Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Esperto israeliano costretto ad annullare un intervento in Giordania

Pace fredda: centinaia di studenti giordani si sono radunati davanti all' Università della Giordania, ad Amman, il giovedì, protestando per l' intervento di un esperto israeliano che era previsto in una conferenza sulla salute mentale.

I manifestanti hanno chiesto che il l' intervento del dott. Gideon venisse cancellato e hanno chiamato le autorità affinchè l' ambasciatore israeliano venisse espulso dalla Giordania e venisse cancellato il trattato di pace del 1994.

I funzionari dell' Università della Giordania hanno cercato di prendere le distanze dagli esperti israeliani e dicendo di non sapere che fossero stati invitati alla conferenza. Il Dott. Anholt ha detto che l' evento era stato organizzato da un gruppo americano e che molto probabilmente i dirigenti dell' università erano all' oscuro dei nomi dei partecipanti.

Un funzionario dell' università ha incontrato i manifestanti e promesso di cancellare dall' elenco degli interventi quello della Università Ben-Gurion, così da non interrompere la conferenza. I manifestanti hanno diffuso su facebook la notizia dell' “intervento sionista” cancellato per merito loro. Un altro intervento di un israeliano è stato cancellato, l' esperto in questo caso era sconosciuto ai manifestanti.

Il dott Anholt ha dichiarato a Ynet di esser stato portato fuori di nascosto dall' università dalle guardie di sicurezza. "I manifestanti hanno distribuito volantini che esprimevano indignazione per la partecipazione degli occupanti israeliani in un conferenza in Giordania" ha detto. "la situazione si stava scaldando e le guardie ci hanno dovuto potere fuori dalla porta posteriore".

Anholt riporta le sue sensazioni di panico mentre centinaia di persone si radunavano fuori dall' università. "E' stato stressante. E uscire dalla porta posteriore, poco piacevole" ha detto. Ha fatto notare che sarebbe rientrato in Israele attraverso l' Allenby Bridge. Secondo Anholt,la conferenza giordana affronta l' ansia e la depressione nel Medio Oriente. Aveva sperato di incontrare i ricercatori arabi ed esplorare possibili collaborazioni. Nonostante la sua spiacevole esperienza Anholt spera di poter tornare in Giordania in veste professionale.

"Questo evento mi ha rattristato ma non ha cambiato i miei sentimenti. È un peccato che dei fanatici possano rovinare indisturbati le prospettive di collaborazione. Capisco che la situazione in questo momento sia alquanto complessa ma cercherò ancora di promuovere il maggior numero di iniziative scientifiche. Non sarà facile però".

Fonte: News Middle East - PACBI
 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente