Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Veolia dismette parte del suo business nei Territori Palestinesi Occupati

Dopo aver terminato il suo servizio di trasporto pubblico con le linee bus nella colonia di Modi'in lo scorso mese, Velia Transportation Israel (Connex Israel) ha annunciato sul suo sito web la scorsa settimana di aver venduto i veicoli usati per i servizi di trasporto alla compagnia israeliana Afikim.

"Connex Transportation Israel, conosciuta anche come Veolia Transportation, è stata venduta alla compagnia Afikim. Nei prossimi mesi, tutti gli assets di Connex Israel subiranno un processo di rebranding a favore della compagnia Afikim (cambio delle icone, dei caratteri e tutti gli altri simboli che caratterizzano la compagnia). In questo periodo, le linee bus offerta da Veolia saranno passate di mano ad Afikim, fermo restando la stessa numerazione delle linee.”

La squadra di ricerca di WhoProfits ha verificato la validità delle affermazioni con il registro delle compagnie israeliane, e ha confermato che ora Voelia Connex Israel è totalmente proprietà di Afikim.

Ciò significa che la compagnia israeliana, oltre alle 35 linee bus che servono dozzine di colonie, arriverà a gestire tre ulteriori linee che che servono la comunità ultra ortodossa degli Hredim tra Bnei-Brak e Gerusalemme. Le linee (la 422, 425 e la 427) attraversano i Territori Palestinesi Occupati a Mahane Ofer, Givat Ze'ev e a Gerusalemme Est.

Resta comunque importante tenere a mente che Veolia rimane ancora profondamente e direttamente implicata nel business dell'occupazione militare, gestendo servizi di smaltimento dei rifiuti nella discarica di Tovlan nei Territori Occupati attraversa una sua società sussidiaria e con il servizio ferroviario che cogestisce con Citypass e Connex Jerusalem.
 

Fonte: whoprofits.org
Traduzione a cure di BDS Italia

 

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente