Ahmad Saadat

Dichiarazione dal Ramo nelle carceri del FPLP nel giorno dei prigionieri palestinesi: sollevare la questione dei prigionieri in tutte le arene internazionali

Per le masse del nostro popolo in lotta, nelle vie e nelle piazze della Palestina, nei campi, in esilio e nella diaspora scriviamo da dietro le sbarre e queste alte mura.

I vostri figli imprigionati e i vostri compagni di lotta per la nostra patria e la nostra causa vi salutano. Chiniamo il capo davanti ai martiri il cui sangue è stato versato ogni giorno nella lotta per la Palestina, per la nostra gente, per i nostri diritti e la nostra terra. Salutiamo le madri dei martiri e dei prigionieri, abbracciamo la resistenza del popolo palestinese e i suoi combattenti, orgogliosi di Gerusalemme dove la popolazione combatte giorno e notte in difesa della loro libertà, della loro dignità e della loro identità.

Il nostro valoroso popolo rinnova la lotta e continua il percorso della rivoluzione e della resistenza per liberare la nostra terra dall’occupazione e per raggiungere la liberazione e il ritorno dei profughi.

Siamo con voi oggi in occasione della Giornata dei prigionieri palestinesi, momento in cui cui il nostro popolo si unisce alla causa dei prigionieri che ricorre ogni anno ma che sostiene quotidianamente. Cogliamo l'occasione per salutare i martiri del movimento dei prigionieri le cui vite sono state prese dai torturatori sionisti e nelle misere cliniche del carcere a causa della voluta e deliberata negligenza medica. Salutiamo i fratelli e i compagni che lottano in Ramle, clinica della prigione, le sorelle e le compagne nelle carceri di Hasharon e Damon, i detenuti anziani ed i nostri giovani figli imprigionati.

Il FPLP marcia a Gaza e non è in vendita!

Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina in risposta ai nuovi attacchi del Presidente dell'Autorità palestinese Mahmoud Abbas, che vorrebbe negare i fondi destinati al Fronte, ha organizzato un manifestazione a Gaza lo scorso 12 aprile.

Masse di palestinesi hanno marciato dal campo Saraya fino alla Piazza del Milite Ignoto a Gaza City, in occasione della Giornata dei prigionieri palestinesi ed a 40 giorni dal martirio avvenuto dentro l'ambasciata palestinese dell'ex detenuto e leader compagno Omar Nayef Zayed. All'iniziativa ha partecipato una grande folla di persone tra cui dirigenti, quadri e membri del Fronte.

Barakat: Omar Nayef Zayed è stato trattato come un ostaggio senza diritti

L'assassinio alla fine di febbraio del compagno Omar Nayef Zayed, ex prigioniero palestinese e leader del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina in Bulgaria ha scosso la coscienza del popolo palestinese e dei suoi sostenitori, tanto più che il reato ha avuto luogo all'interno dell'ambasciata palestinese a Sofia.

Il periodico Al-Hadaf si è messo in contatto con il compagno Khaled Barakat (attualmente nella capitale bulgara), scrittore di sinistra palestinese e coordinatore internazionale della Campagna per la Libertà di Ahmad Sa'adat, quotidianamente in contatto con il martire e la sua famiglia e molto vicino alla campagna di solidarietà internazionale che è stata lanciata una settimana dopo che Omar Nayef Zayed ha cercato rifugio presso l'ambasciata palestinese.

Decimo anniversario dell’attacco a Gerico e del rapimento di Sa’adat: Il tempo non cancella il crimine

Il 14 marzo del 2006 le forze sioniste armate fino ai denti fecero irruzione nella prigione di Gerico con carri armati e diversi tipi di armi seguendo un piano premeditato, con la piena complicità di forze britanniche e statunitensi. Attaccarono la prigione e catturarono Ahmad Sa’adat, il Segretario Generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, ed i suoi compagni giudicati responsabili dell’assassinio del funzionario sionista Rehavam Ze’evi quale rivendicazione dell’uccisione del Segretario Generale dell’FPLP Abu Ali Mustafa e dei compagni Ahed Abu Ghoulmeh, Majdi Rimawi, Hamdi Corano e Basil al-Asmar.

Dieci anni dopo questo crimine la Campagna per la Libertà di Ahmad Sa’adat ribadisce ancora una volta che questo crimine, oltre ad essere un ulteriore capitolo della storia dei crimini sionisti contro il popolo palestinese ed i suoi leader, è stata anche un’azione vile e sleale compiuta dall’Autorità Nazionale Palestinese.

Pagine

Subscribe to RSS - Ahmad Saadat

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente