine e decine di migliaia i sostenitori, che giustamente hanno voluto ricordarlo e portare solidarietà alla famiglia, oltre che alla giusta lotta del popolo curdo. Persino sezioni dell’Anpi, amministratori comunali etc.

Juliano Mer Khamis vive e lotta insieme a noi!

Solo sassi intrisi di sangue ricordano ed aspettano verità e giustizia per Juliano Mer Khamis.

Solo nei detriti dei vicoli di Jenin troviamo le sue parole, quelle per cui è stato assassinato con cinque pallottole, sparati da un vile col volto coperto, come fanno traditori o spie. I suoi assassini sono spariti nella polvere della Palestina, la memoria di Juliano vive ancora e lo ricordiamo per lo splendido “Arna’s Children” che ci interroga ed emoziona ogni volta che lo rivediamo.

Tutto quello che avreste voluto sapere sul Sionismo (ma non avete mai osato chiedere)

A proposito di bufale, tarallucci e vino... ovvero “una terra senza popolo per un popolo senza terra”

A 70 anni dall’occupazione della Palestina, progetto ordito a partire dagli ultimi anni del XIX secolo,
qualcosa appare chiara e vera per quanto, razionalmente, possa sembrare incredibile

La narrazione sionista ha attraversato circa 120 anni fondamentalmente in maniera impunita nonostante molte risoluzioni ONU lasciate cadere nel vuoto. Solo negli ultimi decenni, ad opera anche di molti autori ebrei, si è iniziato a svelare l’occupazione, le centinaia di villaggi distrutti e quella che poi correttamente è stata definita la pulizia etnica in Palestina. Ma occorre ribadire che queste verità faticano a superare la cortina fumogena fatta di censura da parte della stragrande maggioranza dei media mondiali, tutti sotto il pugno di ferro della narrazione sionista (in Italia i tre maggiori quotidiani quali La Stampa, Repubblica e Corriere della Sera sono nelle mani di altrettante dirigenze sioniste). I maggiori partiti di destra come di “sinistra” sono anch’essi al servizio del sionismo (recentemente Renzi segretario del PD e Presidente del Consiglio ha vergognosamente dichiarato che le nostre radici ed il nostro futuro sono in Israele, oltre ad essersi attorniato di persone con cittadinanza italo-israeliana), inoltre vi è una parte che vive sotto il ricatto dell’antisemitismo, lo spauracchio infelice e idiota con cui spesso sparano addosso a chiunque denunci semplicemente i crimini contro l’umanità che Israele commette tutti i giorni.

Intervento di Ermanna (Collettivo Autorganizzato Universitario - Napoli)

Se vivi, vivi libero, si sente ripetere dai palestinesi a chi si ritrova ad ascoltare le loro storie di quotidiana resistenza, se per questo vai incontro alla morte – dicono – muori come un albero, in piedi, davanti ai tuoi oppressori.

Nell’osservare lo scenario attuale, con la continua espansione degli insediamenti coloniali, la  costruzione del muro, i raid, i bombardamenti, l’assedio, le demolizioni, gli arresti, è immediato pensare che non ci siano, al momento, particolari prospettive di cambiamento e che, anzi, ci si ritrovi in una situazione dove ogni tentativo minimo di rottura non riesce a sedimentarsi a causa della violenta e apparentemente inarrestabile macchina sionista e della frammentazione del fronte di resistenza palestinese, di cui risentono soprattutto le componenti di Sinistra.

Pages

Subscribe to RSS - Juliano Mer-Khamis

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

User login