Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Decimo anniversario dell’attacco a Gerico e del rapimento di Sa’adat: Il tempo non cancella il crimine

Il 14 marzo del 2006 le forze sioniste armate fino ai denti fecero irruzione nella prigione di Gerico con carri armati e diversi tipi di armi seguendo un piano premeditato, con la piena complicità di forze britanniche e statunitensi. Attaccarono la prigione e catturarono Ahmad Sa’adat, il Segretario Generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, ed i suoi compagni giudicati responsabili dell’assassinio del funzionario sionista Rehavam Ze’evi quale rivendicazione dell’uccisione del Segretario Generale dell’FPLP Abu Ali Mustafa e dei compagni Ahed Abu Ghoulmeh, Majdi Rimawi, Hamdi Corano e Basil al-Asmar.

Dieci anni dopo questo crimine la Campagna per la Libertà di Ahmad Sa’adat ribadisce ancora una volta che questo crimine, oltre ad essere un ulteriore capitolo della storia dei crimini sionisti contro il popolo palestinese ed i suoi leader, è stata anche un’azione vile e sleale compiuta dall’Autorità Nazionale Palestinese.

La caccia, la cattura e la persecuzione di Ahmad Sa’adat e dei suoi compagni da parte dell’ANP, la loro detenzione nella prigione di Gerico sotto la sorveglianza di Stati Uniti e UK, sono stati tutti fattori che hanno contribuito all’assalto della prigione e all’arresto dei compagni da parte delle forze di occupazione sionista.

La leadership dell’Autorità palestinese e delle sue forze di sicurezza hanno avuto un ruolo importante in questo crimine e tuttavia continuano quotidianamente a perseguire questi crimini mantenendo il coordinamento della sicurezza con le forze di occupazione. Queste forze di sicurezza a livello istituzionale svolgono un ruolo che non è mai stato in funzione della difesa del popolo palestinese e della protezione della resistenza, agiscono invece nell’interesse dell’occupazione e al servizio dei suoi obiettivi e piani strategici.

Le circostanze dell’attacco alla prigione di Gerico sono simili all’assassinio del combattente martire Omar Nayef Zayed all’interno dell’ambasciata palestinese in Bulgaria, dimostrando ancora una volta la chiara complicità dell’Autorità palestinese oltre al fatto che non si è fatto nulla per cambiare le sue pratiche negli interessi del popolo palestinese.

Noi ribadiamo oggi che non abbiamo dimenticato questo crimine e che il suo impatto non è diminuito con il passare del tempo. Siamo certi che il popolo palestinese e i loro tribunali rivoluzionari riterranno tutti costoro complici responsabili per questi crimini.

Fonte: Campaign to Free Ahmad Sa'adat

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente