Accordi di OSLO

L’OLP ha deluso i Palestinesi, ricominciamo da zero

Nei mesi scorsi sono state fatte molte ipotesi sul fatto che i principali partiti politici palestinesi (Fatah ed Hamas) possano definitivamente riconciliarsi.

Sebbene i due partiti abbiano negoziato numerosi accordi sin dal 2005 nessuno di questi è mai stato applicato. La loro mancanza di volontà nel voler raggiungere un accordo d’unità nazionale è sintomatico di un fallimento più grande: l’incapacità del movimento nazionale palestinese di raggiungere i propri obiettivi. Mentre quest’anno cascherà il sessantacinquesimo anno dalla Nakba – la pulizia etnica che ha permesso la fondazione di Israele – ed il ventennale degli accordi di Oslo questa persistente discordia mette in luce anche un’altra preoccupazione incalzante: oggi chi rappresenta il popolo palestinese?

VERSO UNA NARRAZIONE PALESTINESE DEL CONFLITTO

Queste riflessioni (frutto della rielaborazione di appunti usati per il corso di formazione per attivisti organizzato da ISM-Italia) nascono dalla constatazione che l'analisi della natura del conflitto in Palestina - in particolare l'ideologia e la pratica del movimento sionista - è un aspetto fondamentale per l'elaborazione di una strategia efficace di solidarietà con la causa palestinese. Inoltre, esse intendono contribuire al dibattito in corso all'interno del movimento di solidarietà con la causa palestinese al fine di creare una base condivisa di analisi e avanzare una piattaforma comune di azione.

Raccolgo con entusiasmo l'invito di fornire un contributo in merito al rapporto sull'incontro con Michele Giorgio, pubblicato da PalestinaRossa qualche giorno fa, per un convegno nazionale in cui si discuta di questi temi.

Decostruire falsi paradigmi, pregiudizi e luoghi comuni

Il discorso sionista sulla Palestina ha creato una serie di distorsioni del modo in cui molti, soprattutto in occidente, percepiscono il conflitto. Una di queste distorsioni consiste nella restrizione della dimensione storica e geografica della Palestina, che avviene attraverso varie forme:

Analisi dell'attuale situazione palestinese, proiezioni future e proposte di resistenza

Report dell'incontro con Michele Giorgio a Milano

LA “CRISI” DELLA SOLIDARIETÀ CON LA PALESTINA

Nell'ambito della solidarietà con la Palestina, a livello sia nazionale sia internazionale, ormai da tempo si riscontrano difficoltà nel creare una base condivisa da cui partire e su cui lavorare. Riteniamo che questo fenomeno sia una naturale conseguenza delle plurime visioni che della Palestina hanno gli stessi palestinesi, divergenza ancor più evidente se si guarda ai vertici delle classi dirigenti.

L'UNICO VENTO CHE SOFFIA DAVVERO È QUELLO DELLA RESISTENZA

«Se siete neutrali in situazioni di ingiustizia, avete scelto la parte dell´oppressore»

Vescovo Desmond Tutu


Un'iniziativa CIPMO in collaborazione con i Comitati per l’Iniziativa di Ginevra
e grazie al sostegno del Ministero degli Affari Esteri e Fondazione CARIPLO

Circa una settimana fa si è tenuto presso Palazzo Marino a Milano un seminario riservato agli israeliani e ai palestinesi "addetti ai lavori" dal titolo “Tra Final Status e management del conflitto: il possibile uso delle Confidence Building Measures e i possibili percorsi di riconciliazione”. In sostanza si è trattato della classica e solita rincorsa alla ricerca di forme atte ad innescare un apparente pacifismo sociale: fin dall'inizio degli accordi sulla sicurezza, che per Israele sono la conditio sine qua non per sedersi ai tavoli delle trattative "di pace", è risultato evidente che l'obiettivo fosse colpire la resistenza palestinese e infondere una divisione all'interno della società.

Pagine

Subscribe to RSS - Accordi di OSLO

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente