Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Airbnb decide di abbandonare gli insediamenti illegali di Israele: una parziale vittoria per i diritti umani e la responsabilità

La decisione di Airbnb di porre fine alla sua attività negli insediamenti israeliani illegali nei territori palestinesi occupati è un primo passo importante. Purtroppo non si estende agli insediamenti di Gerusalemme Est, che è ugualmente occupata secondo la legge internazionale. Tutti gli insediamenti israeliani nei territori occupati costituiscono un crimine di guerra. Gerusalemme Est non fa eccezione.

Accogliamo con favore la decisione di Airbnb di porre fine alla sua attività negli insediamenti israeliani illegali nei territori palestinesi occupati a seguito di una campagna globale guidata da Human Rights Watch e da numerose organizzazioni affiliate al movimento BDS per i diritti dei palestinesi.

È un primo passo che va nella giusta direzione per porre fine ai profitti che Airbnb trae dal furto di Israele delle terre e delle risorse naturali degli autoctoni palestinesi.

Airbnb, tuttavia, è in contraddizione con la sua stessa dichiarazione, omettendo di cancellare le proprietà negli insediamenti illegali israeliani di Gerusalemme Est occupata, inclusa nella Città Vecchia. Tutti gli insediamenti israeliani nei territori palestinesi - e siriani - occupati costituiscono un crimine di guerra secondo il diritto internazionale. Gerusalemme Est non fa eccezione.

Il turismo e i pellegrinaggi religiosi socialmente responsabili dovrebbero escludere tutti gli alloggi illegali. L'industria israeliana del turismo usa le case rubate ai profughi palestinesi come, ad esempio, alberghi, stanze in affitto, ristoranti e altro ancora.

La campagna contro Airbnb dovrebbe continuare finché non sarà pienamente conforme ai suoi obblighi in materia di diritti umani. Non si può fare turismo "come se niente fosse" con l'apartheid israeliano.

Inoltre sottolineiamo il ruolo globale di Airbnb nel ledere sistematicamente il diritto alla casa e il lavoro sindacalizzato nel settore dell'ospitalità. Siamo solidali con tutti coloro che si organizzano perché Airbnb si assuma le proprie responsabilità anche sotto questo aspetto.

Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)
Il comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)
è la più grande coalizione nella società civile palestinese.
Guida e sostiene il movimento globale di Boicottaggio,
Disinvestimento e Sanzioni per i diritti dei palestinesi

 


Fonte BNC

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente