Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Articolo PCHR

11 - 17 febbraio 2021

Violazioni israeliane del diritto internazionale e del diritto umanitario internazionale nei Territori Occupati hanno continuato nel periodo di riferimento (11-17 febbraio 2021).

Sommario:

  • Una donna palestinese muore di infarto durante il violento raid delle forze di occupazione israeliane nella sua casa di Nablus.
  • Uso eccessivo della forza delle forze di occupazione israeliane in Cisgiordania e Gerusalemme Est occupata: 19 palestinesi feriti.
  • Due incursioni delle forze di occupazione israeliane nella Striscia orientale di Gaza e due sparatorie a pescherecci nella Striscia occidentale.
  • In 106 incursioni delle forze di occupazione israeliane in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est occupata: 71 civili arrestati, inclusi 13 bambini e una donna.
  • Le forze di occupazione israeliane consegnano 20 avvisi di demolizione alle case di Nablus e Betlemme; 5 edifici sono stati auto-demoliti nella Gerusalemme Est occupata e gli avvisi di evacuazione sono stati comunicati a diversi edifici della città.
  • Attacchi di coloni: i coloni rapiscono un palestinese a Tulkarm e attaccano case e veicoli civili a Nablus e Ramallah.
  • Le forze di occupazione israeliane ostacolano l'ingresso dei vaccini Covid-19 nella Striscia di Gaza per due giorni.
  • Le Foi hanno stabilito 69 posti di blocco militari temporanei in Cisgiordania e hanno arrestato 13 civili palestinesi su detti posti di blocco.

Le forze di occupazione israeliane (IOF) hanno continuato a commettere crimini e violazioni a più livelli contro i civili palestinesi e le loro proprietà, inclusi raid nelle città palestinesi caratterizzati da un uso eccessivo della forza, aggressioni, abusi e attacchi contro i civili che sono per lo più condotti dopo mezzanotte e nelle prime ore del mattino. Inoltre, l'IOF ha condotto operazioni di demolizione su vasta scala; e ha fornito avvisi di demolizione e cessazione della costruzione, principalmente nelle valli del Giordano settentrionale, nella Cisgiordania orientale. Gli attacchi dei coloni sono continuati questa settimana, in particolare attacchi contro case e veicoli civili a Nablus.

Inoltre, le autorità di occupazione israeliane hanno bloccato per due giorni l'ingresso di 2.000 vaccini Covid-19 nella Striscia di Gaza. I vaccini sono stati inviati dal Ministero della Salute a Ramallah.

Questa settimana, il PCHR ha documentato 199 violazioni del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario (DIU) da parte delle forze di occupazione israeliane e dei coloni dell'oPt.
 

Sparatorie da parte dell'IOF e violazione del diritto all'integrità fisica:

Il 17 febbraio 2021, la 67enne Rahma Khalil Abu-Ahour, del villaggio di Abu Nujaym a Betlemme orientale, è morta per un attacco di cuore che ha subito durante un'incursione delle forze di occupazione israeliane nella casa di suo nipote dove era in visita. Inoltre, le forze di occupazione israeliane hanno sparato e ferito 19 civili nei suoi attacchi contro proteste pacifiche in Cisgiordania: 4 durante una protesta a Beit Dajan - Nablus; Altri 9 a due proteste a Kafr Qaddum - Qalqilya; e 6 dall'ingresso nord di Salfit.

Nella Striscia di Gaza, sono state segnalate due sparatorie delle forze di occupazione israeliane su terreni agricoli orientali della Striscia di Gaza e due volte contro pescherecci al largo della costa settentrionale di Gaza.
 

Incursioni delle forze di occupazione israeliane e arresti di civili palestinesi:

Si son registrate incursioni di case civili e sparatorie, che hanno portato terrore tra i civili e attaccando molti di loro. Durante le incursioni di questa settimana, 71 palestinesi sono stati arrestati, inclusi 13 bambini e una donna.

Nella Striscia di Gaza, le forze di occupazione israeliane hanno condotto 2 incursioni limitate nel Khan Younis orientale e nel nord di Gaza.
 

Demolizioni:

Il PCHR ha documentato 12 incidenti:

  • Nablus: 11 avvisi di demolizione notificati (4 case, 6 caserme e cisterna) nelle valli del Giordano centrale; e 13 avvisi di demolizione (case) a Yatma.
  • Hebron: notificato un avviso di demolizione ad Halhul, per un edificio.
  • Betlemme: 3 case hanno ricevuto avvisi di demolizione ad al-Khader.

A Gerusalemme Est:

  • 5 autodemolizioni: una sala esterna con vista sulla Moschea di al-Aqsa; un appartamento a Sur Baher; 2 caserme a Silwan; un condominio a Shu'afat.
  • Le forze di occupazione israeliane hanno notificato un ordine di evacuazione a un condominio a Silwan.
  • Un tribunale israeliano ha respinto l'appello di 4 famiglie per annullare l'ordine di evacuazione emesso contro le loro case a Sheikh Jarrah.
  • Una casa è stata demolita a Ras al-Amud.
  • Rimossa la recinzione metallica che circonda un appezzamento di terreno a Jabel Mukaber.
     

Attacchi di coloni:

I lavoratori sul campo del PCHR hanno segnalato e documentato 8 episodi di violenza da parte dei coloni:

    Hebron: pastori e una famiglia palestinese aggrediti a Yatta orientale.
  • Nablus: assalto a civili e fedeli a Khan al-Laban; anche un contadino è stato aggredito nella zona. Un autobus e case di civili sono stati aggrediti ad Asira al-Qibliya e Qusra. Inoltre, un'auto è stata incendiata.
  • Tulkarm: un civile è stato rapito mentre si trovava nella sua terra; Successivamente è stato rilasciato dalle forze di occupazione israeliane.
  • Ramallah: assalti ai veicoli dei lavoratori palestinesi parcheggiati vicino all'insediamento “Shilo”, che si trova nelle terre di Turmus Ayya nel nordest di Ramallah.
     

Politica di chiusura israeliana e restrizioni alla libertà di movimento:

La Striscia di Gaza subisce ancora la peggiore chiusura nella storia dell'occupazione israeliana dell'oPt poiché è entrata nel 14 ° anno consecutivo, senza alcun miglioramento nella circolazione di persone e merci, condizioni umanitarie e con conseguenze catastrofiche su tutti gli aspetti della vita.

Nel frattempo, le forze di occupazione israeliane hanno continuato a dividere la Cisgiordania in cantoni separati con strade chiave bloccate dall'occupazione israeliana dalla Seconda Intifada e con posti di blocco temporanei e permanenti, dove i movimenti civili sono limitati e sono soggetti ad arresto.
 

Leggi l'intero report: 11-17 febbraio 2021
 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente