Intifada

NoMuos e Intifada fino alla vittoria!

Documento del Fronte Palestina inviato al Centro Popolare Experia come contributo al dibattito del campeggio NoMuos che si è svolto dal 6 al 9 agosto 2015 a Niscemi presso il presidio permanente di Contrada Ulmo.

Compagni e compagne, attiviste e attivisti No Muos, la ragione fondante dell’essersi costituiti come Fronte Palestina e delle battaglie che tuttora conduciamo è quella di aver riconosciuto nella lotta del popolo palestinese una causa comune e fondamentale per gli sfruttati e gli oppressi di ogni latitudine e paese. Ogni metro della propria terra che il popolo palestinese, con la sua Resistenza, difende dagli occupanti, è un passo in avanti per tutti noi, proletari, lavoratori e sfruttati di tutto il mondo, nell’unica lotta contro il capitalismo imperialista.

Fouad in visita in Russia: i palestinesi sono pronti per una terza Intifada

Il compagno Abu Ahmad Fuoad, vice segretario generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, venerdì 20 Marzo a Mosca ha dichiarato che la Palestina è pronta per una terza rivolta, o Intifada, contro l'occupazione israeliana.

"Una terza intifada certamente ci sarà. Il popolo palestinese è pronto per una rivolta di questa portata. La maggior parte dei leader delle forze pensa che dobbiamo utilizzare la resistenza armata alla nostra portata", ha affermato Ahmad Fouad, del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina durante una conferenza stampa tenutasi presso il Rossiya Segodnya - Agenzia internazionale per l'informazione.

Nel settimo anniversario della scomparsa di Al-Hakim, continua la marcia per la liberazione della Palestina

Nel settimo anniversario della scomparsa del fondatore del Movimento Nazionalista Arabo e del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, compagno Dr. George Habash, Al-Hakim, il FPLP e i suoi amici e sostenitori si impegnano a rimanere sulla via della lotta per la restituzione e la liberazione totale della Palestina.

Shishtari: è tempo di seppellire gli accordi di Oslo e la via dei negoziati una volta per tutte

E' tempo di seppellire gli accordi di Oslo e tutto ciò che è venuto con loro e di porre fine alle trattative inutili una volta per tutte, ha detto il compagno Zaher al-Shishtari, leader del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, sottolineando che il FPLP lavorerà nei prossimi giorni per assediare l'intero approccio di Oslo attraverso la pressione popolare e nazionale, in coordinamento con tutte le forze che si oppongono al percorso di Oslo e alle trattative.

In un'intervista con Al-Quds TV, il compagno Shishtari ha sottolineato la necessità di porre realmente fine alla divisione tra i palestinesi, non solo a parole, evitando l'approccio di quote bilaterali ed esclusive agendo invece per servire il popolo. Ha parlato della necessità di ricostruire l'OLP sulla base della lotta e dell'inclusione come è stato concordato in diverse occasioni in passato, ponendo fine al coordinamento sulla sicurezza e al protocollo di Parigi in materia economica, che ha devastato l'economia nazionale palestinese.

Pagine

Subscribe to RSS - Intifada

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente