Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

AZIONE BDS: Boicottaggio di Veolia negli Stati Uniti

Invia una e-mail oggi per negare a Veolia la possibilità di partecipare a una gara pubblica negli Stati Uniti. Veolia è attiva nella violazione dei diritti dei palestinesi attraverso i suoi servizi di trasporto e rifiuti a Gerusalemme Est e in Cisgiordania.

Abbiamo bisogno del vostro aiuto - non importa dove vivete, ma non oltre il 16 aprile – inviando email ai membri del Consiglio di Amministrazione della Woodland-Davis Clean Water Agency (WDCWA) per incoraggiarli a vietare a Veolia Water Nord America la possibilità di partecipare come offerente a una gara d'appalto da 325 milioni di dollari pubblici per un progetto idrico da costruire nella contea di  Yolo, California. Il 19 aprile, il Consiglio dovrebbe prendere una decisione.

Alla fine di questa richiesta trovate la mail di riferimento.

La Veolia Environnements è la società madre con sede in Francia. Anche se Veolia sta cercando di sbarazzarsi delle sue partecipazioni nel trasporto pubblico, una delle sue filiali continua a fornire gli autobus e la metropolitana leggera agli insediamenti in Cisgiordania e a Gerusalemme Est. Un’altra gestisce una discarica per lo smaltimento dei rifiuti provenienti dagli insediamenti e da Israele dal ’48, in una discarica illegale nella Valle del Giordano. Sia il trasporto che le operazioni di discarica violano il diritto internazionale, in particolar modo la 4° Convenzione di Ginevra a causa della creazione, fornitura del servizio e di supporto degli insediamenti nei territori occupati. Veolia gestisce negli Stati Uniti sistemi di trasporto, acqua, impianti di trattamento delle acque reflue e strutture per i rifiuti solidi.
 

Perché abbiamo bisogno del vostro aiuto ora

Il Consiglio WDCWA giungerà ad una conclusione il 19 aprile, da cui dei potenziali offerenti potranno procedere alla fase successiva del processo di gara pubblica. Le aziende devono cancellare un ostacolo etico prima che gli venga consentito di procedere. Questa è la nostra chance di battere Veolia fuori dalla competizione.

Il Comitato Davis per i diritti palestinesi è comparso dinanzi alla commissione in quattro occasioni per affrontare la questione delle violazioni di Veolia in Palestina e la necessità di istituire criteri etici per valutare gli offerenti. Abbiamo convinto il Consiglio a valutare ciascuno dei potenziali offerenti non solo sul loro prezzo di offerta e competenza tecnica, ma anche sull'etica della loro condotta commerciale. Il Consiglio ha quindi presentato questionari a ciascun partecipante potenziale, con una serie di domande sulle loro attività commerciali. Anche se le domande non erano così forti come avremmo voluto, le società saranno valutate sulla loro condotta a livello aziendale, e il Consiglio prenderà in considerazione la prova che viene presentata da terzi (cioè noi!). Abbiamo già presentato molte pagine di documentazione sulle violazioni di Veolia in Israele, oltre ai reclami lavorativi e prove di inefficienza commerciale negli Stati Uniti, ma hanno bisogno di vedere che persone provenienti da tutto il mondo si interessino di Veolia. Più lamentele ricevono su Veolia, più forte sarà la base per rifiutare Veolia.
 

Come puoi aiutarci

Invia e-mail ai membri del consiglio (gli indirizzi qui sotto) prima del 16 aprile, esortandoli a prendere in considerazione 1) le violazioni nazionali e internazionali del codice di condotta aziendale sull’ambiente pubblicato da Veolia, in cui è dichiarato che si applica a tutte le filiali della sua famiglia aziendale; 2) le sue violazioni dei principi della Guida Global Compact delle Nazioni Unite sulla responsabilità degli affari in aree ad alto rischio colpite da conflitti, cui ha contribuito al suo sviluppo; 3) ed evidenziare che gli enti governativi locali di tutti gli Stati Uniti sono rimasti molto scontenti dai servizi commerciali di Veolia, scorciatoie funzionali, superamento dei costi, violazioni ambientali, permessi e pratiche sleali di lavoro. Scrivi e-mail brevi, ma inserisci le importanti informazioni riportate qui di seguito.
 

Fatti su Veolia

Veolia è firmataria della Guide Global Compact delle Nazioni Unite sulla responsabilità degli affari in aree ad alto rischio colpite da conflitti,, che invita le imprese ad evitare qualsiasi complicità reale o percepita in violazione dei diritti umani da parte dei governi (Government Relations, Guida, pt. 2: Le Imprese sono incoraggiate ad adottare tutte le misure necessarie per evitare complicità in violazione dei diritti umani da parte di attori statali in relazione a tutti gli aspetti delle attività delle aziende).

Il codice di condotta aziendale di Veolia, che pubblicizza il suo rigoroso rispetto per la legge, nei Principi della Guida 1 dichiara: Si applica a tutti i paesi in cui opera Veolia Environnement e a tutti i dipendenti.

Veolia è complice delle violazioni dei diritti umani da parte del governo di Israele a causa del funzionamento di apartheid dei sistemi di trasporti  e dell'uso non autorizzato di terra palestinese per lo smaltimento dei rifiuti.

L’attività del funzionamento dei trasporti di Veolia vìola la 4° Convenzione di Ginevra del Regolamento dell'Aja del 1903 e la risoluzione 13 aprile 2010/7 del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite

Il funzionamento della discarica Tovlan è una violazione della Risoluzione dell'Assemblea Generale 63-201 del gennaio 2009

Diverse città di tutto il mondo denunciano i servizi commerciali di Veolia, i record sui disastri ambientali, la gestione del lavoro, e le violazioni del diritto internazionale, tra cui:

  • città di Richmond, California (Dic 2011) multe e inizio del trattamento di fine contratto;
  • città di New Orleans (2004) terminato contratto con Veolia a seguito di tentativo di privatizzazione;
  • comune di Indianapolis (2005) 16 casi di denunce da parte del National Labor Relations Board contro la Veolia per le violazioni del lavoro;
  • condanne per corruzione inflitte al CEO di Vivendi, precursore Veolia, e PSG (filiale Vivendi) in Francia, Italia, New Orleans, e Bridgeport, Connecticut;

Risoluzioni di contratti ed esclusioni per complicità di Veolia in violazioni del diritto internazionale (2009-2011):

  • Londra e West London, Inghilterra
  • Caerphilly County e la città di Swansea, Galles
  • Le città di Cork, Galway, Sligo e Dublino, Irlanda
  • Stoccolma, Svezia

Membri WDCWA del consiglio e info di contatto. Il Consiglio è composto da 4 votazioni e 2 membri non-votanti:

Indirizzo postale:
Woodland-Davis Clean Water Agency
Davis Lavori Pubblici
1717 5th Street
Davis, CA 95616
Segretario del Consiglio: Lynanne Mehlhaff
Lmehlhaff@wdcwa.com
530-757-5673

 

Esempi di messaggi di posta elettronica

Caro Direttore WDCWA < Nome del membro>:
Le scrivo per esprimere la mia preoccupazione su uno dei potenziali offerenti del progetto WDCWA e del contratto di costruzione che sarà ammesso a partecipare alla gara. Veolia Environnement, la società madre di Veolia Water Nord America, è stato accusato di complicità con lo stato di Israele a violare i diritti dei palestinesi che vivono in Cisgiordania e a Gerusalemme a causa del funzionamento di un sistema di trasporto e di linee di autobus che forniscono servizi agli insediamenti illegali, così come attraverso il funzionamento di una discarica nella Valle del Giordano in Cisgiordania, che accetta rifiuti provenienti da località in tutta Israele e dagli insediamenti.

A causa delle violazioni dei diritti umani internazionali, in particolare la 4° Convenzione di Ginevra, Veolia è in procinto di perdere contratti con enti pubblici in molte città e regioni in Europa (Londra, Inghilterra; Galles, Irlanda e Svezia). Qui negli Stati Uniti, Veolia ha perso la fiducia di numerosi servizi pubblici, tra cui più recentemente la città di Richmond, California.

So che vi sarà la valutazione del comportamento delle imprese degli offerenti rispetto a criteri etici, compresi i codici di responsabilità aziendale propri degli offerenti. Il Record di Veolia, sia negli Stati Uniti che in Israele, indica chiaramente che esso viola il proprio codice di condotta aziendale, nonché il programma Global Compact dell'ONU, che ha contribuito a sviluppare. Chiedo che si tenga conto di queste violazioni del diritto internazionale, negando a Veolia ulteriore partecipazione come offerente e che si  consideri la condotta di Veolia quando si effettueranno le selezioni sui procedimenti etici.

Caro <. . . >:
Le attività produttive di Veolia in Israele sono scandalosamente in violazione del diritto internazionale. Non diffamare le città di Davis e Woodland consentendo a Veolia di partecipare alla gara.

Caro <. . . >:
la prego di tenere in considerazione le attività produttive di Veolia Environnement in Israele-Palestina quando valuterà gli offerenti per i loro meriti etici. Città e regioni in Europa non accettano le violazioni del diritto internazionale di Veolia e gli scandali di corruzione. Molte città negli Stati Uniti hanno già provveduto ad annullare o prevenire la diffusione di contratti con Veolia a causa dei superamento dei costi, delle violazioni del codice del lavoro e delle violazioni sul permesso ambientale.

Caro <. . . >:
Come fece la città di Davis per aiutare ad eliminare l’apartheid sostenendo il disinvestimento dalle aziende che facevano affari con il Sud Africa, la prego di fare la cosa giusta, sostenendo la negazione di appalto ad imprese che fanno affari con lo Stato di Israele.

Davis Committee for Palestinian Rights

Fonte: Alternative Information Center
Traduzione a cura di PalestinaRossa
 

Commenti

L'Aia: Veolia perde l'appalto per il trasporto pubblico

Al-Haq accoglie con favore la decisione del 23 maggio 2012 di Haaglanden Stadsregio di non aggiudicare alla filiale olandese del gruppo Veolia, laTransport Nederland Openbaar Vervoer, il contratto di trasporto pubblico per tutti i trasporti di autobus nel quartiere dell'Aia.

La decisione dell'autorità locale olandese del quartiere urbano Haaglanden continua un trend che ha visto l'esclusione di Veolia dai contratti in altri grandi centri urbani in tutto il mondo, come Victoria (Australia), Londra (Regno Unito), Stoccolma (Svezia), Edimburgo ( Scozia), Dublino (Irlanda) e Bordeaux (Francia).

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente