Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

NEWS

Israele e la libertà di ricerca: studente palestinese arrestato. La sua tesi lede la sicurezza

Nablus - Le forze d’occupazione israeliane hanno arrestato uno studente universitario palestinese in Cisgiordania, al termine degli studi. Il pretesto adottato da Israele per giustificare l’arresto è stato che l’oggetto di ricerca prescelto dallo studente “mette a repentaglio la sicurezza di Israele”.

Tadamon International, Fondazione per i Diritti Umani, ha reso noto il caso di Majid Taqatqah, 20enne, studente di ingegneria all’Università Khudouri a Tulkarem (Cisgiordania Nord). Majid aveva progettato un modello di aereo senza pilota per la realizzazione del quale aveva svolto una ricerca approfondita sul Web.

Arrestato lo scorso 4 gennaio, Majd è stato rilasciato due giorni fa a condizione che cambi l’oggetto di ricerca.

Fonte: InfoPal

 

Demolite sei case della comunità beduina Jahalin. Foto e testimonianze

30 gennaio 2012

Carissimi amici di Vento di Terra, pubblichiamo su questa pagina il racconto e le foto di Federica Battistelli, capo progetto di Vento di Terra ONG in Palestina. Alcuni giorni fa diverse famiglie della comunità Jahalin  hanno perso la loro casa. Fra di loro ci sono alcuni bambini che frequentano le attività extrascolastiche che Vento di Terra Promuove grazie al progetto La Tenda del Gioco.

La notte del 23 gennaio scorso l’esercito israeliano ha demolito un centro di aggregazione e sette abitazioni palestinesi, sei delle quali appartenenti all’accampamento della comunità Jahalin di Anata, a 4 km a nord-est da Gerusalemme. La comunità di Anata è una delle tre comunità dove lo staff locale di Vento di Terra opera – nell’ambito del progetto La Tenda del Gioco – fornendo servizi di tipo educativo e socio-ricreativo rivolti ai minori Jahalin.

Anata si trova in Cisgiordania (uno dei Territori Occupati Palestinesi). Nel 1993, a seguito degli Accordi di Oslo, il perimetro sud del villaggio venne dichiarato Area C, ovvero territorio di “provvisoria” pertinenza amministrativa e militare dell’esercito israeliano. In “Area C” dagli anni ’90 ad oggi sono state realizzate numerose demolizioni di edifici, alcuni dei quali appartenenti ai beduini.

Secondo quanto riportato da alcuni attivisti per i diritti umani che erano presenti sul posto e dalle stesse famiglie sfollate, l’esercito è arrivato sul luogo con un bulldozer nel cuore della notte e 52 persone, di cui 29 bambini, sono stati costretti con la forza ad abbandonare le loro case che sono state poi completamente demolite dai mezzi. Le famiglie hanno fatto appena in tempo a rimuovere alcuni arredi presenti dentro le case, come letti, stoviglie e piccole suppellettili ma la maggior parte dei loro averi sono stati distrutti dai cingoli dei bulldozer.

Sumoud Sa’adat: I negoziati non libereranno i prigionieri

Sumoud Sa’adat, parlando a nome dell’associazione per i diritti umani e di sostegno ai prigionieri Addameer e come figlia del segretario generale del PFLP Ahmed Sa’adat, ha rilasciato un'intervista al quotidiano Al-Masry al-Youm dicendo che non ha nessuna informazione sulla presunta inclusione del nome di suo padre nella lista di prigionieri presentata dall’Autorità Nazionale Palestinese ad Israele in preparazione dei negoziati.

Sa’adat ha dichiarato che “noi rigettiamo questo approccio ai negoziati; è l’approccio sbagliato e non libererà i prigionieri. I negoziati basati sulle condizioni e i dettami posti da Israele e gli Stati Uniti non possono permettere il raggiungimento dei diritti del popolo palestinese, inclusi i diritti dei prigionieri… abbiamo tentato questo approccio per 28 anni e non ha portato niente di positivo ai nostri diritti o alla nostra causa.”

Il compagno Taher condanna la partecipazione araba e palestinese alla conferenza sionista di Herzliya

Il compagno Dr. Maher Taher, membro dell’ufficio politico del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina e leader del suo ramo in esilio, ha condannato fortemente i partecipanti alla conferenza sionista di Herzliya che avrà luogo nel febbraio 2012.

Alla conferenza saranno previsti interventi di Saeb Erekat, negoziatore ufficiale per conto dell’AP, Riad al-Khoury, economista giordano, Sherif al-Diwany, presidente di Marsad (Osservatorio) Inc, e altri. Altri palestinesi, come Salam Fayyad e Yasser Abed Rabbo, sono intervenuti negli anni passati; la conferenza si autodefinisce e prospetta come un momento chiave per la pianificazione della strategia politica in materia di sicurezza sionista.

Pagine

Subscribe to Feed RSS - blog

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente