Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

LIBERTA' PER SA'ADAT E PER TUTTI I PRIGIONIERI PALESTINESI!

Nell'ambito della settimana di azione globale in solidarietà con Ahmad Sa'adat e i prigionieri palestinesi come Collettivo Handala abbiamo deciso di manifestare la nostra solidarietà nei confronti degli oltre 5200 palestinesi detenuti nelle carceri dell'occupante sionista affiggendo una serie di striscioni che chiedono la loro immediata liberazione e per ribadire con forza che non sono stati dimenticati!

Sono migliaia i palestinesi e le palestinesi detenuti nelle prigioni di Israele. Vi sono uomini e donne adulti, ma anche minori. Vi sono palestinesi che si trovano in prigione da troppi decenni. Vi sono torturati ed ammalati, prigionieri sottoposti all'uso criminale della Detenzione Amministrativa, prigionieri che non si trovano più in carcere perché li dentro sono morti. I prigionieri palestinesi sono stati negli ultimi anni un riferimento importante nella ricerca di una unità tra palestinesi che sappia riprendere gli ideali originari della resistenza e della lotta di liberazione. Noi crediamo che i prigionieri siano l’essenza e le radici della lotta di liberazione di ogni popolo.

Crediamo che il sostegno e la difesa dei prigionieri debba essere un dovere per chiunque si senta vicino alle legittime aspirazioni di libertà e di autodeterminazione del popolo palestinese.

La storia di Ahmad Sa'adat è in tal senso esemplificativa di quanto perdurante, ostinato ed inumano possa essere il progetto sionista, incondizionatamente votato allo spossessamento criminale con ogni mezzo di tutto quello che ai palestinesi appartiene: la loro terra, le loro case, i loro diritti, la loro unità, la loro speranza, la loro vita.

Ahmad Sa'adat, leader palestinese, parlamentare e segretario generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, è detenuto nelle carceri israeliane dal 15 marzo 2006. Prima di allora, è stato detenuto nelle prigioni dell'Autorità Palestinese, sotto guardia statunitense e britannica, dal gennaio 2002. Dopo 11 anni di prigionia di Ahmad Sa'adat, alziamo la voce ancora una volta per dire: libero Ahmad Sa'adat! Liberi i prigionieri politici palestinesi!

Nel chiedere la liberazione di Sa'adat e di tutti i prigionieri facciamo appello a tutte le compagne e i compagni a scendere in piazza a Torino il 30 novembre per chiedere la sospensione di ogni relazione con Israele finché non rispetterà i diritti dei palestinesi e per denunciare chiunque collabori con l’oppressore, favorendo la colonizzazione e l’Apartheid in Palestina. Il 2 dicembre, infatti, nel capoluogo piemontese il governo italiano terrà un incontro con i vertici dell’entità sionista, per stringere nuove cooperazioni ed ancora più forti accordi di tipo economico, scientifico e militare, candidandosi così a rafforzare il suo ruolo di co-protagonista nell’aggressione imperialista ai popoli arabi. In vista di tale incontro il 30 novembre scenderemo in piazza per dire:
 

  • No al progetto sionista di pulizia etnica della Palestina
     
  • Sostegno alla lotta del popolo palestinese per il suo diritto al ritorno e all'autodeterminazione
     
  • Rigetto degli accordi di Oslo
     
  • Sostegno al BDS come alternativa alla cooperazione Italia-Israele
     
  • Sostegno alla Resistenza ed alle lotte dei prigionieri
     
  • Interruzione dei rapporti commerciali, economici, politici, militari e culturali tra l’Italia ed Israele
     

COLLETTIVO HANDALA SALERNO
 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente