Checkpoint

Contractor ai checkpoint. Israele privatizza la sicurezza, soldati sostituiti da compagnie private

I soldati sostituiti da compagnie private. Due obiettivi: fare business e evitare le critiche internazionali

Betlemme - Ieri mattina il checkpoint 300, posto di blocco militare tra Gerusalemme e Betlemme, era affollato. Ritardi nel passaggio, controlli eccessivi, ore perse nell’attesa di attraversare e arrivare finalmente dall’altra parte del Muro di Separazione. Di checkpoint come il 300, considerati 'l’ultima frontiera verso Israele', ce ne sono 33 in Cisgiordania e 3 a Gaza. A controllare carte di identità, permessi di lavoro, passaporti e bagagliai delle automobili sono i soldati israeliani, spesso militari di leva che nei tre anni di servizio trascorrono, armi in spalla, ore e ore ai posti di blocco tra i Territori Occupati Palestinesi e Israele. Ma accanto ai soldati con la divisa governativa ci sono anche altri personaggi, vestiti di nero, senza numero identificativo sul petto. Sono i contractor privati, assunti dal Ministero della Difesa per fare lo stesso mestiere: controllare i palestinesi che ogni giorno attraversano “le ultime frontiere”.

Organizzazione per i diritti umani del Sud Africa rescinde il suo contratto con la G4S

Dopo essere stati contattati dall’organizzazione in solidarietà e per i diritti umani dei palestinesi BDS Sud Africa, il rinomato “Trauma Centre”  di Cape Town ha tagliato i suoi legami e rescisso il contratto con la controversa compagnia di sicurezza G4S. James Taylor, presidente del Trauma Centre, ha spiegato la decisione dell’organizzazione in un comunicato ufficiale postato su internet:

“Il Trauma Centre è impegnato nella creazione di una società scevra da violenze e torture e nell’educazione dei diritti umani… perciò apprendiamo con grande preoccupazione le gravi accuse di complicità nell’illegale incarcerazione e torture dei palestinesi in Israele e nei Territori Palestinesi Occupati mosse contro la compagnia di sicurezza G4S…tali azioni violerebbero i principi fondamentali che costituiscono la base della nostra esistenza come organizzazione per i diritti umani. Per queste gravi preoccupazione, che violano i nostri valori fondamentali, il Consiglio del Trauma Centre ha deciso di terminare i rapporti dell’organizzazione con G4S.”

Cosa c'è dietro il più grande boom economico di Israele? L'occupazione

Il periodo della storia d’Israele che più di ogni altro ha visto la maggior crescita economica è stato quello relativo ai sei anni successivi alla guerra dei Sei Giorni. E che innovazioni agricole, industriali, o hi-tech ci sono state intorno al 1967-1973? Nessuna degna di menzione. Più di ogni altra cosa, il fattore determinante è stata la creazione dell’impresa Occupazione-Insediamenti.

Questa settimana, la dottoressa Karnit Flug è diventata la prima donna nella storia di Israele a essere nominata governatrice della Banca Centrale d’Israele - una posizione analoga a quella del Capo della Federal Reserve americana. Il processo che ha portato alla sua nomina è stato identico a quanto avvenuto in America poco tempo prima.

Comunicato dei sindacati sudafricani contro gli accordi con la compagnia G4S

Il Congresso dei Sindacati Sudafricani (COSATU) è veramente sconvolto dall'apprendere che la compagnia di sicurezza privata G4S, che gestisce il Centro di Riabilitazione di Mangaung, ha licenziato senza pietà più di 300 membri del Sindacato per i Diritti Civili della Polizia per aver partecipato ad una manifestazione di protesta.

Ciò ha portato ad un'ondata di risse ed accoltellamenti nelle prigioni a partire da metà Settembre, fino ad arrivare alla grave situazione dell'ultima settimana in cui un direttore carcerario è stato preso in ostaggio da quattro detenuti. Ma ciò che è ancora più sconvolgente è che il governo abbia deciso di di privatizzare un'istituzione che dovrebbe essere dedita alla riabilitazione di coloro che hanno commesso crimini. E' uno scandalo nazionale che compagnie private si intaschino i soldi dei contribuenti per trarre profitto dai processi di riabilitazione sociale. Ancora peggio è che queste compagnie diano il benservito ai lavoratori per aver portato alla luce dei riflettori alcune problematiche delle loro condizioni di lavoro.

Pagine

Subscribe to RSS - Checkpoint

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente