Mahmoud Darwish

L’uccisione di cinque giovani palestinesi da parte di Israele rivela come i colloqui "di pace" siano una farsa

Fin dalla ripresa dei finti colloqui di "pace" tra Israele e l'Autorità palestinese, mediati dagli Stati Uniti, nel mese di agosto, cinque palestinesi sono stati uccisi dalle forze di occupazione israeliane. La più recente è stata quella di Islam Toubassi di22 anni, assassinato nel campo profughi di Jenin il 17 settembre.

Tra i cinque martiri, ci sono tre giovani palestinesi uccisi la mattina del 26 agosto nel campo profughi di Qalandiya, vicino a Ramallah. Quel giorno sembra ormai un giorno come un altro, un doloroso - seppur lontano - ricordo per alcuni, e un'occasione di dolore indicibile che ha completamente stravolto la vita di tre famiglie.

500 accademici a Catherine Ashton: Attuate le linee guida UE sulle colonie israeliane in modo completo

Gentile Catherine Ashton

  ci rivolgiamo a Lei per quanto riguarda le Linee Guida pubblicate di recente dalla UE in materia di ammissibilità degli enti israeliani al sostegno finanziario della UE finalizzate ad evitare che i progetti negli insediamenti illegali israeliani ricevano finanziamenti dal Consiglio Europeo della Ricerca e da Horizon 2020, il prossimo programma di finanziamento della ricerca europea.

Le linee guida sono state accolte con grande soddisfazione(in italiano è meglio) da ricercatori e cittadini profondamente preoccupati del fatto che l'Unione europea stava incoraggiando e finanziando  collaborazioni tra università europee e aziende israeliane come Ahava che operano negli insediamenti illegali israeliani. Gli insediamenti israeliani nei territori palestinesi occupati sono illegali secondo il diritto internazionale e la loro esistenza ed espansione comportano  gravi violazioni dei diritti umani dei palestinesi.

A venti anni dagli accordi di Oslo riprende la farsa dei negoziati israelo-palestinesi

ISM-Italia - Comunicato stampa

Il 13 settembre 1993, nel prato sud della Casa Bianca, furono firmati gli Accordi di Oslo, con Bill Clinton ridotto a fare la parte di maestro di cerimonia. Gli accordi, infatti, erano stati negoziati e siglati in gran segreto a Oslo senza coinvolgere gli USA.

20 agosto 2013

“Storica” venne definita, naturalmente, la stretta di mano tra il primo ministro Yitzhak Rabin (che goffamente manifestò tutto il suo imbarazzo) e il presidente Yasser Arafat.

Gli accordi erano composti da due parti:

  • il mutuo riconoscimento tra Israele e l'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP);
  • una dichiarazione di principi che prevedeva un periodo di transizione di cinque anni senza chiari impegni da parte israeliana sulla natura dell'accordo definitivo.

L'accordo definitivo non è mai stato raggiunto, la transizione prosegue e il tutto si è trasformato nella cosiddetta industria del processo di pace, interessata solo al “processo”, ma dimentica della “pace”.

Intervento di Alfredo Tradardi (ISM - Italia)

 Dalla solidarietà alla lotta internazionalista
A fianco della resistenza palestinese
 
Rete per la solidarietà con la Palestina-Milano

Milano, 8 giugno 2013

Documentazione di riferimento dell’intervento di Alfredo Tradardi – ISM-Italia

Il progetto Quarto:
Contestare/Boicottare i Complici/Boicottare Israele/Formare per Informare

Pagine

Subscribe to RSS - Mahmoud Darwish

Informazioni sul Fronte Palestina

Per sviluppare un lavoro di classe nel sostegno alla lotta di liberazione della Palestina e degli altri popoli oppressi e aggrediti dall'imperialismo, oltre alle sterili e dannose concezioni del pacifismo e dell'equidistanza tra aggressori e aggrediti che hanno in gran parte contribuito ad affossare il movimento contro la guerra nel nostro paese negli ultimi anni, si è deciso di fondare l'organismo nazionale Fronte Palestina.

PalestinaRossa newsletter

Resta informato sulle nostre ultime news!

Subscribe to PalestinaRossa newsletter feed

Accesso utente