Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Notizie e informazioni

Dichiarazione rilasciata dai prigionieri del FPLP nelle carceri israeliane: o la rimozione dei dispositivi jammer o l'esplosione delle carceri

L’Organizzazione dei prigionieri del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina nelle carceri israeliane denuncia le gravi ripercussioni conseguenti al tentativo dell'occupante di installare apparati jammer (dispositivi di disturbo di radiofrequenze) nella prigione di an-Naqab (Negev), dichiarando che questo atto criminale avrà gravi ripercussioni sulle condizioni generali di detenzione e porterà all'esplosione della situazione nelle carceri.

L'Organizzazione evidenzia la gravità della scelta di installazione di tali dispositivi, le cui emissioni radio influiscono sulla salute dei detenuti facendone criminali strumenti di graduale soppressione, capaci di causare negli ultimi anni la morte di numerosi prigionieri e la sofferenza di molti altri colpiti da malattie croniche le cui cause sono state nascoste dall'occupante, che si è ben guardato dal diagnosticarle formalmente.

L'Organizzazione invita la Croce Rossa Internazionale, le autorità internazionali e le associazioni per i diritti umani ad intervenire con urgenza e ad assumersi le proprie responsabilità per arrestare le politiche di morte, lenta e avallate, dall'occupante contro il movimento dei prigionieri.

Il Fronte avverte che se l'occupante non accoglierà la richiesta dei prigionieri di rimuovere tali dispositivi cancerogeni, le condizioni nelle carceri esploderanno.

Il Fronte invita le masse del popolo palestinese al più ampio sostegno a livello nazionale verso il movimento dei prigionieri, sottoposti ad un attacco generale da parte sionista che non si limita ai recenti atti criminali nella prigione di an-Naqab, ma si estende ad ogni condizione di vita dentro e fuori ogni carcere.

Cellula del FPLP nelle carceri dell'occupazione

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente