Colonialismo sionista

Difendi Gerusalemme: Boicotta Israele, Sostieni la Resistenza Palestinese!

Mentre ci avviciniamo al 73 ° anniversario della Nakba, prosegue la colonizzazione sionista della Palestina e l'espulsione forzata dei palestinesi (la Nakba). Questo è evidente ovunque in Palestina, ma forse è più chiaro nel cuore di Gerusalemme, la capitale della Palestina: a Sheikh Jarrah e Silwan ci sono famiglie palestinesi minacciate di espulsione imminente dalle loro case e terre dal regime colonialista israeliano e dai suoi coloni, mentre si rifiutano di concedere la propria vita al colonialismo sionista razzista.

I palestinesi che vivono a Gerusalemme sono sotto attacco da più fronti, difendendo la loro terra, la loro città e la loro identità dalla cancellazione e dal colonialismo da ormai 73 anni. Devono affrontare la privazione della loro identità e residenza - anche dal luogo di nascita – oltre ad una severa repressione, confische di terre, demolizioni di case e continui tentativi sionisti di cancellare la presenza e la natura araba palestinese della città.

Sheikh Jarrah: cosa sta succedendo e come puoi agire ora

Guardare la sanguinosa repressione delle proteste popolari palestinesi a Sheikh Jarrah da parte di Israele dell'apartheid ci chiama all'azione. Abbiamo già dimostrato il nostro potere collettivo sotto forma di #BDS. Ecco 8 azioni che puoi intraprendere per combattere l'impunità israeliana e salvare Sheikh Jarrah. #SaveSheikhJarrah

Comunicato in Solidarietà ai Compagni Antifascisti Milanesi

Il 25 aprile 2018 a milano, durante il corteo partigiano che ricorda e festeggia la liberazione dell’italia dal fascismo e dalle truppe di occupazione nazi-fasciste, un gruppo di attivisti ha esplicitamente contestato la presenza nel corteo delle bandiere dello stato sionista di israele. Le bandiere, sventolate dalla “brigata ebraica”, simboleggiavano il cosiddetto (cit.) “sdoganamento del sionismo”. Rappresentanti dello stato sionista hanno partecipato al corteo a partire dal 2004anno in cui l’esercito israeliano di occupazione uccideva 820 palestinesi. Cinque delle persone che hanno protestato contro i rappresentanti dello stato occupante sono stati accusati di minacce, lancio pericoloso di oggetti, resistenza a pubblico ufficiale e incitamento all’odio razziale.

L’attacco di cui sono vittime i compagni di milano, accusati di istigazione all’odio razziale, è figlio di una retorica che fa molto presa in occidente, quella di etichettare qualsiasi critica allo stato sionista di israele come antisemita. E’ giusto spiegare che le critiche a questo stato nulla hanno a che vedere con la lingua, l’etnia o la religione delle persone che lo abitano, quanto con la natura fascista e discriminatoria del suo governo e delle sue istituzioni.

Lettera da George Abdullah, dalle carceri francesi

I miei sinceri saluti a tutti coloro che partecipano alle attività di lotta per celebrare la Giornata del prigioniero palestinese.

Pagine

Subscribe to RSS - Colonialismo sionista

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente