Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Eventi ed iniziative sulla Palestina

La Palestina non è in vendita! Manifestazione di solidarietà - Padova

Sabato, 29 February, 2020 - 14:00

La Comunità Palestinese del Veneto invita tutta la cittadinanza alla manifestazione di solidarietà che si terrà sabato 29 febbraio 2020 con concentramento alle ore 14:00 in Piazzale Stazione.

Lo scorso 28 gennaio alla Casa Bianca, il presidente USA Donald Trump, con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu al suo fianco, ha rivelato il suo “Accordo del Secolo”. Questo piano invita i palestinesi a riconoscere Israele come stato ebraico con l'intera Gerusalemme come capitale “indivisibile”, ad accettare l'annessione delle colonie illegali, della Valle del Giordano e del Golan Siriano. Il popolo palestinese dovrebbe così rinunciare una volta per tutte al diritto al ritorno e dovrebbe accettare di vivere in una sorta di “bantustan” che calpesterebbe definitivamente la sua dignità.

I palestinesi, già da tempo isolati, adesso rischiano di essere messi sotto pressione da vari attori internazionali, affinché accettino un piano che non garantirebbe la loro indipendenza e libertà, bensì istituirebbe uno stato fantoccio, un'entità priva di qualsiasi sovranità, senza il controllo del proprio spazio aereo e dei propri confini e senza il diritto di voto su un governo che presiederebbe il loro futuro. In altre parole, il piano costituisce un’affermazione di apartheid!

Quel 28 gennaio non c'era nessun palestinese presente alla Casa Bianca, così come nello stesso piano di Trump non vi è menzione alcuna ai loro diritti. C'è solo la promessa di incentivi economici (la cui provenienza resta tutt'oggi misteriosa) in cambio della rinuncia definitiva alla propria dignità, autodeterminazione, giustizia e libertà.

Ci teniamo a ribadire che la lotta dei palestinesi non è una lotta religiosa. I palestinesi non sono in guerra contro gli ebrei e questi ultimi non sono i loro nemici. Arabi ed ebrei hanno convissuto per secoli in Palestina e possono continuare a farlo. La lotta dei palestinesi è resistenza contro l’occupazione israeliana. Un’occupazione che coinvolge ogni aspetto della loro vita quotidiana, senza alcuna possibilità di arginare abusi militari israeliani, violenza dei coloni, demolizioni domestiche ed espansioni degli insediamenti.

Da oltre 70 anni i palestinesi resistono, sia attraverso la disobbedienza civile non violenta, sia con la forza fisica, ma vengono etichettati come terroristi, rivoltosi, coloro che desiderano vedere Israele "spazzato via dalla mappa", sostenitori di Hamas e antisemiti. Tuttavia, continuano a non perdere mai la speranza di un futuro migliore. Quella che il mondo chiama "questione palestinese" è una questione politica e non solo umanitaria, diviene umanitaria per le vessazioni imposte dalla forza occupante. Ma non si risolve con una valigia di dollari, si risolve politicamente!

La “pace e prosperità” si ottengono con il coinvolgimento dei palestinesi. Pace vuol dire fine dell’occupazione, vuol dire riconoscere l’esistenza del popolo palestinese e i suoi diritti, cosa che Israele finora non ha fatto. Significa riconoscere il legittimo diritto all’autodeterminazione, al ritorno alle case e alle terre prima della Nakba, come stabilito dalla risoluzione Onu 194 disattesa da oltre 72 anni.

La pace vuol dire il diritto a uno Stato libero e sovrano, con Gerusalemme est (e non una borgata) sua capitale.

Di seguito i nomi delle associazioni che aderiscono al corteo:
Associazione Ya Basta Êdî Bese
Movimento Stella Polare
Associazione Marocco Sviluppo Italia

Le realtà che vogliono aderire alla manifestazione comunichino la propria presenza a: Khaled 349 423 9611 Salim 338 727 4771
 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente