Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Niente più prodotti dell'Ahava per l'alleanza di Farmacie olandesi

Sulla base di una campagna e ricerca portate avanti sul lungo periodo, Article 1 Collective ha scoperto recentemente che le farmacie Alphega hanno smesso di vendere prodotti Ahava. Alphega, che comprende Dutch Kring Apotheken, è una rete europea di oltre seimila farmacie indipendenti. Alphega è di proprietà di Alliance Healthcare. 

La portavoce di Alliance Healthcare Netherlands, Anneloes Bouw, ha confermato quanto riportato da Article 1 Collective venerdì 18 settembre 2015, che Alliance Healthcare dà alle sue farmacie in concessione Alphega parere negativo riguardo ai prodotti del Mar Morto di Ahava: "Niente Ahava sugli scaffali."

La portavoce ha detto che Ahava non viene più messo in vendita, in quanto i prodotti non si vendono bene. Quando le è stato chiesto il motivo, la portavoce ha ammesso di essere ben informata sulle discussioni concernenti i prodotti degli insediamenti colonici israeliani. Ha negato che questa questione abbia influenzato l'attività decisionale.

Ahava è sotto i riflettori degli attivisti internazionali per i diritti umani. Le proteste contro Ahava sono concentrate intorno al fatto che Ahava sfrutta risorse naturali palestinesi nella parte palestinese del Mar Morto e per il fatto che la sua sede si trova in un insediamento israeliano illegale. L'organizzazione palestinese per i diritti umani Al Haq spiega questi fatti in un video sul proprio sito Internet.

Sulla base dell'appello della società civile palestinese per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) diverse campagne internazionali, a partire dal 2009, hanno cominciato a indirizzare la loro protesta contro Ahava.

Il gruppo di azione statunitense Code Pink scrive sul suo sito web Stolen Beauty che "Ahava promette Segreti di Bellezza del Mar Morto. Ma i veri segreti che mantiene sono una brutta verità - i suoi prodotti in realtà provengono da risorse naturali rubate ai palestinesi nei Territori Occupati della Cisgiordania palestinese, e sono fabbricati nella colonia illegale di Mitzpe Shalem ".

A Londra, Ahava è stata costretta nel 2011 a chiudere il suo negozio dopo che i consumatori avevano protestato contro Ahava.

Nei Paesi Bassi, la Bathrobe Brigade, fondata da un gruppo di giovani donne nel 2009, ha protestato in accappatoio rosa contro Ahava e ha scritto il proprio biasimo a Kring Apotheken.

Brechtje van Bergen di Bathrobe Brigade reagisce alla notizia:

"Siamo felici che la vendita di Ahava sia stata fermata. Abbiamo organizzato un sacco di azioni ludiche per rendere le obiezioni contro Ahava note al grande pubblico. Nessuno acquista bellezza da prodotti rubati. I cosmetici non dovrebbero mai essere prodotti a spese dei diritti umani ".

Uno dei primi successi nella storia del boicottaggio dei consumatori è stata l'azione olandese del 1972 contro il supermercato Albert Heijn a causa delle sue vendite dell'Angola caffè. "Nel giro di tre settimane il boicottaggio ha avuto successo", ricorda Sietse Bosgra (Comitato Africa meridionale) su Volkskrant del 24 giugno 1995.

Article 1 Collective conclude che i prodotti Ahava non si vendono bene per la loro cattiva reputazione in materia di diritti umani e del diritto internazionale. Ahava si trova in uno degli insediamenti colonici israeliani e sfrutta le risorse naturali palestinesi, cosa illegale secondo il diritto internazionale e un ostacolo alla pace.

Article 1 Collective si rallegra per il fatto che sempre più consumatori sono a conoscenza dei problemi che riguardano le colonie israeliane e conclude che i consumatori si rifiutano sempre più di acquistare questi prodotti.

Shawan Jabareen, direttore dell'organizzazione palestinese per i diritti umani Al Haq, commenta la notizia:

"Questo è un passo positivo. Dimostra che gli atti illeciti non possono continuare senza persone che alzino la voce contro di essi. Inoltre, questo passo ravviva la speranza che la giustizia uno giorno prevalga ".

Fonte: Article 1 Collective
Traduzione di BDS Italia

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente