Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Articolo PCHR

8-14 ottobre 2020

Violazioni israeliane del diritto internazionale e del diritto umanitario internazionale nei Territori Occupati hanno continuato nel periodo di riferimento (8-14 ottobre 2020).

Sommario:

  • 18 civili palestinesi, compresi 2 bambini, feriti nell'uso eccessivo della violenza da parte delle forze di occupazione israeliane in Cisgiordania;
  • 10 feriti nell'incursione delle forze di occupazione israeliane nel campo Am'ari; 2 feriti vicino al muro di annessione a Jenin; 4 nel villaggio di Kafr Qaddum a Qalqilya; e altri 2 nel villaggio di Rafat nella Gerusalemme est occupata.
  • 4 sparatorie riferite a terreni agricoli e altre 5 a pescherecci nella Striscia di Gaza orientale e occidentale;
  • In 127 incursioni delle forze di occupazione israeliane in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est occupata: 106 civili arrestati, inclusi 12 bambini e 2 donne ;
  • 3 veicoli agricoli e un camion sequestrati; un avviso di demolizione servito a una casa; e terre sequestrate in Cisgiordania;
  • I coloni israeliani attaccano le case dei palestinesi a Nablus e tagliano 360 alberi a Salfit e Betlemme;
  • Le forze di occupazione israeliane hanno stabilito 62 posti di blocco militari temporanei in Cisgiordania e hanno arrestato 6 civili palestinesi su detti posti di blocco.

Le forze di occupazione israeliane (IOF) hanno continuato a commettere crimini e violazioni a più livelli contro i civili palestinesi e le loro proprietà, inclusi raid nelle città palestinesi caratterizzate da un uso eccessivo della forza, aggressioni, abusi e attacchi ai civili. Questa settimana, gli attacchi delle forze di occupazione israeliane hanno ferito 18 civili palestinesi per uso eccessivo della forza, compresi 2 bambini, in Cisgiordania. Gli attacchi dei coloni e la confisca delle proprietà dei palestinesi sono continuati, con il pretesto di lavorare senza permessi.

Fino ad oggi, Maher al-Akhras ', 50 anni, detenuto amministrativo, sciopero della fame entra nel suo 81 ° giorno consecutivo, per protestare contro il suo arresto senza accuse o processo in detenzione amministrativa, nonostante il deterioramento del suo stato di salute. Al-Akhras ha iniziato uno sciopero della fame dal primo giorno della sua detenzione il 27 luglio 2020.

Questa settimana, il PCHR ha documentato 220 violazioni del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario (DIU) da parte delle forze di occupazione israeliane e dei coloni dell'oPt. Va notato che le limitazioni dovute alla pandemia del coronavirus hanno limitato la mobilità dei lavoratori sul campo della PCHR e la capacità di condurre la documentazione sul campo; pertanto, le informazioni contenute in questo rapporto sono solo una parte delle continue violazioni delle IOF.
 

Sparatorie delle forze di occupazione israeliane e violazione del diritto all'integrità fisica:

18 civili palestinesi, tra cui 2 bambini, sono stati feriti a causa dell'uso eccessivo della forza da parte delle forze di occupazione israeliane in Cisgiordania; 10 sono stati feriti durante un'incursione delle forze di occupazione israeliane nel campo Am'ari; 2 feriti vicino al muro di annessione a Jenin; 4 feriti nella repressione delle forze di occupazione israeliane di una protesta pacifica nel villaggio di Kafr Qaddum a Qalqilya; e altri 2 nel villaggio di Rafat nella Gerusalemme est occupata. Inoltre, durante le incursioni delle forze di occupazione israeliane in Cisgiordania sono stati segnalati episodi di sparatorie sporadiche. Inoltre, i passeggeri sono fuggiti dopo che la loro auto ha subito proiettili vivi sparati dalle forze di occupazione israeliane mentre attraversava un posto di blocco militare a Jenin.

Nella Striscia di Gaza, sono state segnalate 4 sparatorie delle forze di occupazione israeliane contro terreni agricoli e altre 5 contro pescherecci nella Striscia di Gaza orientale e occidentale.
 

Incursioni delle forze di occupazione israeliane e arresti di civili palestinesi:

le forze di occupazione israeliane hanno effettuato 127 incursioni in Cisgiordania, compresa Gerusalemme est occupata. Quelle incursioni includevano incursioni di case civili e sparatorie, allettando la paura tra i civili e attaccando molti di loro. Durante le incursioni di questa settimana, 106 palestinesi sono stati arrestati, inclusi 12 bambini e 2 donne.
 

Demolizioni:

Il PCHR ha documentato 7 violazioni, tra cui:

  • Gerico : sequestrati un trattore agricolo e una cisterna per l'acqua;
  • Tubas : un bulldozer confiscato;
  • Betlemme : un avviso di demolizione distribuito a una casa; terre nel villaggio di 'Arab al-Ta'amrah sequestrate dopo averne modificato i confini; e avvisi di cessazione della costruzione distribuiti a 4 locali agricoli;
  • Ramallah : sequestrato un semirimorchio;
  • Salfit: un bulldozer confiscato.
  • Attacchi di coloni: i lavoratori sul campo del PCHR hanno documentato 4 attacchi: lancio di pietre 2 volte contro le case dei palestinesi nel villaggio di Burin a Nablus; rubato il raccolto di olive e rotti i ramoscelli di 60 ulivi a Salfit; e tagliati 300 ulivi a Betlemme.
     

Politica di chiusura israeliana e restrizioni alla libertà di movimento:

La Striscia di Gaza subisce ancora la peggiore chiusura nella storia dell'occupazione israeliana dell'oPt in quanto è entrata nel 14 ° anno consecutivo, senza alcun miglioramento nella circolazione di persone e merci, condizioni umanitarie e con conseguenze catastrofiche su tutti gli aspetti della vita.

Nel frattempo, le forze di occupazione israeliane hanno continuato a dividere la Cisgiordania in cantoni separati con strade chiave bloccate dall'occupazione israeliana dalla Seconda Intifada e con posti di blocco temporanei e permanenti, dove i movimenti civili sono limitati e sono soggetti ad arresto.
 

Leggi l'intero report: https://www.pchrgaza.org/en/?p=15209
 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente