Link e Siti esterni
Informazioni e Notizie
Articoli ed Analisi

Analisi e Articoli

Vittoria BDS: Ahava sta per lasciare i territori palestinesi occupati

L'Ahava spostarà il suo impianto all'interno della Linea Verde

Una lotta ingaggiata da anni dal movimento BDS contro l'impresa israeliana di cosmetici Ahava si è conclusa con una vittoria per gli attivisti contro l'occupazione. Dopo che siti di notizie economiche hanno recentemente riportato che una compagnia cinese aveva iniziato colloqui per comprare l'impresa, questa ha annunciato oggi di aver intenzione di spostare il proprio impianto da Mitzpeh Shalem, in Cisgiordania, al kibbutz Ein Gedi, che si trova presso l'impianto originale, ma all'interno della Linea Verde. La costruzione della nuova fabbrica di Ahava richiederà due anni.

Benché il titolo in prima pagina di Yediot Achronot descriva falsamente l'annuncio dell'impresa come una ammissione che è stata "sconfitta dall'odio", ciò è chiaramente falso. Si è trattato senza dubbio solo di una questione di affari.  Probabilmente i nuovi proprietari della ditta cinese, che hanno acquistato l'impresa lo scorso settembre per 75 milioni di dollari, non volevano avere la seccatura di continue proteste in giro per il mondo e vedere infangato il proprio nome. Vorrebbero piuttosto comprare un prodotto con un notevole potenziale e sviluppare i propri affari senza intralci. Gli attuali proprietari israeliani preferirebbero di gran lunga incassare i proventi del loro investimento piuttosto che difendere il principio che gli ebrei hanno diritto ad ogni palmo della terra di Israele. Il denaro ha sconfitto il "principio". In questo caso, il denaro era nel giusto, il principio era sbagliato. 

Bisogna tener presente che il prezzo di vendita di 75 milioni di dollari sarà diviso tra gli attuali proprietari israeliani che sono i membri di alcuni kibbutz (Kalia, Mar Morto e Mitzpeh Shalem), situati nei territori palestinesi occupati, e la famiglia Livnat, una delle famigerate 18 famiglie dell'oligarchia israeliana che controlla un'enorme quantità dei capitali nazionali. Per cui la vendita in sé andrà a beneficio di coloro che hanno tratto profitto dal furto della terra e delle risorse palestinesi. 

Ahava ora si unisce ad almeno altre tre imprese, tra cui Sodastream, che hanno spostato le sedi dai territori occupati all'interno di Israele. La notizia di oggi giunge sulla scia del rapporto annuale di G4S [multinazionale inglese della sicurezza. Ndtr.], in cui si afferma che l'impresa lascerà il mercato israeliano nei prossimi due anni:

"Attraverso il nostro programma di costante gestione del piano di investimenti, prevediamo anche di uscire da un certo numero di altre attività con ricavi complessivi per circa 400 milioni di sterline in un lasso di tempo tra i 12 e i 24 mesi, compreso G4S Israele..." 

L'impresa internazionale fornisce servizi di sicurezza privata a molte ditte, prigioni e colonie israeliane, ed è stata un bersaglio del BDS per alcuni anni. 

Congratulazioni a CodePink [Ong statunitense diretta da donne. Ndtr.]  per la sua brillante campagna "Bellezza Rubata" e a tutte le altre Ong che hanno lavorato così duramente per ottenere questo risultato. Sicuramente la lotta non è finita. Ma questa è una vittoria da assaporare.

Richard Silverstein

Fonte: Tikun Olam
Traduzione di BDS Italia

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente