Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

NEWS

L’ex comandande del Mossad: Israele sfrutta i disordini siriani per indebolire l’influenza dell’Iran

L’ex comandante dell’intelligence israeliana, il Mossad, ha affermato che un cambiamento radicale in Siria potrebbe avere effetto sull’influenza iraniana nella regione e costringere Teheran ad abbandonare il proprio programma nucleare.

In una lettera aperta, scritta per il New York Times, Efrahim Halevy, comandante del Mossad tra il 1998 ed il 2002, ha affermato che l’appoggio siriano ha permesso all’Iran di perseguire una “spregiudicata” politica regionale che può essere fermata solo attraverso l’eliminazione della presenza iraniana a Damasco.

“Il dibattito in America e in Israele ultimamente si sta concentrando quasi esclusivamente sull’eventualità di un attacco militare da parte di quest’ultimo, mentre quasi nessuno considera il peso che gli eventi in Siria potrebbero avere per il governo di Teheran”.

La Russia: bugie anti-Iran israeliane possibile causa di un disastro.

Un autorevole esponente del ministero degli Esteri russo ha puntato l’indice contro Israele, reo di aver “inventato” accuse contro il programma nucleare pacifico dell’Iran e ha avvertito che simili fantasticherie potrebbero portare a “conseguenze catastrofiche”.

Mikhail Uyanov, capo del Dipartimento per la Sicurezza e il Disarmo presso il ministero degli Esteri russo, mercoledì ha denunciato la deplorevole retorica utilizzata da Tel-Aviv nell’”invenzione” di accuse contro il programma nucleare iraniano, che “non hanno altro effetto se non quello di aumentare la tensione tra i due paesi, correndo il rischio di scatenare uno scontro armato che avrebbe conseguenze catastrofiche”.

Israele alla ricerca di una nuova base militare in Grecia

Il governo israeliano, guidato da Benjamin Netanyahu, è in procinto di iniziare le trattative con Cipro per stabilire una nuova base per l’aviazione militare israeliana sull’isola, sfruttando quelle che vengono definite le “straordinarie relazioni” con il governo cipriota.

Netanyahu si recherà a Cipro a fine mese e intavolerà trattative su varie questioni, compresa la possibilità di consentire ad Israele di parcheggiare in un primo tempo i propri aerei da caccia nella base di Andreas Papandreou.

Il progetto è ancora nella fase preliminare e non è chiaro quando giungerà a completa realizzazione.

Israele arresta 12 palestinesi in Cisgiordania

Cisgiordania –  Almeno dodici cittadini palestinesi sono stati catturati questa mattina dalle forze d’occupazione israeliane in varie province della Cisgiordania occupata.

Le operazioni hanno investito Jenin a nord, Ramallah, Betlemme e al-Khalil (Hebron) nel centro sud.

Non è stata rivelata l’identità di nessuno dei palestinesi arrestati. Fonti militari israeliane hanno fornito unicamente le motivazioni alla base dei sospetti: “presunto coinvolgimento in attività ostili ai militari israeliani”.

Pagine

Subscribe to Feed RSS - blog

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente