Alternative Information Center
Voci dalla Palestina Occupata
Alternative Information Center - Italia

Articoli AIC

PERCHÉ PARTECIPARE AL CAMPO POLITICO DELL’AIC?

Campo politico internazionale: Bridges Instead of Walls!
Programma 2014 - Organizzato dall’Alternative Information Center

Introduzione

In un mondo sempre più globalizzato, spesso la quantità di informazione viene preferita alla qualità. Si ha a fare con culture senza conoscerne la storia o le caratteristiche che condividiamo con loro. Si tende a generalizzare i concetti di “Occidente” e “Oriente” dimenticando le tradizioni, le esperienze e i valori in comune. Parlare di conflitto culturale o “scontro di civiltà” è un modo estremamente semplicistico di caratterizzare le differenze, non tenendo in alcuna considerazione i fatti storici, le esperienze e i comuni desideri di interazione. La reciproca comprensione è la base sulla quale le relazioni vengono costruite, perché ogni “parte” condivide i valori del rispetto, la tolleranza e la pace. Gli stereotipi non dovrebbero per questo impedire di avvicinarsi ad un “altro” mondo, non dovrebbero limitare un dialogo costruttivo su valori, idee e sul futuro comune del pianeta.

La decisione di organizzare campi politici sotto lo slogan “Building Bridges Instead of Walls” giunge proprio da queste chiare convinzioni. Il programma ha dimostrato la sua efficacia politica, sociale e pratica attraverso la conseguente azione dei suoi partecipanti, che lo hanno descritto come un’esperienza estremamente ricca.

Ll’Alternative Information Center compirà gli sforzi necessari a sviluppare ulteriormente l’esperienza del seminario. In questo contesto, idee, suggerimenti e incoraggiamenti da parte dei partecipanti giocano un ruolo essenziale. Uniamo i nostri sforzi sociali, culturali, umanitari e politici, noi gente di tutte le nazioni, così da porre fine i muri dell’occupazione, dell’aggressione, della discriminazione e del razzismo. Costruiamo un ponte di giustizia, pace, uguaglianza e rispetto.

Visita la pagina facebook dove troverete foto, articoli e programmi dei precedenti campi.

GUARDA IL VIDEO:

 

L’ORGANIZZAZIONE OSPITANTE: l’AIC

L’Alternative Information Center (AIC) è un’organizzazione israelo-palestinese internazionalista, progressista, anti-sionista. È impegnata nella disseminazione di informazioni, advocacy politica, attivismo di base e analisi critica del conflitto israelo-palestinese. L’AIC lavora per promuovere la piena uguaglianza sociale, economica, politica e di genere. Libertà e democrazia, così come il rigetto della filosofia e la pratica della separazione, sono i valori a cui l’AIC guarda.
 

OBIETTIVI

L’obiettivo di questo seminario è fornire ai partecipanti gli elementi cruciali per comprendere in profondità il contesto e le società palestinese e israeliana, così da renderli capaci di lavorare a favore di una pace giusta nella regione.

Il diretto contatto con le conseguenze del conflitto e con le condizioni di vita nei Territori Palestinesi Occupati fornirà un’esperienza concreta unica, in opposizione agli stereotipi dei media e alla propaganda mainstream. Si tratta di un passaggio necessario alla comprensione dei fattori che hanno condotto all’attuale situazione. Una conoscenza approfondita è il necessario punto di partenza per la costruzione di ponti.

La voce palestinese è spesso ignorata e accusata di estremismo. In qualità di organizzazione israelo-palestinese fondata nel 1984, l’AIC intende creare gli spazi nei quali il popolo palestinese possa esprimersi, raccontare la propria lotta e dare una diretta testimonianza della vita sotto occupazione.

Durante il campo, incontreremo anche esperti e attivisti israeliani che condividono i valori dell’AIC e che sono direttamente impegnati nella promozione di una giusta pace per palestinesi e israeliani.

La rete di individui, associazioni, partiti politici e media è fondamentale alla creazione di un gruppo di pressione in grado di incoraggiare i governi e i gruppi economici ad agire responsabilmente, senza ignorare le conseguenze delle loro azioni o delle loro non-azioni.
 

STRUMENTI

Gli strumenti che utilizzeremo includono:

  • Visite in Cisgiordania (Hebron, Ramallah, Betlemme), Gerusalemme Jerusalem e Jaffa per vedere con i propri occhi le condizioni di vita sotto occupazione;
  • Incontri con gruppi israeliani progressisti politici e sociali;
  • Lezioni di esperti palestinesi e israeliani su questioni riguardanti l’economia, i diritti umani, la politica, la società, il diritto internazionale, la storia e le questioni di genere;
  • Incontri con politici, istituzioni sociali e organizzazioni di base;
  • Eventi culturali (concerti, incontri con famiglie palestinesi, ecc);
  • Discussioni aperte;
  • Momenti di riflessione.

PROGRAMMA

Le principali linee guida adottate nei sei giorni di campo politico seguono un tracciato logico: fornire gli elementi di comprensione, condurre esperienze dirette, sviluppare un approccio critico e dare suggerimenti per un impegno efficace.

Il primo passo è la presentazione del contesto generale attraverso l’analisi della storia e delle politiche adottate. Presenteremo la visione dell’AIC, le politiche e le attività sul campo, accanto ad una più globale prospettiva legata all’attitudine dell’Occidente e del mondo arabo verso il conflitto.

  • La prima esperienza sul campo sarà la visita al Muro di Separazione e ai campi profughi nell’area di Betlemme;
  • Durante la visita ad Hebron, dove i diritti umani vengono violati quotidianamente, i partecipanti toccheranno con mano le conseguenze dell’occupazione e incontreranno i residenti palestinesi;
  • Negli incontri settimanali dell’AICafè, i partecipanti incontreranno diversi rappresentanti della società civile palestinese e di quella israeliana;
  • La visita a Gerusalemme darà la possibilità di comprendere la realtà delle colonie israeliane, sia all’interno che intorno la Città Vecchia;
  • Il tour di Jaffa e di Led in Israele mostrerà il continuativo trasferimento di popolazione palestinese e darà la possibilità di incontrare attivisti israeliani e palestinesi all’interno di Israele;
  • A Ramallah si affronterà la questione della detenzione e dei prigionieri politici insieme ad un’associazione di attivisti e avvocati e quella di genere con la visita ad un’organizzazione di donne palestinesi;
  • Insieme studieremo la dimensione economica dell’occupazione israeliana, insieme alle questioni di genere sia all’interno della società palestinese che di quella israeliana;
  • Lezioni sulla società israeliane forniranno gli elementi per comprendere le dinamiche interne.

I partecipanti saranno alloggiati in stanze doppie o triple in una guesthouse a Beit Sahour (Betlemme), a pochi metri dall’AIC. Il trasporto sarà effettuato con compagnie di bus locali. Tutti gli incontri si terranno in lingua inglese.

Alcuni cambiamenti del programma potrebbero verificarsi, ma la struttura e gli argomenti sopra citati saranno mantenuti.
 

Date 2014:

dal 26 - al 31 Maggio;
dal 04 - al 09 Agosto;
dal 29 Dicembre - al 3 Gennaio

 

Il costo è di 550 euro (2750 shekel) – di cui 100 euro di caparra e 450 da pagare all’arrivo. Numero minimo di partecipanti: 10.

Il prezzo include colazione, pranzo, cena, alloggio, trasporti, workshop, visite e seminari. Non include il biglietto aereo, il trasporto dall’aeroporto di Ben Gurion a Betlemme e l’assicurazione sanitaria.
 

Per maggiori informazioni, contattate:
Alternative Information Center
Betlemme +972 2 277 5444
- mail
aic.camps@gmail.com
 

Speriamo di avervi presto tra noi!
 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente