Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

La conferenza sui droni di Israele dà risalto alle armi utilizzate per uccidere i bambini di Gaza

Meno di un mese dopo aver ucciso più di 2.100 palestinesi a Gaza, inclusi più di 500 bambini, Israele sta ospitando la sua annuale conferenza sui droni. 

Organizzata in collaborazione con l’Ambasciata degli Stati Uniti a Tel Aviv, “Israel Unmanned Systems 2014” offre alle compagnie militari israeliane l’opportunità di sfoggiare le performance dei loro prodotti, molti dei quali sono stati testati quest’estate sui palestinesi nella Striscia di Gaza sotto assedio. La Palestina è servito a lungo come un laboratorio per ingrassare l’industria della "sicurezza interna" di Israele, per testare e perfezionare armi di dominio e di controllo, con i civili palestinesi privati dei loro diritti e del loro Stato usati come topi da laboratorio.

Parlando alla rivista tedesca Der Spiegel il mese scorso, Avner Benzaken, capo della divisione "tecnologica e logistica" dell'esercito israeliano - un'unità "in gran parte composta da accademici a cui capita di essere ufficiali dell’esercito” - ha spiegato i benefici di questa occupazione.

"Se sviluppo un prodotto e voglio testarlo sul campo, devo andare solamente a 5 o 10 chilometri dalla mia base, e posso guardare e vedere cosa sta succedendo con l'attrezzatura,” dice Benzaken. “Ottengo dei feedback, in modo da rendere il processo di sviluppo più veloce e molto più efficiente.”

Il facile processo di accesso a una popolazione in cattività per sperimentarci sopra, consente ai produttori di armi israeliani di commercializzare i loro prodotti come “testati in battagli", un marchio ambito che dà ad Israele un vantaggio competitivo nel commercio internazionale di armi. La tecnologia repressiva di Israele viene poi esportata a regimi che sono similmente occupati a soggiogare poveri ed emarginati.

Questa distopica disposizione ha aperto la strada ad Israele, un paese delle dimensioni del New Jersey, di classificarsi tra i primi cinque maggiori esportatori di armi del globo e di diventare il primo esportatore di veicoli aerei senza equipaggio (UAV), o droni, al mondo.
 

“Testati in battaglia”

Uno degli sponsor della conferenza sui droni di quest'anno è G-NIUS. Formata da una joint venture tra due delle più grandi aziende di armi di Israele - Elbit Systems e Israel Aerospace Industries (IAI) - G-NIUS sviluppa veicoli terrestri senza pilota per l'esercito israeliano.

Grazie all'assalto a Gaza, G-NIUS può ora aggiungere "Testati in battaglia" al curriculum del suo veicolo senza pilota Armored Personnel Carrier (APC) che, essendo stato implementato operativamente a Gaza quest’estate, segna la prima volta di un APC telecomandato e senza equipaggio nella “partecipazione in battaglia,” secondo la Difesa di Israele.

I partecipanti a questa conferenza sui droni avevano in programma la visita a G-NIUS Lunedi 15 settembre, al fine di ottenere uno sguardo di prima mano alle macchine utilizzate per coadiuvare la distruzione di Gaza.

Avevano inoltre in programma di visitare il più grande sviluppatore israeliano di tecnologia militare, la Elbit Systems, che ha beneficiato enormemente dall’offensiva estiva.

Le azioni della Elbit sono schizzate al loro livello più alto dal 2010 durante il massacro di Gaza, un fenomeno che Bloomberg Businessweek attribuito a investitori speculativi che ritengono che la società con sede ad Haifa avrebbe visto una crescente domanda per i suoi prodotti da parte dei governi impressionati dalle sue prestazioni intrise di sangue.

Un prodotto in grado di utilizzare lo spargimento di sangue di Gaza come pubblicità per le vendite è il drone Hermes 900 della Elbit, che è stato implementato operativamente per la prima volta durante l'Operazione Margine Protettivo.

L'Hermes 900 è una versione più grande e avanzata dell’Hermes 450, un drone aereo militare d’attacco e sorveglianza che è stato utilizzato dall'esercito israeliano per colpire deliberatamente i civili a Gaza durante l'assalto di Israele nel 2008-2009, secondo Human Rights Watch.

I droni della Elbit sono stati utilizzati anche per uccidere civili nella guerra di Israele contro il Libano nel 2006, compresi lavoratori della Croce Rossa, autisti di ambulanze e decine di persone in fuga dalle loro case per scappare dall’implacabile bombardamento israeliano.

Ancora prima di aver aiutato i soldati israeliani a ridurre Gaza in macerie, l'Hermes 900 si era aggiudicato dei lucrativi contratti.

A Luglio, il governo svizzero ha acquistato il sistema Hermes 900 per 280 milioni di $. E all'inizio di quest'anno, il governo brasiliano ha acquistato una flotta di droni Hermes, tra cui l'Hermes 900, per contribuire a schiacciare le massicce proteste scoppiate in tutto il Brasile contro la Coppa del Mondo. 

Dopo aver partecipato ai 51 giorni di terrore di Israele a Gaza quest’estate, l'Hermes 900 può unirsi ai suoi predecessori nel campo degli armamenti "Testati in battaglia”, che sicuramente stimola la domanda di acquisto.

Probabilmente, anche il mini-drone Slylark della Elbit trarrà profitto dal ruolo che ha avuto nel trasformare Gaza in un cimitero. Skylark è un drone di sorveglianza lanciato a mano. Anche se è stato usato a Gaza nel passato, l’Operazione Margine Protettivo è stata la prima volta che Skylark è stato distribuito in gran numero per assistere le forze d'invasione di terra.

Roy Riftin, Generale ed Ufficiale Capo dell’artiglieria dell'esercito israeliano, ha dichiarato a Defense News che Skylark è stato determinante nel "decidere gli obiettivi di opportunità" per gli artiglieri israeliani.
 

La prova degli armamenti

I produttori di droni non sono stati gli unici a trarre profitto dal massacro di Gaza.

Impantanata dai debiti prima l'assalto a Gaza, la Israel Military Industries (IMI) era con l’acqua alla gola. Il crollo della società è stato così grave che il governo israeliano aveva pianificato di privatizzare la compagnia entro il 2016 e offriva offriva un pacchetto bonus di 370.000$  per tutti i dipendenti disposti ad andare in pensione anticipata.

Ma ora le cose sono migliorate per l'IMI.

Haaretz ha riferito che durante l'attacco militare di Israele contro Gaza, i dipendenti IMI hanno lavorato senza sosta per garantire alle forze israeliane un flusso infinito di proiettili da 5,56 millimetri e di colpi di mortai per carri armati Kalanit e Hatzav.

I colpi di mortaio Kalanit e Hatzav esplodono a mezz'aria, ammantando le persone e le strutture sottostanti con bombe mortali. Il Kalanit, uno dei preferiti dall’esercito israeliano, è così popolare che gli è stato assegnato lo stimato "Premio alla Difesa" di Israele nel 2011. Anche se sono stati utilizzati in passato, l’Operazione Margine Protettivo ha segnato la prima volta in cui i colpi Kalanit e Hatzav sono stati dispiegati su scala colossale.

IMI ha inoltre provato diverse nuove armi durante il massacro di Gaza, compresa la sua polivalente bomba rigida MPR-500, un esplosivo di 225 kg con guida di precisione così potente che può penetrare in un metro di cemento armato. Dopo l’uso della MPR-500 per la prima volta in una situazione operativa contro le strutture e gli organi della gente di Gaza quest’estate, la domanda per la bomba è salita alle stelle, con ordini arretrati ai primi di Agosto del valore di 5,6 miliardi di shekel (1,5 miliardi di dollari).
 

Entrare in azione

Nel frattempo, gli appaltatori militari stranieri puntano a far soldi al successivo massacro.

Doron Shalev, Business Manager di sviluppo presso la BAE Systems Rokar, una filiale della società anglo-americana BAE Systems specializzato nello sviluppo della navigazione GPS per l'artiglieria, è già a caccia di nuove opportunità di affari dalla macchina da guerra israeliana, in seguito al massacro di Gaza.

Scrivendo su Israel Defense, Shalev rileva che l'uso indiscriminato di Israele dell’artiglieria, più pesantemente nelle zone di Shujaiya e Rafah, ha provocato l'ira dell'amministrazione Obama. Per evitare una simile "polemica" in un futuro attacco al Libano, Shalev suggerisce ad Israele di investire nel tipo di sistemi di navigazione che lui vende, comprendendo bene che Israele è ansioso di attaccare Hezbollah.

"Durante l'ultima operazione, il fuoco di artiglieria è stato certamente impiegato su scala relativamente ampia, ma è importante tenere a mente che è stato impiegato in condizioni relativamente favorevoli", sostiene Shalev. "E 'importante capire che il prossimo conflitto sarà diverso e che il teatro della Striscia di Gaza non è in alcun modo simile al Libano. Per questo motivo, dobbiamo assicurarci di aver imparato le giuste lezioni e che il layout dell’artiglieria è in preparazione efficace per la prossima sfida, piuttosto che per la sfida precedente.”

Anche Lockheed Martin, il più grande imprenditore della "difesa" nel mondo, sta cercando di entrare in azione, avendo appena costituito una filiale in Israele. "La mossa è parte di una più ampia spinta da Lockheed Martin di cercare contratti di difesa nell’oltremare in mezzo a un rallentamento della spesa militare degli Stati Uniti,” ha riferito il Wall Street Journal.

Nel frattempo, l'assediata e devastata Striscia di Gaza rimane sepolta sotto quattro milioni di tonnellate di macerie, mentre i mercanti di morte si lanciano in parate intorno all’annuale festival dei droni di Israele, decantando il loro successo e sforzandosi di esportare i propri prodotti. La guerra è davvero un racket.
 

Fonte: electronicintifada.net
Traduzione: BDS Italia
 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente