Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Apartheid’: i gruppi ebraici statunitensi respingono il piano Israele-Palestina di Trump

Il piano vedrà Israele annettere la Valle del Giordano in cambio della promessa di uno stato palestinese smilitarizzato.

Diverse organizzazioni ebraiche statunitensi di sinistra e liberali hanno respinto la proposta del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulla soluzione del conflitto israelo-palestinese.

Il piano, annunciato martedì, consentirebbe a Israele di conservare tutti i suoi insediamenti in Cisgiordania e annettere la Valle del Giordano in cambio dell’espansione del territorio di Gaza e della promessa di uno stato palestinese smilitarizzato senza il controllo dello spazio aereo o delle acque territoriali.

“È assolutamente chiaro che il” piano “pubblicato oggi dall’amministrazione Trump abbia zero possibilità di servire come base per una rinnovata diplomazia per risolvere il conflitto israelo-palestinese”, ha dichiarato il gruppo liberale J Street.

“L’unica strada per una pace duratura per israeliani e palestinesi è attraverso la giustizia, la libertà e l’uguaglianza per tutti” – Rabbino Alissa Wise, sostenitrice di Jewish Voice for Peace.

 L’organizzazione, che si definisce pro-Israele e pro-pace, ha definito il piano di Trump il “culmine della ripetuta malafede” da parte dell’amministrazione statunitense per convalidare l’agenda dei politici israeliani di destra.

“Sostenendo la sovranità israeliana su vaste porzioni della Cisgiordania occupata, il presidente e la sua squadra sembrano autorizzare i leader israeliani a realizzare annessioni unilaterali che violerebbero palesemente il diritto internazionale, calpesterebbero i diritti dei palestinesi e metterebbero gravemente a repentaglio il futuro di Israele come patria democratica per il popolo ebraico “, ha detto il gruppo.

Anche gruppi ebrei di sinistra che sostengono i diritti dei palestinesi hanno denunciato il piano.

Il rabbino Alissa Wise, sostenitrice di spicco di  Jewish Voice for Peace, un’organizzazione di base che sostiene i diritti umani per israeliani e palestinesi, lo ha definito “un piano di apartheid”.

“Il diritto internazionale, il consenso globale e decenni di politica americana concordano sul fatto che la terra palestinese non debba essere ceduta da Trump né rubata da Netanyahu”, ha detto Wise.

“L’unica strada per una pace duratura per israeliani e palestinesi è attraverso la giustizia, la libertà e l’uguaglianza per tutti”.

If Not Now, un gruppo ebraico progressista contro l’occupazione, ha fatto circolare una petizione per opporsi al piano.

“L’intera strategia di Trump è stata quella di privare i palestinesi del diritto di decidere e negare i loro diritti, la loro rappresentanza e persino la loro identità”, afferma la petizione.

“Zero palestinesi sono stati invitati alla riunione sul piano della Casa Bianca o coinvolti nel falso processo che ha portato a questo piano”.
 


Fonte: English version
Traduzione a cura di Carmela Ieroianni – Invictapalestina.org
 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente