Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

LA CRIMINALIZZAZIONE DELLA RESISTENZA

La campagna di stato contro Rasmea Odeh è solo parte di un più esteso attacco rivolto agli attivisti palestinesi. La “guerra al terrore” è stato il modus operandi della dominazione imperialistica targata US per più di un decennio. Il suo estendersi in tutto il globo ha significato imprigionamenti di massa, detenzioni arbitrarie, tortura, arresti speciali e sorveglianze estese a livello mondiale. Attraverso tale repressione si è fatto strada un terrore globale, incentrato sul Medio Oriente, Africa del Nord e Sud Asiatico.

Il 22 ottobre per il braccio legale di questa campagna è stato il turno dell’organizzatrice palestinese di comunità e femminista Rasmea Yousef Odeh. La 66enne è stata arrestata all’alba nella sua casa nell’area di Chicago e accusata di frode immigratoria. L’imputazione è un lungo documento, che ha come intenzione quella di dimostrare come Odeh non avesse svelato durante la sua domanda di immigrazione che fu in passato una prigioniera politica palestinese, detenuta nelle carceri israeliane dal 1969 al 1979.

Entrambi il linguaggio dell’imputazione e la pubblicità intorno all’arresto di Odeh sono tentativi di etichettarla come terrorista, benché le accuse del governo siano in fondo solo legate a quella sua omissione. L’imputazione si riferisce ad una “lunga lista di attacchi terroristici” da parte del Fronte di Liberazione Popolare della Palestina (FPLP), descrivendolo come “una delle prime organizzazioni palestinesi a fare uso di terrorismo”. Contiene diversi paragrafi concentrati sulla legge statunitense anti-terrorismo, che non è implicata però nelle accuse contro Odeh. I media si sono immediatamente precipitati a utilizzare l’epiteto “terrore”, sopprimendo tutti i fatti riguardanti il caso e tentando di indirizzare l’opinione pubblica lontano da qualunque forma di empatia nei riguardi di Odeh.

L’arresto di Odeh è parte della sistematica criminalizzazione delle organizzazioni palestinesi – che ha sempre incluso soprattutto quelle di “sinistra”. Questo progetto prese una piega più radicale nel 1995 e 1996 quando, come parte del processo di Oslo, il Dipartimento di Stato creò una lista di Organizzazioni Terroristiche Straniere. Questa lista ha reso difficile per le comunità arabe e musulmane negli Stati Uniti di mantenere una connessione di lotta con le loro patrie, quando persino il materiale in supporto e un certo numero di gruppi politicamente attivi erano diventati addirittura punibili con lunghe sentenze di prigione.

Quando le liste vennero create inizialmente – le prime insite a dare penalità di tipo finanziario, le seconde criminali, anche solo per il possesso di “materiale di supporto” delle organizzazioni bandite – i partiti associati con la sinistra palestinese, più notoriamente il FPLP, vennero inclusi in queste liste, senza dubbio per via delle loro critiche nei confronti del processo di Oslo e la creazione dell’Autorità Palestinese.

La criminalizzazione del materiale di supporto di questi gruppi ha rimodellato l’organizzazione dei palestinesi negli Stati Uniti, segregando coloro in esilio dalle loro controparti in Palestina e ovunque nel mondo arabo, creando inoltre delle barriere contro l’affiliazione politica e l’appoggio dei membri stessi. Con il profilarsi delle persecuzioni sui palestinesi politicamente attivi, un nuovo clima di paura ha duramente soppresso l’organizzazione.

Nell’era pre-Oslo, la comunità palestinese negli Stati Uniti celebrava la sua connessione con l’Organizzazione di Liberazione Palestinese (OLP) che veniva largamente riconosciuta dentro la comunità come un rappresentante legittimo, le sue organizzazioni politiche e unioni trovavano una voce tra i palestinesi in esilio. Da Fateh al Fronte Popolare a quello Democratico e oltre, il supporto di una molteplicità di partiti era una parte della vita quotidiana di coloro in esilio.

Negli Stati Uniti la sinistra palestinese ha vinto le elezioni nazionali dell'Unione generale degli studenti palestinesi, a quel tempo un'organizzazione di migliaia di persone, che rappresentava gli studenti palestinesi di tutto il mondo come uno dei sindacati rappresentativi dell'OLP. Il sostegno finanziario degli esiliati era anche molto prezioso, fornendo fondi per la creazione di ospedali, scuole e mobilitazioni politiche di massa.

Ogni anno l’11 dicembre, per celebrare l'anniversario della fondazione del PFLP nel 1967, si tenevano eventi in tutte le città degli Stati Uniti, spesso sotto la bandiera della “Giornata della Palestina”, per sostenere questi sforzi e mantenere una visione pubblica e progressiva per una Palestina liberata. E allora, come oggi, gli attivisti hanno subito controlli di sorveglianza e repressione, soprattutto nel caso dei “Los Angeles 8”, quando sette palestinesi e un keniano subirono dei procedimenti di espulsione nel 1987 per l'organizzazione di eventi e distribuzione di riviste del FPLP. La campagna per la loro assoluzione trovò ampio sostegno - un segnale della forza della sinistra palestinese, dato che tale lavoro era un'espressione attesa e importante della politica comunitaria.

Per decenni le edizioni di Al - Hadaf, la rivista mensile del FPLP in lingua araba, si potevano trovare nelle librerie arabe e da alcuni fornitori comunitari di New York, Chicago, Youngstown, San Francisco, Los Angeles e di numerose altre città. Non venivano nascoste dietro il bancone, ma vendute e discusse come parte della vita intellettuale della comunità. Edizioni in lingua inglese di “Palestina democratica”, la pubblicazione internazionale del Fronte, sono state ampiamente e apertamente diffuse tra i gruppi di solidarietà e organizzazioni di sinistra.

Il passaggio alla soppressione e l'emarginazione forzata di organizzazioni politiche palestinesi si è svolto in contemporanea con gli accordi di Oslo. Le liste del terrore rappresentavano il braccio dell'ordine per reprimere i tentativi di ricostruire un programma rivoluzionario palestinese nell’esilio palestinese e nelle comunità di rifugiati all'estero. Ma le infrastrutture di centri sociali, organizzazioni femminili e gruppi di studenti che coinvolgono migliaia di palestinesi in tutto il paese non sono scomparse, anche se gli attivisti che hanno costruito queste organizzazioni si sono visti costretti ad adattare il loro lavoro al nuovo clima.

La “Rete araba americana di azione ( AAAN ), dove Odeh è direttore associato e coordinatore del comitato arabo femminile ( AWC ) è solo un esempio di organizzazione progressista palestinese del periodo post -Oslo. La AAAN è stata formata dal Centro della Comunità Araba, un'organizzazione palestinese comunitaria di sinistra fondata nel 1972 e l'Unione delle associazioni delle donne palestinesi ( UPWA ), per molti anni una grande forza tra le donne palestinesi progressiste.

L' AWC include centinaia di donne arabe e palestinesi provenienti da tutta Chicago coinvolte nella formazione politica e nell’organizzazione, uno sforzo che Odeh vedeva come il fulcro della lotta di liberazione:

“In Palestina abbiamo aiutato le donne ad affrontare una difficile situazione politica. Abbiamo insegnato loro come affrontare [ le sfide ], come vivere. Quando le scuole erano chiuse, abbiamo insegnato ai loro figli. Quando c'era un coprifuoco, abbiamo portato loro cibo. Quando stavano per partorire e i soldati israeliani rifiutavano di lasciarle passare attraverso i checkpoint, abbiamo cercato di portarle noi [ all'ospedale ]... Abbiamo bisogno di organizzarci per i nostri diritti. Il lavoro sociale e il lavoro politico sono strettamente collegati.

Gruppi come AAAN hanno anche sottolineato la costruzione di alleanze con altre comunità oppresse. Il direttore esecutivo Hatem Abudayyeh ha spiegato la filosofia dell'organizzazione nel 2003:

Quello che deve essere fatto è unire i nostri problemi alla classe operaia di questo paese, soprattutto nel porre resistenza alla carica guerrafondaia degli Stati Uniti... un movimento per la vera giustizia razziale e sociale deve includere l'unità della classe operaia multinazionale con le nazionalità oppresse di questo paese.

Oltre al lavoro con AAAN, Odeh è stata un mentore per l’organizzazione dei palestinesi attraverso le generazioni, giocando un ruolo significativo nella Rete Statunitense della Comunità Palestinese ( USPCN ), una progressiva formazione di esiliati palestinesi.

Questo attivismo è stato, naturalmente, forgiato per necessità.

Odeh, insieme ad altri milioni di palestinesi, è una rifugiata, costretta a scappare dal suo villaggio natale di Lifta nel 1948 e in seguito espulsa a Ramallah dalle forze militari sioniste di occupazione. Rasmea cominciò a frequentare le riunioni della sezione palestinese del Movimento Nazionalista Arabo ( ANM ), un'organizzazione rivoluzionaria pan-arabista con sezioni in tutto il mondo arabo, quand’era una giovane donna. Successivamente si iscrive alla American University di Beirut, dove ha studiato economia politica.

Questa era l'epoca della nascita del moderno movimento rivoluzionario palestinese. L' Organizzazione per la Liberazione della Palestina è stata fondata nel 1964. La prima battaglia pubblica di Fateh è avvenuta nel 1965 e nel 1967 il FPLP è stato fondato.

Mentre il Fateh rivoluzionario del 1960 assomiglia poco politicamente al partito del presidente dell'Autorità Palestinese Mahmoud Abbas, il FPLP era un’alternativa marxista-leninista di coscienza, la conseguenza post- 1967, l’evoluzione della ANM, gettandolo in conflitto non solo con Israele e le forze americane, ma anche con la reazione palestinese e araba.

Le nuove organizzazioni hanno subito preso la direzione dell'OLP e rilasciato la Carta nazionale palestinese, ancora oggi in vigore. I palestinesi sia all'interno che all'esterno della Palestina accorrevano a sostenerli - apertamente allo scoperto dove potevano, e segretamente dall'interno dell'occupazione, di fronte alla minaccia del carcere israeliano. Allora, come oggi, il trattamento israeliano dei prigionieri politici palestinesi violava tutte le norme di decenza umana.

Nel 1969, le forze militari israeliane arrestarono Odeh stessa a Ramallah. Lei e sua sorella Aisha vennero portate al centro di detenzione Moskobiyeh, dove furono sottoposte a torture e violenza sessuale. Odeh ha raccontato le sue esperienze sotto la prigionia di Israele:

La prima volta mi spogliarono e mi gettarono sul pavimento, la stanza era piena di uomini - civili e militari. Ridevano della mia nudità e mi presero a calci, mi picchiarono con bastoni, mi pizzicarono ovunque, soprattutto sui seni, il mio corpo era coperto di lividi. Poi presero un bastone di legno, non uno liscio e lo spinsero dentro di me per rompermi l'imene. Portarono mio padre e il mio fidanzato a vedermi. Persi conoscenza e quando mi svegliai ero in un'altra stanza, sdraiata sul pavimento con una coperta sulle gambe, ma il mio corpo ancora nudo.

Odeh fu accusata di appartenenza al FPLP e con l'organizzazione di due operazioni militari palestinesi a nome del Fronte. Come il 99.74 per cento dei palestinesi che appaiono di fronte alle corti militari israeliane è stata condannata, e condannata con il carcere a vita. La casa di Rasmea e Aisha venne distrutta dalle autorità di occupazione dopo questo verdetto.

Eppure lei e le sue compagne donne prigioniere divennero simboli del movimento nazionale palestinese. Gruppi palestinesi e brigate presero i nomi dei prigionieri donne, tra cui quello di Rasmea, al fine di portare l'attenzione ai loro casi e onorare la loro lotta.

Il “Sunday Times” espose l'esperienza di tortura di Odeh nel 1977. Nel 1979 venne rilasciata insieme ad Aisha e 74 altri prigionieri palestinesi in uno scambio di prigionieri con la resistenza palestinese in Libano.

Successivamente Odeh continuò con la sua formazione diventando un avvocato. Rimase politicamente attiva e nel 1994 ha viaggiato negli Stati Uniti, ottenendo la cittadinanza nel 2005. Lì, si unì a numerosi parenti, molti dei quali giovani leader attivi e organizzatori a Detroit, Chicago e altrove.

L'arresto di Odeh è parte di una campagna in corso di repressione contro le comunità palestinesi e arabe negli Stati Uniti e in particolare contro i palestinesi che rimangono collegati alla lotta nella loro patria. I prigionieri politici popolano non solo le carceri israeliane ma anche quelle americane.

Il giorno del suo arresto, in aula e consulenza con il procuratore c’era l’ assistente statunitente avvocato Barry Jonas. Jonas aveva lavorato per condannare i “ Cinque della Terra Santa” e assicurò pene detentive fino a 65 anni di carcere per i cinque uomini che avevano organizzato opere di beneficenza palestinese che hanno donato agli stessi comitati come il “USAID”. I processi di Sami al -Arian, Abdelhaleem Ashqar, e Mohammad Salah sono parte della stessa passerella di casi dove si prendono di mira raccolte di fondi palestinesi e organizzatori di beneficenza per via di "materiale in sostegno al terrore. " Altrove, la polizia di New York ha preso di mira gruppi di attivisti palestinesi come Al - Awda New York per infiltrazione, mentre nel frattempo costruivano una massiccia retata di sorveglianza sulla comunità in modo più estensivo.

Questi casi si basano su precedenti tentativi a criminalizzare l'attivismo palestinese come i “Los Angeles 8”. Quegli otto attivisti, minacciati di deportazione, sono riusciti a portare questo caso ad una fine vittoriosa nel 2008 dopo 20 anni di battaglia legale.

Tutti i partiti politici palestinesi contrari a Oslo, tra cui il FPLP, Hamas e la Jihad islamica, sono stati inseriti nella lista di organizzazioni terroristiche straniere durante la sua creazione. Gli effetti di collocamento di questi partiti nella lista non sono solo limitati ad impatti diretti sulle comunità in esilio, ma anche dalla capacità del movimento di liberazione palestinese di perseguire un percorso indipendente dall’ Autorità palestinese e il finanziamento sotto il suo controllo.

Una critica comune della sinistra palestinese sollevata da scrittori e attivisti palestinesi solidali che discutono il futuro della lotta di liberazione palestinese, è la sua accettazione del finanziamento da parte dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina, collegato all’AP. Ma i partiti politici e i movimenti di liberazione richiedono fondi per operare - non solo per pagare gli stipendi, ma anche per sostenere i detenuti nelle carceri israeliane, o per sostenere l'organizzazione tra la popolazione. Il finanziamento che una volta veniva da raccolta fondi di base da parte della comunità palestinese in esilio, in particolare in Nord America, per rafforzare la politica palestinese progressista e di sinistra ha subito tagli dopo Oslo per via della criminalizzazione e le liste del terrore.

Questi tagli sono stati concepiti per rendere zoppicante l’organizzazione palestinese di liberazione - e così sfidare questi potrebbe essere un passo fondamentale per la prossima fase della lotta.

Nemmeno Odeh è sola nella sua lotta con il diritto interno dell'ordine, rendendo chiara la coralità di questa campagna per sventrare la lotta palestinese e di quelli che lo sostengono. Anche gli attori sono gli stessi: Jonas, il procuratore dei “5 della Terra Santa” che è comparso in udienza di Odeh, il quale sta anche conducendo l'inchiesta di 23 attivisti di solidarietà internazionale di Chicago contro la guerra e incluso Abudayyeh di AAAN.

Nel 2010, le case di attivisti di solidarietà internazionali contro la guerra sono state perquisite a Chicago, Minneapolis e Grand Rapids nel Michigan. Gli esempi di domande durante gli interrogatori non hanno lasciato alcun dubbio sulla ragione dei raid : l'FBI intendeva interrogare questi attivisti riguardo il FPLP,le delegazioni in Palestina, e il supporto per l'organizzazione progressiva delle donne palestinesi. Numerose domande sull'Unione dei Comitati delle donne palestinesi, un'associazione di sinistra delle donne palestinesi e la visita del presidente del UPWC Maha Nassar negli Stati Uniti nel 2003, sono state preparate per l'interrogatorio degli attivisti.

Odeh è comparsa in tribunale il 13 Novembre 2013 a Detroit, dove era chiamata in giudizio con un’accusa contro di lei: ottenere la naturalizzazione con la frode. Decine di sostenitori hanno protestato fuori dal tribunale e anche le organizzazioni in tutto il paese, dal Movimento giovanile palestinese di Studenti per la giustizia in Palestina nazionale e la Rete della comunità palestinese negli Stati Uniti, hanno chiesto di far cadere le accuse.

La ri - criminalizzazione di Odeh e la narrazione dei media con le quali hanno cercato di rafforzare questo scopo, sono semplicemente l'ultima fase di una spinta legale in corso contro la resistenza palestinese, tra cui l'isolamento dei leader della comunità e l'intimidazione del pubblico in larga maniera.

C'è un enorme potenziale per le nuove generazioni di attivisti palestinesi e gli organizzatori per affrontare non solo la carica criminalizzatrice contro gli attivisti palestinesi, ma per continuare a sviluppare il proprio lavoro per la liberazione della Palestina. Che comprende il sottoporre ad un ulteriore esame la storia del movimento palestinese in esilio prima di Oslo, prima delle liste del terrore e prima della legislazione del " materiale di supporto ". La profondità, la ricchezza e l'eredità storica del movimento progressista palestinese in esilio in America del Nord devono essere recuperati.

La sfida di repressione di Stato - e, più in generale, le politiche dell'epoca di Oslo - contengono il potenziale per ricostruire le strutture, le reti, e i potenziali di organizzazione della sinistra palestinese in esilio.
 

Fonte: Jacobin
Traduzione a cura di PalestinaRossa

 

 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente