Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Eventi ed iniziative sulla Palestina

Manifestiamo a L'AIA perché i crimini d'Israele siano infine giudicati dalla Corte Penale Internazionale

Venerdì, 29 November, 2019 - 14:00

Il procuratore generale della CPI (Corte Penale Internazionale situata a L'Aia), Fatou Bensouda si rifiuta di trattare i fascicoli delle denuncie sporte contro i crimini israeliani, crimini di guerra e crimini contro l'umanità.

Recentemente la Corte d'Appello è stata obbligata di richiederle di rivedere la sua posizione e riprendere l'inchiesta sul sanguinoso assalto della pirateria israeliana del 31 marzo 2010 contro la Mavi Marmara, nave della Flotilla umanitaria in rotta verso Gaza. Fatou Bensouda ha tempo fino al 2 dicembre per rivedere la sua posizione e lei sola è decisionaria. (Nel 2013 lo stato delle Comore, paese in cui la Mavi Marmara era registrata, ha sporto denuncia alla CPI, ma Fatou Bensouda ha affermato che non avrebbe avviato nessun procedimento giudiziario contro Israele, preché il crimine non era stato « abbastanza importante »!)

Del resto, anche quando il carattere di crimine contro l'umanità del regime di apartheid salta agli occhi, come il caso del massacro di Gaza nell'estate 2014 (più di 2400 palestinesi assassinati, di cui 600 bambini), la signora Besnouda non si è messa fretta : non ha ancora reso le sue conclusioni su questo caso, allo studio ormai da 4 anni.

Le ONG Al-Haq, Al Mezan e il Centro Palestinese per i Diritti Umani hanno raccolto loro stessi numerose prove dei crimini di guerra e contro l'umanità commessi da Israele (persecuzione, apartheid, furto, distruzione e saccheggio dei beni palestinesi e centinaia di assassinii) in Cisgiodania e Gerusalemme Est dal 2014.

Queste Ong hanno sporto denuncia alla Procura Generale della CPI, malgrado le minacce di morte da parte di Israele, ricevute, come rivelato, dai loro membri.

Contemporaneamente, sono state depositate 650 denuncie ben documentate riguardo agli assassinii e i feriti gravi tra i manifestanti della Marcia del Ritorno a Gaza.

Saranno anche queste insabbiate dalla Procura Generale?

Noi, uomini e donne di coscienza, facciamo appello per un raduno davanti alla Corte Penale Internazionale dell'Aia, Venerdi' 29 novembre 2019 alle 14:00, in occasione della Giornata Internazionale di Solidarietà con il Popolo Palestinese.
 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente