Al Fatah

PALESTINA, PROTESTE ANTI-TASSE: “FAYYAD, DIMETTITI”

Manifestazioni contro il piano fiscale dell’ANP che prevede un’impennata delle imposte: per il popolo responsabile del deficit è l’occupazione israeliana. A guidare le proteste una ritrovata sinistra palestinese. Fayyad si difende: piano necessario all’indipendenza dagli aiuti esteri.
 

Roma, 06 febbraio 2012

Le proteste contro l’aumento delle tasse in Cisgiordania non si fermano e arrivano a colpire personalmente il primo ministro palestinese: dimissioni subito, questa la richiesta dei manifestanti che nell’ultimo mese sono scesi nelle piazze delle principali città.

Hebron, Ramallah, Nablus, Betlemme, Salfit. Centinaia i palestinesi che hanno preso parte a manifestazioni contro il premier Salam Fayyad e il suo piano fiscale volto a ridurre la dipendenza dei Territori Occupati dagli aiuti esteri. Soprattutto dopo il congelamento di finanziamenti da donatori storici come gli Stati Uniti, che hanno cucito il portafoglio dopo la richiesta di indipendenza presentata a settembre da Abbas alle Nazioni Unite.

ABU MAZEN: NO NEGOZIATI SENZA CONFINI. E I PRIGIONIERI?

Ieri il presidente dell’ANP ha bloccato i colloqui con Israele: nessun tavolo senza confini stabiliti. Ma ancora una volta Ramallah dimentica i temi cruciali: colonie, rifugiati e prigionieri politici. Che continuano a crescere: in una settimana, quattro i parlamentari arrestati.

 

Beit Sahour (Cisgiordania), 26 gennaio 2012, Nena News (nella foto, il presidente dell’ANP, Abu Mazen) – Abbas batte il pugno e dice no ai negoziati: al tavolo con Israele, l’Autorità Palestinese e l’OLP non torneranno fino a quando non si discuterà di confini. La chiusura del presidente dell’ANP, Mahmoud Abbas, è giunta ieri poche ore prima del quinto incontro previsto ad Amman tra il team di negoziatori palestinese e quello israeliano.

Molte erano state le manifestazioni di protesta contro negoziati ancora una volta di basso profilo da parte della società civile palestinese, che dal 14 al 21 gennaio si era più volte ritrovata di fronte alla Muqata a Ramallah, sede dell’Autorità Palestinese. La richiesta: far saltare un tavolo ridicolo e futile, un dialogo che per l’ennesima volta non trattava le questioni fondamentali per l’indipendenza della Palestina: rifugiati, Gerusalemme, prigionieri politici, colonie.

PALESTINESI «TARTASSATI» DA GOVERNI ANP E HAMAS

Non hanno uno Stato ma due governi e in Cisgiordania e a Gaza gli abitanti devono fare i conti con l'aumento di imposte e l'introduzione di balzelli che finiscono per colpire anche i piu' poveri.

Ramallah/Gaza, 20 gennaio 2012, Nena News (nella foto a sinistra il premier di Hamas Ismail Haniyeh, accanto a lui il presidente dell’Anp Abu Mazen) – I palestinesi sono sotto occupazione, non hanno uno Stato e ora devono  fare i conti anche con le “politiche fiscali” dei due governi che controllano Cisgiordania e Gaza. Gli abitanti dei Territori occupati si scoprono «tartassati».

A proposito del riconoscimento preventivo dello Stato palestinese

A proposito del riconoscimento preventivo dello Stato palestinese, mi limito ad osservare che almeno dalla morte di Arafat in poi, le azioni dell'ANP (Autorità Nazionale Palestinese, alias OLP o Fatah) non sono più solo indotte da Israele, ma piuttosto coordinate con gli organi dello Stato israeliano, vedi ad esempio l'organizzazione e il ruolo della polizia palestinese, e in politica internazionale basti ricordare il caso del rapporto Goldstone. Non vedo perché un'azione politica piuttosto rilevante come quella annunciata non debba essere come altre preventivamente concordata.

I funzionari che guidano l'ANP (OLP-Fatah) non sono affatto persone stupide e sanno benissimo che non potranno disporre, come vorrebbero, di uno Stato palestinese autonomo in accordo con Israele. Allora a che cosa mirano? Si accontentano di uno Stato "temporaneo", come è nei programmi israeliani, o più modestamente di continuare a gestire l'ANP, così com'è, o più realisticamente di “tirare a campare” per qualche anno ancora.

Pagine

Subscribe to RSS - Al Fatah

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente