BDS Italia

BDS Italia - sezione italiana per il movimento a guida palestinese per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele
Subscribe to feed BDS Italia

English version

I sindaci Virginio Merola di Bologna e Leoluca Orlando di Palermo hanno ritirato la loro partecipazione ad un incontro internazionale tra sindaci volto a difendere Israele dalle critiche alle sue violazioni dei diritti umani dei palestinesi e del diritto internazionale.

L’incontro, che si terrà martedì 16 marzo, si propone formalmente di contribuire a “sradicare l’odio e i pregiudizi nelle nostre città”. Invece, come hanno scritto in una lettera aperta 14 organizzazioni ebraiche internazionali, l’incontro ha lo scopo di promuovere la fraudolenta e ampiamente criticata “definizione” dell'antisemitismo dell’International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA), la quale include diversi esempi (7 su 11) che equiparano falsamente la critica di Israele all’odio antiebraico.

Le organizzazioni ebraiche, tra cui Jewish Voice for Peace, con oltre 70 sezioni negli Stati Uniti, hanno invitato i sindaci a non partecipare e invece ad “unirsi alla lotta collettiva contro il razzismo, l'antisemitismo e l'islamofobia”.

#UnitedAgainstRacism

PRESENTAZIONE

La settimana dell'apartheid israeliana (Israeli Apartheid Week - IAW) è uno strumento per mobilitare il sostegno di base a livello globale per la lotta palestinese per la giustizia. È un meccanismo di base per aumentare la consapevolezza sull'apartheid israeliana e per mobilitare il sostegno per le campagne strategiche del BDS contribuendo a porre fine a questo sistema di oppressione. 

La IAW offre l'opportunità di creare reti e rafforzare i legami tra la lotta di liberazione palestinese e altre lotte contro il razzismo, l'oppressione e la discriminazione. Nel 2021, come ogni anno dal 2005, uniremo nuovamente le nostre voci per denunciare l'apartheid e celebrare la nostra diversità. Durante la settimana dal 14 marzo al 21 marzo 2021 organizzeremo una serie di azioni ed eventi stimolanti per dimostrare che ora più che mai siamo uniti contro il razzismo #UnitedAgainstRacism

Resta sintonizzato per gli aggiornamenti del programma della IAW, agisci ora e partecipa!

APPELLO 2021

Razzismo, discriminazione, xenofobia e disuguaglianza continuano a crescere in tutto il mondo. Negli ultimi mesi, abbiamo visto come persone nel Sud del mondo e persone di colore, prigionieri politici, persone senza casa, migranti e rifugiati, tra molti altri, hanno sofferto del flagello del COVID19, che ha ulteriormente esacerbato la loro vulnerabilità.

Abbiamo anche visto come milioni di persone in tutto il mondo sono scese in piazza per protestare contro il razzismo sistemico, la violenza patriarcale, l'ingiustizia climatica, l'austerità neoliberista e la disuguaglianza economica, tra le altre oppressioni che continuano a soffocarci. Queste proteste per una giustizia a lungo negata ci hanno ispirato a continuare a resistere all'ingiustizia, a continuare a sognare la libertà e a continuare a insistere sui nostri diritti, in un fronte globale unito contro il razzismo e l'oppressione.

Ora più che mai abbiamo bisogno di voi, abbiamo bisogno l'uno dell'altro. Abbiamo bisogno di tutte le nostre voci unite in tutto il mondo per porre fine al razzismo, al colonialismo e all'apartheid. Per saperne di più

Guarda l'appello di Angela Davis a sostenere IAW

AGISCI! UNISCITI ALLA PROTESTA GLOBALE VIRTUALE

Guarda il video dell'appello per la IAW 2021

Quest'anno la Settimana dell'apartheid israeliana (IAW) si unisce alla celebrazione della Giornata internazionale contro il razzismo organizzando una massiccia protesta globale virtuale per opporsi alla discriminazione razziale, al colonialismo e all'apartheid e per celebrare la diversità e la connessione delle nostre lotte. Vogliamo che le nostre voci siano forti nonostante tutta la repressione, ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto.

Come partecipare alla protesta virtuale globale?

Devi scaricare l'appello IAW contro il colonialismo, il razzismo e l'apartheid e inviarci il tuo video leggendo l'appello seguendo le istruzioni che troverai di seguito.

Una volta raccolti tutti i video, li unificheremo e si realizzerà una lettura collettiva dell'appello con tutte le nostre voci unite contro il razzismo! Questo video verrà condiviso online e offline in tutto il mondo.

Istruzioni su come partecipare e requisiti tecnici per la registrazione di video
 
Testo da leggere

Leggi il testo dell'appello IAW contro il colonialismo, il razzismo e l'apartheid sotto:

Il razzismo lacera l'anima del mondo. Ci spoglia della nostra umanità. Quelli al potere lo usano per generare paura e separarci gli uni dagli altri e dai nostri sogni.

Solo nel 2020 migliaia di migranti hanno perso la vita a causa delle politiche migratorie razziste imposte dagli Stati Uniti e dalla fortezza Europa. La brutalità della polizia ha tolto la vita a centinaia di persone di colore negli Stati Uniti.

Il regime israeliano di apartheid, colonialismo e occupazione militare è rimasto impunito per decenni, assoggettando l'intero popolo palestinese ad un sistema di oppressione razziale istituzionalizzata e sistematica che nega i loro diritti più elementari.
Molti non possono godere della libertà e dell'uguaglianza a causa del luogo in cui sono nati, del colore della loro pelle o della loro identità sessuale.

Questa è la triste realtà che abbiamo di fronte, non quella bella che sogniamo.
Non accettiamo privilegi solo per pochi.
Chiediamo diritti per tutti.

Noi e milioni di persone come noi scendiamo in piazza per protestare contro il razzismo sistemico, la violenza patriarcale, l'ingiustizia climatica, l'austerità neoliberista e la disuguaglianza economica.
Non ci fermeremo finché non demoliremo le strutture dell'oppressione.
Non smetteremo di resistere all'ingiustizia.
Continueremo a sognare libertà, giustizia e diritti per tutti.
Abbiamo bisogno di tutte le nostre voci unite in tutto il mondo per porre fine al razzismo, al colonialismo e all'apartheid.

Insieme siamo inarrestabili.

Rimaniamo uniti contro il razzismo.

Riprese

  • Guarda dritto nella telecamera.
  • Riprendi in modalità orizzontale (orizzontale, non verticale)
  • Se si utilizza il cellulare, registrarlo orizzontalmente e in alta qualità (1920x1080)
  • Evitare video mossi:
    • Ideale farsi filmare da qualcuno
    • Altre opzioni: usare treppiede o selfie stick

Illuminazione e sfondo

  • Trova la luce naturale e stai di fronte alla sorgente luminosa (quando la luce viene dietro di te, si crea un'ombra e sembra di essere al buio)
  • Lo sfondo deve essere semplice. Nessuna confusione o movimento in corso

Audio

  • Chiudi porte e finestre. Trova un posto tranquillo con pochissimi rumori di fondo.
  • Se utilizzi una cuffia, assicurati di posizionare il microfono da qualche parte vicino al collo per non mostrare i fili.

Invia il tuo video a: iawglobalprotest@bdsmovement.net entro il 21 febbraio, mettendo in copia BDS Italia a: bdsitalia@gmail.com. Resta collegato per ulteriori aggiornamenti!

Manda una copia anche a BDS Italia a bdsitalia@gmail.com

RISORSE
Scarica il materiale grafico della IAW 2021
Visita la nostra sezione Risorse per saperne di più sull'apartheid, i suoi aspetti legali e le sue implicazioni.

Contattaci a iawglobalprotest@bdsmovement.net se hai domande o bisogno di supporto per l'organizzazione della IAW.

IMPATTO

Sin dai suoi inizi nel 2004, la IAW ha organizzato migliaia di eventi in centinaia di città in tutto il mondo. Grazie alla IAW, le politiche israeliane di apartheid, di razzismo istituzionalizzato e di oppressione sistematica contro il popolo palestinese sono sempre più difficili da nascondere e mascherare.

La IAW è un successo collettivo crescente che alimenta la crescita inarrestabile del movimento BDS globale nella lotta palestinese per la libertà, la giustizia e l'uguaglianza.
Ora più che mai, continuiamo a rimanere insieme.

#UnitedAgainstRacism

 Fonte: BNC

Traduzione di BDS Italia

Se è vero che l’apartheid israeliana non conosce limiti, arrivando addirittura a praticare l’apartheid sanitaria, negando vaccini ai palestinesi durante una pandemia, non li conosce neanche la solidarietà attiva con il popolo palestinese.

Sono ora 250 spazi in tutta Italia che si sono dichiarati Spazi Liberi dall’Apartheid Israeliana (SPLAI). 

Nonostante tutto, o forse proprio per via della situazione che stiamo vivendo, la rete SPLAI continua a crescere ed espandersi. È una delle tante espressioni del desiderio di creare un mondo in cui nessuno rimane indietro, nate dalle crisi sanitaria ed economica. La mappa dell’Italia si colora di arancione, ma con un significato positivo: quello del crescente sostegno alle legittime richieste di libertà, giustizia e uguaglianza del popolo palestinese.

I tanti spazi sociali, culturali, sportivi e commerciali della rete SPLAI hanno a cuore l’etica e la coerenza di non restare indifferenti di fronte all’ingiustizia e all’oppressione, ovunque accada. Hanno a cuore l’uguaglianza e la coerenza di denunciare ogni forma di discriminazione. Hanno a cuore la difesa dei diritti universali e la coerenza di rifiutare ogni rapporto con chi contribuisce alla violazione di questi diritti.

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente