Antifascismo

Se lo squadrismo sionista usa penna e manganello, occorre riscoprire l’attualità e l’universalità dell’antifascismo contro le ideologie razziste

Un nostro compagno ci ha girato un articolo apparso sul sito della Comunità Ebraica con l’eloquente titolo "Processo a Israele in Municipio" a firma di Fabio Perugia. L’articolista apre il suo pezzo con la domanda: Mentre Israele celebra la sua fondazione, i palestinesi ricordano la ‘Nakba’, la cacciata. Ma perché ospitare un processo politico contro lo Stato ebraico in un Municipio di Roma?

La risposta viene spontanea: perché, caro Perugia, siamo in Italia, a Cinecittà, e non in Israele dove purtroppo ricordare la Nakba è reato. Qui in Italia se ne può parlare liberamente  anche in un Municipio. E nonostante una legge liberticida, molti palestinesi ed israeliani democratici quest’anno hanno ricordato in Palestina la tragedia della nakba, in alcuni casi in manifestazioni comuni.

Israele: chiamiamolo fascismo

I nostri nonni dicevano che se qualcosa sembra un’anatra, starnazza come un’anatra e cammina come un’anatra, allora è un’anatra. Allo stesso modo, possiamo dire che se uno Stato agisce come un regime fascista, promuove leggi fasciste, utilizza termini fascisti e la sua popolazione reagisce in modo fascista, allora quello Stato è fascista.


Miri Regev, ex portavoce dell’esercito israeliano e attuale parlamentare,
ha definito i richiedenti asilo africani in Israele “un cancro”
(Foto: Moshe Milner, Ufficio Stampa del governo israeliano)

Per molti anni, ho avvertito del pericolo di utilizzare la parola “fascismo” per definire lo Stato di Israele. Il regime israeliano è prima di tutto un regime coloniale, mosso da considerazioni coloniali volte all’esclusione della popolazione indigena e alla confisca della sua nazione e delle sue terre. L’uso del termine “fascismo” serviva ad ammorbidire il carattere coloniale del progetto sionista e dello Stato di Israele.

Il potere del sionismo

Shalit è cittadino onorario di Roma. Ieri, il soldato sionista si è presentato in splendida forma accanto ai genitori e al sindaco della città, commosso per i cinque anni di prigionia subiti da un soldato che, durante un'invasione del suo esercito, è stato catturato da chi tentava di difendere la propria terra.

shalit_alemanno

Ma se, da questa storia, togliessimo il nome di Shalit e quello di Israele, qualcuno si indignerebbe? Se chiedessimo di provare compassione per un soldato rapito dai partigiani che difendono la propria terra e la propria dignità, qualcuno si mobiliterebbe per la sua libertà? Probabilmente no, e non lo fa neppure la legislazione internazionale, secondo la quale un popolo che vede minacciata la propria terra ha diritto di difenderla.

Tribunale israeliano al governo: fascismo o libertà di parola?

Un tribunale di Gerusalemme si è trovato a lavorare questo mese su un bizzarro caso di libertà di parola circa l'attuale clima politico in Israele: è diffamante chiamare il gruppo extra-parlamentare sionista "Im Tirtzu" fascista?

L'Im Tirtzu ha depositato la causa civile nel 2010 contro le sette persone che stanno dietro una pagina Facebook chiamata "Im Tirtzu - fascisti": Roy Yellin, Yuval Yellin, Edan Ring, David Remez, Noam Livné, Tal Niv e Ari Remez. Nella causa, l'Im Tirtzu ha sostenuto che i sette volevano fermare le attività dell'Im Tirtzu delegittimandolo. L'organizzazione ha chiesto 2,6 milioni di NIS agli attivisti che amministrano la pagina.

Pagine

Subscribe to RSS - Antifascismo

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente