Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

L'annuncio da parte di Israele del piano per l'annessione del 30 percento della Cisgiordania occupata ha suscitato molta preoccupazione tra i suoi amici nei governi occidentali, nelle organizzazioni ebraiche e negli esperti sulle potenziali ripercussioni negative non si verificano sul popolo palestinese, ma su Israele. Sono preoccupati per la perdita del presunto carattere "ebraico e democratico" di Israele e temono che dovrebbe sacrificare l'uno per l'altro.

Combattente della resistenza comunista libanese impegnata dalla parte dei combattenti palestinesi, è detenuto dal 1984 dal sistema giudiziario francese e dai governi che si sono succeduti per complicità in atti di resistenza all’invasione sionista del suo paese, il Libano.

Da circa un paio di settimane circola un appello in cui si propone una mobilitazione pro Palestina in tutte le città, dove è possibile, contro il progetto israeliano di annettere altre parti della Palestina, come avviene dal 1948 ad oggi.

I popoli e i movimenti di liberazione che affrontano il colonialismo hanno spesso vissuto conflitti interni o guerre civili. Non sono mai arrivate all'improvviso o senza l'accumulo di condizioni pregresse. Non si è mai raggiunto il punto di rottura tra avversari politici perché “ispirati” da un’ulteriore conflitto che si aggiunge al tormento quotidiano per mano del colonizzatore.

L’occupazione della Palestina, che ufficialmente viene ricordata dal 1948, anno della proclamazione dello stato di Israele e che i sionisti indicano come anno dell’Indipendenza (a significare il tentativo innato dei sionisti di cancellare la memoria e riscrivere la Storia) in realtà ha molti decenni in più: ufficialmente la Storia ci dice che è iniziata nel 1880.

Subscribe to Feed prima pagina
I primi anni del FPLP

Il contesto palestinese

Leaders del FPLP

Strategia per la Liberazione della Palestina

CAMPAGNA PRIGIONIERI PALESTINESI

Campagna per la liberazione di Sa'adat

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente