Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Negare il rilascio del combattente George Abdallah rivela il vero voto della Francia

Marwan Al Abdell, membro dell'Ufficio Politico del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina in Libano, ha criticato la decisione francese di rinviare il rilascio del combattente rivoluzionario e compagno George Abdullah, sottolineando che questa decisione mostra la bruttezza discriminatoria della giustizia francese.

Ed ha aggiunto nell’intervista televisiva all’emittente “Midan”: “ sebbene la questione dell’arresto del militante Abdullah si sia conclusa, comunque negare il suo rilascio ha dimostrato che il suo arresto e’ di natura politica, ed ha rilevato il vero volto della francia mettendo cosi in imbarazzo il suo sistema giudiziario, e ha dimostrando il servilismo francese alle richieste americane”.

Inoltre ha dichiarato che i francesi hanno fallito nel tentativo di far rinnegare a George Abdallah il suo passato militante, in quanto rappresenta un periodo storico della lotta.

Ha aggiunto: “la resistenza del combattente Abdullah stabilisce dei valori importanti che rimarranno solo di proprietà di George Abdullah, ricordando che e’ stato tra coloro che hanno rifiutato la tregua, anche solo l’idea, con l’occupazione negli anni settanta, decisione adottata anche da parte del Fronte Popolare. L’esperienza di lotta di Abdullah ci ha insegnato che non importa quanto il nemico stringa la nostra liberta’, ma la fermezza e la forza di volonta’ avranno la meglio su queste catene”.

Abdel Al ha dichiarato: “ Il compagno combattente George Abdullah ha iniziato la sua lotta principalmente dal campo, il suo scopo specifico era quello di lottare per la vittoria della causa palestinese. Su questa linea ha resistito ed insistito, oltre a ciò, era conosciuto per la sua intelligenza tagliente e la sua astuzia oltre ad essere un interlocutore fantastico. Esso e’ stato uno dei primi ad avere dei colloqui con George Habash agli inizi della guerra in Libano, dato che non era ancora conosciuto da tutti. Dopo che ha scelto di far parte dell’ala militante del Fronte, il suo arresto si e’ trasformato in una questione politica, mettendo cosi a processo l’intera lotta contro l’occupazione.”

Abdel Al ha confessato che c’è stata una mancanza da parte di tutti nel dare appoggio al compagno George Abdulah, sottolineando che e’ lui colui che ha conferito alla causa palestinese consapevolezza e storia, a cui non dobbiamo sottrarci.

Ha spiegato Abdel Al, che molti intellettuali francesi sono convinti del fatto che la magistratura francese sia discriminatoria e che e’ vicina alle idee del colonialismo, aggiungendo, che anche i governi arabi non sono lontani da queste, perché fanno parte della stessa composizione. L’amministrazione ed il controllo di questa regione avviene attraverso i governi, anche quelli nuovi e legittimati non possono essere esclusi da tale controllo.

Inoltre Abdel Ali ha commentato le procedure legali che possono essere eseguite da George Abdulla una volta rilasciato: “che ottenga in primis la libertà, che e’ il più grande successo, una volta raggiunto, Abdulah, dimostrerà di aver spezzato le loro finte accuse e il loro modo di fare bullismo alla Cow Boy americano. Il militante Abdullah continuerà la resistenza con i suoi principi e la lotta perché oramai fanno parte del contesto della lotta e non ne sono mai venuti fuori. E’ collettiva la responsabilità di sollevare le questioni di compensazione nei confronti delle autorità francesi”.
 

Fonte: PFLP
Trduzione a cura di PalestinaRossa

 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente