Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

NEOFASCISTI E PALESTINA: UNA FALSE FLAG AL SERVIZIO DEL SIONISMO

La collaborazione politica tra neofascismo e sionismo è un fatto dimostrato in Ucraina, in Brasile, in Venezuela, così come nella stessa Palestina occupata: quindi non c’è da meravigliarsi che lo sia anche in Italia. Nell’ultimo caso, però, sta sempre più prendendo le forme di operazioni di false flag (falsa bandiera), che ha lo scopo di intossicazione dell’opinione pubblica, in modo da danneggiare la Resistenza antisionista e legittimare l’Occupazione, il Colonialismo e l’Apartheid israeliano contro i palestinesi.

In una verosimile triangolazione tra neofascisti-Viminale-ambasciatad’israele, i primi hanno infatti lanciato un “Corteo per la Palestina” da tenersi a Roma il prossimo 9 marzo. Evidente è l’obiettivo di mettere in difficoltà gli antimperialisti e gli antisionisti, con un'iniziativa di solidarietà pelosa, come mezzo per fargli terra bruciata intorno, cercando di buttarsi in questa parte della barricata e creare scompiglio tra le nostre fila, già colme di tanti “se” e tanti “ma”.

Proprio come ne l libro “Attraverso l’inganno”, in questa spericolata operazione politico-mediatica poco importa agli infami che l’islamofobia neofascista contraddica in termini importanti contenuti presenti nell’attuale Resistenza palestinese e arabo-islamica mediorientale; che contraddica in termini le vulgate governative e statuali che rivalutano i neofascisti, che non li sgomberano perché li ritengono “puliti” o che li assolvono quando inneggiano al nazismo in uniformi naziste.

Importa invece contrattaccare e denunciare come questa operazione “faccia scopa” con l’opposto atteggiamento della stessa Procura di Milano che inventa reati contro gli antisionisti, come sia coerente con il pensiero sionista del capo del Viminale e come sia propedeutica all’apologia del Sionismo fatta ancora da certa “sinistra” piddina e radical chic, che già sta scaldando i motori per la campagna di usurpazione politica e mediatica, in vista del prossimo 25 Aprile. Dove l’accostamento tra neofascisti e Palestina, ne siamo certi, rappresenterà una freccia utile da infilare nel fodero della manipolazione insieme quella, oramai spuntata, relativa alla fake news di identificazione della Resistenza palestinese anticlonialista, col vecchio Gran Mufti di Gerusalemme, che tanto piace invocare da parte degli “Amici di Israele”, trasversali nelle istituzioni dello Stato italiano.

Per questo invitiamo tutte le organizzazioni palestinesi, in favore della Palestina, antisioniste e antimperialiste a mobilitarsi contro questa operazione mediatica di intossicazione, orchestrata dal triangolo della morte della coscienza nazi-sionista-poliziesco!

Fronte Palestina
 

Commenti

LA SOLIDARIETÀ CON LA PALESTINA È ALLERGICA AI FASCISTI

Ci risiamo: la teppa fascista, in tempi di “governo amico”, crede di poter rialzare la testa, e prova (nell’intervallo tra il pestaggio di un immigrato e quello di uno studente) ad allungare le mani sulla questione palestinese.

I fascisti di Forza Nuova hanno indetto un corteo “Palestina libera” per sabato 9 marzo, nel tentativo di appropriarsi non soltanto dei nostri quartieri e territori, ma anche dei nostri contenuti e ambiti di intervento politico (complice, in questo, la latitanza dei partiti cosiddetti “di sinistra”, che sulla questione palestinese hanno tirato fuori la posizione dell’equidistanza tra i due popoli, dimenticandosi la differenza tra oppressi e oppressori e lasciando così spazio alla retorica sovranista neofascista).

Come associazioni solidali con la giusta lotta di liberazione del popolo palestinese contro l’occupazione sionista, come antifascisti militanti che praticano l’antifascismo mettendo al centro di tutte le iniziative politiche i criteri dell’antirazzismo, dell’antisionismo e dell’antimperialismo, denunciamo la strumentalità dell’operazione neofascista e ricordiamo che I SINCERI AMICI DELLA PALESTINA:

  • MANIFESTANO IN DIFESA DEL VENEZUELA BOLIVARIANO DI NICOLÀS MADURO!

  • SI SCHIERANO CONTRO LE POLITICHE DI RESPINGIMENTO MESSE IN ATTO NEI
    CONFRONTI DEI NOSTRI FRATELLI MIGRANTI E CONTRO LE POLITICHE SECURITARIE CHE SOFFOCANO LE LOTTE SOCIALI!

  • SCENDONO IN PIAZZA IL 25 APRILE NEL NOME DEI VALORI PARTIGIANI, PER
    CELEBRARE LA FESTA DI LIBERAZIONE DAL REGIME NAZIFASCISTA!

La lotta del popolo palestinese è lotta di liberazione dall’occupante, è resistenza popolare che si batte contro l’imperialismo e lo sfruttamento. Perciò….

FUORI I FASCISTI DALLA SOLIDARIETÀ CON LA PALESTINA!

Forum Palestina - Comitato “Palestina nel cuore”

I fascisti di Forza Nuova hanno indetto per il 9 marzo a Roma-Eur un corteo “per la Palestina” ispirati dal loro odio antisemita e facendosi scudo con la Palestina che subisce l’occupazione e l’apartheid israeliana.

In un Paese, come il nostro, nel quale sempre più si stanno alterando valori e funzioni e dove le pulsioni peggiori della popolazione sono sollecitate da chi dovrebbe per compito istituzionale contenerle, non c’è da meravigliarsi se una formazione come Forza Nuova decida di sostenere, sia pur strumentalmente, la nobile causa palestinese.

Certamente,  per questa sua decisione, Forza Nuova non riuscirà a confondersi nell’area democratica del Paese. I copiosi retaggi di fascismo di cui si fa portatrice la relegano fra le entità da isolare, perché non deturpino la nostra convivenza civile ed inquinino il tessuto democratico dello Stato nato dalla lotta popolare della Resistenza. Nondimeno, in questa circostanza, noi vogliamo esaltare i valori fondanti della nostra posizione politica, che sono: l’antifascismo, l’antirazzismo, l’antisessismo, la strenua avversione all’ antisemitismo, l’impegno per la  Giustizia, la Libertà,  la Pace, la Democrazia,  l’opposizione del Diritto alla forza, l’Eguaglianza di tutti gli esseri umani in un mondo senza barriere.

E’ perché crediamo in questi valori e ci battiamo per essi che ci siamo schierati a fianco del Popolo Palestinese ed intendiamo farlo per chiunque patisca un’ingiustizia o sia sotto oppressione. Nessuno di questi valori appartiene a Forza Nuova, la cui impostura va smascherata, anche per impedire che si getti discredito sulla Palestina e sulla resistenza del suo popolo, che nulla hanno a che fare con i nazi razzisti che negano i diritti umani, la libertà e la convivenza tra i popoli. 

Ai Palestinesi, ribadiamo la nostra amicizia e confermiamo il nostro impegno al loro fianco. Non temano: la scelta di Forza Nuova non offuscherà la nobiltà della loro causa.

Roma 28 febbraio 2019

Amici della Mezza Luna Rossa Palestinese, Assopace Palestina, Centro Italiano di Scambi Culturali di Gaza – Vik, Donne in Nero, Rete ECO – Ebrei Contro l’Occupazione, Rete ISM Italia, Rete Radié Resh, Un Ponte per…                

aderenti alla Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente