Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

La battaglia degli ebrei statunitensi contro il festival dell'apartheid israeliana e le accuse mosse ad Israele

Gli attivisti di tutta l'America stanno organizzando la Settimana della Pace israeliana, nel tentativo di combattere il festival annuale anti-Israele.

Questo è un periodo molto denso nel calendario di un giornalista israeliano negli Stati Uniti. AIPAC e J Street stanno tenendo le loro conferenze annuali, i think tanks di Washington stanno discutendo sulla primavera araba, l'Iran e la Siria. E poi è in arrivo l'ottava Settimana annuale sull'Apartheid di Israele (26 Febbraio - 3 marzo) con le solite discussioni, film e mostre fotografiche, flashmobs e un concorso di poster sull'apartheid che mette in palio un premio di $ 400. Per la maggior parte, la comunità pro-israeliana non ha ancora capito quale sia il modo migliore per affrontare questo evento, e così decide di ignorarlo.

Ma ci sono alcune eccezioni. Tra coloro che hanno scelto di confrontarsi con le vicende dell'apartheid ci sono 75 università in tutto il Nord America (dalle 50 dello scorso anno) che sostengono "la settimana della pace di Israele", dove si cercherà di trasmettere il messaggio che "Israele vuole la pace e ha dimostrato la sua disponibilità a fare sacrifici dolorosi per ottenerla".

"Lei fa riferimento a 'attivisti filo-palestinesi', ma la maggior parte di quelle persone sono violente e anti-Israele, non pro-Palestina", ha dichiarato Natalie Menaged, direttore educativo dell'indipendente NPO, lo Hasbara Fellowships, che ha formato gli studenti ebrei organizzatori de "La settimana della pace israeliana".

"Devo ancora vederli organizzare una campagna nazionale per insegnare la cultura palestinese o i piani di pace. Sono solo interessati a propagare l'odio per Israele. La nostra campagna, la Settimana della Pace, è più pro-palestinese di ogni altra cosa che gli organizzatori anti-israeliani stanno facendo, perché noi stiamo discutendo sulle soluzioni".

La Menaged sostiene inoltre che l'idea de "la Settimana della pace di Israele" - che si svolgerà dal 20 Febbraio al 9 Marzo - è quella di coinvolgere i cittadini di mezzo, non il movimento anti-israeliano. Gli organizzatori del campus in molti casi sono una combinazione di studenti ebrei e non ebrei, che hanno introiettato i concetti della manifestazione per conto proprio. L'organizzazione, tuttavia, ha fornito loro materiale stampato, film e altoparlanti, quando richiesto. Il materiale di quest'anno include citazioni di ciascun candidato repubblicano, così come del presidente Obama, per quanto riguarda le loro posizioni su Israele.

La Menaged ritiene che questo approccio si sia dimostrato efficace. "In posti come la Berkeley o la Rutgers University o la Carleton University (Ottawa), che hanno una storia di attività anti-israeliana, i sostenitori di Israele sono stati in grado di cambiare le discussioni su cosa debba essere fatto per la pace. E per la maggioranza delle scuole, che non hanno molte attività anti-israeliane - scuole come la Boston University, l'University of Illinois, l'Ohio State University, la Johns Hopkins University - è un ottimo modo per iniziare la discussione".
 

L'approccio dello J Street

Il direttore esecutivo dello J Street, Jeremy Ben-Ami, ha un approccio diverso alla Settimana dell'Apartheid israeliano. Alla domanda su cosa gli attivisti del J Street e la rete più di sinistra del campus stanno pianificando in risposta, dice: "Penso che ci sia più interesse in esso nei media che nei campus universitari. Noi lo condanniamo, ma non c'è nessun motivo per organizzare qualcosa intorno ad un evento così marginale. Solo una manciata di studenti frequenta quegli eventi sull'apartheid di Israele.

"Penso che la maggior parte degli studenti ebrei vogliano sostenere Israele in un modo che permetta loro di porre domande o criticare la politica israeliana o americana, quando pensano che sia giusto, ma facendolo in un contesto di amore per Israele. Essi non si rifanno ai boicottaggi", dice Ben-Ami. "Abbiamo oltre 750 studenti quest'anno nel nostro convegno nazionale, in crescita dai 500 di un anno fa, e ora siamo entrati in oltre 40 campus universitari, il doppio dell'anno scorso. Quindi, stiamo vedendo le formule pro-Israele e pro-pace come di gran lunga più attraenti per gli studenti ebrei americani, rispetto agli approcci della linea dura del diritto contro Israele, o di "Israele è sempre in errore" usati da chi organizza la settimana dell'apartheid israeliana".

Ben-Ami dice che deplora la quasi totale assenza di dialogo sul processo di pace nella campagna presidenziale. "L'anno delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti non sarà un anno di significativa leadership americana a favore della diplomazia e della pace. La speranza del J Street è che se il presidente Obama vinca nuovamente le elezioni, o qualcun altro vinca le elezioni, nel 2013 si torni a una seria discussione su ciò che è nel reale interesse degli Stati Uniti e del Medio Oriente. "Nella campagna annuale, questa non è una discussione seria. E' una profonda vergogna per Israele e gli Stati Uniti".
 

Chi è pro-Israele?

"Ci sono alcuni candidati repubblicani", Ben-Ami continua, "Rick Santorum, Newt Gingrich e altri, che utilizzano il termine 'pro-Israele', ma sono politiche di promozione non negli interessi a lungo termine per Israele. La maggior parte degli israeliani sarebbe d'accordo che l'annessione dei territori e con l'idea che il popolo palestinese non esista - ma si tratta di politiche che a mio avviso sono semplicemente fuori della cornice del dibattito in Israele". Ben-Ami fa una distinzione tra i candidati come "Newt Gingrich che dice che il popolo palestinese è un popolo inventato" e il Presidente Obama "secondo cui la sopravvivenza di Israele e la sicurezza a lungo termine dipendono dalla soluzione dei due Stati.

"Il presidente è chiaramente impegnato nella soluzione dei due stati, e alcuni repubblicani stanno essenzialmente abbandonando la politica estera decennale bipartisan americana per spostarsi in una direzione completamente diversa. Non includo Mitt Romney tra questi - sull'argomento non l'ho sentito dire alcuna parola politica saggia".

Per quanto riguarda la primavera araba, Ben-Ami parafrasa una metafora usata da Ami Ayalon, un ex comandante della marina e capo servizio di sicurezza di Shin Bet. "Quando sei un capitano della nave, e si vede arrivare il brutto tempo, non vi è niente che tu possa fare per cambiare il tempo. Ma tu sei responsabile del destino della nave. Così il tempo in Medio Oriente - che sia il risultati delle elezioni in Egitto, dell'Iran o del caos generale - non è buono. Ma le decisioni su ciò che la politica israeliana dovrebbe essere, o la politica americana dovrebbe essere, sono nelle mani di Israele e Stati Uniti. E la cosa più saggia per Israele e gli Stati Uniti sarebbe quella di trovare una pace a lungo termine e a lungo termine accettata dalla regione, lavorando verso una soluzione diplomatica del conflitto che si traduce in due stati. Le circostanze non sono buone, e la situazione della sicurezza si sta deteriorando, ma questo è il momento di perseguire seri sforzi diplomatici con l'Iran. L'azione militare non risulterà necessariamente efficace, e acquirà solo il conflitto".

Fonte: Haaretz
Traduzione a cura di PalestinaRossa

 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente