Apartheid israeliana

Se credi nei diritti umani, Madonna, non cantare a Tel Aviv

Fino a quando il governo israeliano non riconoscerà il diritto all’autodeterminazione dei Palestinesi, gli artisti  non dovrebbero esibirsi in Israele.

L’accoglimento da parte di Madonna  dell’invito a esibirsi a maggio a Tel Aviv durante la finale del concorso Eurovision solleva, ancora una volta, questioni etiche e politiche di fondamentale importanza, questioni che ciascuno di noi dovrebbe considerare.

Come farà la Palestina a liberasi dai regimi dei paesi arabi che la circondano?

Il ruolo dei paesi arabi nel 48 e ora. Due momenti storici descritti di seguito. Non cambia molto. Non è su di loro che può contare la Palestina. Diversi sono i popoli dai regimi che li governano. Perché i popoli arabi possano solidarizzare con il popolo palestinese dovranno prima liberarsi dei loro regimi. Come noi d'altra parte per solidarizzare con i palestinesi avremo bisogno di liberarci dei Salvini, fraterni amici dei Netanyahu.

Golan siriano: il “FAR WEST 2.0”

In una riedizione suprematista-hollywoodiana della propria storia di conquista coloniale della prateria nordamericana, l’establishment USA sta riproponendo il suo “Far West 2.0” negli altopiani e nella steppa siriana. Ad un anno dal riconoscimento imperialista di Gerusalemme come “capitale dello Stato d’israele” e ad un anno esatto dall’avvio della Grande Marcia del Ritorno palestinese, duramente repressa dai sionisti, gli evangelici-sionisti dell’Amministrazione Trump, in occasione dell’annuale convention della lobby israelo-statunitense AIPAC , hanno pensato di “regalare” altra terra araba ai loro protetti coloniali.

Un altro “regalo” taroccato, però, in quanto (anche questo) non nella loro disponibilità politica, legale e diplomatica, ma comunque dalla forte carica simbolica. Una ulteriore “spinta” verso la guerra di conquista, che soggiace alla strategia del “Progetto per la Vittoria di Israele” e che pressapoco recita: “L'Israel Victory Project, chiede una sconfitta palestinese al posto di ciò che (il Forum) considera una diplomazia fallita,” con “l'assunto che regna da 30 anni secondo cui il conflitto israelo-palestinese può essere risolto attraverso negoziati, mediazione diplomatica, compromesso e concessioni dolorose. Piuttosto”, viene suggerito "un approccio completamente diverso, che osserva il racconto storico e osserva che i conflitti generalmente finiscono quando una parte si arrende. Una perdita sul campo di battaglia,” dicono infatti i sionisti, “non significa necessariamente sconfitta . La guerra dei Sei Giorni del 1967 fu forse la più grande vittoria militare nella storia documentata, ma non portò a un senso di sconfitta. L'unico modo per risolvere il conflitto è lasciare che una parte si arrenda ". Per questo sconcertante pensiero politico, quindi "se i palestinesi si arrenderanno, guadagnerebbero ancor più degli israeliani perché gli israeliani vivono in un paese funzionante avanzato, democratico e rispettoso della legge; i palestinesi vivono in qualcosa di molto peggio. Solo quando i palestinesi abbandoneranno la loro rivendicazione irredentista su Israele potranno fare progressi e costruire la loro politeità, economia, società e cultura ". "Devono mostrare un ripudio del loro tradizionale rifiuto ed accettazione di Israele, degli ebrei e del Sionismo...”.

Profughi e diritto al ritorno: sintesi della relazione dell’avv. Ugo Giannangeli alla XVI edizione del film festival internazionale Al Ard

Basic law, luglio 2018, art. 5: “lo Stato è aperto alla immigrazione ebraica e al ritorno degli esuli”.

Premessa

Sono invitato anche in virtù del mio vecchio mestiere di avvocato, ricordato anche nella locandina, e quindi per un po’ di conoscenza giuridica di cui dovrei essere portatore. Si realizza così una situazione per me paradossale perché da almeno trenta anni vado ripetendo che nella questione palestinese non c’è spazio per il diritto. È solo una questione politica e quindi di forza. Abbiamo visto in alcuni film le modalità di gestione dei check points e delle carceri: dominano disumanità e arbitrio assoluto. Il diritto sta dalla parte palestinese; la forza (economica, militare, mediatica) dalla parte israeliana. Dovrebbe intervenire un terzo soggetto che c’è ma non funziona: il diritto internazionale.

Pagine

Subscribe to RSS - Apartheid israeliana

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente