Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Un numero senza precedenti di celebrità sportive si batte per i diritti dei palestinesi

Professionisti maschili e femminili del football (sia calcio che football americano), intere squadre di calcio, giocatori di cricket, giocatori di basket, pugili e altro hanno tutti voluto mostrare coraggiosamente attraverso i social media la loro solidarietà ai palestinesi che vivono sotto la brutale oppressione dell'apartheid israeliano.

Durante la più recente ondata di violenti attacchi israeliani contro i palestinesi un numero senza precedenti di atleti di tutto il mondo e di tutti gli sport si è espresso a favore dei diritti dei palestinesi.

Mentre Israele effettuava attacchi militari a Gaza sotto assedio uccidendo più di 247 palestinesi, tra cui 66 bambini, attuando una pulizia etnica a Sheikh Jarrah nella Gerusalemme Est occupata, reprimendo con violenza le proteste dei palestinesi ed eseguendo arresti di massa in tutta la Cisgiordania occupata e nell'attuale Israele, molti nel mondo dello sport hanno espresso la loro indignazione. Professionisti maschili e femminili del football (sia calcio che football americano), intere squadre di calcio, giocatori di cricket, giocatori di basket, pugili e altro, hanno tutti voluto mostrare coraggiosamente attraverso i social media la loro solidarietà ai palestinesi che vivono sotto la brutale oppressione dell'apartheid israeliano.

Gli atleti palestinesi hanno da tempo documentato gli attacchi brutali e persistenti di Israele contro gli sport palestinesi. Più di una volta Israele ha colpito con armi da fuoco e imprigionato atleti palestinesi e ucciso bambini palestinesi che giocavano a calcio. Lo scorso maggio i soldati israeliani hanno ucciso due promettenti giocatori di football, il sedicenne Said Odeh di Balata nella Cisgiordania occupata e Muath Nabil Al-Zaanin della Beit Hanoun FC a Gaza. Israele ha bombardato e distrutto stadi e strutture sportive palestinesi e nega regolarmente la libertà di movimento agli atleti palestinesi che si recano agli allenamenti e alle partite, sia all'interno dei territori palestinesi occupati che all'estero. Solo nel 2018 i cecchini israeliani hanno posto fine a Gaza alla carriera di decine di atleti palestinesi che partecipavano a proteste pacifiche. La Israel Football Association comprende club israeliani con sede nelle colonie illegali su terra palestinese rubata e ha omesso di contrastare il razzismo dilagante nel calcio israeliano.

Israele usa invece gli eventi sportivi internazionali per ripulire il suo regime di occupazione militare, colonialismo di insediamento e apartheid contro i palestinesi.

I palestinesi chiedono al mondo dello sport di prendere posizione a favore dei diritti dei palestinesi rifiutando di partecipare agli eventi israeliani di ripulitura della propria immagine attraverso lo sport e unendosi alla campagna globale di boicottaggio di Puma in seguito alla sua complicità con l'apartheid israeliana attraverso la sua sponsorizzazione della Israel Football Association .

Di seguito solo alcune delle recenti manifestazioni di solidarietà di atleti e squadre di tutto il mondo.

[per vedere i tweet: https://bdsmovement.net/news/sports-stars-stand-for-palestinian-rights-unprecedented-numbers, N.d.T.]
 


Fonte: BNC
Traduzione di BDS Italia

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente