Accordi di OSLO

L'AUTORITA' PALESTINESE - priva di qualunque autorità

Gli "Accordi di Oslo", inizialmente intesi per creare un governo proprio palestinese, hanno invece lasciato i palestinesi con "sacche" autonome che servono solo a rinforzare l'egemonia di Israele.

"Tutto andrà bene", la piacevole trasmissione di "Army radio" (radio dell'esercito) ha una redazione più giovane rispetto a quella di "Voice of Palestine" (voce della Palestina): a "Good Morning Palestine" (Buon giorno Palestina) il microfono a volte è aperto a cittadini qualunque che hanno delle lamentele da fare verso le varie istituzioni della burocrazia palestinese. Come a "Tutto andrà bene" il conduttore del programma trova più semplice rispetto alla gente comune individuare il numero di telefono di chi sia responsabile di cosa e strappare una promessa che al problema che viene discusso verrà trovata una soluzione.

PALESTINA 19 ANNI DOPO OSLO: QUALCHE NOTA E ALCUNE RIFLESSIONI

Il 13 settembre 1993 venivano firmati gli Accordi di Oslo, fin da subito motivo di reazioni e giudizi contrastanti: da una parte sembrò aprirsi la speranza di un processo che avesse come esito la costituzione di uno Stato palestinese indipendente, dall'altra le enormi rinunce che gli accordi comportavano da parte palestinese furono giudicate un passo indietro e un tradimento delle aspettative generate dall'Intifada e dal protagonismo palestinese degli ultimi anni, a causa dello svuotamento del ruolo dell'OLP.

Il bilancio che se ne può fare oggi è quello di un totale fallimento degli auspici. In questi 19 anni, quello che si è consumato è stato un processo ben diverso, che non ha creato in realtà nessun presupposto per una pace equa e duratura, e che oggi vede una situazione in cui Israele, che di fatto è sempre più padrona del campo, ribadisce arrogantemente ogni giorno e sotto ogni punto di vista la sua ingiusta supremazia.

Ricostruire l'OLP: un appello urgente per unire tutti i palestinesi

I palestinesi in tutto il mondo devono mobilitarsi insieme
per una nuova generazione di lotta

E’ stato appena rilasciato pubblicamente un appello nazionale sulla stampa palestinese e agenzie di stampa, dove si invitano i palestinesi in tutto il mondo a partecipare alla registrazione dell’unità civile per le elezioni del Consiglio Nazionale Palestinese. Questa iniziativa ha lo scopo di recuperare un'istituzione nazionale palestinese, l'Organizzazione per la Liberazione della Palestina. L'invito e la sua pubblicazione sono un evento importante per il popolo palestinese per una serie di motivi.

La terza Intifada e’ inevitabile

Israele, favorito da anni di cooperazione senza precedenti con le forze palestinesi in Cisgiordania, manca di qualsiasi incentivo per porre fine all’occupazione, mentre i palestinesi hanno perso ogni speranza che gli israeliani concedano loro uno Stato – scrive l’analista Nathan Thrall

All’inizio di giugno, durante un incontro privato con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e i suoi consiglieri di sicurezza, un gruppo formato da esperti sul Medio Oriente ed ex funzionari dell’intelligence ha ammonito che una terza Intifada è imminente. Essi hanno spiegato che l’immediato catalizzatore potrebbe essere un’altra moschea devastata da coloni ebrei (come quella incendiata martedì 19 giugno) o la costruzione di nuovi insediamenti. A prescindere da quale sia la miccia, alla base del fermento in Cisgiordania vi è l’opinione generale che il presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese, Abu Mazen, si trovi in un vicolo cieco.

Pagine

Subscribe to RSS - Accordi di OSLO

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente